Un blog creato da fhushi il 04/02/2006

Briciole d'inferno

...SONO SOLTANTO BRICIOLE, O CHILI DI COSE...E FANNO MALE...

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: fhushi
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: EE
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

grazie grazie grazie!!
Inviato da: fhushi
il 19/03/2009 alle 23:30
 
complimenti ed auguroniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii ...
Inviato da: lucianopazzi
il 06/03/2009 alle 07:51
 
eh già!
Inviato da: fhushi
il 05/03/2009 alle 23:49
 
Bello =^_^=
Inviato da: Luciernaga
il 06/07/2008 alle 18:37
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 10:57
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

PDileo_Rome_APTmariomancino.msharko74noarellzibuchettoLuciernagabricciola71aledolce0TesiDiLaureaathedaniel1fhushilucianopazzibarbaral_blpsicologiaforensefernanda.zanier
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Messaggio #168eh si... »

chi non muore...

Post n°169 pubblicato il 27 Settembre 2006 da fhushi
 

ciao...questo sembra quasi essere diventato il mio resoconto mensile...e pensare che fino a qualche mese fa non riuscivo a smettere di scriverci...

cosa dire...bè, cominciamo dall'inizio.

Il servizio civile è finito ormai da quasi un mese, ma ho smesso soltanto domenica di frequentare la sede in cui l'ho fatto, perchè per me quel luogo ha rappresentato tantissime cose...all'inizio era un diversivo come un'altro, poi è diventato il luogo in cui incontrare la persona che vorrei tanto avuto che mi amasse, poi il luogo in cui entrare era quasi una sofferenza perchè potevo vedere ed amare quel lui ma non averlo...ma quando tutto è finito non ce l'ho fatta a trattenere le lacrime...vederlo andar via quell'ultimo giorno è come aver visto andar via la parte più bella di me...si certo, non è mica morto, ma prima potevo vederlo ogni giorno, ora mi dovrò accontentare di poche volte al mese...ma non è solo per lui che mi è dispiaciuto che tutto sia finito...è stato per un insieme di cose, di persone, di gratificazione e di senso di poter essere utile a qualcosa...ecco, questo.

Un bel giorno, mi sono trovata ad avere una persona davanti e scoprire che in fondo non mi era indifferente, ed un'altra al telefono, con cui avrei tanto voluto cominciare una storia ma non ho avuto il coraggio di esprimergli i miei sentimenti, e che proprio in quel momento mi ha confessato di volermi bene...così stavo in mezzo a due poli, ognuno dei quali affascinante per motivi differenti, ma comunque entrambe impossibili da odiare...quindi ho scelto, l'uno o l'altro? Ho scelto il primo...ma poi c'è un poi. Sono iscritta all'università, e lunedì ho cominciato. Si trova a 60 km più o meno dal mio paese, e comunque per una serie di cose ho scelto di andare ad abitare lì. E la cosa bella, è che anche lui abitava lì. Dico abitava, perchè lui in quella città in realtà ci ha soltanto lavorato per due anni, e avrebbe continuato a farlo se la sua famiglia non avesse avuto bisogno di lui, a 500 km da qui, nella sua città di origine...e così se ne è tornato giù, in puglia, e praticamente il nostro rapporto non è fatto che di telefonate ed sms. Ed un incontro di un fine settimana ogni due - tre week-end...e questo è tremendamente duro e doloroso...abbiamo cominciato a conoscerci da poco e già abbiamo dovuto smettere di vederci...io l'ho conosciuto la notte di ferragosto questo ragazzo...e ci siamo piaciuti fin dall'inizio...entrambe con storie pesanti alle spalle, entrambe con la voglia di conoscere qualcuno a cui donare tutto l'affetto possibile...ma più va avanti questa "storia" più mi rendo conto di quanto è difficile...lui è giù, ogni tanto sparisce e non si fa sentire per ore, e a me questo dà fastidio...in questo preciso istante dovrebbe stare insieme ad una sua amica che come lui mi ha scritto "ci tiene a lui"...e la mia gelosia vola alle stelle...e non so cosa fare, perchè non posso guardarlo negli occhi quando gli chiederò come è andata, non posso guardarlo negli occhi quando avrei tanto bisogno di farlo, non posso guardarlo negli occhi quando è lui ciò di cui ho bisogno...non posso fare nulla, nè abbracciarlo, ne guardarlo, nè baciarlo...non posso stringergli la mano e camminar e con lui, non posso tirargli il cuscino appena sveglia come quella mattina...non posso non posso non posso...ah quante volte mi viene la voglia irrefrenabile di prendere il treno e raggiungerlo...ma poi cosa dire, cosa fare? lo abbraccio e torno? no, non ci riuscirei, non riuscirei ancora a salire quegli scalini di quel maledetto eurostar...

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/BdI/trackback.php?msg=1686990

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 28/09/06 alle 00:16 via WEB
Ciao dolcissima :o) L'amore a distanza è difficile...ma se è veramente amore vale la pena. Ti auguro tutto il positivo in questa storia. Vivila! Un bacio Verdiana
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

...RICORDI...

E TUTTO QUELLO CHE DEVI FARE E’METTERTI LE CUFFIE, SDRAIARTI PER TERRA, E ASCOLTARE IL CD DELLA TUA VITA, TRACCIA DOPO TRACCIA, NESSUNA E’ ANDATA PERSA, TUTTE SONO STATE VISSUTE E TUTTE IN UN MODO O NELL’ALTRO SERVONO AD ANDARE AVANTI.

NON PENTIRTI, NON GIUDICARTI, SEI QUELLO CHE SEI, E NON C’E NIENTE DI MEGLIO AL MONDO.

PAUSE, REWIND, PLAY E ANCORA, ANCORA, ANCORA. NON SPEGNERE MAI IL TUO CAMPIONATORE, CONTINUA A REGISTRARE, A METTERE INSIEME I SUONI PER RIEMPIRE IL CAOS CHE HAI DENTRO.

E SE SCENDERÀ UNA LACRIMA QUANDO LO RIASCOLTI NON AVERE PAURA, E’ COME LA LACRIMA DI UN FAN CHE ASCOLTA LA SUA CANZONE PREFERITA

HO IMPARATO AD AMARE,

HO IMPARATO CHE NELLA VITA NON IMPORTA DOVE ARRIVI, MA LA STRADA CHE PERCORRI.

HO IMPARATO CHE LA PARTE MIGLIORE CHE PUOI RECITARE E’ QUELLA DI TE STESSO.

 
 
 
 
 
 
 

NAZIM HIKMET

Il più bello dei mari

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non l'i abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963