Creato da biristella il 08/06/2009

Semplicemente io....

Assolutamente io...

 

 

Natale

Post n°30 pubblicato il 22 Dicembre 2012 da biristella

A chiunque passerà di qui...

vorrei che chiudesse per un attimo gli occhi...

tornasse ad essere un bambino...

davanti ad un albero pieno di luci...

e riuscisse a ritrovare la stessa identica magia di allora.

Questo è il mio Augurio per tutti!

BUON NATALE!

 
 
 

........

Post n°26 pubblicato il 28 Luglio 2011 da biristella

Lentamente muore

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni
giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non
rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su
bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno
sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti
all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul
lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un
sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai
consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi
non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i
giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non
fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli
chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida
felicità.

(P. Neruda)

 
 
 

Sogni...

Post n°25 pubblicato il 28 Luglio 2011 da biristella
Foto di biristella

Lentamente muore, chi non rischia la certezza, per l'incertezza di inseguire un sogno.
 
 Ognuno di noi darà a questa frase un interpretazione diversa...la mia totalmente personale, razionale e irrazionale, uscita dalla riflessione attenta nel leggerla...
 Partendo dal fatto che io sono una sognatrice nata, una di quelle che sogna anche ad occhi aperti, che ama sognare e proiettare i sogni nella realtà...
Ce ne sono di tanti tipi, quelli che io chiamo razionali sono i cosidetti "progetti di vita" , obiettivi prefissi, mete da raggiungere, proiezioni di aspettative...questi sogni occupano una parte importante perchè ognuno di loro preme per essere realizzato, non sarà la paura dell'incertezza a fermarli...
Poi ci sono gli irrazionali, quelli in cui  proietti te stessa, in un sogno di una vita non tua, una vita che non ti appartiene, per scelte che tu stessa hai fatto e che ti hanno portato lontano da possibili obiettivi...bhè questi sono quelli che non si inseguiranno,  hai deciso di lasciarli nel cassetto, ma la sensazione che esce da quel cassetto quando lo apri, inesorabilmente fa nascere un sorriso sul viso...
Ed eccoci a quelli più belli, quelli che io definisco il sogno per eccellenza, quello dove tutto è possibile, dove mente e cuore vanno nella stessa direzione, dove non esiste la razionalità, ne certezze ne incertezze, solo e soltanto sogni, desideri inespressi, chiusi nei segreti della nostra mente, eccoli che prendono forma nei sogni, seguono la scia delle nostre emozioni, volano liberi dalla gabbia, respirando a pieni polmoni tutte le sensazioni del volo, nessuno può fermali ne impedirgli di volare perchè nessuno può accerdevi ne portarteli via...sono TUOI...unico e solo possesso che ti appartenga veramente...
Per ultimo, non a caso ho lasciato quelli che più hanno coinvolto la mia parte razionale..."chi non rischia la certezza per l'incertezza di inseguire un sogno"... non sempre è possibile rischiare la certezza per l'incertezza, in particolar modo quando la certezza rappresenta gli affetti, l'amore che ti circonda e le persone che ami...per quanto ami sognare questo è l'unico caso in cui mai seguirei un sogno...Ma una cosa è altrettanto certa....Mai smetterei di sognare!
 

 
 
 

A mio Padre

Post n°23 pubblicato il 08 Luglio 2011 da biristella
Foto di biristella

Un caso, una frase, un film...sento scendere una lacrima, poi un grandissimo dolore che preme sul cuore, faccio fatica a respirare, devo tirare fuori la forza e reagire, l'ho fatto già altre volte, devo pensare ad altro, scacciare i pensieri...ma sento altre lacrime scendere, non riesco più a fermarle, non riesco più a sopprimere tutto, devono uscire fuori adesso, deve uscire tutto, questa sofferenza che sento nell'anima, questa illusione che sono forte, che ce la posso fare sempre, che ce la posso fare a stare senza TE...

Mi manchi, mi manca sapere che ci sei, mi manca la tua voce, mi mancano i tuoi occhi bellissimi e piccoli, mi mancano le tue mani, mi manca vederti, toccarti,prendermi cura di te...mi manca correre da te e raccontarti quello che mi passa per la mente, mi manca quel senso di protezione che solo tu eri in grado di darmi, il sapere che tu hai le soluzioni a tutto, che mi sorriderai ancora, che mi prenderai in giro, mi mancano i tuoi rimproveri, i tuoi modi di farmi capire le cose, perchè solo tu hai sempre saputo come prendermi, mi manca tutto di te, e mi manca da morire non poterti più chiamare, la consapevolezza che non pronuncierò più la parola PAPA'!

Tra un mese saranno 3 anni, ma è come fosse ieri...dicono che il tempo guarisca tante cose...magari sono in ritardo io, magari dovevo lasciare andare tutto questo a suo tempo, magari il sopprimere ha solo allungato la sofferenza, magari buttando fuori tutto mi sentirò meglio, magari sarai proprio tu a sorreggermi come hai sempre fatto, a darmi la forza di reagire come sempre, magari domani riuscirò a guardarti con occhi diversi, magari domani davanti a quella lapide riuscirò finalmente a guardare i tuoi occhi e a lasciar scendere le lacrime, magari domani capirò perchè tu sei andato via 2 mesi dopo la nascita di mia figlia, magari capirò che il destino mi ha sottratto la persona che più amavo al mondo, per sostituirla con un altra altrettanto importante, magari capirò tutto quello che mi sono sempre rifiutata di capire...magari riuscirò a vederti nei miei sogni, dove sarai un immagine nitida e ben definita, e non una presenza sfocata...........magari domani............

Oggi capisco solo che mi manchi da morire PAPA'!!! 

 
 
 

Il dopo...

Post n°22 pubblicato il 23 Giugno 2011 da biristella

Uhm...dunque....il dopo inquietudine...che dire è la parte che più adoro...lascia dietro di se tante riflessioni, più o meno razionali, più o meno positive...ma è pur sempre un viaggio all'interno del proprio "io", e quel viaggio ti porta inesorabilmente a tirare le somme della tua vita.

Non so perchè, ma il più delle volte, nella visualizzazione che proietta la mia mente, mi ritrovo sempre al centro di un incrocio, con quattro strade...quella dietro è il mio passato, quella sulla mia destra è il mio presente, quella sulla sinistra è il mio futuro più o meno prevedibile,e quella davanti a me è il mio futuro imprevedibile.

Ovunque io guardo mi ritrovo sempre al centro di un altro incrocio, con strade che a volte ho percorso, altre che invece avrei voluto percorrere, altre ancora a cui non ho prestato attenzione e altre evitate accuratamente...ma ce n'è una che non smetterò mai di scegliere...quella del mio cuore, fonte inesauribile di tante gioie e di tante sofferenze, di scelte errate e scelte esatte, e oggi sulla base di tante riflessioni posso affermare che continuerei a prendere sempre la stessa strada, senza rimpianti...

Sono ancora al centro di quell'incrocio, ma so perfettamente dove devo andare, ho con me tutto quello che ho di più caro, sorrido, sguardo fiero... testa alta...senza voltarmi, la direzione non è tra le più facili, ma quando mai ne ho scelte  di semplici...con passo deciso ora avanzo sempre più davanti a me...

Uhm...questo è il dopo inquietudine, questa è l'attrazione che nutro per lei...Complessa, troppo complessa da capire!

 
 
 

Inquietudine

Post n°21 pubblicato il 22 Giugno 2011 da biristella
Foto di biristella

Eccola, la sento arrivare, sento i suoi passi, sempre più incisivi e forti, tra poco la sentirò bussare alla mia porta, a nulla servirà non aprire...lei resterà lì, implacabile... lei sempre e solo lei....l'inquietudine, onnipresente della mia vita...a volte placata, mi fa respirare, a volte irruenta e violenta come un uragano, che sconvolge gli equilibri appena ristabiliti! La cosa strana è che quando arriva il più delle volte gli permetto di prendersi quello che vuole, anzi la spingo a farlo, come se aiutarla ad abissarmi mi desse la mano a soffocare, per poi tornare a permettermi di respirare.

Senti quel dolore muto nel cuore e nell'anima, quella sensazione di vuoto assoluto, come se fossi in trance, immagini che partono da sole nella testa, come tanti flash, senza nessun filo conduttore apparente, eppure tutte legate ad esso, solo che in quei momenti non te ne rendi conto.

E' una strana condivisione la nostra, un misto tra odio e amore, seppur buia e senza nessun colore, sono attratta da lei, mi getta nello sconforto più totale per poi farmi toccare le vette più alte della felicità, come se volesse dirmi che ho bisogno di questo per tornare a vedere l'arcolbaleno.....Ma ora l'arcobaleno non lo vedo però, vedo solo una strada buia, costruita da me, con le mie mani,....voluta? Molto probabilmente la risposta è si...Se c'è anche una sola certezza nella mia vita, è quella di essere consapevole di sbagliare sempre i momenti, i modi e i luoghi...l'impulsività, altra presenza indomabile della mia vita.

Ora ho bisogno di silenzio, quel silenzio dell'anima, quello che dice tutto e non dice nulla, di quella pace apparente, che invece nasconde un terremoto di emozioni....solo cosi, posso sconfiggere l'inquietudine che mi invade ora...

 
 
 

Spensieratezza

Post n°20 pubblicato il 07 Giugno 2011 da biristella

Qualche giorno fà mentre gironzolavo su youtube , mi sono imbattuta in questo video.....bhè, si è scatenata una reazione a catena di quelle che lasciano il sorriso sul viso.....

Al suono delle prime note un rewind ha cominciato a girare nella testa.....mi sono ritrovata al centro della stanza, cantavo e ballavo come una ragazzina di tanti anni fà.... d'un tratto la stanza non c'era più, ero in auto con i miei vecchi amici, che cantavamo a squarciagola mentre andavamo al mare, con la nostra spensieratezza, sogni, speranze.....

Avevamo il mondo nelle mani......

"Noi", quelli che non conoscevano limiti, ostacoli, che tutto ci era dovuto, e quello che non ci era dovuto, ce lo prendevamo lo stesso (sorrido)

 "Noi", quelli delle partite a racchettoni sulla spiaggia (con la gente che si incavolava), quelli dei gavettoni a tradimento (e se capitava qualche passante, pazienza),quelli dei bagni che non finivano mai...

"Noi", quelli dello stereo a tutte le ore (fregandocene della gente che ci guardava male)

"Noi", che dopo il mare ci si ritrovava in piazza a vedere chi era più nero (ehehehhe)

 "Noi", quelli delle prime cotte, quelli che erano convinti che quell'amore, fosse per sempre, e che quando finiva pensavi di morire da un momento all'altro...

"Noi", quelli dei primi ultimi dell'anno, con la macchina verso il mare, aspettando che l'alba sorgesse....

"Io", quella che nulla temeva, quella che lottava per la sua indipendenza ( a 16 anni poi cos'è che volevo ancora lo devo capire)(rido), quella che aveva più sogni di tutti, quella che era l'amica di tutti, ma la più stronza di tutte, quella che scappava di casa perchè convinta fosse l'unico modo di ottenere le cose(ahahahhaha), quella che montava in sella alla moto e si partiva, quella dell'autostop (incosciente...

"IO" semplicemente "io" e la mia voglia di vivere tutto al massimo!!!

"Noi" con i nostri sogni tra le mani.....con i finestrini abbassati.....i capelli mossi dal vento.....i nostri occhi pieni di gioia.....con il sorriso che ci illumina il viso, mentre le nostre voci all'unisono cantano.... "fantasie, fantasie che volano libere, fantasie che a volte fan ridere, fantasie che credono alle favole, favole, favole, favole, favole....."

 
 
 

Aspettando che scatti il verde....

Post n°19 pubblicato il 06 Giugno 2011 da biristella
Foto di biristella

E ti ritrovi ferma al solito semaforo, aspettando che il verde scatti per ripartire, la mente si prende il suo attimo di pausa, ti guardi intorno, osservi la gente che passa, tutti che corrono freneticamente, d'un tratto mi sento bussare al finestrino, mi volto ed i miei occhi incontrano un viso stanco, pieno di rughe....abbasso il vetro....una vocina bassa, quasi colpevole di avermi disturbato mi chiede " per favore, potrebbe accompagnarmi a casa, mio nipote non mi è venuto a riprendere"....

In una frazione di attimo passano nella mia testa una miriade di pensieri, e non tutti sono caritatevoli, anzi alcuni di essi suonano campanelli di allarme, che si accentuano ancora di più quando la vecchietta risponde alla mia domanda su dove abita....("oh bene, un quartiere peggio non mi poteva capitare, e se fosse tutta una sceneggiata? e se quando la sto scaricando se ne esce il nipote? Strana sta cosa, ma un cellulare non ce l'ha?....uhm...)

Mentre la mia mente elabora tutte le informazioni che arrivano, sento la mia voce che gli risponde di salire, mi prendo cura di lei, gli sistemo la cintura, gli chiedo se sta comoda, se ha bisogno che gli tiri indietro un po il sedile....i miei occhi si soffermano su di lei....quanta solitudine leggo, quanto bisogno di amore, è cosi piccola e cosi fragile, un soffio di vento un pò più forte potrebbe portarsela via....lei mi parla, con quel suo tono basso, faccio quasi fatica a sentirla, mi ricorda la mia dolce nonna, guardo le sue mani segnate dal tempo, quanto lavoro hanno fatto, quante carezze hanno dato, quante lacrime stanno asciugando......

Siamo arrivate, scendo e corro da lei, l'aiuto a scendere dall'auto, gli chiedo se ha bisogno che gli porti la spesa.....lei mi dice " vada dal suo bambino, lui ha piu bisogno di me"....l'abbraccio e gli do un bacino...so che non la rivedrò più e un senso di tristezza mi invade....

Torno a sedermi al mio posto, dentro di me sento sensazioni multiple, ci affanniamo cosi tanto a correre, a stare al passo con i tempi, a pensare che ci serve quello e quell'altro e siamo cosi presi da dimenticarci chi siamo, cosa siamo e cosa saremo.....quante volte avrà teso la sua mano per aiutare? e quante volte la sua mano tesa sarà stata presa per essere aiutata? Perchè ho questa strana sensazione che non esiste nessun nipote e la sua unica attesa è quella di abbandonare questo mondo di solitudine?

Altro semaforo.... l'orologio mi riporta bruscamente alla realtà, devo sbrigarmi, la piccola è dalla nonna, il piccolo tra poco esce dall'asilo, il pranzo da preparare, la spesa da mettere a posto, la lavatrice da stendere....

Eccomi di nuovo nel mio mondo frenetico....con i soliti mille pensieri nella testa, ma con una bellissima sensazione nel mio cuore.....racconterò ai miei piccoli di una vecchietta incontrata per caso, cosi piccola e fragile, che aveva un mondo dentro di se da raccontare, un tempo in cui anche lei correva nei prati raccogliendo i fiorellini....

 
 
 

BUON NATALE

Post n°17 pubblicato il 23 Dicembre 2009 da biristella

 

 

 

 

Una casa tutta illuminata...calore...sorrisi...gioia...amore

Questo era il mio Natale da bambina.....e questo è ancora il Natale che riesco a portare dentro di me!!

Lasciarsi andare in questa magia...in questa notte dove tutto è lucente... dove il cuore pulsa di amore...dove c'è stupore....dove ogni anima si sente legata all'altra....dove il sorriso trova sempre spazio.....

Lasciati travolgere da questo calore......

Questo è il mio augurio a tutte le persone che passeranno di qui, se ne passeranno.....

"Continuate a sognare di vivere il vostro Natale"

 

 
 
 

un altra me

Post n°16 pubblicato il 24 Novembre 2009 da biristella

Un giorno ti svegli e senti che qualcosa è cambiato.

Prendi il solito caffè.

Fai la solita colazione.

Osservi tutti e tutto. Ma niente sembra diverso dalla sera prima.

" Che cosa è successo"?

Il sole, gli alberi, il tuo letto..sono sempre uguali a come li ricordavi.

"C'è quello che c'era ieri , non manca nulla".

Ma poi ti fermi e ti guardi allo specchio:

" Chi è quella persona"?

Non riesci a spiegarti di chi sia quel riflesso, ma sai di certo che non è il tuo.

Eppure sembra che sei la sola ad accorgersene.

Nessuno ti dice che sei cambiata.

Nessuno ti chiede dove sia finita la vera te.

Nessuno si accorge che non sei piu tu.

 
 
 
Successivi »
 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

biristellaGi.Joe.wizardundolceintrigo24tipochibiancoenerodgl0gas.o0skywarrior_64bici67the_namelessgiugno56il.MercanteDiFedoracassetta2annettaso0784restless.74
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom