Creato da Mater76 il 22/01/2009

SentiSenti

Fuoco-Acqua-Energia

occhio

 

FLUIDO COME LA VITA

C'è un Guerriero "pronto per vincere".

Ha un sorriso meraviglioso e
un cuore immenso.

Nei suoi occhi c'è una luce potente
e ha una storia da raccontare.

Forza fluido.a siamo con te!

 

http://blog.libero.it/fluido/

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cassetta2Mater76zenek0alf.cosmosWhitneyBrowneskarma64apungi1950_2meeuwby_soulemilytorn82andryofficinatipochifacciamodameBardamutodalilafriscona
 

ULTIMI COMMENTI

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

DEVA

 

 

« Tra favola e realtàMondo soggettivo/oggettivo »

Esteriorizzazione del Natale

Post n°130 pubblicato il 04 Gennaio 2010 da Mater76
 
Tag: Natale

Tratto da "Natale e Pasqua nella tradizione iniziatica", di O. M. Aivanhov, pag. 22

La nascita di Gesù va capita nei tre mondi, cioè come fenomeno storico, come fenomeno psichico-mistico, e infine come fenomeno cosmico.

pag. 14

Gesù è nato in palestina duemiladieci anni fa, ma questo è soltanto l'aspetto storico del Natale; come sapete, per gli Iniziati questo è secondario, perché prima di essere un avvenimento storico, la nascita del Cristo è un avvenimento cosmico: è la prima manifestazione della natura, il principio di tutto ciò che esiste. Inoltre, questa nascita ha anche un aspetto mistico: il Cristo deve nascere in ogni anima umana come principio di luce e di amore divino.
Questa è la nascita di Gesù e fino a quando l'uomo non possiederà in sè la luce e l'amore, il Bambino gesù non potrà nascere in lui. Potrà attenderlo, potrà festeggiarlo... ma nulla di più.

[...] Per alcuni il Cristo è già nato, per altri nascerà tra poco, e per altri ancora disgraziatamente non nascerà che tra quanlche secolo. Tutto sta nel saper preparare le giuste condizioni.

pag. 23

Alcuni simbolismi [...] "Maria mise al mondo il suo primogenito, lo avvilupò in panni e lo adagiò in una mangiatoia, poichè non vi era posto per loro nella locanda." Quando Maria e Giuseppe cercarono rifugio nella locanda, non vi era posto per loro; ciò significa che quando gli uomini sono occupati a mangiare, bere, divertirsi, non hanno mai posto per l'Iniziato che porta in sè il figlio divino, concepito in lui come luce, che può essere, ad esempio un grande ideale o un'idea che nutre e che coltiva. Ma dove andare ora con questo Bambino? Nessuno gli apre la porta, cioè nessuno lo comprende. Ma ecco una stalla. Quella stalla, con la mangiatoia, è un simbolo: prima di tutto è il simbolo della povertà (io direi dell' essenzialità NdA), delle difficoltà delle condizioni esteriori. Si, per l'uomo nel quale dimora lo Spirito sarà sempre così: gli uomini comuni difficilmente lo apprezzano e lo accetteranno. Ma grazie alla luce che il Bambino proietta al di sopra della mangiatoia, altri lo vedranno da lontano e verranno a rendergli omaggio. [...]

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/BlessedAre/trackback.php?msg=8226513

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
alf.cosmos
alf.cosmos il 07/01/10 alle 03:17 via WEB
Grande Aivanhov, un'interpretazione del Natale veramente eccezionale! Che la Luce Cristica possa entrare nel Tuo S Superiore. Cosmicamente Alf
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

DELFINI

 

greensleeves

 

cosmo

 

donna che osserva il cielo

 



 

occhio

 

gabbiano in volo

 
 
 

luce

 

CAMPO

campo

 

LOVELY DAY, LIFE IS WONDERFUL, ALLEGRIA