Creato da Il.Don.Camillo il 04/06/2007

DON CAMILLO'S BLOG

"Che la tua vita non sia una vita sterile - Sii utile - Lascia traccia" San Josemaria Escrivà

 

 

« LA FRANCIA IMPAZZITA SI ...IL DISCORSO DI BENEDETTO... »

ALIMENTAZIONE E IDRATAZIONE SONO BISOGNI ESSENZIALI, NON TERAPIE

Post n°192 pubblicato il 25 Marzo 2009 da Il.Don.Camillo

L'alimentazione e l'idratazione sono forme di sostegno vitale che hanno lo scopo di alleviare le sofferenze fino alla fine della vita e, pertanto, non possono rientrare nelle dichiarazioni anticipate di trattamento. E' questa la norma più controversa del disegno di legge sul testamento biologico che il Senato ha approvato oggi con i voti della maggioranza di centrodestra e dell'Udc e quelli contrari di gran parte del centrosinistra.

Questo è lancio di questa sera della Reuters sul voto di oggi in Senato riguardo a parte del disegno di legge sul testamento biologico.
E' raccapricciante il modo in cui l'ideologia pro-death continui a fregarsene della verità, procedendo spedita nel suo tentativo di conquistare integralmente l'opinione pubblica.
Si parla di norma controversa. Ma che norma controversa sarebbe?
L'alimentazione e l'idratazione sono bisogni essenziali di ogni essere umano. Il fatto che siano somministrati con un sondino non cambia la questione. Tutti abbiamo bisogno di mangiare e bere per vivere.
Come si può quindi stabilire di farsi togliere da mangiare e da bere?
La Reuters sbaglia pure nel parlare di forme che hanno lo scopo di alleviare le sofferenze fino alla fine della vita. Alimentazione e idratazione servono per restare in vita, non per condurre alla fine della vita [notiamo, ancora una volta, come gli stessi pro-death si facciano problemi a parlare di morte invece che di "fine vita"].

Dunque, alimentazione e idratazione non sono terapie ( la terapia serve per combattere una malattia, ma la fame e la sete sono bisogni naturali dell'uomo, e non malattie). Dunque, non si possono interrompere. Dunque, l'ala pro-death può tornare a casa con le pive nel sacco.
Passo e chiudo.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/BlogDonCamillo/trackback.php?msg=6766508

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
insorgente
insorgente il 25/03/09 alle 23:47 via WEB
Infatti fu proprio questo che spinse il ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali, Maurizio Sacconi, a diffnodere la direttiva secondo cui interrompere la nutrizione e l'idratazione di una persona in stato vegetativo persistente rappresenta un atto oggettivo di abbandono del malato.
Ciò provocò le prevedibili, scomposte reazioni delle schiere taleban-ateo-laiciste-radical-cattocomuniste favorevoli alla “dolce morte” (ma serebbe meglio dire "alla morte" e basta) secondo i quali la direttiva avrebbe impedito alla “giustizia” di fare il suo corso.
La decisione di Sacconi corrispondeva, tuttavia, a un oggettivo interesse pubblico che l’onesta politica non può non tutelare: la salvaguardia della vita come bene primario e indisponibile.
Un bene da trattare secondo i criteri della giustizia e del diritto, non in base all'arbitrio e ai dettami contingenti della cultura dominante.
La sospensione dell'alimentazione di Eluana fu in evidente contrasto con il parere espresso il 30 settembre 2005 dal Comitato nazionale di bioetica e alla Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, approvata dall'Onu il 13 dicembre 2006.
Nel primo documento si afferma che la somministrazione di cibo e acqua, venga essa fornita per vie naturali o artificiali, “è il sostentamento ordinario di base”.
Nutrizione ed idratazione, secondo il Comitato di bioetica, “vanno considerati atti dovuti eticamente (oltre che deontologicamente e giuridicamente) in quanto indispensabili per garantire le condizioni fisiologiche di base per vivere”.
Nella Convenzione delle Nazioni Unite si stabilisce, poi, che gli Stati membri “riconoscono che le persone con disabilità hanno il diritto di godere del migliore stato di salute possibile, senza discriminazioni fondate sulla disabilità”.
Per questo è compito dei governi “prevenire il rifiuto discriminatorio di assistenza medica o di prestazione di cure e servizi sanitari o di cibo e liquidi in ragione della disabilità”.
Da qui la direttiva del Ministro Sacconi che fece quanto doveva, come uomo e come politico.
intervenne, con i mezzi di cui per legge disponeva, per riaffermare il principio dell'interesse generale e del bene comune di fronte ai tentativi di poteri non eletti di trasformare una visione di parte in un dogma etico per tutti.
Ciao
 
 
Il.Don.Camillo
Il.Don.Camillo il 27/03/09 alle 21:08 via WEB
Tra l'altro, è risaputo, quella dolce morte di cui parlano è terribile, altrochè dolce! Un saluto, don Camillo
 
valerio.sampieri
valerio.sampieri il 26/03/09 alle 16:25 via WEB
Ineccepibile.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Il.Don.Camillo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 33
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lelloazzurrogiochessalattesluxor11Laura.f_2007alfonso9691mik.chiodoshantal_1972giangi952brunellodgl7Greta901caccamo3dongiancarlossimona.placiducciovaleriapalmisanoMaketes
 

ULTIMI COMMENTI

I catari credevano in un unico Dio, e i loro testi erano...
Inviato da: Henry
il 26/04/2013 alle 18:36
 
Già....pggio dei tedeschi che per ogni tedesco ammazzatto...
Inviato da: Henry
il 26/04/2013 alle 18:34
 
L'Europa centrale per il reato di apologia del...
Inviato da: marco
il 19/12/2010 alle 21:59
 
In Polonia l'apologia di comunismo diventa un...
Inviato da: marco
il 19/12/2010 alle 21:58
 
per carità io non me ne intendo tanto di queste cose ma mi...
Inviato da: lelloazzurro
il 07/04/2010 alle 11:35
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom