Boycott ©®

Responsabilizziamoci:"Questo Mondo alla rovescia ci insegna a subire la realtà invece di cambiarla,a dimenticare il passato invece di ascoltarlo e ad accettare il futuro invece di immaginarlo.Vediamo di vivere e lavorare per un mondo 'altro' "

 

AMARCORD


 
 
Citazioni nei Blog Amici: 115
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

La vita nasce per essere vissuta e per godere mon trovi?...
Inviato da: chiarapertini82
il 05/02/2016 alle 19:05
 
Il chinotto recoaro il top!!! Peccato che questo prodotto...
Inviato da: Andrea
il 09/07/2014 alle 22:10
 
Grazzie!
Inviato da: L'île au trésor
il 07/08/2013 alle 11:32
 
La informazione da voi data non corrisponde alla verità dei...
Inviato da: Zingaro Carlo
il 07/05/2012 alle 00:40
 
Ma invece di perdere tempo con questo giocattolo senza...
Inviato da: Sergio
il 02/12/2010 alle 22:36
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

amoilmareelaneve0fausto.panzeriwillobbreggiana0lillicamiecol2rita.zaninielviprimobazarpavone2303riccardiannamariapig62claudioavioSindiegofantartistgloglo1995
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Boycott
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 39
Prov: VR
 

FACEBOOK

 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Incredibile! Un partito ...Per un futuro migliore... »

Un condannato per omicidio siede in Parlamento

Post n°274 pubblicato il 06 Ottobre 2006 da Boycott
 

immagine   Sergio D'Elia (vedi foto), nato il 5 maggio del 1952 a Pontecorvo (Frosinone), è un politico italiano della Rosa nel Pugno condannato a 25 anni per banda armata e omicidio. Forse è proprio per questo motivo che si è tagliato baffi e capelli, come mostra la foto sottostante, in modo da non farsi riconoscere.
   Iscritto alla facoltà di Scienze Politiche di Firenze, membro di Potere Operaio, poi di Senza tregua, poi di "Prima Linea". Fu dirigente per quest'ultima organizzazione che è stata un' importante formazione terroristica italiana formatasi in Lombardia nell'autunno del 1976. Per numero di aderenti e di azioni armate è stata seconda in Italia solo alle Brigate Rosse.
   Condannato a 25 anni di prigione per l'assalto al carcere di Firenze, in cui rimase ucciso l'agente Fausto Dionisi, ne ha effettivamente scontati solo 12 grazie ad una riduzione di pena.
   Nel 1986, si è iscritto al Partito Radicale durante la campagna per i mille iscritti, abbracciando così le posizioni nonviolente dei radicali.
   A partire dal 1987, nella Segreteria del Partito Radicale, si occupa soprattutto della riforma penitenzaria, avendone conoscenza diretta.
   Nel 2000 D'Elia venne riabilitato dal tribunale di Roma, che cancellò le pene accessorie, consentendogli l'eleggibilità. Ma quanti disastri ha fatto il Tribunale di Roma?
   E ora pensate a quanto questa persona è distante da quello che vuole la gente: tantissime persone si stanno battendo in Italia affinchè in Parlamento non ci siano a rappresentare i cittadini italiani condannati in via definitiva, invece D'Elia che ha fatto? Ha organizzato un'associazione per far riconoscere il voto ai detenuti (senza nessuna distinzione di pena) e per la riforma delle pene supplementari. Quindi questo nostro dipendente si muove per far votare anche i mafiosi che sono nelle carceri (o meglio, che c'erano nelle carceri, ma che grazie all'indulto non ci sono più) i quali non potranno esimersi dal votare persone vicine alla mafia.
immagine
   Ha collaborato al progetto per il Partito Nuovo e fondato, con Mariateresa Di Lascia, l'Associazione Nessuno Tocchi Caino per l'abolizione della pena di morte nel mondo. Insomma, pur non essendoci in Italia la pena di morte, lui sembra muoversi per motivi personali.
   Nelle elezioni politiche di aprile 2006 è stato eletto alla Camera per la Rosa nel Pugno, ha votato a favore dell'indulto e non ha risposto alla nostra email per spiegarci le ragioni di tale voto. 
   E' stato nominato dall'Unione segretario della Camera, suscitando accese proteste sia da parte dei familiari dell'agente Fausto Dionisi, sia da parte di alcuni sindacati delle forze di pubblica sicurezza.
  Ora, secondo voi, chi ha votato questo partito era informato di chi è Sergio D'Elia? Se fossero stati informati in maniera completa, avrebbero votato allo stesso modo?
  Se ritenete che questo personaggio debba dimettersi, scrivetegli all'indirizzo: 
DELIA_S@camera.it.
   Inoltre, visto che è l'unico condannato in via definitiva nella Rosa nel Pugno, scrivete al segretario dei Radicali Daniele Capezzone affinchè lo butti fuori dal partito per diventare un PARTITO PULITO:
CAPEZZONE_D@camera.it !

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: Boycott
Data di creazione: 14/11/2005
 

IL VIDEO DELLA SETTIMANA

 

TELEFONA GRATIS

immagineimmagine
 

LA TV SUL TUO PC

immagine
immagine
immagine
 

GIORNALI SUL TUO PC

immagine


immagine


immagine


immagine


immagine


immagine


immagine


immagine