Creato da IndianaOglala il 04/08/2013

FUOCO CHE BRUCIA

LO SPIRITO DI UN LAKOTA NON SI ARRENDE MAI

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

 

Nel tempo
le tradizioni si spengono,
i miti si sbriciolano,
e gli uomini, inesorabilmente, dimenticano.
Ma gli Spiriti non dimenticano

Vittorio Zucconi

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 42
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Cherryslrozappathorn2021mariomancino.mIndianaOglalamitakuye.oyasin67Hunkpapa.Siouxdon.francobAlex74kviolino63ioosvaldotujaneLUCREZIA.LASPOSAkarma580Sono44gattinfilax6.2Kahir
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« UN ARTISTA DI OGGIAI NONNI »

TRIORA, LA SALEM D'ITALIA

Post n°315 pubblicato il 09 Gennaio 2014 da IndianaOglala


Qualche giorno fa ho avuto occasione di ritornare a Triora, suggestivo
paese ligure in provincia di Imperia, chiamato anche la Salem d'Italia.
Già dal suo nome, Triora, che significa Tre Bocche, quindi tre teste,
come la dea Ecate, e il suo stemma il cane con tre teste Cerbero, il guaridano dell'Inferno, si capisce il fascino magico e indiscusso di questo bellissimo posto.

Tra il 1587 ed il 1589 a Triora si svolse il più terribile processo alle
strghe di tutta l'Italia.
Durante la carestia che imperversava in quegli anni, quasi sicuramente
provocata a doc dai proprietari terrieri come manovra economica,
degli ignoranti cittadini non trovarono di meglio da fare che accusare
di tutte le disgrazie che capitavano, dalla pestilenza alla carestia,
grandinate comprese, gruppi di  donne colpevoli addirittura, secondo
le loro menti bacate, di mangiare i neonati!
Fu quindi mandato ad indagare il "geniale" Girolamo del Pozzo, inquisitore
di Genova e Albenga, convinto sostenitore dell'esistenza del maligno:
vedeva il maligno in tutto, a momenti anche nei suoi stessi sandali!
 Ovviamente, quelle più propense a cadere vittime del male oscuro, erano
le povere e stupide donne: lo diceva anche il termine stesso: femmina,
le brillanti menti dell'epoca, voleva dire di fede minore, oltre che
di intelletto e volontà nemmeno minimamente paragonabili agli eccelsi
cervelli maschili! Senza contare che, avendo più orifizi, il diavolo poteva
penetrarci con maggiore facilità! Praticamente il corpo creato per
dare la vita diventava unn contenitore per demoni malvagi!
Secondo loro codeste streghe si ritrovavano per compiere i loro rituali
malefici sotto gli alberi di noce e in diverse località ancora ben note oggi,
come la Cabotina, luogo triste e povero in cui vivevano donne sole e
prostitute, fuori dalle mura della città, in cui addirittura codeste
malefiche signore, invece di riunirsi a bere il tè, si dilettavano con
le streghe della località sottostante lanciandosi i neonati come fossero palle!
Dopo averli sballottati per bene ovviamente se li mangiavano vivi e crudi!
Chissà cosa si fumavano a quei tempi, mah!
Vennero arrestate subito venti donne, poi, dopo le abberranti torture
( create dalle menti eccelse maschili, ricordiamolo) a cui furono sottoposte
altre trenta finirono in cella.
Molti, suggestionati dalla follia dilagante, si autocondannarono.

Vennero addirittura create celle nelle abitazioni private, prima tra
tutte Casa del Meggio, oggi Cà de Baggiure ( casa delle Streghe).
Tra le donne imprigionate si ricordano, in particolare, la sessantenne
Isotta Stella, accusata di portare addosso il marchio del diavolo perchè,
a detta degli inquisitori, grazie alle sue arti magiche durante il supplizio
della tortura non sentiva alcun dolore:  addirittura speso di addormentava
( magari sveniva per la sofferenza...), e la nobildonna Franchetta Borelli, donna bella, ricca, non sposata e, secondo i dati dell'epoca, ex prostituta.
Venne accustata principalmente dalle altre donne del paese,
provabilmente invidiose, e venne sottposta alla tortura del
cavalletto per più di un giorno intero.
Siccome il fratello sborsò parecchi soldi ( già a quell'epoca funzionava così),
venne posta agli arresti domiciliari; decise di scappare ma poi
per non inguaiare che l'aveva difesa; Franchetta decise di tornare a
Triora per affrontare il proprio destino.
La sua dolorosa odissea nelle mani dello Scribani ebbe inizio; ore e ore
di continui tormenti durante cui la presunta strega dirà emblematicamente
“Io stringo i denti e poi diranno che rido”.

In ventuno ore e più di supplizio Franchetta alternò momenti di sconforto
e di silenzio a pensieri innocenti, rivolti al suo amato borgo e ai suoi
familiari. Si offrì di riparare le scarpe rotte a un suo parente che la
assisteva e si preoccupò del vento freddo che soffiava fuori dalla
prigione, nocivo alla maturazione delle castagne.



Ogni roccia, ogni albero, perfino l'acqua, un tempo purificata proprio
dalle streghe, a Triora è intriso del sangue di donne innocenti uccise
dall'ignoranza e dalla stupidità maschile, e dall'eterna paura che hanno gli uomini della Grande Entità Femminile.
Nemmeno ai giorni nostri si può dire che ci sia la parità tra i sessi
e che gli uomini abbiano smesso di temerci e abbiano cominciato ad amarci, rispettarci e ammirarci, come invece accade in tutte le religioni pagane.
Ma noi siamo ancora qui con la nostra forza, la nostra spiritualità, il nostro coraggio, la nostra unica capacità di perdonare e comprendere ( anche troppo secondo me).



NOI NON CI ARRENDEREMO MAI!





La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/CUORELAKOTA/trackback.php?msg=12601777

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
serenella1210
serenella1210 il 09/01/14 alle 19:40 via WEB
la santa inquisizione. Quante vittime innocenti torturate e bruciate la kiesa ha compiuto cose orribili tutto x sottomettere la gente terrorizzare x i propri sporki interessi buona serata un abbraccio
 
 
IndianaOglala
IndianaOglala il 10/01/14 alle 13:32 via WEB
Interessi economici e di potere! Hanno messo, come ancora fanno, soldi e potere davanti alla vita! Non bisogna mai dimenticare contro chi si lotta. Un bacione:)))
 
rozappa
rozappa il 09/01/14 alle 23:53 via WEB
Certamente Serenella ha ragione, è davvero vergognoso ciò che hanno fatto, in nome di Dio...lasciamo perdere. Ma voi Donne non perdetevi mai d'animo, avete alleati sinceri anche fra noi uomini :). E noi vi rispettiamo (secondo me questa è la cosa più importante: il rispetto), vi amiamo e crediamo che siate niente di più e niente di meno che le nostre compagne nel nostro cammino su questa terra. Un bacio a tutte le Donne, Rosario http://www.superedo.it/sfondi/sfondi/Natura/Fiori/fiori038.jpg
 
 
IndianaOglala
IndianaOglala il 10/01/14 alle 13:34 via WEB
Certo che non ci arrendiamo! La donna è nata guerriera, il resto viene dopo..Certo che se ci fossero più uomini come te staremmo un pò più tranquille! Grazie mile per il bellissimo sfondo, buona giornata:)))
 
StregaM0rgause
StregaM0rgause il 10/01/14 alle 07:32 via WEB
E di queste stragi di povere donne innocenti, centinaia di migliaia in tutta europa nell'arco di 400anni,il vaticano non ha mai fatto cenno...perchè? celebriamo il sacrificio degli ebrei perché non ricordare con una giornata questa vergogna ecclesiastica? Gli orrori del cattolicesimo nei secoli superano di gran lunga gli eventuali meriti...
 
 
IndianaOglala
IndianaOglala il 10/01/14 alle 13:35 via WEB
Perfettamente d'accordo con te, Enri! E' ora che si cominci a ricordare e celebrare tutti i morti uccisi dal dio cattolico e dalle sue "mani" terrestri!
 
Io_piccolo_infinito
Io_piccolo_infinito il 10/01/14 alle 11:18 via WEB
povere donne quanta sofferenza :( un bacio Indiana, Infy
 
 
IndianaOglala
IndianaOglala il 10/01/14 alle 13:36 via WEB
Non dobbiamo mai dimenticarle! Un bacione Serena:)))
 
amoon_rha_gaio
amoon_rha_gaio il 10/01/14 alle 12:06 via WEB
santa inquisizione che di santo aveva ben poco; frutto di ignoranza e fanatismo ma anche relegata ormai in tempi lontani. La storia va avanti, non si deve dimenticare perchè certi fatti devono sempre essere portati come esempio (negativo) per le generazioni future
 
 
IndianaOglala
IndianaOglala il 10/01/14 alle 13:37 via WEB
No, non bisogna mai dimenticare queste morti innocenti! Anche perchè in parecchi paesi sottoculturati le donne vengono ancora trattate come esseri inferiori dagli uomini e vengono infibulate, frustate, lapidate, vendute..... Queste donne di oggi, come quelle di ieri, vanno ricordate tutti i giorni!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Avviso:

Questo blog è come chi lo ha creato: amante degli animali e senza colori politici.
Pertanto è pregato di astenersi da visite chi non ama e rispetta gli animali e chi cerca di imporre le sue idee politiche.
Visto che mi hanno già censurato un blog perchè ho osato esprimere la mia opinione su un certo personaggio di una certa aerea politica, mentre sugli altri si possono scrivere anche i peggiori insulti, per coerenza e correttezza non scriverò mai più niente su nessun politico di nessun partito e non commenterò nemmeno i post sulla politica o i politici degli altri blog ( che tanto tendono a criticare e offendere solamente certe persone e mai le altre!).

 

 

Su questo blog compaiono notizie tratte da internet o dal sito del giornale della mia città, la Gazetta di Parma; i racconti, le poesie e le leggende sui Nativi Americani e altri sono tratte dai miei libri personali.
E' vietato usare e copiare tutto quello creato dal mio libero pensiero e fantasia e le mie eventuali foto personali.