Creato da anonimo10_1 il 03/10/2008

CineAmando

I film visti, di giorno in giorno... (finchè morte non ci separi)

 

 

12/06/13: IL MESTIERE DELLE ARMI (Ermanno Olmi, 2001)

Post n°540 pubblicato il 23 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




A parte la Ceccarelli (che ha l'arcano potere di rimescolarmi sangue e ormoni),
un'autentica delusione.
Lentezza modello-Sokurov
ma senza tutti i suoi pregi.

Sarò categorico.
Tempo perso...

 
 
 

11/06/13: LA VERA STORIA DI JACK LO SQUARTATORE (Fratelli Hughes, 2001)

Post n°539 pubblicato il 23 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




Il mio scetticismo mi ha spinto
a posticiparne all'inverosimile ricerca e visione.

Beh, avevo preso un clamoroso granchio.
Film oscuro e affascinante.

Promosso.
Senza "ombra" di dubbio.

 
 
 

09/06/13: THE RAVEN (James McTeigue, 2012)

Post n°538 pubblicato il 23 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




Dal regista del celeberrimo V per Vendetta,
una "fantasiosa rivisitazione" degli ultimi giorni di vita di Edgar Allan Poe.

Sarà perchè amo troppo Poe, ma poteva risparmiarcelo...

Mettendo da parte la partigianeria, è un film che si può anche vedere.

 
 
 

08/06/13: 11 SETTEMBRE 2001 (Registi Vari, 2002)

Post n°537 pubblicato il 23 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Tag: 2002
Foto di anonimo10_1




Il "produttore artistico" Alain Brigand ha dato mandato a undici registi
di impegnarsi in un cortometraggio di 11 minuti 9 secondi e un decimo
che ricordasse, a un anno di distanza, la strage di Manhattan...
(da www.mymovies.it)



consigliato!

 
 
 

07/06/13: WORLD TRADE CENTER (Oliver Stone, 2006)

Post n°536 pubblicato il 23 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1





Cercavo 11 settembre 2011 di Registi Vari
e mi sono imbattuto in questo.

Si può vedere.
Senza infamia e senza lode.

Bravissimo (come sempre) Cage, bellissima la Gyllenhaal.

 
 
 

03_04_06/06/13: ROUTE 181 (Michael Kleifi & Eyal Sivan, 2003)

Post n°535 pubblicato il 20 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1





per tutti quelli che pensano
che "i poveri ebrei" siano solo ed esclusivamente un popolo oppresso,
un regista palestinese ed  uno israeliano ci raccontano
con una serie di interviste bi-partisan
come stanno veramente le cose.

a quando "la giornata della memoria" per il popolo palestinese?
mai, fin quando Israele e Stati Uniti
continueranno a fare l'amore con il vile denaro.



provate ad immaginare se un giorno
qualcuno vi sottraesse proprietà, libertà e diritti civili
appoggiato da armi, esercito e dalla maggiore tra le Potenze Mondiali...

 
 
 

02/06/13: LA FUGA DI MARTHA (Sean Durkin, 2011)

Post n°534 pubblicato il 20 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




inespresso...

 
 
 

29/05/13: WORKINGMAN'S DEATH (Michael Glawogger, 2005)

Post n°533 pubblicato il 20 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




gran bell'esempio di "cinema per il sociale"

 
 
 

28/05/13: A,B,C MANHATTAN (Amir Naderi, 1997)

Post n°532 pubblicato il 20 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




esistenziale.
bello.
consigliato.

(se siete disposti a tenere acceso il muletto per svariate settimane)

 
 
 

27/05/13: IL PETROLIERE (Paul Thomas Anderson, 2007)

Post n°531 pubblicato il 20 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




Strapompato, strapremiato...
Assoluta delusione.

 
 
 

23/05/13: CHARLOT IN CAMPAGNA (Charlie Chaplin, 1919)

Post n°530 pubblicato il 20 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




Il Chaplin che fa soltanto ridere non è il mio preferito.
Ma con lui non è comunque mai tempo perso...

 
 
 

20/05/13: CHARLOT SOLDATO (Charlie Chaplin, 1918)

Post n°529 pubblicato il 20 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




La Grande Guerra secondo Charlie Chaplin.

 
 
 

13/05/13: ANOTHER EARTH (Mike Cahill, 2011)

Post n°528 pubblicato il 20 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




fantascienza e tormenti interiori.
buon cocktail per un film diverso (ma non troppo).

 
 
 

09/05/13: LE DONNE DEL SESTO PIANO (Philippe Le Guay, 2011)

Post n°527 pubblicato il 20 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




una commedia carina ed elegante sulla diversità

 
 
 

06/05/13:IL PRIMO UOMO (Gianni Amelio, 2011)

Post n°526 pubblicato il 19 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1

 


un grande film italiano
(per una volta......)

consigliato.
voto 7.5

 
 
 

06/05/13: LA GABBIANELLA E IL GATTO (Enzo D'Alò, 1998)

Post n°525 pubblicato il 19 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




dolce.
come (e per) i bimbi.

 
 
 

04/05/13: ALLONSANFAN (Fratelli Taviani, 1974)

Post n°524 pubblicato il 19 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1

 


vi risparmierò l'epopea per riuscire a recuperare questo film in forma decente.
ebbene non ne è affatto valsa la pena.
per distacco tra i peggiori dei solitamente godibilissimi Taviani.

 
 
 

03/05/13: DANCER IN THE DARK (Lars Von Trier, 2000)

Post n°523 pubblicato il 19 Giugno 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1

 


folle, folle, folle Lars...
brava, brava, bravissima Bjork...

 
 
 

02/05/13: ARIRANG (Kim Ki Duk, 2011)

Post n°522 pubblicato il 03 Maggio 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1



Kim Ki-duk vive da solo in una disordinata casa di campagna
al cui interno ha installato una tenda in cui dorme.
Ha lasciato il cinema dopo che, nel corso delle riprese di Dream
la protagonista ha rischiato di morire impiccata.
Ora Kim vive una vita di afflizione lontano dal set
in cui per lui urge il bisogno di riflettere sul senso del fare cinema.
Decide allora di riprendere se stesso
realizzando così una lunga dichiarazione in cui si mette totalmente a nudo.
Kim Ki-duk, il prolifico regista sudcoreano che ha realizzato 15 film in 13 anni
ottenendo prestigiosi riconoscimenti a Venezia, a Cannes e a Berlino, era scomparso da 3 anni.
Le voci lo davano come malato e comunque ormai fuori dalla produzione di film.
Stava invece realizzando questa disperata confessione che è al contempo una richiesta di aiuto.
Con il solo supporto di una camera digitale
Kim mette in scena tutto il suo travaglio interiore.
Il termine 'messa in scena' è quello che maggiormente si addice a questo film
che documenta il precipitare di un'artista nella depressione più cupa.
Perché la telecamera rivela l'artificio di alcune scene (campi e controcampi in primis)
ma è anche utilizzata per riprendere lunghi e drammatici sfoghi del regista.
Il quale urla a se stesso e dalla Croisette al mondo,
("Dormivo. Cannes mi ha risvegliato" come ha detto dinanzi a un pubblico commosso quanto lui)
l'urgenza di comprendere fino in fondo la vita e la sua rappresentazione
giungendo alla pessimistica conclusione
che il nostro passaggio sulla terra non sia altro
che una commistione di sadismo, masochismo e autoflagellazione.
Certo, il suo cinema aveva colpito il mondo (ottenendo invece scarso riconoscimento in patria)
proprio per la profonda commistione tra bisogno d'amore e crudeltà degli istinti.
Ed è quanto ci ripete ora, utilizzandola quasi come un mantra,
con la struggente canzone che dà il titolo al film.
Ma c'è un momento rivelatore più di altri in questa inusuale e avvincente spoliazione in video.
È quando Kim rivede se stesso nella sequenza finale di Primavera, estate, autunno, inverno e primavera ancora.
È un monaco buddista che, legatasi alla vita una macina
la trascina su un ripido pendio portando con sé una statua del Buddha in meditazione.
Giunto sulla cima il monaco può vedere dall'alto la sua casa monastero raccogliersi in preghiera.
Il conflitto tra la carne e lo spirito che ha percorso tutto il suo cinema
si rivela in questo sguardo su se stesso carico di nostalgia
ma anche della consapevolezza che, come ricordava un classico del cinema, "solo chi cade può risorgere".

(da www.mymovies.it)

 
 
 

29/04/13: SARABANDA (Ingmar Bergman, 2003)

Post n°521 pubblicato il 29 Aprile 2013 da anonimo10_1
 
Foto di anonimo10_1




ultimo lavoro di Bergman.
fedele al cliché.
introspettivo.
pure troppo.

in ogni caso la sua fama è la lampante dimostrazione
che il sottoscritto arriva fin dove può.

 
 
 

REGISTI

ZHANG YIMOU
KIM KI DUK
PATRICE LECONTE
WONG KAR WAI
AKI KAURISMAKI
ANDREJ TARKOWSKIJ
ALEKSANDR SOKUROV

 

ATTRICI

CHARLOTTE GAINSBOURG
JULIETTE BINOCHE
PARK JI-A
MAGGIE CHEUNG
ZHANG ZIYI
GONG LI
HIAM ABBASS
KEIRA KNIGHTLEY
KATI OUTINEN

 

ATTORI

DANIEL AUTEUIL
JEREMY IRONS
TONY LEUNG
MATTI PELLONPAA
NICHOLAS CAGE

 

COLONNE SONORE

IL FAVOLOSO MONDO
DI AMELIE
Yann Tiersen
& Co.

GOOD-BYE LENIN
Yann Tiersen

LA DOPPIA VITA DI VERONICA
Zbigniew Preisner

THE SECRET GARDEN
Zbigniew Preisner

2046
Shigeru Umebayashi
& Co.

THE HOURS
Philip Glass

IL TE' NEL DESERTO
Ryuichi Sakamoto
& Co.

LA SPOSA SIRIANA
Cyril Morin

ZAINA - CAVALIERE DE L'ATLAS
Cyril Morin
Bulgarian Symphony Orchestra

LES CHORISTES
Bruno Coulais

RITRATTO DI SIGNORA
Wojciech Kilar

ALEXANDRIA
Ludovico Einaudi
& Co.


 

LA MIA MUSICA

ZBIGNIEW PREISNER
(Polonia)

MADREDEUS
DULCE PONTES
(Portogallo)

VNV NATION
DEPECHE MODE
THE CURE
JOY DIVISION
SIOUXSIE & THE BANSHEES
BAUHAUS
PINK FLOYD
DAVID BOWIE
COLDPLAY
THE ALAN PARSONS PROJECT
(Inghilterra)

AND ONE
BLUTENGEL
ILLUMINATE
WOLFSHEIM
(Germania)

LOREENA MCKENNITT
(Irlanda)

FRANCO BATTIATO
VASCO ROSSI
FABRIZIO DE ANDRE'
LUCIO BATTISTI
LUDOVICO EINAUDI
(Italia)

FLEUR
(Ucraina)

L'AME IMMORTELLE
(Austria)

COVENANT
(Svezia)

APOPTYGMA BERZERK
(Norvegia)

MYLENE FARMER
YANN TIERSEN
(Francia)

SUICIDE COMMANDO
(Belgio)

THE DOORS
CHRISTIAN DEATH
(USA)

 

I PAESI CHE HO VISITATO

FRANCIA (overdose dal 1992)
GERMANIA (overdose dal 1997)
SPAGNA (1996, 1999, 2004, 2006, 2007)
PORTOGALLO (1999, 2006, 2007)
SVIZZERA (1996)
AUSTRIA (1996, 1999, 2001)
BELGIO (1992, 1995, 1999, 2000, 2004)
OLANDA (1995, 2000)
DANIMARCA (1995, 1997)

SVEZIA (1995, 1997)
NORVEGIA (1995)
FINLANDIA (1995)
POLONIA (1999)

REPUBBLICA CECA (1996, 1999, 2001)

UNGHERIA (1996, 1999, 2001)
INGHILTERRA (1993, 1996, 2004)
IRLANDA (1994)
SCOZIA (1993)
CROAZIA (2010)
ISRAELE/PALESTINA (2011)

 

LE CITTA' CHE PIU' AMO

GENOVA (Italia)
VENEZIA (Italia)
PARIGI (Francia)
COLMAR (Francia)
LA ROCHELLE (Francia)
PRAGA (Rep. Ceca)
BARCELLONA (Spagna)
BERLINO (Germania)
LISBONA (Portogallo)
LUBIANA (Slovenia)
BUDAPEST (Ungheria)
STOCCOLMA (Svezia)
COPENAGHEN (Danimarca)
INVERNESS (Scozia)
GERUSALEMME (Israele)