Creato da Cambryano il 05/10/2012

Capriole dell'anima

giri di giostra nel luna park della vita mia

 

 

Sei lì

Post n°33 pubblicato il 30 Aprile 2013 da Cambryano

Sei un passo dall’orizzonte,

linea di confine,

salto senza rincorse e

piacevole respiro nei sorrisi,

sorriso nei respiri

di baci lontani e vicini al cuore,

presenza nei vuoti

a riempire mani nude

che battono un tempo

sincopato dalle tue risa.

Giorni di primavera

lasciano l’anima,

appesa ad un sottile filo teso

asciugare al vento tiepido,

per poi bagnarla di nuovo

nella notte di stelle

nascoste dietro palpebre

socchiuse.

 
 
 

Li scheletri

Post n°32 pubblicato il 02 Aprile 2013 da Cambryano

De castagno de faggio de larice o de noce

tutti c’hanno n’armadio magari fatto solo

de ‘nborsone come quello der barbone.

Che a guardacce bene drento ce scopri

lo scheletro che se nisconne.

Mo c’è chi l’ante de st’armadio

le chiude bene a chiave e chi invece,

 voi pe purezza d’animo,

o perché nun je ne frega gnente

le lascia spalancate tanto da fa corente.

Sarta subbito evidente

che so li primi a sbrigasse a puntà er dito,

verso er poveretto che nun  fa uso de lucchetto

e che dello scheletro inniscosto nunne fa segreto,

perché cor tempo, dello sbajo, n’ha fatto gran tesoro.

A chi punta sto dito maledetto je vorei  di:

amico caro, tu devi da imparà

che su sta tera semo solo pori cristi,

e che semo fatti pure pe sbajà,

e de questo nun te ne devi vergognà.

 
 
 

Uccel di bosco (erotica un po')

Post n°31 pubblicato il 20 Marzo 2013 da Cambryano

Rossi i miei sussulti,
come la seta
della lingua tua
che assapora lamponi,
bevi vino di visciole
e con le tue labbra,
colorate da uva spina,
a regalar piacere
viaggi sensuale su di me.
Mangiami accompagnato
dalle delizie tue,
e dalle tue delizie.

 
 
 

Per te!

Post n°30 pubblicato il 12 Marzo 2013 da Cambryano

Viaggiano veloci
su scivoli di seta rossa
I pensieri miei per te,
e dal profondo
come gocce
cadono in alto
verso il cuore mio.

 
 
 

Caccio

Post n°29 pubblicato il 04 Marzo 2013 da Cambryano

 

Caccio o caccio?

Er dubbio che se nsinua caccio o caccio?

Sto senso de griggiore a du parmi sotto ar collo,

te se mette in canna e nun te molla, te lascia triste,

te tira er sale a manacciate fino a drento le ferite,

e brucia e te trascina verso er  buio,

che se je dai retta solo pe un minuto,

sei fregato, so sabbie mobbili che più ce pensi

e più te movi, e più te tira giù.

Caccio via tutto…ma nun se ne và,

caccio ancora ma nun ce sente..e nun se ne va,

cacciallo via nun serve e allora penso che forse è mejo

nun caccià…si nun serve scaccià..mejo caccià,

allora caccio…caccio come l’indiggeno  affamato,

caccio quell’angolo de luce, caccio quer filo de raggione,

che in fonno forse ancora esiste, e senza forse so che esiste,

se tratta solo de daje la caccia, co sto dolore drento,

che come li mozzichi de fame te fanno la cianghetta,

te scivoleno sotto ar piede a fatte cascà…e te riarzi e cacci ancora,

ndo stai maledetto scrigno de felicità,

che me nasconni quer  semplice momento de sollievo,

che atrovallo te rimette npace cor monno,

ndo stai…te cerco e me ce addeanno, te trovo tanto

te lo giuro, ce dovessi da restà!

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

ULTIME VISITE AL BLOG

occhi_digattalusimia2005mingofrascedddiletta.castellialkimias.alkiepedroconsuelosoulestasyCambryanoesplosione6angela.traversaalphabethaasono.a.modo.mioEddie_CraneThe_Blue_Pearlpatty.riddes
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom