CasaLibero

due chiacchiere in libertà

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

Il Pdl: in Puglia in 4 anni 800 mln di tasse in più

Post n°24 pubblicato il 10 Dicembre 2010 da paslib
Foto di paslib

È subito botta e risposta tra centrodestra e centrosinistra sui conti del bilancio di previsione 2011. Coordinatore e vicecoordinatore regionali del Pdl, Francesco Amoruso e Antonio Distaso, attaccano: «Il governo Vendola ha accumulato 1 miliardo di debiti nei conti della sanità, fatto pagare ai pugliesi 800 milioni di tasse in più negli ultimi 4 anni e nel bilancio di previsione 2011 taglia fino all’osso i servizi lasciando quasi intatte spese di comunicazione pseudo istituzionale, sprechi e clientele». Il capogruppo Pdl, Rocco Palese rincara la dose: «sul Bilancio, Vendola fa carne da macello dei servizi, dà qualche demagogica sforbiciata a presunti sprechi e lascia quasi intatte le spese per la sua eterna campagna elettorale. Poi incolpa il Governo di far sanguinare i pugliesi mentre lui lascia intatto l’aumento dell’1% dell’aliquota regionale Irap che costa oltre 200 milioni di euro l’anno alle aziende pugliesi e, unita ad altre tasse regionali, arriva a 800 milioni di euro di tasse aggiuntive». Per il Pd replica il capogruppo alla Regione, Antonio Decaro: «Il governo nazionale - spiega - sta azzerando gli interventi sociali per il sostegno ai redditi delle famiglie povere pugliesi: solo l'anno prossimo la riduzione dei fondi sarà del 66%. Nel 2011 il sistema di welfare in Puglia scomparirà definitivamente. Le famiglie povere numerose che devono assistire un disabile o un anziano non autosufficiente, le famiglie in cui vivono persone affette da Sla o Alzheimer, vedranno negarsi il diritto di ricevere assegni di cura, assistenza domiciliare, contributi alloggiativi e assegno di prima dote per i nuovi nati. Come se questo non bastasse, il governo impedisce a Comuni e regioni di utilizzare il sistema di tassazione dei redditi più alti, negando così il principio naturale di solidarietà, secondo il quale chi ha di più aiuta chi è meno fortunato. Senza dimenticare - prosegue - che il governo ha annullato i fondi per il cofinanziamento dei Piani sociali di zona». Anche dall’Udc arrivano accuse al governo nazionale. In particolare il consigliere regionale Peppino Longo ricorda che «per colpa dei tagli di Berlusconi, ai pugliesi verranno chieste lacrime e sangue. Il mancato arrivo dei fondi statali è un brutto colpo - prosegue Longo - difficile da assorbire, se non impossibile. Il mio auspicio è che, in questo clima di tagli e sacrifici, i servizi che la Regione riuscirà ad offrire siano all'altezza delle aspettative». Ancora dal Pdl ecco le note di Ignazio Zullo («Vendola persiste nell’avida richiesta di sempre maggiori risorse poiché il suo mondo, fatto di sogni irrazionali e di pulsioni sregolate, non ha occhi per guardare a ciò che succede nell’area euro») e Giandiego Gatta («Vendola piange “lacrime” di coccodrillo sul “sangue” che farà versare ai pugliesi con il suo bilancio tutto tagli. C’è chi però non ha alcuna ragione per piangere, come i 7 assessori esterni che costano ciascuno oltre 250mila euro l’anno che moltiplicato per 7 fa un milione e 750mila, e moltiplicato per cinque anni fa 8 milioni 550 mila euro»). Giovanni Forte, segretario generale della Cgil Puglia è convinto che saranno solo le fasce di reddito più deboli a pagare i tagli. «La riduzione della spesa sociale - spiega - non consentirà di offrire servizi ai cittadini bisognosi; quella sul trasposto pubblico locale determinerà o un taglio dell’offerta o un aumento del costo, con un aggravio di spesa sui pendolari; la riduzione del fondo per gli affitti toglierà alle persone indigenti la possibilità di poter contare su un contributo decisivo per assicurare il sostentamento della famiglia. Servirebbe una maggiorazione dell’addizionale Irpef sui redditi alti». E quindi, per la Uil regionale, il segretario Aldo Pugliese: «Prendiamo atto con soddisfazione dei tagli ai costi della politica regionale, purché non rimangano semplici e vane dichiarazioni d’intenti. Oltre alla sforbiciata del 10% su emolumenti di consiglieri e vertici di società controllate, bisognerebbe tagliare sui dirigenti Asl».

 

[Gazzetta del Mezzogiorno del 10/12/2010 ]

 
 
 

La giunta approva:Vitalizi ai consiglieri con soldi libri di testo

Post n°22 pubblicato il 03 Dicembre 2010 da paslib
Foto di paslib

di MASSIMILIANO SCAGLIARINI
BARI - Sarà un ricco Natale per i poveri consiglieri regionali che ad aprile non sono stati rieletti, e che - legge alla mano - hanno diritto ad un assegno di fine mandato e ad un vitalizio. Parliamo di una liquidazione a tutti gli effetti e di una pensione che per i politici pugliesi è la più alta d’Italia. Bene: siccome quest’anno il turn over è stato incredibilmente alto, le casse di via Capruzzi non ce la facevano a pagare. E dunque martedì alla giunta è toccato aprire i cordoni della borsa, raschiando il fondo del barile: due milioni e seicentomila euro attinti dal fondo di riserva, ma azzerando la disponibilità «di competenza» del capitolo dedicato all’acquisto dei libri di testo per gli studenti. 

Certo, è solo un passaggio tecnico. Ma il segnale è quello che è: i comuni mortali (chi ha un’impresa, chi aspetta una borsa di studio) possono aspettare, gli ex consiglieri no. Nell’assestamento di bilancio, in agosto, la Regione riconobbe al Consiglio (cioé a se stessa) altri 4,5 milioni per spese di funzionamento, soldi che però non erano mai stati erogati. Il 23 novembre, la Ragioneria ha messo a disposizione di via Capruzzi i primi 2,8 milioni. Per trovare il resto, è invece stata necessaria la variazione di bilancio. 

Così, con due delibere consecutive, martedì la giunta ha autorizzato il prelievo di 900mila euro da ciascuno dei fondi di riserva (quello per le spese obbligatorie e quello per le spese impreviste). Per effettuare il riequilibrio in termini di competenza, è stata azzerata la disponibilità del capitolo dedicato al contributo ai Comuni per la fornitura dei libri di testo. 

«A fine anno - spiega l’assessore regionale al Bilancio, Michele Pelillo - si rastrella tutto quello che è possibile, quindi si vanno a individuare tutti i soldi che non sono stati spesi». Però quello di impadronirsi pure dei pochi spiccioli destinati ai libri di testo non è un bel segnale. «Attenzione - precisa Pelillo - perché si tratta solo di un adempimento tecnico. Avevamo in bilancio una certa cifra iscritta solo come competenza (cioè riferita all’anno in corso, ndr), perché i fondi del ministero per il contributo ai libri transitavano da noi: su quel capitolo non c’è mai stata alcuna disponibilità di cassa. Poi ad agosto abbiamo fatto un accordo con il ministero per l’erogazione diretta del contributo ai Comuni, quindi quella partita non aveva più ragione d’essere in bilancio e l’abbiamo azzerata». 

Nel frattempo, il 22 settembre, il presidente del consiglio regionale Onofrio Introna ha scritto a Pelillo per chiedere altri 3 milioni necessari - guarda un po’ - a pagare vitalizi e gli assegni di fine mandato. Dagli uffici del Bilancio fanno sapere che per il momento non se ne parla. Così come non si parla dell’annunciato taglio del 10% delle retribuzioni e delle indennità dei consiglieri. 

Il disegno di legge che lo prevede, intitolato «Norme in materia di ottimizzazione e valutazione della produttività del lavoro pubblico e di contenimento dei costi degli apparati amministrativi nella Regione Puglia», è stato rinviato dalla giunta per la seconda volta. Ma non - spiegano i bene informati - per quel taglio del 10%: in quel disegno di legge c’è un articoletto che renderebbe impossibili certe nuove stabilizzazioni...

[articolo della Gazzetta del Mezzogiorno del 03/12/2010 ]

 
 
 

la differenza fra destra e sinistra?

Post n°21 pubblicato il 30 Novembre 2010 da paslib
Foto di paslib

Molto semplice , mentre quelli di Sinistra scioperano sempre a prescindere , quelli di Destra lavorano sempre , che volete farci ci tocca mantenere anche chi non fa nulla..bella la vita!!!!!!

 
 
 

Cambia Mestiere

Post n°20 pubblicato il 25 Ottobre 2010 da paslib
Foto di paslib

Damone: "Vendola, la democrazia di tipo comunista"

lunedì 25 ottobre 2010 ore 17:40

Nota del capogruppo regionale de "La Puglia prima di Tutto". Una nota del capogruppo de La Puglia prima di tutto, Francesco Damone.“Il Congresso della Sel si è concluso .Firenze utilizzando il sistema moscovita della lista unica e dell’acclamazione del Presidente: Vendola, novelloprofeta della salvezza del Paese. In verità l’intera operazione-congressuale si è svolta all’insegna dellastorica e cronica doppiezza comunista.Era peraltro l’unico modo per mettere insieme le famiglie gay e quellenormali, l’istituzionalizzazione della trasgressione elevata a sistema e l’omaggio opportunistico alVaticano; una concezione del potere nel nome dell’umiltà della Croce (‘due tavole e quattro chiodi’),dell’esaltazione della povertà e della vicinanza ai deboli ed agli oppressi ed al tempo stessoun’ostentazione dell’immagine di tipo hollywoodiano, con incessante sovra-esposizione mediaticaall’insegna di una spudorata auto-celebrazione, non senza smaccate vestizioni con abiti firmati e cravatte griffate.Si è rappresentato come una sorta di infallibile ed incontaminato demiurgo, portatore di ogni purezza e di ogni bellezza,a fronte del male assoluto che è tutto quello che non gli appartiene, esattamente come facevano e fanno i tiranni disempre, con buona pace degli infiniti scheletri negli armadi della sua storia comunista ed anche del suo governopugliese. Attraverso il quale ha anche attuato una scientifica e spudorata occupazione delle sue orde rosse di ognianche pur remoto interstizio di potere, senza alcun riguardo per il pubblico denaro e per la decenza dei metodi, ed ha fallito anche laddove si era più vantato della sua azione, come nelle politiche ambientali ed in quelle giovanili, per nonparlare della precarietà del lavoro, da lui alimentata a più non posso con un’infinità di assunzioni clientelari dascaricare in un modo o nell’altro sulle spalle di Pantalone.Da questo disastro in verità Vendola, trasferendosi armi ebagagli a spese nostre sul proscenio nazionale, non vede l’ora di fuggire, perché i guai che ha combinato - daireiterati sfondamenti del patto di stabilità allo sfascio finanziario e gestionale della Sanità pugliese - rischiano, novelloBassolino, di rovinargli addosso, mentre la nostra economia, priva di qualsiasi strategia di sviluppo, conquista il recordnazionale assoluto di perdita di posti di lavoro. Se poi l’Italia ‘migliore’ è quella dei no global, deigrillini e dei dipietrini, non a caso rinnegata anche e soprattutto dalla classe lavoratrice che conosce bene i suoi veriinteressi, non si può non concordare con quell’autorevolissimo dirigente nazionale del PD che – comeriferiscono le cronache odierne - confidenzialmente ha dichiarato che, qualora Vendola dovesse conquistare il governodel Paese, fuggirebbe immediatamente all’estero”.

 

..:: OndaRadio ::..

http://www.ondaradio.info Realizzata con Joomla! Generata: 25 October, 2010, 19:11

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: paslib
Data di creazione: 15/01/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cmwlupusLE032carburioFiorenza.Loiaconostrong_passiontessa65sidopaulluger2peppe.leccefading_of_the_dayvioletinsidepaslibpiterx0mudu81seranca1
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom