Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 117
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autrepaneghessal.Azimutholtre.lo.specchioamistad.siempremedusaurticantekimtyFanny_Wilmotseveral1SullaTuaPellepa.ro.leEMMEGRACEper_letteravivodi_folliabluaquilegia
 

Ultimi commenti

Bravo Lorenzo. Nell'attesa mi permetto di agevolare...
Inviato da: tullio carmignanis
il 24/06/2018 alle 11:45
 
Grazie, Rosa. Grattini gliene faccio tanti che uno facciamo...
Inviato da: je_est_un_autre
il 23/06/2018 alle 19:44
 
Credo che, insieme al *toscano*, la tua sia la 'lingua...
Inviato da: amistad.siempre
il 23/06/2018 alle 12:29
 
"Crepi!"
Inviato da: je_est_un_autre
il 23/06/2018 alle 09:22
 
E meno male quando il lavoro, che assicura la prosaica...
Inviato da: medusaurticante
il 22/06/2018 alle 18:12
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
«  Alberi e aquiloniBlog is a blog is a blog »

Piastrella City

Post n°18 pubblicato il 19 Gennaio 2009 da je_est_un_autre

Torno, per una sera sola. La città indifferente non s’accorgerà di nulla (perché dovrebbe? e poi, non sta vivendo i suoi giorni migliori) ma io sento i ricordi, e sono ricordi che urlano.

Dieci anni fa, e da lì dieci anni ancora indietro. Inverni di fredde mattine al neon di grigi capannoni industriali, le mani rinsecchite dentro guanti infradiciati. I miei vent’anni e la fatica e la rabbia e la voglia di rivolta, e la sensazione netta di avere sbagliato generazione, indirizzo, vita.

Polvere e polvere e polvere. Sacchi di vetro frantumato e polvere e la schiena dolorante e le bestemmie e poi ancora polvere, e odore di gasolio.

E piombo. Piombo nel sangue, piombo nelle gengive, piombo nei coglioni.

E la dignità estrema di un uomo che è stato l’unico vero maestro che ho avuto, capace di salutarmi cantando la mattina, noncurante dello smalto che già lo ricopriva dai piedi ai capelli - ma alla sera mi spiegava di come fosse importante lavarsi con cura prima di uscire, perché è vero che facevamo il mestiere più malsano del mondo, ma dalla fabbrica potevamo e dovevamo uscire puliti, e con la testa alta.

Torno stasera, una volta sola.

Rifarò la stessa strada di allora.

Una vita non basta. Ma adesso so che anche due, sono poche.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog