Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 132
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autrefemmina_ludicaelyravcassetta2woodenshipReCassettaIIil_tempo_che_verraQuartoProvvisorionodopurpureoEstelle_kArianna1921surfinia60lisa.dagli_occhi_blulunetta_08
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 21/11/2021

 

In quegli anni

Post n°483 pubblicato il 21 Novembre 2021 da je_est_un_autre

Si può essere straziati e insieme tranquilli? Eppure è così che mi sento. Un pensiero che non mi abbandona da quando ho saputo, venerdì. E mi è toccato, un minuto dopo, far lezione, poveri allievi miei, avranno annusato questa atmosfera dolente e si saranno chiesti il perchè. Che poi, quando muore un amico, magari succede che si era assieme a lui fino a poco prima, e io invece non lo vedevo da anni.
Ma un tempo, oh, un tempo, era ben diverso.
In quegli anni crucialissimi e vorticosi (vorticosi? in verità non facevo nulla di che, ma tutto mi sembrava accadere velocissimamente e potenziato mille volte: dopo ci si addormenta, ma i vent'anni sono così) dicevo, in quegli anni che vanno dai miei 17/18 fino ai 22/23 eravamo quasi sempre insieme. La musica specialmente ci legava: i pomeriggi al Disco d'Oro, le domeniche allo Small, i sabati al Mascotte; e un mucchio di volte a casa sua a mettere su i vinili e a parlare dei Virgin Prunes, dei Bauhaus, dei Theatre of hate, dei Joy, dei Modern English (i Modern English! ti ricordi Mambo, come insistevi con loro? e infatti se non fosse stato per te non avrei mai conosciuto quei grandi) e di un mucchio di band sconosciute che più erano sconosciute più ci piacevano.
Poi ci si perde. Chissà perchè, forse è normale, ma insomma la vita è così. Ci saremo incrociati due volte negli ultimi trent'anni. Eri sempre tu, col tuo stile un po' punk e insieme quieto, nascosto. Essenziale. Un'essenzialità che ho sempre ammirato. Mai una parola di troppo. Se c'è uno che sapeva stare nel suo (ed è un grandissimo pregio, così inattuale), quello eri tu.
E' vero Mambo, la vita è così, ci si perde. Ma quelle cose, quegli anni, quei ricordi, non me li porta via nessuno.
Ciao Luca.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso