Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 135
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autreOgniGiornoRingraziocassetta2elyravwoodenshipamici.futuroieriArianna1921QuartoProvvisoriocharlize77e_d_e_l_w_e_i_s_ssurfinia60Estelle_kbionda66il_tempo_che_verra
 

Ultimi commenti

E' una ruota, e anche dentata.
Inviato da: je_est_un_autre
il 06/12/2022 alle 08:40
 
Dicono che sia una ruota. Io vorrei tanto che non lo fosse.
Inviato da: woodenship
il 06/12/2022 alle 01:18
 
ehehehe fai bene per quel che serve :)
Inviato da: elyrav
il 05/12/2022 alle 08:26
 
Tantissima, direi.
Inviato da: je_est_un_autre
il 03/12/2022 alle 00:20
 
Monica Bellucci fotografata da Ferdinando Scianna nel...
Inviato da: cassetta2
il 02/12/2022 alle 14:59
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Dubbi, dubbi, ancora dubbi

Post n°527 pubblicato il 25 Settembre 2022 da je_est_un_autre

Certo una volta non ero così dubitoso.
Ma un tempo era diverso: lo avevo deciso mesi prima, anni prima, come avrei votato. Prima di nascere, lo avevo deciso. Era quasi una condizione antropologica, ero così e basta.
E oggi? Oggi va che all'alba del giorno stesso delle elezioni sono ancora qui a rodermi dai dubbi, con la forte impressione che ovunque metta quel segnino, si rivelerà un'enorme vaccata.
Questo per far capire, tra le altre cose, l'appeal che hanno avuto su di me in questa ripugnante campagna elettorale.
Ma c'è ancora il senso di un, chiamiamolo, dovere.
Offuscato, ma c'è.
Per ora.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La stufetta

Post n°526 pubblicato il 18 Settembre 2022 da je_est_un_autre

La sorpresa sono state le cime innevate, al risveglio, l'ultima mattina.
E dire che quando siamo arrivati a San Vigilio di Marebbe, forte dei miei tre mesi a 40 gradi, avevo su braghini corti e maglietta. Sono sceso dalla macchina e ho respirato forte la frizzante aria dolomitica. Aaahhh, finalmente, ho pensato, si ricomincia a vivere!
Ma Karl, il gentile e sintetico host dell'Airbnb dove abbiamo soggiornato, dopo averci fatto vedere la casa ci ha avvertito:
"Qui ci sono coperte, e qui anche stufetta".
"Ahah!" ho riso io con aria tronfia "addirittura la stufetta! Non esageriamo!"
"Come volete. Qui stamattina tre-quattro gradi"
"...non ho capito. Quanti?"
"Tre. Quattro".
"..."
"Lì c'è stufetta" ha concluso Karl congedandosi.
Non ho mai amato tanto il progresso umano che ci ha regalato le stufette. Mi ci ero talmente affezionato che ho avuto la tentazione di portarla via con me.
(Comunque, stufette a parte, lì attorno ci son bellezze naturali da strabiliare. Per dirne solo una: quelle mucche lì, quelle che se avete la pazienza di aprire il mio profilo le vedete in primo piano, ecco, le abbiamo viste una volta nelle vie del centro, nella luce un po' bluastra del tramonto, tornare al loro recinto dopo aver pascolato chissà dove, condotte da una pastora. Come fai a non innamorarti di un posto così?)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Che bella l'estate, fino alla fine

Post n°525 pubblicato il 11 Settembre 2022 da je_est_un_autre

Belle le notti di fine estate, vero?
La mia, di notte, ha avuto risvolti raccapriccianti.
Soprattutto per via di due zanzare. Le zanzare sono particolarmente incattivite, alla fine dell'estate. Forse sentono che sta per arrivare la loro ora, chissà. Una soprattutto sembrava avere il motorino sfasato, o la marmitta bucata. Faceva un casino terribile.
Mi sono svegliato alle 3 e mezza e ho ingaggiato una guerra senza quartiere contro di loro. Il fatto è che nel buio le sentivo vicine, addosso, dentro le orecchie, ma appena accendevo la luce, puff, sparite. Nessuna traccia.
E' stata guerra totale, anche con molta tattica. L'alba mi ha sorpreso mentre cercavo una delle due dietro una giacca appesa al muro. Ma nemmeno la luce del giorno le ha fatte desistere. A farla breve, alla fine sono riuscito ad ucciderne solamente una, ed erano già le sei passate.
Era lei, Marmitta Bucata.
Quando l'ho vista, sulla testiera del letto, ho capito che non mi sarebbe sfuggita e ho tirato una manata talmente potente quasi da spaccare il legno, piena di cattiveria e di nausea da insonnia.
Con maligna soddisfazione, dopo aver colpito ho alzato la mano e ho guardato lo spettacolo grandguignolesco che si offriva ai miei occhi. Non voglio urtare la vostra sensibilità parlando del sangue rimasto sul legno e sulla parete. Sangue mio, peraltro.
Dell'altra non ho più avuto notizie.  Mi sono addormentato, sfinito , verso le sette e un quarto. Alle sette e mezza una zampata di Spike mi ha svegliato: era l'ora del girettino mattutino.
Evviva l'estate, fino alla fine.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La sola cosa buona

Post n°524 pubblicato il 02 Settembre 2022 da je_est_un_autre

Era poi abbastanza prevedibile. Del resto cos'è che si sente dire? "prima o poi deve venire a tutti". Però io, lo confesso, in un angoletto di me pensavo: dai, forse me la scampo.
Sè, buonanotte.
E così eccomi qua, a far passar le ore ciondolando tra il divano, il letto, la cucina, apri il frigo chiudi il frigo, vai in terrazza torni dentro: sono diventato la quintessenza dell'apatia, dell'inazione assoluta. Fatico anche a leggere, ma per indolenza, mica per la malattia.
Zero sintomi. Giusto due giorni di tosse che peraltro non legavo al covid perchè per il resto stavo benissimo; tosse poi beffardamente scomparsa un secondo dopo aver letto il responso positivo del tampone, con la tacca che tra l'altro si è colorata in due secondi netti, battendo tutti i record dell'Emilia-Romagna.
E ora sono qui, ad aspettare che i secondi e i minuti sgocciolino via e loro lo fanno ma piano, piano, troppo piano, senza nemmeno la certezza che l'alba ancora lontana e che aspetto, sia un'alba luminosa.
Meno male ho Spike.
Se conoscete i cani sapete una cosa: sono degli animali miracolosi, riescono a farti sorridere anche quando non ne hai nessuna voglia e soprattutto senza bisogno di fare niente, semplicemente essendoci, o grattandosi un orecchio.
Ecco, il mio cane. In queste ore, la sola cosa buona.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Per essere uno che sogna poco

Post n°523 pubblicato il 25 Agosto 2022 da je_est_un_autre

In questo periodo sogno un casino. Prima questo:

Sogno 2.
Ieri o ieri l'altro devo essermi sognato che il PD vinceva, per distacco. Io commentavo, sempre con quell'aria da uomo di mondo: "È la grande maturità degli italiani".
Dopo il sogno dove ero intimo della Bellucci, questo. In pratica ho inaugurato una nuova serie di fantascienza.

Poi questo:

Sogno 3.
Continua il filone fantascientifico: stanotte mi avevano scelto come protagonista assoluto del film "Il gatto con gli stivali". Naturalmente ero al settimo cielo.
Per avere ufficialmente la parte però dovevo superare un'ultima prova: assemblare una specie di turbina  a vapore (ovvio, no?).
Mi avevano dato i vari pezzi e il manuale delle istruzioni, ma io ero del tutto incapace di mettere insieme i vari elementi (e questo non è molto fantascientifico). Rimanevo lì, l'aria interrogativa, con un'elica in una mano e un bullone nell'altra, del tutto incapace di portare a termine il lavoro.
Alla fine la parte del protagonista ne "Il gatto con gli stivali" la davano a Panca, uno che era alle elementari con me.
Maledetti. Ci tenevo.




 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso