Natura e l'Islandese

Sogni aSimmeTrici della Tigre

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: StarryZjl
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 69
Prov: EE
 

Svetta tra tutte la solitudine

§

le altre sorelle immobili e arcigne, appolaiate sull'albero.

§

Tristezza guarda al suolo e una lacrima accarezza il suo viso morbido, finisce sulla terra arida rimanendo lucida goccia polverosa, non sara' mai assorbita e continuera' a corrodere la superficie.

§

L'ansia riposa, ha gli occhi chiusi chiusi e un sonno profondo, quando si svegliera' si dibattera' e squotera' l'albero per farne cadere tutti I frutti finche'.. tutto sara' a terra e sulla cima dominera' incontrastatamente sovrana e misera..

§

la solitudine.

 
 

 

La Natura (o ciò che ne vedo) mi ispira,

mi mette, come ogni altro pittore, in uno stato emozionale che mi provoca un'urgenza di fare qualcosa,

ma voglio arrivare più vicino possibile alla verità e astrarre ogni cosa da essa,

fino a che non raggiungo le fondamenta (anche se solo le fondamenta esteriori!) delle cose...

Piet Mondrian

 

se il sole freddo ti guarda ridendo

se nessuno accarezza le tue idee

se salire il pendio e' impossible

sei vivo.. e sei sulla strada giusta

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

 

Pirata

Post n°128 pubblicato il 28 Gennaio 2012 da StarryZjl

Ti aspetto sulle molli dune grigie

La veste rosa antico e i boccoli biondi raccolti

A pesare sullo sguardo fiero

 

Nubi scure riflettono le tenebre vicine

Dolce sabbia calda accoglie piedi nudi

E solitari

 

Emergerai dalla risacca

Pirata, e danzerò girando

Nell'occhio il verde delle foglie

E il blu biancastro dell'onda

 

Arriverai

 

E il legno avvolgerà le mie spalle

Ai balzi della nave donerò i miei respiri liberi

Sogno reale di gabbiani e di sale

Di silenzio infinito

Tagliato dal vento

 
 
 

tequila e vitamine

Post n°127 pubblicato il 17 Giugno 2009 da StarryZjl

 

Nessuno nessuno

 

vago nei meandri della mia obesa depressione e cerco di sgonfiarla attraverso un proiettile appuntito, con una parola veloce e pittoresca faccio una parodia di me stessa per non guardare negli occhi il mostro

 

cosa ci sia di così mostruoso in me nessuno lo sa

 

è solo questa pressione che spinge tutte le pareti interne del mio essere Bomba

 

oggi compravo dei vestiti carini, oggi nessuno guardava che compravo i vestiti carini. si comprano dei vestiti carini per essere notati .. e quindi dato che è ben poco interessante che io abbia comprato dei vestiti carini.. il mio profilo di donna troppo cresciuto nell'asse x ha formato nella mia mente deviata una chiara immagine.. una grossa merda dentro a un vestito carino

 

dato che non sono, al dire di tutti, una persona così altamente inguardabile mi chiedo perchè mi debba sentire sempre così enormemente disastrosa, non solo nell'aspetto, non mi sento solo un semplice grosso topo lercio, ma un grosso topo lercio che nuota per stare a galla nella cacca:

 

calamita naturale di guai

 

è strano come in ogni complessa soluzione che si escogiti ci sia sempre una leggera ombra che sfiora il nostro intuito, lo accarezza e se ne va lasciando una grigia traccia di nebbia.. e puntualmente poi si scopre che quell'ombra avrebbe potuto salvarci dalla catastrofe se solo l'avessimo un po' considerata.. il cataclisma accade sempre in quella piccola zona nebbiosa

 

bene adesso mi sono un po' ripresa e posso affermare che dopo l'incisione nera di queste lettere .. un po' del mio sconforto se ne sta andando

 

vorrei vedermi e diventare quello che sono ma ne ho decisamente paura

 
 
 

KrUKKEN

Post n°124 pubblicato il 25 Settembre 2008 da StarryZjl

 COME FANNO I TEDESCHI A CAPIRSI TRA LORO?

Studiare il tedesco è come mangiare un pacchetto di caramelle al wasabi, come spaccarsi i denti sul bordo della piscina, come essere a Dublino ed avere taaanto freddo.. vedere un pub e ficcarcisi dentro per scaldarsi e una volta entrati svenire per il puzzo di scoregge per la quantità infinita di malto marca Guinness che si bevono.


Ma se


fossi una tedesca


vorrei scrivere con quella bellissima stilografica nera le parole dell'angelo di Wim Wenders..




Als das Kind Kind war, war das die Zeit der folgenden Fragen:


Warum bin ich ich, und warum nicht du?


Warum bin ich hier, und warum nicht dort?


Wann begann die Zeit und wo endet der Raum?


Ist das Leben unter der Sonne bloß ein Traum?


...


Ich weiss jetzt, was kein Engel weiss.




Quando il bambino era un bambino, quello era il tempo di queste domande:


Perché io sono io, e non tu?


Perché sono qui e non la?


Quando cominciò il tempo, e dove finisce lo spazio?


E' la vita alla luce del sole solo un sogno?


...


Io ora so, quello che nessun angelo sa.

 
 
 

 WOODY ZJL PECKER

Post n°123 pubblicato il 17 Settembre 2008 da StarryZjl

 

STASeRA tornavo a casa col cinquino per la strada e mentre stavo a decidermi pensosamente a chi ficcare la testa nel culo di chi

 

 tra la mia collega dirimpettaia secca in culo e un tipo maleducatamente ignorante dell'ufficio tecnico AMMIRAVO contemporaneamente il cielo ripieno di nuvole nere, l'arcobaleno e il tramonto giallorosa da savana padana.


E POI la luna enorme e giallemente brillosa striata e schiacciata dalle nuvole in controluce. Penso che di fronte a quella luna anche DRACULA mi sarebbe stato simpatico.


E guidavo e cantavo, e impegnatamente pensavo che se fossi una cantante data la mia voce StONANTE sarei sicuramente una cantante di musica country e con i miei due neuroni STONATI E ARMONIOsAMENTE DIsCORDI potrei anche scrivere la stessa musica country.. e fare miliardi!


EinveceNO, sono qui, a pensare a quanto disperatamente non so il tedesco quando il ruolo più figo che possano offrirmi in una ditta figa che mi verrà possibilmente proposto esige un tedesco “perfetto”.


Amo di questo mondo maledetto e controverso ogni sua piccola gOCCIA.


iMPAZZISCO

 
 
 

 CANICULI' CANICULA'

Post n°122 pubblicato il 25 Agosto 2008 da StarryZjl

 

E io che pensavo che Caparezza esagerasse..



La Puglia è un paese bello, il paesaggio e il mare sono meravigliosi, la gente è cordiale con i turisti.



Ma



Perché ci sono cani randagi ovunque? 70.000 mila erano per le strade nel 2007.. chissà quanti nel 2008. Con un muso tipo quello qui sotto appariva il cane giallino che barcollava nel fiorente lungomare di Torre Vado.. tra mille mila turisti che gli passavano accanto dicendo.. “poverino, che pena mi fa”..




i suoi occhi persi.. lo sguardo confuso, debole, ammalato e pieno di pidocchi..



E' il cane di tutti..” mi ha detto la vigi-lessa ridendo.. “e c'è l'altro suo amico più in là.. sono innocui sono mesi che girano e sono sempre qui”


Inutile dirle che è ammalato vero? Inutile dirle che ha bisogno di cure.. inutile chiedere di portarlo in un canile..


Ci sono i canili.. ma sono pieni di cani molto più ammalati.. ci teniamo solo i casi gravi.. e poi c'è una campagna di sterilizzazione per loro! Qui stanno bene, è nei piccoli paesi che ci sono branchi che attaccano le biciclette e le persone. Ma questi stanno bene ah ah ah non si preoccupi.”



Ah



Avrei voluto che un intero branco di cani del demonio la sbranassero.. e il cane era li giallino, sporco, barcollante, perso.. ci vedeva poco.. cercava compagnia più che cibo.. una carezza regalata, sapeva che stava per morire. A tutti faceva pena, e nessuno faceva niente.


Dato che sulle spiagge c'erano gli ombrelloni uno sopra l'altro e i lettini da sole formavano un unico grande letto che non si poteva nemmeno scorreggiare perché gliela facevi direttamente in faccia ad un altro da quanto erano vicini sti cazzo di lettini.. mi auguro che adesso Torre Vado abbia almeno i soldi per curare quel cane giallino.

 
 
 

NON PIU'

Post n°121 pubblicato il 13 Agosto 2008 da StarryZjl

 

A nessuno


quello che provo si perde tra gli altri mille alberi neri

non importa a nessuno

non importasse più a me


non


dire


potrebbe accadere


non provare


rifugio nel silenzio e nell'acqua bassa dove mille mani nere mi strappano il ventre

come una bambina topo desiderare di essere une creatura del cielo


la volontà non rientra più nelle mie collane di pietre verdi

e la conosco questa lingua di serpente che mi soffoca la gola e stride calda sui miei denti

vorrei solo scomparire dicevo


non


dire


potrebbe accadere









domani i coniglietti di pongo della sony coloreranno di nuovo il mio microcefalo resettato

non importa




di recente mi hanno detto.. non mi dire che tu non hai mai tradito

 
 
 

Teardrop e ti amo terrone a confronto

Post n°120 pubblicato il 26 Giugno 2008 da StarryZjl

    

Chi ha copiato da chi? Difficile a dirsi!

 
 
 

ZuERUck - back Home - son a casa

Post n°119 pubblicato il 10 Giugno 2008 da StarryZjl

Tornata da londra, sono stata in stato di shock per un mese e mezzo.

Italien

Italy

Italia

ITALIA

Sembra il nome di un tornado..

.. al primo colloquio ho chiesto una paga quasi corrispondente a quella che avevo a londra, risposta: Ehm, la sua figura professionale è decisamente ottima per il ruolo che si è aperto nella nostra ditta ma.

MA?

ma non possiamo permetterci di pagarla.

Nei colloqui successivi ho evitato di dare qualsiasi indizio sulla mia paga dei sogni.. ho chiesto sempre quanto offrivano.. e alla fine.. dato che le offerte erano sempre quelle.. ne ho scelto una e no cercato di tirarla il più possibile..dopo un mese e mezzo di ricerca e un anno di culotanto a londra ci ho guadagnato che:

-         guadagnerò 200 euro di più al mese rispetto a prima..

-         verrò licenziata al massimo in due settimane in quanto realizzeranno che io.. il tedesco.. ehm..

NON LO CAPISCO Verdamtes Scheisse!

Italien

Italy

Italia

Si esce qualche sera.. non si conosce mai nessuno. Pensavo di essere io poco socievole.. poi mi sono guardata intorno e ho visto i Polentoni.. no.. non sono io..

Zjllovac, il mio laptop, è stato spedito in ospedale (dopo aver dovuto minacciare di morte avvocatariale la casa costruttrice), e per quanto il piccolo Zjllovac fosse un ricettacolo di tutti gli errori delle teste di cazzo della Fujitzu-Siemens.. io gli volevo un sacco bene e ora mi manca..

Dopo una settimana dal mio ritorno.. dato il cambio gestore, in casa mia la connessione a internet è interrotta forse per sempre, visto quanto sono in gamba quelli del provider..

Ogni giorno sono andata in biblioteca per ore e ore a inviare disperatamente CV a tutti e a spendere milioni in benzina per fare colloqui a destra e a manca per ruoli in cui devi far tutto tu per poche palanche (potrai scegliere poi se con esse vorrai pagare le tasse oppure comprarti una corda resistente per impiccarti).

Dopo uno dei mille mila colloqui con i soliti schiavisti ai quali ho negato il mio orifizio posteriore per l'ennesima volta mi sono avvicinata al parcheggio nel quale avevo lasciato incustodito il Gatto delle Nevi (per chi non ricordasse la mia nuova 500 maschio omosessuale bianca bianca) e con mio stupore vedo due donne che discutono li vicino guardando le vetture parcheggiate:

-         Vara che lavoro! Come gai fatto a fas un desio cussì?

Che in veneziondo significa: “Guarda che lavoretto! Come sono riusciti a combinare un tale casino”

Mi avvicino.. dato che sono miope devo avvicinarmi molto alle cose prima di vererne la realtà effettiva.. (avevo anche appena fatto aggiustare gli occhiali da dieci minuti.. dato che in sauna in Slovenia la montatura Pradiana si era ristretta al punto di far sgusciare fuori una lente).. mi avvicino ..

sento quella frase e la ripeto dentro di me.. “Vara che lavoro! Come gai fatto a fas un desio cussì? E mi dico.. NO. NON AL GATTO. NO NON E? POSSIBILE.

Poi vedo il gatto.. il Gatto delle Nevi era lì.. tesoro.. era ancora li.. non si muoveva..respirava ancora.. ma.. era in una posizione strana.. era parcheggiato di traverso.. e io l'avevo parcheggiato dritto..

Ormai la vicinanza dava alla mie retine la visione nitida e cruda della catastrofe.. il Gatto delle Nevi non si muoveva.. non scodinzolava più.. forse non avrebbe potuto scodinzolare mai più.

Un camion in retro l'aveva sbattuto contro la Clio vicina e poi se nera andato lasciando un bigliettino da visita alle due auto in frantumi.

Prima lacrima. Sconvolta chiamo aiuto, e la prima autorità che mi viene in mente è la polizia che mi dice che non possono intervenire per ste cazzate e che devo fare la constatazione amichevole.. MA CON CHI LA FACCIO?!? (Teste Di Cazzo)

Inutile.. chiamo i carabinieri che sono un po' più gentili con le donne disperate.. alchè issi mi dicono che non possono intervenire ma che mi possono passare i vigili.. Ok .. pensando al mio odio innato per i vigili urbani e per il mio disprezzo più totale per questa parte così inutilmente fastidiosa della società stavo per rifiutare poi .. uno sguardo al mio Gatto ormai guercio.. la mia pietà mi muove il cuore.. io che non ho mai avuto pietà per nessuno.. Accetto a malincuore e contronatura.. si si.. passatemi i vigili..

Signorina non possiamo far niente.. non ci sono feriti non interveniamo..SENTAAAAAAAAAA, SONO DA SOLA QUI, CON UN BIGLIETTO DA VISITA CHE POTREBBE ESSERE DI CHIUNQUE! LA MACCHINA E' NUOVA E DISTRUTTA, C'E' N'E' UN'ALTRA VICINO .. DISTRUTTA PURE, NESSUNA ANIMA VIVA IN GIRO.. SONO IO DA SOLA IN UN PARCHEGGIO STERRATO CON UNO STRONZO USCITO DAL CANTIERE VICINO CHE MI HA APPENA MINACCIATO DICENDOMI CHE MI STA BENE PERCHE' QUI NON SI PUO' PARCHEGGIARE QUANDO NON C'E' UNO STRACCIO DI CARTELLO DI DIVIETO E

sono disperata..

Signorina.. ma ci vorrà almeno un'ora prima che riusciamo a mandare qualcuno..

Ok.. non importa.. li aspetto qui, non mi muovo.

Nel frattempo arriva il proprietario della clio che dimostra una flemma invidiabile per l'accaduto dato che secondo lui il biglietto da visita è una chiara ammissione di colpa e ammissione della lorsivoglia volontà di pagare i danni..

..  quanta razionalità in queste parole.. come invidio gli uomini e la loro logica da 4 soldi.. facile, una mela più una mela uguale due mele.. AMO GLI UOMINI sono esseri così monocellularmente divertenti

 

 
 
 

zUERUck - back Home - son a casa

Post n°118 pubblicato il 10 Giugno 2008 da StarryZjl

ZÜRUCK secondo episodio

Ok, inutile spiegargli che quel bigliettino poteva essere di chiunque per quanto ne sapevamo noi, e che forse i tipi del bigliettino avrebbero forse cambiato idea e forse l'indomani avrebbero deciso che non avrebbero mai pagato la loro pena, e che forse l'avevano addirittura fatto apposta il CRASHONE come fanno certe teste calde pur di infierire su qualcuno che invade il loro territorio (anche se non è il loro..) e colpire al cuore chiunque intralci la loro frenetica corsa ai soldi.. questa compagnia edile forse aveva voglia di fare una cattiveria..  non sarebbe la prima volta che succede.. ma come spiegare tutto questo a una mente così linearmente perfetta di un UOMO, splendido compagno che quell'essere supremo ci ha affibbiato per l'eternità.

Ok per farla breve.. i vigili sono arrivati.. hanno chiamato la compagnia edile che ha ammesso la colpa, hanno steso un verbale, hanno fatto delle foto.. e il mio cuore ha deciso di ricominciare a battere.. un barlume.. un immagine di un Gatto delle Nevi salvato in extremis da un Dr House per gatti mi è apparsa come un santino illuminato.

Dopodiché il vigile più giovane stava cercando di infierire su di me quasi urlandomi che non era possibile che lo avessero fatto apposta dato che avevano lasciato i biglietti da visita.. io, per la solita teoria sugli uomini ho smesso di rivolgermi a lui e andando a rivolgermi direttamente al vigile più vecchio per avere istruzione sul da farsi per chiudere la storia e farmi dare uno straccio di verbale da dare all'assicurazione..

Mentre venivo a sapere che il verbale ci vuole SESSANTA GIORNI ai vigili per stenderlo.. non avevo dubbi guarda.. mentre venivo a sapere che essendoci tre veicoli coinvolti dovevo fare ben due noiosissime e spaventosissime costatazioni amichevoli... mentre i vigili urbani urlando al telefono con il latitante autista del camion sedicente proprietario dell'impresa edile non riuscivano a farlo convocare in loco

NONOSTANTE

-         la madre del camionista e segretaria della ditta aveva un attimo prima dichiarato ai vigili al telefono che il figliol prodigo era atteso per pranzo li a due passi da noi

E NONOSTANTE

-         a loro, i Vigili, le Autorità, di solito si obbedisce no?

DICEVO.. mentre il vigile più giovane.. che ho prontamente soprannominato “la volpe” si metteva a litigare con un operaio di Chioggia che passava di la.. Sicuramente per cosa futile nacque la loro nobile rissa.. i due vigile insultati trascinano il chioggiotto ululante con la forza fino alla loro volante.. gli sequestrano le chiavi della macchina per non farlo scappare e chiamano rinforzi.. nel frattempo volano vicendevoli premurosi insulti, intimidazioni e strattonamenti.. VORREI RICORDARVI CHE NON A CASO IL GOLDONI SCRISSE

le baruffe chioggiotte

Insomma.. mentre la forze unite della Chioggia Liberata, dell'Uomo Maschio Super Razionale e della Potenza Municipale si esibiscono all'unisono in una epifania del sublime.. mentre tutto ciò si svolge sotto ai miei occhietti miopi e all'unico occhio buono del povero Gatto delle Nevi...

..una signora FRANCESE passa come un angelo tra noi con la sua bicicletta.. e dice di essere stata testimone dell'incidente alle nostre auto e rilascia ai vigili il suo nome il telefono e il numero di targa del camion colpevole..Peccato però.. che la targa non coincida a quella dichiarata dal “camionaro edile” latitante.

Ok, penso fra me e me, che faccia quello che vuole.. lo stronzo, che dichiari l'automezzo che più gli aggrada per risparmiare con l'assicurazione.. non mi frega un pisello.. basta che domani alle sette e mezza si presenti all'appuntamento e firmi questo maledetto modulo di constatazione..

.. ero al parcheggio dalle 11:00, ora erano le 2:00 pm.. grazie vigili urbani.. grazie per lo spettacolo..  adesso mi stavano dicendo gentilmente che se il tipo non si presentava all'indomani bastava chiamarli.. e io mi allontanavo da loro e pensavo tra me e me che perlomeno avevo ottenuto il mio scopo di parare il mio sederone e quello del Gatto.. ma che avrei veramente avuto dei forti dubbi sul fatto di richiamarli di nuovo.. i supereroi..

Per tutta la notte non ho dormito.. ma il mattino il latitante si presenta e firma.

Passo altri due giorni a telefonare, a mandar raccomandate per le assicurazioni e ad altri enti cultori del magna-magna, ad andare dal carrozziere, ad altri colloqui, a mandare il fax di accettazione del mio nuovo contratto di lavoro.. comincio lunedì a lavorare.. e ora sono qui davanti a Zjllotron.. il mio computerone da tavolo..

.. non ho quasi mai studiato.. ho avuto così poco tempo per studiare tedesco che ho abbandonato pure l'Eletto (che se  n'è andato al mare con gli amici).. pur di ricavare poche tristi ore di studio.

Sola e ignorante.. come sempre cerco di guardare i Simpson in tedesco e capisco che non ce la posso fare.. non riescono a farmi ridere.. che strano.. forse che non capisco una sega della bellissima e altissima e purissima lingua germana..

Sono arrivati i miei parenti scrocconi.. a succhiare dal nostro sangue come ogni domenica.. mia madre ha una predisposizione a venerare gli scrocconi e ad assecondarli.. mi raccontò un giorno che quando partoriva mia sorella aveva visto un tunnel di luce e una voce le diveva:

A Raffà, non è ancora la tua ora.. torna indietro e fai del bene..

Forse è per questo che ha comprato pure un cavallo a mia sorella, per fare del bene, per incentivarla a studiare.. quando sono tre anni che non tocca un libro e non si vede ombra di un esame.. non segue neppure i corsi.. come fa del bene mia madre.. non lo fa nessun altro.. anzi invito tutti gli scrocconi del mondo a presentarsi a casa mia e a ricevere la loro parte di bontà da mia madre.

Studio tedesco.. scrivo tedesco.. leggo tedesco.. ascolto tedesco.. niente.. non capisco una sega.. verrò licenziata.. e mi sento martire..

una Malaussena, il capro espiatorio di questo bellissimo paese dei cicloni..  ITALIA CIAO

... SONO TORNATA.. SONO LA TUA CAPRA ESPIATORIA..

un giorno riuscirò ad uscire dai tuoi confini municipali, Italia, un giorno quando avrò capito come sei in ogni tua parte..forse ti perdonerò per aver storpiato il mio Gatto, e mi lascerò travolgere dal tuo tornado di inutili macerie, ti accetterò perché così fanno tutti i Polentoni già da tanto tempo.. mi sembra di essere don chichotte.. patetici fendenti al vento.

Ah Ità.. dimenticavo.. possiamo essere amiche?

Il polipone italiano non mi degna di una risposta.. capra sono, nel mio recinto. Prima o poi ti spacco ITALIA. A testate, te lo giuro.

 

 
 
 

Post N° 117

Post n°117 pubblicato il 29 Maggio 2008 da StarryZjl

Sembra che il Sole si Spenga

che tutti i colori svanendo Scompaiano.

Lo Sguardo freddo accarezza forme mute e recise,

la pietra Stringe ormai tutte le cose.

Nessuna lacrima, Nessun dolore,

chiusa per sempre la bocca,

gli occhi guardano senza cercare

perché, bianchi, Non vedono.

Non sento, Non provo.

Poi i tuoi occhi accendono il mondo

ridono a sorprese di Fiori e di Foglie. Mille canzoni le tue mani schiudono

e il tuo lento, lieve passo sicuro nasconde le pietre.

Riempie di luce e incanta

la tua alta Figura che qualche dio ama.

La tua Parola rara e Preziosa scioglie

il mio Pugno stretto e libera voli di sorrisi.

Tocco l'enigma dei tuoi Pensieri,

non ti conosco e sei già nitidamente scolpito nel miei Polsi.

 

La pioggia Bacia i tuoi occhi e sfiora la tua Bocca, scorre tra le tue Braccia e solo questo io chiedo, che tu sia.

 
 
 

Post N° 116

Post n°116 pubblicato il 22 Aprile 2008 da StarryZjl

Büchner..



 



Quasi nessuno lo conosce, faceva teatro,
era un nichilista, non era male però, la sua teoria scavava in profondità
l'animo umano,
chirurgo,
conosceva anche ogni singola parte del corpo.



 



Pensava che ogni persona fosse un piccolo
mondo, pieno di pensieri, intuizioni, emozioni, dubbi e paure strutturati tutti
su un corpo di carne e ossa, corpo di cruda verità nel quale ogni sensazione
sarebbe imprigionata. Questo piccolo mondo, il microcosmo di un essere umano,
sarebbe circondato da uno strato di cemento così spesso che nessuno degli altri
suoi simili potrà mai conoscerlo o incontrarlo veramente.



 



Forse il grande Büchner stava solo aspettando
che qualcuno gli dimostrasse il contrario, oppure..



 



Büchner sapeva anche che perfetti sconosciuti possono ridere
alla stessa battuta e commuoversi alla stessa scena di tragedia.. che abbia lui
stesso trovato nei suoi drammi la via per forare quel guscio che ogni essere
umano porta.. solo per difendersi.. solo per poter dire di essere
diverso..
quando nel suo intimo sa, che siamo
tutti
fatti della stessa stoffa?



 



Più
volte quando ero moooolto più giovane scrivevo: “l'uomo è uno stupido gigante
cieco, non merita la sua ombra e non regge la luce (intendevo l'intelligenza),
la vuole per sé senza capire che è suo indegno prigioniero.” Com'ero incazzata.. ora non mi interesso più
di esistenzialismo o filosofia.. preferisco ammirare un acquario di squali, mi
fa sentire a casa.



 



Ihihih



 



vi
voglio bene



 



 

 
 
 

11 aprile.. si riscollina

Post n°115 pubblicato il 10 Aprile 2008 da StarryZjl
 

L'undici aprile Zjl scollina per la seconda volta. Auguri..

 
 
 

ELEZIONI: tra Scilla e Cariddi

Post n°114 pubblicato il 10 Aprile 2008 da StarryZjl
 
Tag: ITTTALY

 Riusciremo noi poveri pirati italiani a passare per lo stretto: a destra le fauci dei sei cani coi loro colli a serpente di Scilla e a sinistra il vortice impietoso di Cariddi..

 

Circe diceva ad Ulisse:

Quando lontano di là si saranno spinti i compagni, allora io non posso più dirti con esattezza la via, con te stesso dovrai consigliarti...

...vi sono due scogli, una con la sua vetta aguzza sfiora il vastissimo cielo, lo avvolge una nuvola scura che mai l'abbandona e mai, nè estate nè autunno, è limpido il cielo attorno alla vetta. Un uomo non potrebbe scalarla nè potrebbe salirvi neppure se venti piedi avesse e venti mani: così liscia è la pietra che par levigata. A metà dello scoglio vi è un antro nebbioso, rivolto all'Erebo, verso occidente: qui volgi la conca nave, glorioso Odisseo. Un uomo forte che dalla conca nave scagliasse una freccia non potrebbe colpire quella cava spelonca. Vive là dentro Scilla, che latra in modo pauroso. La sua voce è quella di un cucciolo, ma essa è un orribile mostro. Di vederla nessuno godrebbe, neppure un dio. Ha dodici piedi, ancora informi,  sei colli lunghissimi e su ciascuno una testa orrenda, con tre file di denti, numerosi e fitti, pieni di morte nera.  Per metà si cela dentro la cava spelonca, ma sporge le teste fuori dall'orrido antro... Di là nessun marinaio riesce a scampare, illeso, con la sua nave: con ognuna delle sue teste essa afferra un uomo, strappandolo alla nave dalla prora azzurrina.

Un altro scoglio, più basso, vedrai vicino, Odisseo; distano un tiro di freccia l'uno dall'altro. Un grande fico cc'è sopra, pieno di foglie, sotto c'è la divina Cariddi che inghiotte l'acqua scura. Tre volte durante il giorno, la inghiotte, e la rigetta tre volte, orrendamente. Non devi trovarti là, quando la inghiotte: neppure il dio Poseidone potrebbe sottrarti alla morte. Allo Scoglio di Scilla tienti accostatoe, rapodo, spingi oltre la nave, perchè è molto meglio piangere sei compagni piuttosto che piangerli tutti.

 

Tra Scilla e Cariddi forse per noi Odissei d'Italia dovremmo veramente

VOTARE DIVERSO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

ZjllITALY: VOTATE Zjl .. We want You! 

Post n°113 pubblicato il 09 Aprile 2008 da StarryZjl
 
Foto di StarryZjl

Benvenuti alla prima intrigante puntata di ZjllITALY un viaggio all'insegna dell'FDC (facciadaculaggiane) e della cattiveria avvelenata di una piccola italiana che è stata rifiutata a un colloquio con la frase: "non possiamo permetterci di pagarti!"

Evviva l'Italia

Tornata da appena una settimana e mi sono ritrovata come un virus nel "tessuto connettivo italiano" (espressione in voga in questo periodo super elettorale!) Italiani!!!

Italiaaaannni!!!

Ma non vedete che stiamo benissimo anche senza governoo! Ma cosa li paghiamo a fare questi politici.. Berluscao ao ao che dice alle povere studentesse precarie che devono sposare suo figlio o un milionario!! Questo sì che è problem solution!!

facciamoci deridere.. massì anche dagli stronzi.. tanto ormai!!

E Prodi.. Prrrrrodi (un nome una scoreggia cazzo!) Prodi che ci ha portato allo sfacelo.. ultima povera caccolosa ciliegina sulla torta..

..ma nella forestosa spugna italiana del magna magna sono pure riusciuta a comprare quello che è l'unica cosa bellina prodotta dalle nostre italianissime riunioni neuronali.. ed ecco a voi il mio, nuovissimo, lussuosissimo e.. gay.. Gatto delle Nevi:

Avete capito? Per le prossime elezioni.. credetemi Votate Zjl!

Autogoverniamoci capperi! Piccoli abitanti di ZjllITALY, revolution!

 
 
 

Post N° 112

Post n°112 pubblicato il 01 Aprile 2008 da StarryZjl
 

 

the sky falls down


I am staring at its frozen face as it opens the black blue mouth


it scratches my skin with sharp tiny stars


my heart


is going to shrink and squeeze against my back


i can't breathe


the sounds of the city


laughing shadows I will miss



soon the sky will devour me


endlessly empty


the silence will keep my eyes open


I'll know then


I know you so well


remember every single word you told me


sky


embrace me and heal me


my tears your falling stars


your dark air will touch my lips


alone


in your dark sublime


I'll swim


will kiss you


and die

 
 
 

Post N° 111

Post n°111 pubblicato il 29 Marzo 2008 da StarryZjl

 

David Shrigley (è vivo e vive a Glasgow)


Ebbene si.. sono stata alla Britain Tate ed ho scoperto un altro artista che amo, e che si classifica subito dopo Voltaire. E' anche un buonissimo esempio di FDC (Faccia Da Culo) dato che ha fatto i soldi con queste sue opere che sono come questa:

e che la gente fessacchiottamente compra proprio perchè create da un brillante FDC.. geniale vero?


Un sito su di lui:


http://www.davidshrigley.com/list_drawings.html


Questa è la mappa della metro di Londra di David.. ed è esattamente come le vedo io!

 

Questa è la saliera.. come la vedono molti:

 

Come molti non si rendono conto di essere gay!


 

Il mio stesso stile nel dire le cose..

 

Come quando si ascolta un discorso di Ale (programmatore)..

 

Gli piace la Coca Cola.. (o meglio ..la odia)

 

Ne deve sapere qualcosa di quel maledetto sistema di controllo delle masse..

 

Odia l'omologazione..

 

e il moralismo..

 

A volte sfacciato e cattivo..

 

A volte non capisce cosa vuole..

 

.. cercando una verità..

 

 

 

 

ha un problema fisso col denaro e col mondo del lavoro..

 

è attirato dalla possibilità..

Fa strane domande.. non si capisce se ce l'ha contro chi è contro gli omosessuali..

 

 

E' come lasciavo io messaggi a quel coglione del mio coinquilino brasiliano che non reffava un cazzo del mondo e mi creava un sacco di rogne..

 

amo le sue canzoni d'amore..

 
 
 

Il senso di Zjl per l'orientamento

Post n°103 pubblicato il 27 Marzo 2008 da StarryZjl
 

 


Dopo il senso di Smilla per la neve, nasce il senso di Zjl per l'orientamento.. non so se avete mai visto il cartone animato giapponese Ranma.. si? Bene.. No? Fa lo stesso. Sta di fatto che nel cartone appariva sempre un personaggio super insulso.. un certo Ryoga:


e questo tizio.. si porta perennemente il sacchettino di vagabondo con se.. come me.. non perchè sia un barbone.. ma perchè si perde ovunque lui vada e in qualsiasi momento. Ryoga rappresenta me stessa e la mia, come dice l'Eletto, storditaggine.


Perchè???? Perchè oggi sono partita la mattina presto presto per il Science Museum.. il bus non passava quindi ho preso la metro.. poi ho preso un altro bus e l'autista mi ha pure fermata davanti alla strada del museo indicandomela esattamente.. Dunque.. entro in questo museo e comincio ad ammirare pietre preziose, minerali, rocce.. bello.. dopo 2 ore mi sposto su un'altra zona e comincio a vedere la storia dei terremoti.. bellissimo.. museo super interattivo.. dopo un'altra ora arrivo alla sala dei dinosauri..


E QUI MI E' VENUTO IL DUBBIO (!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!)


Cazzzooooooooooo, era il museo di storia naturale, il “Natural History Museum” - tra l'altro era scritto ovunque.. e non solo mi è piaciuto molto di più del Science Museum che ho poi trovato sulla stessa strada poco dopo il Natural ma...


ho avuto la fortuna di vedere un diavolo della Tasmania, ascoltare il canto delle balene e scoprire che probabilmente nella mia vita precedente ero un ghiottone..


Non tutto il male viene per nuocere.. nel regno nebbioso di Zjl.. ihihihih

 
 
 

Panico al British Museum

Post n°102 pubblicato il 27 Marzo 2008 da StarryZjl
 

 


Ebbene.. oggi, dopo 4 ore di code in banca per un bonifico.. sono sgattaiolata al British Museum.. non l'avessi mai fatto.. adesso capisco perché certe persone che mi conoscono e che resteranno anonime (Ale) temono il mio ritorno come se fossi l'anticristo..


In pratica.. dopo aver ammirato fantastici reperti mesopotamici, e molti altri vari cosi che già ho rimosso dalla mia memoria.. non ho più spazio disponibile.. volevo andare dal livello 5 (Giappone del 1700, bellissime le statuette dei demoni giapponesi ad esempio il gambelunghe + il braccialunghe + polipo, oppure il demone lucertola oppure il fungo-pipistrello.. ecco da dove nascono i Pokkemon..) al livello -1 che avrebbe dovuto essere la sala dedicata all'Islam.. per arrivarci.. ehm.. ho usato l'ASCENSORE...


Ero molto stanca.. erano le 5.15pm, altri 15 min e il museo avrebbe chiuso.. ebbene, invece di premere il tasto con la freccia giù..


ho premuto il tasto dell'emergenza..




Credetemi.. è molto facile confonderli.. quando non si reffa molto.. (lo so non è una giustificzione sufficiente)


Una volta arrivata al -1... un rumore come ultrasonico ha cominciato a permeare la sala e i miei timpani.. ho fatto in tempo a vedere si e no 5 o 6 coloratissimi tipi di “piastrellature” del mondo arabo ed è arrivato un tizio a cacciarci fuori per un presunto FIRE ALARM....


Tutto il museo.. in cui c'erano almeno 200-300 persone evacuato...


PREPARATEVI


sto per tornare da voi






 
 
 

Post N° 101

Post n°101 pubblicato il 24 Marzo 2008 da StarryZjl
 

PS: in rif al post precedente.. vorrei precisare che il mio amichetto gay escort mi ha detto che la maggior parte dei clienti è gente con soldi, spesso over 40, spesso sedicenti etero.. a volte pure sposati.. ihihihih

 
 
 

PASQUA A LONDRA.. nevica..

Post n°100 pubblicato il 24 Marzo 2008 da StarryZjl
 

Sono le 8.49 del mattino a Londra adesso, sono appena tornata, mi sono fatta una bella doccia, l'ho fatta anche al mio trench stralurido che il raccogli bicchieri ha gentilmente gettato inavvertitamente per terra dietro una panca in disco, sollevando ingenti insulti nel mio animo.

 

Sto mangiando dei biscotti e scrivendo anche se non ne ho nessuna voglia ma sono costretta cazzo.. ho troppo da dire e più che altro domani sono sicura che prima di tutto non lo pubblicherei.. e in secondo luogo.. me lo dimenticherei per cause di forza maggiore color verde dentro a un cilindretto di carta. Meno male che in casa non sono sola, c'è l'amico gay di L.a che è appena tornato da una sauna di 24 ore.. e non è una sauna per signore diciamo.., dicevo, meno male che è in casa, mi sento sempre a disagio a stare in una qualsiasi casa da sola.

 

Ieri sera, sabato sera, sono rimasta a casa come un cane, la mia dicesi “miglior amica” qui a Londra, mi ha lasciato a piedi, forse perché è andata a trombare, forse perché ha saputo cosa io e la L.a abbiamo fatto ai suoi amichetti brasiliani puzzoni per vendicarci dei loro maltrattamenti e schifezze lasciate ovunque in casa, forse perché è stata rapita dagli alieni, forse perché cazzo ne so. Sta di fatto che mi ha tirato un pacco galattico.. e la mia cena con vinello e maltagliati al sugo di melanzane, scamorza e parmigiano che avevo malauguratamente amorevolmente preparato invece di farla con l'amica l'ho fatta coll'amico gay di L.a, che vive in un bell'appartamento al 12° piano in cui L.a si è trasferita e in cui io sono ospite per una settimana. Bene, il vino non è stato toccato ma per lo meno la mia pasta è andata alla grande.. il tipo se l'è sbafata come se non avesse mai mangiato per una settimana..

 

Il giorno dopo.. ovvero ieri alle 11.30 mi sveglio e cominciamo a prepararci per un pranzo da amici di L.a che non conosco ma che potevo comunque ben immaginare come fossero dato che L.a è la regina di Soho, non nel senso che è una drag queen eh.. capiamoci, ma che frequenta e conosce tutti gli uomini gay di Londra e in secondo luogo fa parte, lei, di quella tribaglia della notte che clubbano regolarmante. La mia intenzione era quella di passare una Pasqua pranzata in compagnia, inoltre c'era un 2% di possibilità che magari qualcuno al pranzo potesse essere interessante, e infine avevano weed, che ovviamente era la miglor ragione per andarci, oltre al fatto che non mi sarei mai permessa di restare a casa.. sola come un cane (di nuovo dopo quel sabato sera di mierda) a rimuginare sul motivo della scomparsa della migliore amica e sul fatto che forse dato l'ultimo litigio forse l'unica persona che diceva di amarmi adesso si è reso conto che non mi ama più.

 

 

Arriviamo alle 3 a casa di sti tizi a Mile End.. lo spagnolo.. antico fucked-around-boy di L.a ha cominciato subito a darci del vino e erba ad intervalli regolari di 30-40 minuti, neppure fossimo tacchini.. lui è pure somelier, buon per lui. Vabbhè.. poi c'era questa creatura 21enne sul divano, un piccolo gay che ci ha intrattenuto (aihmè che due palle) con la sua storia della prima volta in privè in un club gay, in cui è stato iniziato per la prima volta all'amore con sconosciuti, era molto interessante per me sapere che aveva inchiappettato ben 35 ragazzotti più grandi lui in una sola sera.. ma chi se ne fregaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa. Tra l'altro in quella stessa sala orgiastica del fiiolo c'erano anche i presenti dell'attuaele pranzo pasquale a assistere e alcuni pure ad apprezzare materialmete le scenette, tutti esclusa ovviamente, ringraziando le stelle di Kenshiro che mi proteggono, me medesima io Zjl dolce tesoro. Non perché mi facciano schifo le orgie.. anzi direi che come a tutti gli esseri umani non mi dispiacerebbe farne una di tanto in tanto se la mia enorme fedeltà e la mia schifosa paura infinita per le malattie non mi frenassero totalmente.

 

Abbandonando la pallosità del 21enne, sta di fatto che sono girate parecchie cosette per quel tavolino della Pasqua.. potete ben immaginare a cosa mi riferisco: popolo della notte.. clubbisti.. 24 ore di fila non stop con conseguenti 12 ore di chill-out party.. cosa potrebbero mai prendere? Notare che non ho toccato niente a parte l'innocente e sacra erba e qualche paglietta.

 

Poi mentre si avviavano a partire verso il Fabric alle 10 per evitare il supercodone mi è venuto in mente che se fossi andata a casa come ripromessami non avrei avuto sicuramente avuto un cazzolino di bello da fare se non un probabile piantino sula mia migliore amica di Londra che mi ha abbandonato e un secondo probabile piantino per l'ahimè forse fu-amore che mi ha scaricato e non lo sa ancora.. sì sono paranoica, c'erano dubbi?

 

All'ingresso del Fabric si prospettavano 40 minuti di coda al gelo per tutti tranne per L.a che era in guest list. Per pura bava, sono stati reperiti amici di amici dello spagnolo, e subito subito ho saltato ben due transenne aiutata da vari maschioni e sono riuscita ad entrare prima di L.a.. ho ancora due ematomi allucinanti alle ginocchia.. transenne brute cative.

 

Da qui in poi, ore e ore noiosissime di minimal e electronic, mi piace tanto tanto il genere.. ma lo reggo solo 2 ore al massimo.. e anche se conoscevo già molto bene questi miei limiti , da ora in poi devo imparare a considerarli bene sti cazzi di limiti che ho. Veniamo al Fabric, dentro ai confini di quello che di solito è un club 50% straight e 50% gay ma che stasera (ieri sera, adesso è mattina anche se ancora non me ne rendo conto) è 98% gay, 1% bellissime e fascinose ragazze (tra cui io ero chiaramente la più oscena), 1% maschi etero sfigatissimi che sono convinti di aver meno concorrenza in un club con molti gay e ce quindi hanno più possibilità di ciularsi una (ahahhaahahahahah) io rido ma spero che gli vada bene.

 

Allora capendo che non avrei retto più di 2 ore..(e qui un po' mi vergogno a confessarlo, che buzzurra) mi son fatta regalare una chiavetta di coca, che, non avevo mai toccato finora in vita dato che mi sono sempre ritenuta la creatura più fragile del mondo dal punto di vista delle dipendenze.. e finora quindi me n'ero ben tenuta alla larga. Beh, la prima scoperta è stata che la coca è un po' amara quando entra e ne va un po' sulle papille gustative, poi l'unico effetto che mi fa è quello di farmi ballare e sfoggiare un sorriso a 59 denti per 5 minuti.. per cui ho ben tratto le somme che:

 

  1. per il costo spropositato di £50 pound al grammo non ne vale la pena

  2. per l'effetto inutilmente idiota e breve che ha non ne vale la pena

  3. come da previsione (ed è solo per quello che mi sono concessa di provare) non mi è servita ad un cazzo dato che sono già su di giri sempre costantemente di mio

 

Direi che mi sono sentita ancora di più un'ebete quando hanno aperto la tenda del palco e quattro meravigliosi cubisti e quattro meravigliose cubiste hanno aperto il Matinè. Mi sono vergognata di me stessa a vedermi, per accontentare L.a che mi ha letteralmente trascinata di fronte al palco, a guardare con finto sguardo estasiato e a fare apprezzamenti sugli otto pupazzi di gomma decerebrati alla Zoolander, dico, ho proprio esagerato a dire tipo: ohhhh che bei costumi.. che stivali sciccosi.. che bei modelloni.. anche le ragazze sono stupende.. e bla bla bla (tutte cagate che assolutamente non me poteva fregà de meno). Che buzzurra.

 

Poi verso le 4 ne avevo proprio le palle piene, non prendendo né pasticche né chetamina ne i mille mila acidi che c'erano a disposizione.. davvero... davvero alle 4 ne avevo le balle assolutamente rimpinzate di noia. Mi sono seduta su un divanetto sperando invano che L.a se ne venisse via.. dato che i soldi per il taxi non ce li avevo più, carta di credito neppure, chiederli mi vergognavo atrocemente.. e girare per Londra alle 4 di notte da sola non mi piace più di tanto.. ma come ben sapevo era pressoché impossibile che L.a si staccasse dal Fabric, dato che era la sua sera di caccia all'uomo dopo un mese di astinenza.

 

Nella mia insensata attesa, fortunatamente capita l'evento più importante della Pasqua buzzurra, ho avuto la grandissima possibilità di conoscere più da vicino il mondo di Soho e le sue incredibili creature. (osservazione dal presente: ora dal 12° piano vedo dalla finestra della camera la neve scendere su tutta L.a.. è ancora Natale! Oppure the day after tomorrow?) Allora veniamo all'evento.. annoiata a morte, ho notato un tatuaggio a scritte tailandesi sul polso e avambraccio di un mio vicino di divanetto, e.. dato che era evidentemente gay.. o meglio non era uno straight quindi non l'avrebbe presa come un “guarda adesso ci provo con te bel maschione” ma che al massimo mi avrebbe dato una risposta secca e disgustata e quindi non più di tanto impegnativa.. mi sono azzardata a chiedergli che cosa significasse la scritta.

 

.. non ho sentito un cazzo di quello che ha detto sulla scritta dato che ha parlato a voce troppo bassa e dato che gliel'avevo chiesto per pura noia neppure mi interessava veramente e non gliel'ho certo richiesto.. ma in compenso ho conosciuto il suo amico che ovviamente poco dopo ho scoperto che conosceva pure lui L.a (the queen of Soho) e che mi ci si è messo a parlare a raffica dei cazzi suoi.. rispondendo senza tanti freni alle mie domande che da millenni avrei voluto fare a una persona gay e che non ho mai avuto l'occasione di fare.. Sto tizio inglese di origini iraniane.. e per cui uno di quelli che gli inglesi molto razzistamente chiamano britannici all'inizio mi ha raccontato di essere un tipo ce lavora in banca e che ha fatto molti bei soldini e che ha comprato un appartamento a King's Cross. Le porte della mia ammirazione si sono subito spalancate e (intanto qui nel presente fioccano fioccoloni nevosi alla mia finestra e Londra è inghiottita dalla nuvolaggine e dai fitti fioccoloni.. quasi scompare in questa nebbia nevosa, incredibile città fantasma.. mi rilassa guardare la lentezza pesante dei fiocchi bianchissimi e silenziosi, coprono i rumori della città, era tanto tempo che non sentivo questo benvenuto silenzio) dicevo, le porte della mia ammirazione si sono subito spalancate e mi son messa a chiedere al tipo dei suoi progetti a Londra e mentre parlavamo arriva L.a e gli si fionda in braccio.. ovviamente piena di G, e sbaciucchiandolo mi dice che questo ragazzo è un escort.. e mentre cerca di baciarlo sulla bocca.. L.a in G è uno spettacolo.. lui le si nega dicendole che non ha mai baciato una donna né è interessato purtroppo.. che lui non ha mai avuto un rapporto sessuale con una donna ed è sempre stato gay.. Gli occhi di L.a si strabuzzano schizzando di fuori. Io ascolto il tutto ma alla parola ESCORT le mie porte dell'ammirazione si socchiudono.. e gli dico non appena L.a si rifionda a ballare

 

.. ahhhhh ecco come hai fatto a comprarti la casetta a Londra..

 

per chi non lo sapesse un'escort è una prostituta/prostituto che però sono più di alto borgo e se vogliono possono negarsi al cliente. Il tipo mi sorride e dice.. sì sono un escort ma solo part-time, non faccio niente e prendo bei soldi..

 

allora gli ho chiesto: ma come non fai niente? Puoi decidere cosa fare coi clienti? Se non ti vanno non li assecondi e vieni pagato lo stesso?

 

Allora mi ha detto come funziona: mi ha fatto vedere le foto del suo book fotografico che sono pubblicate nelle riviste per gay che L.a porta regolarmente a casa e che io regolarmente spulcio.. soprattutto le pagine degli escort.. certi numeri! Allora, tornando al tipo.. mi ha spiegato che lui ha tipo un listino di cose che offre di fare/farsi fare, per esempio.. trombaggio = £ 150. Poi ha sottolineato che lui non si fa fottere ma è lui a fottere dato che molti quando lo mettono agli escort non vogliono usare il preservativo.. ma io gli ho voluto appurare.. non è che non ti fai fottere perché sei attivo e basta e non ti piace.. ehm.. prenderlo?

 

No no dice lui.. io e il mio ragazzo siamo sia attivi che passivi.. al che la domanda sorge spontanea.. ma il tuo ragazzo non è geloso? Da quanto tempo siete assieme?

 

Mi dice.. guarda.. siamo assieme da 5 anni.. non è geloso.. capisce che è un modo veloce e facile di fare i soldi.

 

E tu.. gli chiedo.. non saresti geloso se lui lo facesse? Mi risponde che no, non lo sarebbe.. ma che ovviamente (ovviamente solo per lui azzolina) sarebbe geloso se lo vedesse adesso li al club con qualcuno che ci prova con lui.. Cazzo.. ma come? (Tra me e me [tu lo metti a centomila e allontaneresti chi ci prova col tuo moroso?] e io che mi sono persa il mondo dei gay per così tanto tempo.. che fuori.. mi ha anche detto che sa bene che il suo ragazzo quando torna in Nuova Zelanda, in patria, gli fa le corna.. ma cosa ci può fare? (Tra me e me.. ma come accidenti.. allontaneresti uno che infastidisce il tuo ragazzo in disco ma accetti di essere becco e cornuto ogni volta che il tuo ragazzo fa una cappatina in terra natia?)

 

Ebbene.. infine sono arrivata a togliermi il mio sfizietto magico che è quello che mi interessa di più..

 

 

Dato che tu sei nato gay e ti sei reso conto subito di esserlo, e io ti ringrazio perché così non hai provato una donna e non hai deciso che ti fa schifo.. hai risparmiato a noi donne una cosa che per noi è orribile.. scoprire che dopo aver fatto sesso con te il tipo diventa gay.. dicevo dato che tu sei sempre stato gay.. puoi dirmi come hai fatto ad accorgertene.. se non hai mai provato ribrezzo a farlo con le donne?

 

Beh, ho cominciato durante l'adolescenza a fantasticare e a desiderare le mie compagne di scuola.. come un ragazzo straight.. ma un giorno prima che mi cimentassi nella scalata verso il triangolo come i ragazzini straight ho fatto un sogno.. stavo toccando le tette a una mia compagna di banco.. e nel sogno questa ragazza aveva il pisello..

 

ahahhahahahahahah e qui quanto abbiamo riso tutti e due

 

e da lì.. mi ha detto.. ho sempre cercato la compagnia maschile per quanto riguarda l'aspetto sessuale.. mentre la compagnia femminile per le chiacchere e le mie confidenze..

 

Poi il tipo simpatico del divanetto assieme ai suoi amici se n'è andato, è subentrata una ragazza nera che offriva chiavi di roba agli amici e un gruppo di altra gente non interessante.. almeno credo.. non avevo molto voglia di parlare.. volevo solo andare a casa ed erano solo le 6.30.. il Fabric avrebbe chiuso alle 10 le mie balle, non erano più solo gonfie ma pure pietrificare e rotolanti come le ruote dei Flintstones.. al che uno straight polacco mi si avvicina e mi parla di 4 cagate da ubriaco.. dato che non mi passava una cippa e dato che continuava imperterrito a parlare seduto composto e senza allungare mani polipose dopo che ebbi specificato che avevo il ragazzo in Italia e che stavo per tornare da lui definitivamente.. ho fatto la pensata che magari le sue 4 cagate mi avrebbero riempito il tempo mentre aspettavo L.a.. ad un certo punto la sala dei divanetti è stata chiusa e io mi son ritrovata al bancone del bar co sto polacco che dalle cagate era passato a insistenti inviti o a ballare o a sedermi sulle panche.. dato che le mie balle ormai rasentavano le dimensioni e la velocità di rotazione di due eliche a turbina.. ho gentilmente declinato e mi sono liberata della pegola.. ho avvisato L.a che me ne andavo dato che ormai c'era il sole e le ho augurato una bella jiggyjiggyata.

 

Mi sono anche dimenticata che c'è stato un momento in cui ho pianto in mezzo alla gente per circa 65 secondi li al Fabric.. ma questi sono troppo cazzi miei per pubblicarli.. e non mi piace chiudere in tristezza. Vorrei solo aggiungere che la storia del ragazzo gay è una delle tante.. ci sono milioni di omosessuali con storie diverse e ragioni diverse, il mio non è un post discriminatorio o un post che pone giudizio alcuno.. molti gay mi stanno simpatici.. esattamente come molti straight. Altri mi stanno fortemente sulle palle.. esattamente come possono facilmente starmi sulle palle degli straight.

 

Il mio è solo un tentativo di curiosare e capire come funziona il mondo..nel mio piccolo.. quindi un bacione ENORME a tutti i gay. Grazie di esistere e di contribuire (quelli che non vogliono figli se non solo per adozione) al problema della sovrappopolazione del pianeta.. altro che lapidarvi e uccidervi in Iran.. dovrebbero essere tutti gay in Cina.. scherzo.. ricordatevi che vi voglio bene.. anche se non vi conosco.. a tutti voi gay.. tranne a G.e che è acido..

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: StarryZjl
Data di creazione: 26/01/2007
 

QUANTI DIAVOLO SIETE A NON FARVI I CAZZI VOSTRI?

tracker
 

NOI

Ad occhi chiusi

vaghiamo nel buio

Farfalle abbagliate

da un solitario raggio di sole

 

VIANDANTE

quando ti ho incontrata

eri sola

avevi bisogno di aiuto

mio riflesso

ero io ad averne bisogno

sacra ospite

sempre sarò tuo rifugio

sempre sarai mio conforto

 

 

ULTIMI COMMENTI

YA..FASTEN!!!!
Inviato da: diamante75m
il 25/09/2008 alle 23:39
 
Dimostri che i tue due neuroni sono troppi, riesci a vivere...
Inviato da: a111andrea
il 18/09/2008 alle 21:01
 
Oi Non-sono-io, ti pare che abbia detto che il problema più...
Inviato da: StarryZjl
il 17/09/2008 alle 20:00
 
Con tutto il rispetto per l'argomento... ma non mi...
Inviato da: non.sono.io
il 15/09/2008 alle 16:47
 
in effetti...!
Inviato da: diamante75m
il 10/09/2008 alle 12:47
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

PaolinosonoioSpaziOfficinaLabdonatoratrek09enricomanfixtlannpeee80gelixgeragablauragigaanimalshelteredilartrestaurileila.smmorfini.giancarloMariangela1dgl
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

SONDAGGIO - UOMO DELLA SERA

Con chi esco stasera? Aiutami..


Vota il MIO uomo per una sera.. (anche se sei un lui.. e chi se ne fregaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa)

 

1) Jude - voti: 5

2) Johnny - voti: 2

3) David - voti: 5


 

VOTA LASCIANDO UN COMMENTO A UN POST QUALSIASI, OPPURE MESSAGGIAMI QUI!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 3