Creato da histoire_2 il 31/10/2009

* complicata *

anima viola

 

« richiamo dell'animaooo »

Snow White and the Seven Dwarfs

Post n°68 pubblicato il 27 Maggio 2011 da histoire_2

....

...

..

Forse rileggere questa favola da un altro punto di vista

 ci aiuterebbe  a comprendere meglio certi comportamenti.

...

Questi sette nani che si trovano all'improvvisivo una ragazza bellissima nella loro casa,sul letto,spaventata e insicura,per una serie di eventi drammatici...secondo me hanno baciato la terra dove camminava..avranno pensato sicuramente"wow!e questa come ci è capitata qui?" e ancora"uhm..quasi,quasi un pensierino ce lo farei" questo pensiero sicuramente è stato generato da Brontolo(il Dominante del gruppo)si perchè Lui intravede nella ragazza un potenziale non indifferente...lei si prodiga per compiacerli tutti..tiene in ordine la casa, prepara da mangiare,si occupa dell'igiene di ognuno di loro,con dedizione,cura,pazienza ma sopratutto comprende da subito quale sarà il suo ruolo all'interno del gruppo..e lo svolge con consapevolezza e in allegria..si perchè lei ,fondamentalmente,sa cos'è e ciò che vogliono da lei...Come non parlare invece di Cucciolo,il più docile dei sette..lui sicuramente asseconda i suoi(fratelli?) fa di tutto perchè siano felici,anche sbagliando a  volte,e mettendosi nei guai molto  spesso,una sorta di autopunizione,che si infligge suo malgrado.Ma il sorriso non lo abbandona mai,ed è questa la sua forza..Ognuno di loro ha una personalità spiccata,e sicuramente diversa fra loro,ma certamente all'interno della storia risalta un preciso ruolo per ciascuno,dove Biancaneve si rapporta in maniera diversa,ma sempre con rispetto e obbedienza.(L'unica volta che disobbedisce finisce quasi morta per la mela avvelenata) Ovviamente non poteva mancare la Regina,una donna che vuole a tutti i costi il Dominio di tutti e tutto...finirà male per Lei,perchè gestisce le persone governata dalla rabbia e dalla gelosia,mentre bisognerebbe esseri scevri da questi sentimenti,poichè non rende lucidi e sicuramente non hanno potere educativo.

...

Questa riflessione nasce dal fatto che anche leggendo una favola per bambini ritroviamo sempre un determinato rapporto:Dominante e sottomessa/o.

Certo è che si potrebbe parlarne per ore dell'argomento,o scrivere interi volumi a riguardo..l'importante ,secondo il mio modesto parere,è rispettare la propria indole ed assencondarla,perchè solo allora saremo veramente noi stessi.

...

histoire ringrazia per l'attenzione.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Complicata2/trackback.php?msg=10259734

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Collare_Nero0
Collare_Nero0 il 15/06/11 alle 13:16 via WEB
Una fiaba che, quando ero bambino, mi ha affascinato molto. Molto, ma molto più di tutte le altre. Forse, solo adesso capisco il perchè: una chiave di lettura molto interessante la tua, Histoire. Non scrivi nulla del Principe, però, e mi chiedo come mai (anche se credo di comprenderne il motivo).
 
 
histoire_2
histoire_2 il 16/06/11 alle 12:16 via WEB
Mi scuso per il ritardo nella risposta Signore... non ho volutamente parlato del Principe..poichè la mia attenzione era rivolta ad altri ruoli non per poco interesse..ma perchè il Principe c'è..il Suo ruolo è ben definito..mentre nei gli altri personaggi,secondo il mio modesto parere naturalmente,c'erano delle discordanze...per esempio:la Regina siamo proprio sicuri che avesse un ruolo Dominante?..dopotutto si evince che è una Donna piena di paure e insicurezze...mah..ho una visuale forse un pò particolare di questa fiaba..Lieto pomeriggio..e grazie.
 
   
Collare_Nero0
Collare_Nero0 il 17/06/11 alle 14:22 via WEB
Histoire, mi pare che in sostanza intendiamo la stessa cosa. A mio avviso, quanto descritto nella favola rappresenta un percorso, come dire, d'iniziazione: Biancaneve prende coscienza del suo Essere più intimo e profondo e si affaccia ad una nuova Vita, la sua Vera Vita, di cui, come è ovvio, il Principe rappresenta la massima espressione. Ecco perchè, così come hai scritto, non è necessario parlarne: "...il Principe c'è..il Suo ruolo è ben definito". Assai acuta, inoltre, l'osservazione sulla Regina, Histoire.
 
     
histoire_2
histoire_2 il 17/06/11 alle 20:58 via WEB
E' solo un mio modesto pensiero Signore. Lieta serata.
 
theBlackCollar
theBlackCollar il 24/07/11 alle 20:03 via WEB
Toh, guarda chi c'è! La tenera, amabile, leggiadra Biancaneve! Nel mio avvincente viaggio a ritroso attraverso i mari in tempesta ed i laghi tranquilli del tuo lussureggiante Pianeta, non può che farmi piacere ripensare questa favola... Ti ho letta con partecipazione anche oggi, Histoire :-)
 
di_amante007
di_amante007 il 20/02/12 alle 17:57 via WEB
Qualsiasi fiaba porta dentro di se l'eterna lotta tra il bene e male positivo/negativo dolce/malvagio anche dominante si, ma trovo che non sia la regina o il malvagio della situazione al contrario chi domina alla fine è sempre il bene le fiabe nascono fondamentalmente per far radicare nei bambini il senso del bene e del male del giusto e sbagliato.. un sorriso
 
 
histoire_2
histoire_2 il 21/02/12 alle 09:34 via WEB
Ha detto bene..nei bambini :))) io non lo sono più da tempo ^.^ e la mia particolare visione del mondo(tutta mia per carità) mi porta a notare sempre e comunque l'Appartenenza..con le sue molteplici sfumature..e poi non è detto che sia malvagità in tutto questo ;) difatti la Regina non è la Dominante in questo caso..perchè vittima della gelosia e del possesso...mentre al contrario chi,consapevole del proprio io,ne risulta Vincente. Un sorriso a Voi e grazie della presenza:))
 
   
di_amante007
di_amante007 il 21/02/12 alle 18:53 via WEB
eheh... si essere bambini ormai non è più di nostra Appartenenza, anche se ci sono ancora degli esemplari di Peter Pan niente male in giro, comunque... siamo entrambe dell'opinione che chi domina alla fine è chi vince e non chi si erige tale. Certo le sfumature della malvagità sono molteplici in questa fiaba tu vedi La Regina come una vittima, ma stando a questa logica spiegami la differenza tra le vittime della fiaba, la Regina e Biancaneve. Le reazioni alla malvagità sono esattamente opposte. Non posso "concedermi" di credere che la NON consapevolezza sia una delle sfumature che giustificano la malvagità ... grz del tuo spazio
 
     
histoire_2
histoire_2 il 21/02/12 alle 19:12 via WEB
Non ho detto che la consapevolezza dell'io giustifica la malvagità...anzi chi lo (consapevole) è ne risulta Vincente....Biancaneve vittima? Non lo credo affatto...lei è così..dolce e disponibile..e alle fine ottiene tutto perchè non schiava della gelosia e dell'invidia...ergo consapevole del proprio io è una vincente.Tutto questo a voler dire(sempre e solo per il mio modesto punto di vista) che quando si è liberi di essere..assecondando e favorendo la propria essenza..sarà sempre positivo..per chi da e per chi riceve. Grazie di questo scambio..amo conoscere e capire tutti i punti di vista :))) Felice sera di_amante007
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.