CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Eduardo, Padre Cicogna e...Un Festival con due anime »

Magistrati in scena per Borsellino

Post n°451 pubblicato il 09 Giugno 2011 da arieleO
 

Siamo d'accordo, quella lettura drammatizzata di brani tratti da «Paolo Borsellino essendo Stato» di Ruggero Cappuccio (l'hanno presentata al Verdi di Salerno Magistratura Democratica e Movimento per la Giustizia - Art. 3) era soprattutto un omaggio alla memoria del giudice palermitano e la testimonianza dell'impegno che, nel solco della sua alta lezione morale e civile, tanti altri magistrati continuano a profondere nelle terre di mafia.
   Tuttavia, proprio il fatto che non si è trattato di uno spettacolo vero - che, cioè, i problemi messi in campo da Cappuccio non sono stati recitati da attori (e quindi carcerati nella finzione scenica) ma detti (e quindi chiamati, in senso biblico) per l'appunto da magistrati che li vivono giorno dopo giorno nel fuoco della realtà - ha prodotto due risultati significativi, e rilevanti perché complementari: da un lato è stata neutralizzata la letterarietà esibita che a tratti appesantisce il testo e dall'altro è stata esaltata l'idea profonda che lo muove.
   Qui Paolo Borsellino è colto nell'attimo infinitesimale tra la fine della vita e l'inizio della morte. Si fa un enorme silenzio. Ed è il silenzio dei «sordi» e dei «muti», in uno col radicale rifiuto dell'ideologismo. Che cosa poteva rendere meglio un simile sbocco folgorante se non il tono - sommesso, freddo e pure indomito - adottato, nei panni del suo collega assassinato, da Franco Roberti, il procuratore della Repubblica di Salerno?
   Efficaci anche gli altri magistrati che lo hanno affiancato per la regia del procuratore aggiunto Umberto Zampoli: Maria Teresa Belmonte, Lucia Casale, Ornella Dezio, Maria Chiara Minerva, Rocco Alfano e Luigi D'Alessio. Teatro gremito, e alla fine tutti in piedi, per una «standing ovation» fiera e commossa insieme.
   Riassumendo, il valore non comune dell'evento sta nell'aver accolto il monito forte che chiude «Prima del silenzio» di Patroni Griffi, quello che sempre più spesso accade di dover citare nel nostro tempo indifferente: «Ogni uomo che muore / risorge in un altro che nasce. / La parola che non trova asilo / nella bocca dell'uomo / è già la morte - senza resurrezione».

                                           Enrico Fiore

(«Il Mattino», 9 giugno 2011)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Controscena/trackback.php?msg=10299700

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cleomaraFicone1400leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparentearte
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom