CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2012 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Messaggi del 21/10/2012

Una stagione nel segno di Eduardo

Post n°621 pubblicato il 21 Ottobre 2012 da arieleO
 

Non c'è che dire, Napoli continua a fare i conti con Eduardo. E nel segno di Eduardo, infatti, si svolgerà la stagione teatrale ch'è appena cominciata: ben sette degli spettacoli in cartellone («Eduardo 110 e lode», «Tà-kai-Tà», «La grande magia», «Requie a l'anema soja...», «Ditegli sempre di sì», «Sik-Sik, l'artefice magico» e «De Pretore Vincenzo») si riferiscono - completamente o parzialmente, direttamente o indirettamente - alla sua opera in generale e a singoli suoi testi.
   Non solo. Certo per caso (e voglio dire che non è il frutto di una strategia elaborata a tavolino), tra questi spettacoli si manifestano analogie e sinergie che favoriscono un'ulteriore e più approfondita riflessione sulla produzione drammaturgica di Eduardo. E proprio il fatto che non si tratti del frutto di una strategia elaborata a tavolino dimostra che quella riflessione era, per così dire, nell'aria, e s'imponeva per una sua necessità intrinseca.
   Addirittura, le analogie e le sinergie in questione partono già da elementi d'ordine esterno: se è vero, tanto per fare un esempio, che Umberto Bellissimo, protagonista al Bracco di «Eduardo 110 e lode», ha recitato più volte, e con la regia dello stesso Eduardo, nella compagnia di quel Luca De Filippo che al San Ferdinando presenta «La grande magia». E venendo subito ai contenuti, non si può non rilevare che uno dei due personaggi protagonisti di quest'ultima commedia, l'illusionista Otto Marvuglia, ha una somiglianza decisiva con il personaggio protagonista di quel «Sik-Sik, l'artefice magico» che Pierpaolo Sepe presenterà, sempre al San Ferdinando, in un abbinamento oltremodo significativo con «L'uomo dal fiore in bocca» di Pirandello.
   Avremo modo, così, di soffermarci su uno degli aspetti capitali dell'opera di Eduardo, il rapporto, per l'appunto, con il teatro del grande girgentino: un rapporto che lo stesso Eduardo volle sottolineare, quando, ricordiamolo, la sera del 13 aprile 1979 - al termine dello spettacolo composto da «Il berretto a sonagli» e da «Sik-Sik, l'artefice magico» e dato giusto al San Ferdinando - dichiarò fra l'altro che quel suo atto unico lo riteneva «all'altezza del maestro Pirandello».
   Infine, il gioco di specchi messo in scena da Enzo Moscato con «Tà-kai-Tà» dimostra come Eduardo stimoli al confronto anche i suoi colleghi che da lui si dichiarano distanti.

                                              Enrico Fiore

(«Il Mattino», 21 ottobre 2015)

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ficone1400leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.ricco
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom