CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2013 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Messaggi del 16/09/2013

La Pivetti e una morte in musical

Post n°724 pubblicato il 16 Settembre 2013 da arieleO
 

«Ma che ne sapete voi della vita che fa la morte?».
   Esordisce con queste parole il personaggio protagonista di «Mortaccia (la vita è meravigliosa!)», il testo di Giovanna Gra presentato in «prima» nazionale a Benevento Città Spettacolo. E risulta subito chiaro, dunque, che si tratta di un testo fondato sull'ossimoro paradossale: è la morte che ci parla della vita, toccando tutti i temi e prendendo in prestito tutte le locuzioni della nostra sbrindellata quotidianità odierna.
   Si capisce, lo spettacolo, diretto dalla stessa Gra, marcia sul ritmo di uno spiritoso musical-cabaret nutrito di canzoncine gaglioffe e di rime baciate da filastrocca infantile. Ma il suo non trascurabile merito è che, poi, ruota intorno a un argomento cruciale.
   Al termine di una sfilata in passerella, e constatato che nessuno dei «modelli» da lei indossati è piaciuto, la protagonista esclama: «Possibile che la Mortaccia non sia più di moda?». E sì, oggi la morte è diventata un tabù, viviamo una vita di plastica illudendoci che non debba mai finire. Al massimo, prendiamo in considerazione la morte soltanto se si trasforma in uno show. E infatti, Mortaccia osserva: «C'era pudore / nelle ultime ore. / Oggi schiattano in diretta!».
   Per giunta, il testo della Gra non si nega ai riferimenti colti: primi fra tutti quelli all'«Antologia di Spoon River» di Masters e a «Il settimo sigillo» di Bergman. Peccato che, alla fine, non sappia resistere alla tentazione del pistolotto moralistico di comodo e del facile messaggio ideologico-politico.
   In ogni caso, Veronica Pivetti - affiancata con efficacia da Sergio Mancinelli (la falce Sentenza) e Oreste Valente (il valletto Funesto) - dona a Mortaccia tutta la sua simpatia, tutta la sua verve e tutta la sua versatilità espressiva. Perché, lei, Veronica, è una che, lo sappiamo, ci prova sempre. E ci riesce.

                                                      Enrico Fiore

(«Il Mattino», 15 settembre 2013)

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom