CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2013 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Messaggi del 18/09/2013

La resurrezione contrattuale di Eduardo

Post n°725 pubblicato il 18 Settembre 2013 da arieleO
 

Con «Il contratto», datato 1967, Eduardo ritenne di aver scritto «finalmente "la" commedia». E infatti, parliamo di un testo che appare come un autentico catalogo di tutti i temi da lui sviluppati nell'arco della sua carriera d'autore (dall'egoismo all'ipocrisia, dai rancori famigliari all'avidità), di tutte le forme di cui quei temi s'erano vestiti (dal naturalismo al simbolismo) e, infine, di tutte le pulsioni e di tutti gli umori che su Eduardo avevano influito mentre li trattava (dal moralismo al sarcasmo, dall'amarezza al cinismo).
   Basta considerare, al riguardo, il personaggio protagonista, quel Geronta Sebezio (il nome rimanda alla vecchiaia e il cognome al fiume Sebeto) che prima promette la resurrezione a quanti, per l'appunto, firmano un contratto con cui s'impegnano ad amare il prossimo e poi, una volta che sono morti, fa in modo da impadronirsi di una parte della loro eredità, meglio se in buoni del tesoro non tassabili.
   Ebbene, l'eccellente idea di Pino Carbone - regista dell'allestimento de «Il contratto» che l'Ente Teatro Cronaca ha presentato in «prima» nazionale a Benevento Città Spettacolo - è quella di riferirsi, giusto, al «prima» della commedia, a quanto si agitava nel cervello e nell'inconscio di Eduardo mentre andava scrivendola. Vedi, tanto per fare un esempio, il parossismo con cui gli attori, da seminudi ch'erano all'inizio, si danno a indossare i costumi dei rispettivi personaggi: è, manco a dirlo, la sottolineatura della «premeditazione» didascalica che presiede al testo.
   Allo stesso modo, non si potrebbe immaginare una più evidente e funzionale allusione al simbolismo citato dei costumi bianchi indossati dai parenti di Gaetano Trocina, poiché nelle tradizioni popolari campane il bianco è per l'appunto il colore che simboleggia la morte. E il resto, s'intende, viene garantito dalla bravura degl'interpreti in campo.
   Claudio Di Palma, con ammirevole perspicacia, fa di Geronta Sebezio una sorta di conferenziere debitamente freddo e calcolatore. E al suo «santo» fa da contraltare la viperina Silvia Trocina di Francesca De Nicolais.

                                              Enrico Fiore

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacinefortunato.calvino
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom