CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2013 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Messaggi del 25/10/2013

Un filosofo fra Testori e Pirandello

Post n°733 pubblicato il 25 Ottobre 2013 da arieleO
 

Mentre nella Sala Assoli assistevo a «Fuori», lo spettacolo che Renato Carpentieri ha tratto dal romanzo «À la porte» di Vincent Delecroix, mi son venuti in mente Testori e Pirandello: in particolare, il Testori di «Conversazione con la morte» e il Pirandello di «Enrico IV».
   Infatti, abbiamo qui un professore di filosofia che, rimasto fuori di casa per la disattenzione di un suo allievo, prende ad affastellare senza sosta incubi, pensieri e parole: immagina d'incontrare il padre e la figlia morti da tempo, riflette amaro sulla nostra epoca manieristica e conformistica, sproloquia sul vicino becero, sul portiere che ama solo i film di kung fu, sulla sorella che insiste a fargli da madre... insomma, su un mondo in sfacelo, abitato, ormai, solo da un'umanità ridotta a un branco di bestie. E in tutta evidenza, siamo di fronte a una dimensione mentale.
   Non a caso, l'appartamento del professore si palesa alla fine come un manicomio. È, dunque, una metafora, che in quanto tale rimanda, per l'appunto, al Testori di «Conversazione con la morte», il quale anela all'«ingresso nella terra / che non mente e non tradisce più; / quella terra che un tempo ci era stata promessa / e che poi ci fu tolta / senza che un'altra ce ne venisse aperta davanti».
   Pirandello, poi, c'entra di diritto perché il professore s'illude di sottrarsi allo «sradicamento» identificandosi con il ritratto di Cornelius Van der Geest dipinto da Van Dyck. Un ritratto ch'è l'equivalente perfetto della «tonaca santa» di cui parla Enrico IV: la forma unica, per sempre data e per sempre riconoscibile, in cui l'uomo tenta disperatamente d'imprigionare la disgregazione continua della vita.
   Bravissimo, Carpentieri, e ben affiancato da Valeria Luchetti e Stefano Patti. E commuove e conforta la sua fedeltà, incrollabile, al teatro d'impegno intellettuale.

                                               Enrico Fiore

(«Il Mattino», 25 ottobre 2013)

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

00leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me č stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom