Creato da Phoenix_from_Mars il 03/04/2013

Dark side of Mars...

Nights on Mars...

 

« MI MANCHIDreams »

RACCONTAMI UNA STORIA - The other side

Post n°35 pubblicato il 22 Aprile 2013 da Phoenix_from_Mars

Eccomi qui.

Per quante volte si possa immaginare questo momento, non è mai come te lo aspetti.
La gente si accalca intorno al mio corpo, steso a terra, con un lenzuolo bianco a coprirmi il viso e quello che rimane di ciò che una volta era il mio orgoglio, ore di palestra per scolpire i miei  muscoli guizzanti, che tuttavia non mi hanno salvato dall'impatto.

La moto, la mia bellissima, adorata moto, giace spezzata poco più in là.

Provo già un senso di distacco, non mi dispero come dovrei al pensiero di averla distrutta. Forse perchè so che non la guiderò più, che non mi servirà in questa dimensione di cui fatico a prendere le coordinate, dove non ho più necessità di respirare, di tenere gli occhi aperti, di sorridere, di soffrire e di emozionarmi.
Ma mi va bene così, non desidero nulla di quello che avevo, una sublime indifferenza è scesa a portarmi l'oblio di ciò che non potrò mai più avere, ed è una sensazione di pace benedetta a cui mi potrei abituare.

Mi avvicino, vedo il mio sangue che si è già rappreso sull'asfalto, sui miei jeans di Armani, sul giubbotto di pelle che portavo sempre, anche nelle occasioni speciali, un mio vezzo di motociclista, sui capelli lunghi e ricci che mi sfioravano le spalle.

Niente. Non riesco a provare niente, così mi alzo, passo tra le persone che guardano, con l'avidità e la curiosità del macabro che contraddistingue l'essere umano, ma che non mi degnano di uno sguardo, mentre mi allontano dal mio ultimo istante di appartenenza al mondo dei vivi.

Incredibile come le cose che osservavo ieri con gli occhi della possibilità e della certezza del domani, oggi siano già sbiadite, a poche ore dalla mia morte. Guardo le vetrine senza realmente capire il senso di quella merce per cui dare in cambio dei pezzi di carta, guardo le persone che si affannano e corrono senza sapere che magari questo è il loro ultimo giorno, e forse dovrebbero essere da qualche parte a divertirsi, e non con quelle facce cupe a cercare di accparrarsi l'ultimo posto sulla metropolitana nell'ora di punta.

Passo, e cercando nei loro occhi non vedo nulla.

Mi è indifferente, come ormai tutto il resto. Sono lontano anni luce, non riesco a trovare nessun punto di contatto con questo mondo, che solo un'ora fa amavo così tanto, e così spasmodicamente ero convinto di tenere in pugno, nell'illusione dei miei trent'anni..

Poi...mi sento d'un tratto come risucchiare l'aria dai polmoni..se non fosse che non ho più polmoni che necessitino di aria..ma la sensazione è quella, un pugno nel plesso solare che ti lascia tramortito. Mi giro, mi guardo intorno: ovviamente nessuno può vedermi o toccarmi, tutti mi passano accanto, o attraverso se preferite, ma sempre con la più totale indifferenza.

Come se qualcuno mi trascinasse, giro sui miei passi e torno indietro, sul luogo della mia morte. Il capannello di curiosi è stato disperso dalla polizia, vedo la macchina che mi ha fatto sbandare ancora ferma a pochi metri dal mio corpo, le portiere aperte, un uomo che si tiene la testa fra le mani. Vorrei dirgli che no, che non si preoccupi, che se fossi andato più piano magari non sarebbe finita così, ma che magari era destino...

Irresistibilmente attratto, come da una calamita, mi avvicino ancora. La sensazione che mi manchi l'aria non svanisce, anzi, aumenta ancora ad ogni passo.

E finalmente ti vedo, inginocchiata accanto a me, con quel vestito a fiori che avevi promesso di mettere per me, quel nastro viola tra i capelli che non riesce mai a trattenere i tuoi ricci, così simili ai miei, le tue mani che hanno scostato il lenzuolo e sono sul mio viso, sporche del mio sangue...

Allora, d'un tratto, quella sensazione di totale apatia e abbandono svanisce, e tutte insieme mi colpiscono emozioni che non so più se mie o tue...so solo che hanno la forza di un uragano, e mi fanno vacillare e perdere l'equilibrio...disperazione, sgomento, urla che sembrano provenire da galassie lontane..

Crollo in ginocchio, mi mancano le forze. Se fossi ancora umano, direi che mi serve una mano per rialzarmi, ma qui non può darmela nessuno. Incapace di distogliere lo sguardo, vedo le tue lacrime, i tuoi singhiozzi, le tue mani ancora su di me, sui miei capelli intrisi di sangue ormai, sulla mia maglietta, sul mio giubbotto..il poliziotto che tenta di farti rialzare e che tu respingi con un gesto solo...

Mi dispiace.

Vorrei poterti confortare, ma ora la verità si è fatta strada in me.

Perchè so che tu piangerai, ti dispererai, avrai voglia di morire, ma in qualche modo inaspettato, la vita troverà il modo di riappropriarsi di te, di legarti ancora all'amore, all'amicizia, al sorriso. Non adesso, ma ci riuscirà.

Invece io resterò qui, incorporea esalazione di quello che ero e che non sarò mai più, ma legato a te, indissolubilmente, che sei stata il solo desiderio che non posso smettere di volere.

Quanto è lunga l'eternità, se misurata con la distanza che ci separa e che mai più potrà essere colmata?

Avrò tutto il tempo di scoprirlo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

CASTLE OF GLASS

Venite, entrate, pure

nella mia inquietante dimora

dove l'oscurita è un'affascinante padrona

e vi guiderà, un salone dopo l'altro...

Ma attenti alle segrete

da dove occasionalmente

proviene qualche stridor di catene...

E qualcuno vi si è già perduto.

Phoenix*

 

 

Viaggiatore che ti soffermi a leggere...

Non stupirti delle contraddizioni

e dei bruschi cambi di direzione che troverai qui.

Questo è il mio mondo su Marte.

Guarda bene, tu che sei capace di andare oltre.

Fuoco e ghiaccio, mente e cuore, miele e veleno, sorriso e lacrime...

This is me.

Phoenix*

 

 

Sign by Danasoft - Get Your Sign

 

Sign by Danasoft - Get Your Sign

 

SCRIGNO DELLE DOLCEZZE CHE MI AVETE REGALATO...

"Io so che la Fenice è nata per volare...in alto...non per camminare raso terra...ed è bella così."

"Buongiorno, Luce dei miei occhi!" 

"Sei il mio primo pensiero...ancora confondo realtà e sogno...scambio stelle per i tuoi occhi e terra bruna per i tuoi capelli...resto in attesa per sentirti respirarmi dentro...mi manchi."

"Ti ho dedicato plainsong!
....tu sei come la canzone.....
dolce.....delicata.......
una camminata a piedi nudi a riva...."

"Mi incanto ad osservare i tuoi occhi, mi parlano..."

"Amuleto prezioso della mia anima..."

"Eri bellissima ieri mentre arrossivi..."
"Se una vera Amica, una persona di cui ci si può fidare ad occhi chiusi."

"Tu sei un animo tenero e un cuore prezioso."

"Una persona come te è difficile che non trovi amici ovunque!"

"Ah, ma io intendevo divorarti, onore compreso :D"

"Sei un'anima speciale...è bellissimo starti vicino."

"Io so che ho a che fare con una persona che mi fa ridere,pensare,trepidare,stimolare..
Che mi fa venir voglia di accendere il pc per vedere se c'è.....basta questo.."

 

"Stupida..."
"Chi ti conosce non ti dimentica, e chi ti ha persa ti rivuole... perchè tu resti dentro."

 

 

 

 

"Hai uno sguardo bellissimo."
"Con te ho messo a nudo la mia anima...ed è stato bello."
"Ciao, Splendida Fenice di Fuoco!"
"La moglie ce l'hanno tutti, l'amante ormai è di moda, quello che è da nascondere e custodire è un'amica come te, un bene raro e prezioso."
"E il mio pensiero ti verrà a cercare, tutte le volte che ti sentirò distante, tutte le volte che ti vorrei parlare, per dirti che sei solo tu la cosa che per me è importante..."


 

"Nuova Luce di Luna
ti Accarezzi la Chioma
ti Culli nei Tuoi Sogni
ti Avvolga nella Tua Femminilità"

"E' uscito il sole..o sei uscita tu??"

"Non so come fai a creare questo senso di famiglia qui, ma ti adoro per questo..è la cosa che più mi piace di te."

"Ho pensato una cosa, domani ti lascio uno zainetto pieno di baci all'ingresso della stazione... Quando il treno passerà sopra il fiume, ricordati di raccoglierlo!
Mi raccomando, non consumarli tutti subito, portane qualcuno fino a Milano..."

"Sei una tosta dal cuore tenero tu..."

"Sono sulle mie montagne..sto ammirando l'incanto della natura...e quello della donna che sei"

"E' stato bello inciampare su di te :)"

"Il tuo castello lo definirei una reggia, aperta a poeti e animi sensibili, dove sempra impera la musica e i contributi artistici di ognuno spargono dolce l'olezzo delle buone sensazioni."

 "Tu cammini a due metri dal suolo e la tua presenza è taumaturgica per questa community spesso asfittica."

"Sei troppo forte, tu, sei imparagonabile, e non ti sto facendo un complimento!"

"Era un giorno qualsiasi quello nel quale hai dimenticata aperta la finestra della stanza e il "rombo" della mia yamahina ne ha attraversato lo spazio. Qui era una giornata simile alle altre in principio....fino a quando ti sei affacciata e mi hai sorriso. Non ho mai impennato, ma quel giorno credo di averlo fatto, perchè le gomme hanno divorato la linea immaginaria che nel frattempo il fumo tracciava tra le parole, raggiungendoti"
"...e quando le altre mi chiederanno...dirò: après Nicettà...rien est comparable."


 

SUL MIO COMODINO...

 


 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 105
 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

GRAZIE, AMITHIEL *___*