Creato da Phoenix_from_Mars il 03/04/2013

Dark side of Mars...

Nights on Mars...

 

« BURNL'INCOERENZA... »

RACCONTAMI UNA STORIA - ROMA

Post n°59 pubblicato il 01 Maggio 2013 da Phoenix_from_Mars

Mi sento come sospesa su una nuvola oggi.
Non ce n'è, per quanto io mi sforzi non riesco a combinare niente e me ne devo fare una ragione, semplicemente.
La famosa "melassa" del mio amico Scrittore mi cattura nelle sue sabbie mobili, si fa beffe di me e mi sfida a toglierla di mezzo, cosa che forse non ho nessuna voglia di fare, mi ci avvolgo e amen.

Vorrei darti la colpa, come faccio sempre, scherzando, ma ovviamente non è semplice, in quanto c'è quella buona dose della mia insana impulsività che mi ha portato dritta in braccio all'uragano, a ben 600 km da casa, quindi direi che tranquillamente posso essere tacciata di essermela andata a cercare.

Smetto di cercare di impegnarmi in qualcosa e mi metto semplicemente alla finestra a guardare le nuvole, lasciando libero corso ai pensieri, che si aggrovigliano e si rincorrono come spinti dal vento.
Ieri, mentre tornavo a casa, sul treno ho aperto il mio libro...solo che non si è aperto al segnalibro, ma a caso da un'altra parte...e tra le pagine è apparso il tuo aereoplanino di carta, quello che mi avevi dato a pranzo, fatto con la ricevuta e le tue mani che, lentamente, come se stessero dando forma ad un sogno, lo hanno plasmato e fatto mio. I segni, come sempre, si sprecano.

"E' bello volare..."
"Allora vieni con me sul nostro aereoplanino di carta e voliamo!"
"E dove mi porterai?"
"Non so, il problema di questo tipo di aerei è che non si possono controllare..ci vieni lo stesso?"
"E' l'unico posto al mondo dove vorrei trovarmi adesso."

Adesso lo rigiro tra le mani ma con molta attenzione, come una cosa fragilissima  e preziosa che potrebbe svanire da un momento all'altro.


"Sai dove ha passato la notte il tuo aereoplanino? Accanto a me..sul comodino."

Se devo pensare alla mia giornata a Roma, non ci  trovo S. Pietro o la Fontana di Trevi...ma uno sguardo che da quando l'ho incrociato, non mi ha abbandonata un attimo, scrutando nelle profondità della mia anima come se volesse catturarla e farla sua.
Uno sguardo che ho sentito su di me anche quando facevo altro, mentre leggevo i post sul tuo cellulare o guardavo i bambini rincorrersi in giardino, o sorridevo a quel gentilissimo cameriere che mi faceva i complimenti. Uno sguardo a cui spesso sono fuggita abbassando il mio, mentre mi prendevi in giro sulle mie "cinquanta sfumature di bordeaux" che nascondevo con gli occhiali da sole.

Ma c'eri tu in quello sguardo, in quegli occhi, e adesso che non li trovo più davanti a me, penso che forse non ti ho guardato abbastanza, non ho fatto scorte sufficienti che mi possano bastare ora che mi sono stati tolti, e chissà per quanto tempo non li rivedrò, non ti rivedrò camminare a fianco a me per strada o guidare sicuro in mezzo al traffico, con me acciambellata come un gatto sul sedile passeggero, alzando insieme gli occhi al balcone di quel matto che ci ha messo i lampioni da giardino, ridendo insieme e immaginando che altro ci poteva essere nascosto dietro il muretto..i nani..il tappeto erboso...

Questa giornata rimarrà per sempre sospesa tra sogno e realtà, nei miei ricordi più belli. Le chiacchiere, le risate, ma anche le tue pause improvvise, quando smettevi di parlare e rimanevi lì a guardarmi sorridendo, e avrei dato chissà che per indovinare i tuoi pensieri.

Portarmi a pranzo in quell'angolino stupendo di verde in mezzo ai palazzoni..con gli uccellini che venivano a becchettare cinguettando come fossero partecipi delle nostre risate...

Mandarmi un sms mentre eravamo uno di fronte all'altra, e il mio cellulare che non prendeva anche  all'aperto, e ridere come matti quando all'improvviso irrompeva la mia suoneria molto discreta, quel "Beautiful!" urlato a squarciagola che ti dedico...

Gli altri avventori che si giravano a guardarci sorridendo..chissà perchè...

La voglia, tanta, di stringerti le mani...

Sfogliare a occhi chiusi il libro di Paulo Coelho che ti ho portato, e fermare il dito su una pagina a caso...

"Questa non vale, è un'immagine."
"Vale, vale...guarda cosa rappresenta...è una gabbia aperta e vuota..."
"Hai ragione."

Noi due nel nostro piccolo pezzetto di mondo...fermi, lì a guardarci negli occhi.
Abbiamo fatto fermare il mondo intero in quel momento.
Niente esisteva al di fuori dei nostri sguardi intrecciati.

E più tardi, quando mi hai accompagnato alla stazione, e io mi sono persa nel tuo abbraccio, ti ho detto: "Questo me lo porto via con me..." e tu mi hai risposto con  quel bacio leggero che già sapeva di nostalgia...

Questa è la Roma che resterà sempre scolpita nel mio cuore, i momenti che hai saputo regalarmi, nonostante fino all'ultimo continuassi scherzosamente a inveire contro certe "sorprese" che non lasciano tempo e modo di organizzarsi per strappare più tempo a quel poco che ci è stato concesso...e io che ti rispondevo ridendo che eri già stato fortunato che non avessi deciso di fare come in origine e non dirti nulla...

Ecco, se ripenso a Roma rivedo i tuoi occhi...verdissimi come un prato imperlato di rugiada d'estate...come la foresta in cui hai ascoltato l'arpa celtica...scintillanti di luce...come smeraldi...fissi nei miei.

Tu sei diventato la Città Eterna...seducente d'un fascino che inspiegabile mi sospinge sempre verso di lei, per quanto io ne sia lontana...

E' per questo motivo che so che devo dirti addio.

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

CASTLE OF GLASS

Venite, entrate, pure

nella mia inquietante dimora

dove l'oscurita è un'affascinante padrona

e vi guiderà, un salone dopo l'altro...

Ma attenti alle segrete

da dove occasionalmente

proviene qualche stridor di catene...

E qualcuno vi si è già perduto.

Phoenix*

 

 

Viaggiatore che ti soffermi a leggere...

Non stupirti delle contraddizioni

e dei bruschi cambi di direzione che troverai qui.

Questo è il mio mondo su Marte.

Guarda bene, tu che sei capace di andare oltre.

Fuoco e ghiaccio, mente e cuore, miele e veleno, sorriso e lacrime...

This is me.

Phoenix*

 

 

Sign by Danasoft - Get Your Sign

 

Sign by Danasoft - Get Your Sign

 

SCRIGNO DELLE DOLCEZZE CHE MI AVETE REGALATO...

"Io so che la Fenice è nata per volare...in alto...non per camminare raso terra...ed è bella così."

"Buongiorno, Luce dei miei occhi!" 

"Sei il mio primo pensiero...ancora confondo realtà e sogno...scambio stelle per i tuoi occhi e terra bruna per i tuoi capelli...resto in attesa per sentirti respirarmi dentro...mi manchi."

"Ti ho dedicato plainsong!
....tu sei come la canzone.....
dolce.....delicata.......
una camminata a piedi nudi a riva...."

"Mi incanto ad osservare i tuoi occhi, mi parlano..."

"Amuleto prezioso della mia anima..."

"Eri bellissima ieri mentre arrossivi..."
"Se una vera Amica, una persona di cui ci si può fidare ad occhi chiusi."

"Tu sei un animo tenero e un cuore prezioso."

"Una persona come te è difficile che non trovi amici ovunque!"

"Ah, ma io intendevo divorarti, onore compreso :D"

"Sei un'anima speciale...è bellissimo starti vicino."

"Io so che ho a che fare con una persona che mi fa ridere,pensare,trepidare,stimolare..
Che mi fa venir voglia di accendere il pc per vedere se c'è.....basta questo.."

 

"Stupida..."
"Chi ti conosce non ti dimentica, e chi ti ha persa ti rivuole... perchè tu resti dentro."

 

 

 

 

"Hai uno sguardo bellissimo."
"Con te ho messo a nudo la mia anima...ed è stato bello."
"Ciao, Splendida Fenice di Fuoco!"
"La moglie ce l'hanno tutti, l'amante ormai è di moda, quello che è da nascondere e custodire è un'amica come te, un bene raro e prezioso."
"E il mio pensiero ti verrà a cercare, tutte le volte che ti sentirò distante, tutte le volte che ti vorrei parlare, per dirti che sei solo tu la cosa che per me è importante..."


 

"Nuova Luce di Luna
ti Accarezzi la Chioma
ti Culli nei Tuoi Sogni
ti Avvolga nella Tua Femminilità"

"E' uscito il sole..o sei uscita tu??"

"Non so come fai a creare questo senso di famiglia qui, ma ti adoro per questo..è la cosa che più mi piace di te."

"Ho pensato una cosa, domani ti lascio uno zainetto pieno di baci all'ingresso della stazione... Quando il treno passerà sopra il fiume, ricordati di raccoglierlo!
Mi raccomando, non consumarli tutti subito, portane qualcuno fino a Milano..."

"Sei una tosta dal cuore tenero tu..."

"Sono sulle mie montagne..sto ammirando l'incanto della natura...e quello della donna che sei"

"E' stato bello inciampare su di te :)"

"Il tuo castello lo definirei una reggia, aperta a poeti e animi sensibili, dove sempra impera la musica e i contributi artistici di ognuno spargono dolce l'olezzo delle buone sensazioni."

 "Tu cammini a due metri dal suolo e la tua presenza è taumaturgica per questa community spesso asfittica."

"Sei troppo forte, tu, sei imparagonabile, e non ti sto facendo un complimento!"

"Era un giorno qualsiasi quello nel quale hai dimenticata aperta la finestra della stanza e il "rombo" della mia yamahina ne ha attraversato lo spazio. Qui era una giornata simile alle altre in principio....fino a quando ti sei affacciata e mi hai sorriso. Non ho mai impennato, ma quel giorno credo di averlo fatto, perchè le gomme hanno divorato la linea immaginaria che nel frattempo il fumo tracciava tra le parole, raggiungendoti"
"...e quando le altre mi chiederanno...dirò: après Nicettà...rien est comparable."


 

SUL MIO COMODINO...

 


 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 105
 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

GRAZIE, AMITHIEL *___*