Creato da Phoenix_from_Mars il 03/04/2013

Dark side of Mars...

Nights on Mars...

 

« INELUTTABILERACCONTAMI UNA STORIA - LA FINE »

RACCONTAMI UNA STORIA - SLIDING DOORS -

Post n°65 pubblicato il 03 Maggio 2013 da Phoenix_from_Mars

 

Mi lasci andare, e io ti stringo la mano e mi allontano, lentamente.

Ad un certo punto ci siamo girati entrambi, ci siamo rubati l'ultimo sorriso, l'ultimo scintillio di sguardi...

Mentre arrivavamo in stazione, scherzando, mi hai accusato di rallentare il passo, ma forse lo stavo facendo davvero, inconsapevolmente, anche se sapevo che tu dovevi tornare al lavoro.

Perchè sapevo che questi istanti non sarebbero tornati mai più, e volevo godermeli fino all'ultimo...la nostra stagione...

 

COSA SAREBBE SUCCESSO SE...

 

UNO...

Mi volto e  continuo a camminare.
Appena entro in stazione, le note di una canzone vecchissima e struggente, "Take my breath away" dei Berlin...una vita fa.
Odio quando gli stramaledetti segni continuano a tornare...

Sento ancora il tocco delle tue labbra sulle mie...
Ci passo un dito, come a volerne catturare il ricordo...

Lo sapevo che  avrei corso questo rischio, rendendoti reale.

Infilo il biglietto nell'obliteratrice, scendo le scale, mi ritrovo sulla banchina, il mio treno è già visibile in fondo alla galleria. Arriva, con uno sferragliare di rotaie, e  le porte che si aprono mi ricordano in modo così reale "Sliding doors" che per un attimo mi volto a guardare le scale. Ma non c'è nessuno, a quest'ora la stazione è deserta, e allora mi decido. Il destino è quel che è, non può essere cambiato, nemmeno se lo desideriamo più di ogni altra cosa al mondo.

Entro, e quelle stesse porte si richiudono.

Su di te, su di me, su di noi, su tutto quello che poteva essere e mai sarà.

  

 

 

DUE...

Appena entrata in stazione, le note di "Take my breath away" dei Berlin mi arrivano dritte al cuore.

Sarà che ho ancora la sensazione del tocco lieve delle tue labbra sulle mie...

Prendo il cellulare e ti mando un messaggio.
"Dagli altoparlanti della metro..."Take my breath away" dei Berlin...te la ricordi? :)"
Aspetto due minuti, sicuramente il mio catorcio non avrà campo, sotto.
Tre minuti.
Non rispondi.
Ancora un minuto. Due.

Arrischio persino un'occhiata all'ingresso della stazione, ma lo so, sono una stupida, già hai rimandato tutti gli impegni perchè ho fatto la genialata dell'improvvisata, so che il lavoro ti aspetta, che abbiamo già rubato troppo tempo.

L'indecisione non è mai stata nelle mie corde, quindi mi avvio a passo sostenuto verso la stazione, senza voltarmi più indietro, una sequenza calcolata, biglietto, scale, scelgo la direzione, banchina, attesa.

Dopo qualche minuto, si sente già il rumore dello sferragliare del treno in fondo alla galleria. Raccolgo borsa e giacca e mi preparo. E' quello giusto, frena, si ferma, le porte si aprono davanti a me.

Faccio un passo per salire...e resto bloccata da due braccia che mi avvolgono in un abbraccio...stretto...

Riconoscerei tra mille quelle mani che ritrovo intrecciate sulle mie braccia, il braccialetto dell fortuna colorato e quello di acciaio sul tuo polso...

"Non andare."
"Ma devo. E tu devi tornare..."
"Non importa. Non ti lascio andare, adesso."

Sento il fischio di chiusura, siamo ancora fermi in mezzo alla porta della metro, ma sento che non vuoi costringermi, che nonostante il tuo abbraccio sia saldo, se io volessi mi lasceresti andare.

Ma esito, e il macchinista si sporge dal primo vagone e ci guarda, stupito, per un attimo, prima di trattenere il sorriso e gridarci: "Ma allora?? La signorina sale o no??"

"Allora?" mi ripeti tu, sempre tenendomi stretta, affondando il viso tra i miei capelli, "La signorina sale o no?"

E sento il tuo sorriso anche se non lo vedo, sento i tuoi occhi illuminarsi mentre arretro e faccio un cenno al macchinista, che fa un gran sorrisone e rimanda il segnale di chiusura porte. Un boato  esplode dall'interno del vagone, dove una decina di persone si è goduta la scenetta da film e ora applaude, osservandoci sorridendo, io e te stretti in un abbraccio che guardiamo la metro ripartire senza di me. E' destino che dovunque andiamo attiriamo la curiosità della gente, non so perchè...

"Brava signorì!"
"Così si fa, ragazzo!"
"Evvaiii!!"

Mi giro lentamente verso di te, senza sciogliere il tuo abbraccio, anzi, mi sistemo bene fra le tue braccia, anche se ci sono 30 gradi e l'estate...fuori e dentro di noi.

"Perchè sei tornato?"
"Perchè oggi eri bellissima mentre arrossivi."

E naturalmente, risento il familiare calore risalirmi le guance, non credo di essere mai arrossita tante volte in tutta la mia vita come nell'ultima mezz'ora.

 
"Io l'ho detto subito che eri un Guaio."
"Non ci provare Tetrah...ehehe..."

Rido, ai soprannomi che ci siamo dati, e che sono solo nostri. E poi ti guardo, ancora stretta fra le tue braccia, ma tanto ci sto così bene che non vorrei che ti staccassi mai. Ma tu allenti la presa e poi mi lasci, ma solo per spostare le tue mani sul mio viso, e guardarmi sorridendo, senza parlare.

E ti brillano ancora gli occhi mentre lo fai, e io penso che potrei perdermici, nei tuoi occhi.

Se....

Già, se.

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

CASTLE OF GLASS

Venite, entrate, pure

nella mia inquietante dimora

dove l'oscurita è un'affascinante padrona

e vi guiderà, un salone dopo l'altro...

Ma attenti alle segrete

da dove occasionalmente

proviene qualche stridor di catene...

E qualcuno vi si è già perduto.

Phoenix*

 

 

Viaggiatore che ti soffermi a leggere...

Non stupirti delle contraddizioni

e dei bruschi cambi di direzione che troverai qui.

Questo è il mio mondo su Marte.

Guarda bene, tu che sei capace di andare oltre.

Fuoco e ghiaccio, mente e cuore, miele e veleno, sorriso e lacrime...

This is me.

Phoenix*

 

 

Sign by Danasoft - Get Your Sign

 

Sign by Danasoft - Get Your Sign

 

SCRIGNO DELLE DOLCEZZE CHE MI AVETE REGALATO...

"Io so che la Fenice è nata per volare...in alto...non per camminare raso terra...ed è bella così."

"Buongiorno, Luce dei miei occhi!" 

"Sei il mio primo pensiero...ancora confondo realtà e sogno...scambio stelle per i tuoi occhi e terra bruna per i tuoi capelli...resto in attesa per sentirti respirarmi dentro...mi manchi."

"Ti ho dedicato plainsong!
....tu sei come la canzone.....
dolce.....delicata.......
una camminata a piedi nudi a riva...."

"Mi incanto ad osservare i tuoi occhi, mi parlano..."

"Amuleto prezioso della mia anima..."

"Eri bellissima ieri mentre arrossivi..."
"Se una vera Amica, una persona di cui ci si può fidare ad occhi chiusi."

"Tu sei un animo tenero e un cuore prezioso."

"Una persona come te è difficile che non trovi amici ovunque!"

"Ah, ma io intendevo divorarti, onore compreso :D"

"Sei un'anima speciale...è bellissimo starti vicino."

"Io so che ho a che fare con una persona che mi fa ridere,pensare,trepidare,stimolare..
Che mi fa venir voglia di accendere il pc per vedere se c'è.....basta questo.."

 

"Stupida..."
"Chi ti conosce non ti dimentica, e chi ti ha persa ti rivuole... perchè tu resti dentro."

 

 

 

 

"Hai uno sguardo bellissimo."
"Con te ho messo a nudo la mia anima...ed è stato bello."
"Ciao, Splendida Fenice di Fuoco!"
"La moglie ce l'hanno tutti, l'amante ormai è di moda, quello che è da nascondere e custodire è un'amica come te, un bene raro e prezioso."
"E il mio pensiero ti verrà a cercare, tutte le volte che ti sentirò distante, tutte le volte che ti vorrei parlare, per dirti che sei solo tu la cosa che per me è importante..."


 

"Nuova Luce di Luna
ti Accarezzi la Chioma
ti Culli nei Tuoi Sogni
ti Avvolga nella Tua Femminilità"

"E' uscito il sole..o sei uscita tu??"

"Non so come fai a creare questo senso di famiglia qui, ma ti adoro per questo..è la cosa che più mi piace di te."

"Ho pensato una cosa, domani ti lascio uno zainetto pieno di baci all'ingresso della stazione... Quando il treno passerà sopra il fiume, ricordati di raccoglierlo!
Mi raccomando, non consumarli tutti subito, portane qualcuno fino a Milano..."

"Sei una tosta dal cuore tenero tu..."

"Sono sulle mie montagne..sto ammirando l'incanto della natura...e quello della donna che sei"

"E' stato bello inciampare su di te :)"

"Il tuo castello lo definirei una reggia, aperta a poeti e animi sensibili, dove sempra impera la musica e i contributi artistici di ognuno spargono dolce l'olezzo delle buone sensazioni."

 "Tu cammini a due metri dal suolo e la tua presenza è taumaturgica per questa community spesso asfittica."

"Sei troppo forte, tu, sei imparagonabile, e non ti sto facendo un complimento!"

"Era un giorno qualsiasi quello nel quale hai dimenticata aperta la finestra della stanza e il "rombo" della mia yamahina ne ha attraversato lo spazio. Qui era una giornata simile alle altre in principio....fino a quando ti sei affacciata e mi hai sorriso. Non ho mai impennato, ma quel giorno credo di averlo fatto, perchè le gomme hanno divorato la linea immaginaria che nel frattempo il fumo tracciava tra le parole, raggiungendoti"
"...e quando le altre mi chiederanno...dirò: après Nicettà...rien est comparable."


 

SUL MIO COMODINO...

 


 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 105
 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

GRAZIE, AMITHIEL *___*