Creato da Phoenix_from_Mars il 03/04/2013

Dark side of Mars...

Nights on Mars...

 

« A Christmas carolE la luce fu.... »

A Christmas carol (parte seconda)

Post n°777 pubblicato il 25 Dicembre 2014 da Phoenix_from_Mars

 

 

Sonia si rigira tra le mani il pupazzo preferito di sua figlia, il primo regalo che le avevano fatto quando era nata, in quella freddissima mattina di dicembre, un pupazzo di neve con un buffo cappello natalizio  che, se gli si preme la pancia, canta "Feliz Navidad".
Buffo, è tutto il giorno che risente quella canzone, un paio di volte in tv, un'altra quando è andata al centro commerciale a prendere i fiori. Non è un caso, lei è convinta che la sua bambina le mandi dei pensieri e dei segni, specie quando la vede un pò giù di morale come adesso.
Come stamattina, che ha trovato inspiegabilmente sul suo comodino un sacchetto con i bottoni a forma di coccinella che le aveva comprato, da cucire sul grembiulino dell'asilo... e potrebbe giurare che prima di oggi non c'erano.


Così, ad un tratto, Sonia apre la porta di casa ed esce,senza nemmeno prendere il cappotto, nonostante sia una sera gelida.
E' diretta poco lontano, in un posto che è diventato la sua seconda casa ormai.
I cancelli del cimitero sono chiusi ai visitatori, proteggendo al loro interno coloro che riposano in silenzio, sotto mille lucine che splendono nel buio come decori di Natale.
Sonia pensa alla sua bambina, e si chiede se abbia freddo, tutta sola la' sotto. Se lo chiede spesso, come si chiede se lei la aspetti, tutta sola, quando si aprono i cancelli del cimitero, come la attendeva con ansia quando era ricoverata in rianimazione e le concedevano solo agli orari di visita di starle vicino.
Le sembra una crudeltà, che debba ancora aspettare di stare accanto alla sua bambina, come quando era in ospedale.
Così si aggrappa alla cancellata si protezione e sale, un piede dopo l'altro, cercando di non scivolare, è contenta di non avere il pesante cappotto che l'avrebbe impacciata, non sente il gelo tagliarle le mani.
In un attimo è dentro, percorre il vialetto di ghiaia che scricchiola un pò sotto i suoi passi, ricoperto di brina nella notte, e brilla sotto la luce della luna, alta nel cielo. Il cammino familiare la porta in un attimo davanti alla foto che ama così tanto e che le sorride, sopra i pupazzi natalizi che le ha messo la settimana precedente.

 

Sonia le mette accanto il pupazzo che ha portato con sè, poi cambia idea e lo tiene fra le mani, mentre si sdraia accanto alla piccola lapide, sotto il vento gelido che le sferza i capelli. Ma lei non lo sente, anzi, si sente stranamente pervasa da un calore intenso, come se avesse bevuto qualcosa di bollente. Così rimane lì, a guardare la sua bimba sorridere nel buio, e ad accarezzare quella foto, sussurrandole "ti amo", come fa tutte le volte che viene a trovarla, e ad un certo punto sorride anche lei, rasserenata, mentre una lacrima scivola giù, e si perde nel cappello rosso del pupazzo che stringe tra le mani.

 

 

Ed è così che la ritrova il custode la mattina di Natale, mentre fa il solito giro prima di aprire i cancelli, accoccolata sul piccolo prato ricoperto di pupazzi e stelle lucenti.
La lieve nevicata notturna ha ricoperto come una coperta di trine il volto e i capelli della mamma, che sembra dormire, vegliata dallo sguardo sorridente della sua bambina,  come in uno strano quadretto al contrario, con il pupazzo ancora stretto fra le dita.
 
I capelli brillano di cristalli di ghiaccio, le labbra sono violacee ma il viso è bianco e freddo come la neve, e sereno, e ora Sonia, finalmente, sorride, con gli occhi chiusi e l'espressione dolcissima che solo una mamma che tiene in braccio la sua bambina può avere.

E se qualcuno fosse passato, in quella magica notte, davanti a quella tomba, avrebbe giurato di aver visto una figuretta vestita di bianco, camminare svelta e andarsi a mettere davvero in braccio a quella mamma, accarezzandole il viso, una figuretta con i capelli bruni, ricciuti e lunghissimi e uno sguardo da monella birichina, splendente  di luce e trasparente come il cristallo.

O forse era solo il riflesso della neve bianchissima sotto le lucette della notte di Natale... chissà. 

Phoenix* "The Grinch"


  

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

CASTLE OF GLASS

Venite, entrate, pure

nella mia inquietante dimora

dove l'oscurita è un'affascinante padrona

e vi guiderà, un salone dopo l'altro...

Ma attenti alle segrete

da dove occasionalmente

proviene qualche stridor di catene...

E qualcuno vi si è già perduto.

Phoenix*

 

 

Viaggiatore che ti soffermi a leggere...

Non stupirti delle contraddizioni

e dei bruschi cambi di direzione che troverai qui.

Questo è il mio mondo su Marte.

Guarda bene, tu che sei capace di andare oltre.

Fuoco e ghiaccio, mente e cuore, miele e veleno, sorriso e lacrime...

This is me.

Phoenix*

 

 

Sign by Danasoft - Get Your Sign

 

Sign by Danasoft - Get Your Sign

 

SCRIGNO DELLE DOLCEZZE CHE MI AVETE REGALATO...

"Io so che la Fenice è nata per volare...in alto...non per camminare raso terra...ed è bella così."

"Buongiorno, Luce dei miei occhi!" 

"Sei il mio primo pensiero...ancora confondo realtà e sogno...scambio stelle per i tuoi occhi e terra bruna per i tuoi capelli...resto in attesa per sentirti respirarmi dentro...mi manchi."

"Ti ho dedicato plainsong!
....tu sei come la canzone.....
dolce.....delicata.......
una camminata a piedi nudi a riva...."

"Mi incanto ad osservare i tuoi occhi, mi parlano..."

"Amuleto prezioso della mia anima..."

"Eri bellissima ieri mentre arrossivi..."
"Se una vera Amica, una persona di cui ci si può fidare ad occhi chiusi."

"Tu sei un animo tenero e un cuore prezioso."

"Una persona come te è difficile che non trovi amici ovunque!"

"Ah, ma io intendevo divorarti, onore compreso :D"

"Sei un'anima speciale...è bellissimo starti vicino."

"Io so che ho a che fare con una persona che mi fa ridere,pensare,trepidare,stimolare..
Che mi fa venir voglia di accendere il pc per vedere se c'è.....basta questo.."

 

"Stupida..."
"Chi ti conosce non ti dimentica, e chi ti ha persa ti rivuole... perchè tu resti dentro."

 

 

 

 

"Hai uno sguardo bellissimo."
"Con te ho messo a nudo la mia anima...ed è stato bello."
"Ciao, Splendida Fenice di Fuoco!"
"La moglie ce l'hanno tutti, l'amante ormai è di moda, quello che è da nascondere e custodire è un'amica come te, un bene raro e prezioso."
"E il mio pensiero ti verrà a cercare, tutte le volte che ti sentirò distante, tutte le volte che ti vorrei parlare, per dirti che sei solo tu la cosa che per me è importante..."


 

"Nuova Luce di Luna
ti Accarezzi la Chioma
ti Culli nei Tuoi Sogni
ti Avvolga nella Tua Femminilità"

"E' uscito il sole..o sei uscita tu??"

"Non so come fai a creare questo senso di famiglia qui, ma ti adoro per questo..è la cosa che più mi piace di te."

"Ho pensato una cosa, domani ti lascio uno zainetto pieno di baci all'ingresso della stazione... Quando il treno passerà sopra il fiume, ricordati di raccoglierlo!
Mi raccomando, non consumarli tutti subito, portane qualcuno fino a Milano..."

"Sei una tosta dal cuore tenero tu..."

"Sono sulle mie montagne..sto ammirando l'incanto della natura...e quello della donna che sei"

"E' stato bello inciampare su di te :)"

"Il tuo castello lo definirei una reggia, aperta a poeti e animi sensibili, dove sempra impera la musica e i contributi artistici di ognuno spargono dolce l'olezzo delle buone sensazioni."

 "Tu cammini a due metri dal suolo e la tua presenza è taumaturgica per questa community spesso asfittica."

"Sei troppo forte, tu, sei imparagonabile, e non ti sto facendo un complimento!"

"Era un giorno qualsiasi quello nel quale hai dimenticata aperta la finestra della stanza e il "rombo" della mia yamahina ne ha attraversato lo spazio. Qui era una giornata simile alle altre in principio....fino a quando ti sei affacciata e mi hai sorriso. Non ho mai impennato, ma quel giorno credo di averlo fatto, perchè le gomme hanno divorato la linea immaginaria che nel frattempo il fumo tracciava tra le parole, raggiungendoti"
"...e quando le altre mi chiederanno...dirò: après Nicettà...rien est comparable."


 

SUL MIO COMODINO...

 


 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 105
 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

GRAZIE, AMITHIEL *___*