**TEST**

Disabile sto cazzo

E' il mondo che ti rende disabile anche se non vorresti esserlo

 

DA SEDUTO PER ARRIVARE ALLA TESTA DELLE PERSONE

...da sei mesi seduto in carrozzina...non importa come, non importa perchè...la cosa importante è la voglia di tornare a vivere... ma c'è un mondo lì fuori che ti mette il bastone tra le ruote... che ti costringe ad essere disabile anche se uno non si sente tale. La società è così attenta a non ferire il mio ego, non vuole chiamarmi DISABILE o HANDICCAPATO o PORTATORE DI HANDICAP....allora mi chiama DIVERSAMENTE ABILE.

Sinceramente non sono così suscettibile e non me ne frega niente di come vuole chiamarmi il mondo... vorrei prima di tutto che il mondo capisse che sono e che siamo ABILI a fare parecchie cose...e non sono poche...e che basterebbe davvero uno piccolo sforzo per renderci la vita più facile.

Questo blog non nasce da vittiimismo...esattamente il contrario...l'idea è quella di raccontare, possibilmente in modo simpatico, situazioni, vicissitudini, ostacoli che sono all'ordine del giorno...Sono stato dimesso solo da qualche settimana dall'ospedale..ma già ce ne sarebbero da raccontare...e quindi buona lettura...

Nessun tentativo di denuncia o battaglie contro i mulini a vento...ma se può servire a suscitare un po' di sensibilità su questi temi...beh.... ben venga...lo dice uno che fino a sei mesi fa viveva in un soppalco con una splendia scala a chiocciola...e non ci pensava per niente... a STI CAZZO DI DISABILI...

 
 

ASCOLTARE E CREDERE...

                                           

 

EVERYBODY HURTS...(R.E.M.)

Everybody hurts (R.E.M.)

When the day is long and the night, the night is yours alone,
When youre sure youve had enough of this life, well hang on.
Dont let yourself go, everybody cries and everybody hurts sometimes.

Sometimes everything is wrong. now its time to sing along.
When your day is night alone, (hold on, hold on)
If you feel like letting go, (hold on)
When you think youve had too much of this life, well hang on.

Everybody hurts. take comfort in your friends.
Everybody hurts. dont throw your hand. oh, no. dont throw your hand.
If you feel like youre alone, no, no, no, you are not alone

If youre on your own in this life, the days and nights are long,
When you think youve had too much of this life to hang on.

Well, everybody hurts sometimes,
Everybody cries. and everybody hurts sometimes.
And everybody hurts sometimes. so, hold on, hold on.
Hold on, hold on. hold on, hold on. hold on, hold on. (repeat & fade)
(everybody hurts. you are not alone.)


Quando il giorno è lungo e la notte
La notte è tutta tua
Quando sei sicuro di averne avuto abbastanza
Di questa vita, beh, stringi i denti
Non lasciarti andare
Tutti piangono
E tutti stanno male a volte

A volte è tutto sbagliato
Adesso è il momento di cantare insieme
Quando il tuo giorno è solo notte, tieni duro, tieni duro
Se ti sembra di star mollando, tieni duro
Quando pensi di averne avuto abbastanza
Di questa vita, beh, stringi i denti

Tutti stanno male
Approfitta dei tuoi amici
Tutti stanno male
Non mollare la presa, oh no
Non mollare la presa
Se ti senti come se fossi solo
No, no, no, non sei solo

Se te la cavi da solo in questa vita
I giorni e le notti sono lunghe
Quando sei sicuro di averne avuto abbastanza
Di questa vita per stringere i denti

Beh, tutti stanno male a volte
Tutti piangono
E tutti stanno male a volte
Quindi tieni duro, tieni duro
Tieni duro, tieni duro
Tutti stanno male
Non sei da solo

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 26
 

ULTIME VISITE AL BLOG

bimbayokowalsabbamoji79diletta.castellicgennaristellapikluciaciccaresela.vegetarianaGTOnizuka22pantera1971vperla_di_mare79iannaconematteoamomiIndependence_Day2011Ciko27
 

ULTIMI COMMENTI

Ho letto molto volentieri questo post. Complimenti da...
Inviato da: diletta.castelli
il 11/10/2016 alle 15:44
 
Un sorriso...
Inviato da: la.vegetariana
il 02/03/2016 alle 18:44
 
Tirati su con un po' di musica. Abbattersi è la cosa...
Inviato da: Lorena
il 03/12/2014 alle 15:49
 
Raga, cosa ne dite di questo servizio. Secondo me è...
Inviato da: Lorena
il 02/12/2014 alle 19:40
 
Aiuto per i disabili anche in questo modo. E' poco ma...
Inviato da: giammaffa
il 26/11/2014 alle 14:57
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« La patente "speciale"...MESSAGGIO PER IL SOCIALE... »

La visita all'INPS...

Post n°5 pubblicato il 31 Ottobre 2007 da moji79

Tra le varie visite di commissioni e dottori non poteva mancare la visita all'INPS...sostanzialmente un dottore doveva valutare la mia capacità di tornare a svolgere il mio lavoro oppure no...

La visita questa volta è stata una visita quasi vera... a parte le solite domande di rito il dottore ha chiesto anche di visitarmi... A tal proposito mi chiede di sdraiarmi su un lettino. Naturalmente il lettino non è regolabile in altezza...mi arriva all'altezza della spalla...un bel saltino da fare con le braccia. In quel momento ho pansato a Chiara, la mia fisioterapista del centro di riabilitazione dove sono stato ricoverato...un giorno mi aveva portato in fianco ad un tavolo e mi ha chiesto di salirci sopra. Io l'ho guardata un po' spaventato...a che pro?

"Vedrai quando andrai a fare qualche visita quanto sono alti i lettini degli ambulatori..."

"Ma saranno regolabili...!!" ribatto io

"Non contarci...vedrai...dai sali sul tavolo"

Mi piace quando mi sfidano a fare qualcosa di nuovo e anche se con un po' di paura ho fatto il mio balzo e sono salito sul tavolo pensando che fosse stata più una sfida che altro...

E invece adesso ero lì a fianco di quel lettino a ripetere quel balzo, il lettino in effetti è un po' altino e il dottore si stava già chiedendo come fare...ma la fortuna di avere avuto una brava e lungimirante fisioterapista mi permise di superare da solo il problema... GRAZIE CHIARA!

Un volta effettuata la visita il dottore si mette a compilare tutti i campi delle sue scartoffie...poi alla fina mi guarda negli occhi e mi dice:

"Lo sa che lei è un po' sfortunato??"

"Beh...considerando che sono finito in carrozzina per colpa di un uccello che mi ha tagliato la strada...non mi ritengo molto fortunato in effetti...!!!"

"No...io mi riferivo al fatto che lei essendo laureato in ingegneria può tornare a svolgere il suo lavoro...e quindi non avrà diritto ad ulteriori pensioni..."

"A dire la verità io mi ritengo fortunato per questo...per fortuna che sono laureato...per fortuna che posso tornare a fare il mio lavoro...io voglio tornare a svolgere il mio lavoro...non mo ne frega niente di altre pensioni..."

Lui mi guarda in modo strano...forse è abituato a gente che cerca in tutti i modi di dimostrare che il proprio danno fisico non gli permette di tornare al lavoro...forse non è colpa sua quella domada che a me è sembrata così imbecille...non lo so...esco anche da questa visita con qualche interrogativo mi dirigo verso l'uscita delle'edificio.

Naturalmente c'è un servoscala per superare 4 o 5 gradini...ma all'uscita c'è un bel gradino insuperabile...serve l'aiuto della guardia giurata per scendere...ma in un posto come questo...una rampetta no? Non penso di essere l'unico disabile ad essere passato per di qua...Evidentemente bisogna tenere impegnata la guardia giurata, e farci ricordare che non siamo in grado di fare gradini da soli!!!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: moji79
Data di creazione: 18/10/2007