Creato da Mediazionecivile il 02/01/2012
Mediazione civile e commerciale
 

Ultime visite al Blog

valentina.siclariCipinifedericagaleonemirano1dott.francesco2005avvaloisioprevisionistampafotodibelvederematelettronicaElianaLibroialauraalfanomc.aversanuovodg18avvalboinogrecomaggy30
 

FACEBOOK

 
 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Il dipendente pubblico p...Corso per Mediatori civi... »

Giudice di pace di Napoli eccepisce sulla obbligatorietà della mediazione.

L’entrata in vigore della mediazione obbligatoria anche per le controversie in materia di condominio e sinistri stradali, il 21 marzo, ha fatto aumentare di molto il numero delle istanze di mediazione.

I Giudici di pace si sono mostrati alquanto restii ad accettare l’obbligatorietà della mediazione quale condizione di procedibilità del giudizio.

Un Giudice di pace di Napoli , lo scorso 23 marzo, ha eluso il regime della mediazione obbligatoria nelle controversie in cui rileva il successivo giudizio dinanzi ai Giudici di Pace.

Orbene, il Giudice de quo ha stabilito che la legge sulla mediazione (d.lgs. 28/2010) non ha abrogato gli artt. 320 e 322 c.p.c. in materia di giudizio dinanzi al Giudice di Pace, il quale rappresenta una disciplina speciale rispetto al rito ordinario.

Gli articoli  320 e 322 c.p.c. prevedono rispettivamente un tentativo conciliativo giudiziale e stragiudiziale dinanzi al Giudice di pace, quest’ultimo nato proprio al fine di ottenere il medesimo effetto deflattivo che si sta cercando di realizzare con la procedura di cui al d.lgs. 28/2010.

Dice il Giudice partenopeo, che la legge sulla mediazione non ha abrogato gli artt. 320 e 322, né, tantomeno, li prevede espressamente.

Per tale ragione, conclude  che legittimare un tentativo di mediazione, prima di un ulteriore tentativo conciliativo dinanzi al Giudice di pace, sarebbe illogico e in contrasto con il dato sistematico.

è una pronuncia che ha destato perplessità di non poco momento in ordine all’elusione operata dalla stessa, ma che avrà sicuramente un seguito tra i Giudici di pace e gli operatori del diritto che continuano ad intravedere elementi di incostituzionalità della legge sulla mediazione, in  attesa che si pronunci la Corte Costituzionale in merito.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/EMMECIMediazione/trackback.php?msg=11306472

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
avvbia
avvbia il 19/05/12 alle 13:25 via WEB
BIZZARRA interpetrazione di questo giudice. bizzarra. magari fosse così!! approfitto per esternare QUI la mia assoluta contrarietà alla mediazione.Anche per i seguenti motivi 1 spese raddoppiate 2 difficoltà a raggiungere un accordo 3 la conciliazione deve tentarla il giudice togato essendo pure previsto dal codice.. eccetera!!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.