Creato da Pitagora_Stonato il 12/07/2010

EREMO MISANTROPO

se non avete nulla da aggiungere astenetevi. Grazie

 

 

« 23/09/2017 guardando ValerianChe piacere quando qualc... »

L'uomo della casa della carne - George R,R. Martin

Post n°1411 pubblicato il 24 Ottobre 2017 da Pitagora_Stonato
 

 

6 - Il sogno di Duvalier         

Il suo nome non ha importanza, e nemmeno il suo aspetto. Quel che importa è che lei esistette, che Trager provò ancora una volta, e che si forzò di farlo, di crederci e di non mollare Ci provò.    

Ma mancava qualcosa. Di magico?

Le parole erano le medesime.

Quante volte si può dirle, si chiese Trager, dirle credendoci, come la prima volta, in  cui si sono pronunciate? Una volta, due, tre forse? Oppure un centinaio? E quelli che le dicono cento volte, sono davvero più bravi ad amare? Oppure solo a mentire a se stessi? Non sono piuttosto persone che hanno rinunciato molto tempo prima al sogno, che ne usano il nome per qualcos’altro?

Disse le parole, tenendola stretta, cullandola e baciandola. Disse le parole con esperienza, maggiore e più incisiva, e più morta di ogni convinzione.

Disse le parole e tentò, ma ormai non riusciva più a dar loro un significato.

E lei le disse a lui, e Trager si rese conto che non avevano più alcun significato. Si dissero un'infinità di volte le cose che ciascuno dei due voleva sentirsi dire, ed entrambi seppero che stavano fingendo.

Ci provarono veramente. Ma quando lui allungò la mano, come un attore prigioniero del proprio ruolo e destinato a recitare in eterno la stessa parte, quando allungò la mano e le toccò la guancia... la pelle era liscia, dolce e piacevole. E bagnata di lacrime. 

(…)

Di tutte le belle e crudeli bugie che ti raccontano, la più cattiva è quella chiamata amore.


Meathouse Man - G.R.R. Martin


(da Splatter Punk - Paul M. Sammon - Arnoldo mondadori editore)

 

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/EREMOMISANTROPO/trackback.php?msg=13571868

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
>> > > >> su BLOGGO NOTES
Ricevuto in data 24/10/17 @ 13:35
-Ti innamori: bevi per festeggiare. -Ti lascia: bevi per dimenticare. -Ti manca: bevi per non pen...

 
Commenti al Post:
arw3n63
arw3n63 il 24/10/17 alle 15:44 via WEB
Quando si dice "esistette" e si parla al passato, l'amore è già un "fu", qualcosa di finito,"amore" senza più un significato.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

IN LETTURA

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31