Creato da ecoeconomia il 15/10/2008
Idee per una crescita sostenibile

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 
 

Messaggi di Giugno 2020

COVID dalla pandemia reale alla vera farsa per vaccinarci?

Post n°89 pubblicato il 14 Giugno 2020 da ecoeconomia
 
Foto di ecoeconomia

Il titolo si chiude con un punto di domanda perché qua NON siamo complottisti, tantomeno nell'accezione negativa che questo termine ha assunto.Ma non siamo nemmeno i creduloni che prendono sempre e comunque per buone le verità dei TG nazionali.

Diciamo che siamo dei "dubitativi", delle persone a cui le esperienze di vita hanno insegnato a porsi dei dubbi. A mettere sempre tutto in discussione ed a verificare ogni cosa prima di prenderla per buona.

La vicenda del COVID ha in sotto fondo un chiaro obbiettivo che è quello di condurre tutta la popolazione mondiale, o comunque un ampia fascia di essa, alla vaccinazione obbligatoria.

Se non fosse che stiamo parlando di un business da 280 miliardi annui potremmo anche avere meno dubbi sugli intenti umanitari di chi mira a questo traguardo.

Ma con in ballo tanti soldi e con i pareri discordi spesso anche all'interno della comunità scientifica non si possono non nutrire forti dubbi sulle reali motivazioni che spingono alcuni a forzare brutalmente le cose in questa direzione.

E poco importa che il vaccino poi sarà gratuito, se anche lo dovessero pagare gli stati sempre soldi del popolo sono...

Che l'Italia poi si sia assunta il ruolo di "untore" d'Europa dichiarando ufficialmente di avere il primo contagiato e avviando invano  la ricerca del famoso paziente zero rimane un ulteriore elemento generatore di dubbi e perplessità sui veri intenti del nostro governo.

Tanto più che poi si è con certezza stabilito che il virus "girava" in TUTTA Europa già da mesi:

https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/20_aprile_30/coronavirus-milano-donna-febbre-22-dicembre-polmonite-atipica-primo-caso-ora-hanno-trovato-anticorpi-covid-373f1624-8a56-11ea-94d3-9879860c12b6.shtml?refresh_ce-cp

e che il paziente zero semmai era stato in Germania:

https://www.repubblica.it/cronaca/2020/04/09/news/_mi_passi_il_sale_ricostruiti_i_dettagli_di_un_contagio_a_monaco-253607550/

in Germania dove da mesi si registrava un picco record di polmoniti ma nessuno si sognava di sventolare la mondo il problema di un'epidemia...

Giusto o sbagliato che sia l'approccio tedesco, fatto sta che l'Italia ancora oggi paga il ruolo che si è assunta con un 'autodenuncia che da subito semmai andava rubricata come allarme continentale e non nazionale.

Tralasciamo anche il forte ritardo tra la dichiarazione di stato di emergenza sanitaria del 31 gennaio e le prime vere misure di contenimento di ben 21 giorni dopo.

Tralasciamo le fortissime contraddizioni di queste scelte... dal grottesco balletto sugli orari di chiusura dei bar, ai ristoranti aperti a pranzo ma non a cena come sue il virus facesse i turni.
Dal mantenimento in tutta normalità dell'apertura dei supermercati e centri commerciali mentre cominciava ad essere proibito di girare all'aria aperta fosse anche da soli in spiaggia o in un bosco...

E tanto tanto altro...

Noi comunque non siamo negazionisti, il virus c'è stato ad alta contagiosità e virulento ma ora è ancora così?

La VERA DOMANDA CHE PONIAMO ORA è QUESTA?

Il blocco e le limitazioni nascevano dalla volontà di evitare il collasso delle strutture sanitarie ora è vero che molti reparti COVID hanno chiuso e in nessun ospedale le strutture sono sovraccariche, anzi ogni giorno prosegue il deflusso dei pazienti guariti.
Ora che le nuove cure(a cominciare dal plasma immune) funzionano ...
Ora che, come si sono espressi numerosi eminenti medici, i casi che si presentano sono molto meno gravi e più curabili...

PERCHE' IMPORRE ANCORA LIMITAZIONI IN UNA STAGIONE ESTIVA CHE DI PER SE' SFAVORISCE QUESTO TIPO DI VIRUS CHE SOFFRE IL CALDO?
PERCHE' SI INSISTE NEL RECITARE GIORNALMENTE IL NUMERO DEI CONTAGIATI MA NON IS FA CHIAREZZA SU QUANTI EFFETTIVAMENTE VERSANO COME ACCADEVA MESI FA IN CONDIZIONI CRITICHE?...e il dato andrebbe specificamente estrapolato per il COVID non per altre patologie...

E poi qualche domanda secondaria ma non meno fondamentale per capire se c'è o meno buona fede...

Che scelta è consentire la riapertura di attività con una serie di limitazioni e vincoli onerosissimi e complicati quando visto il deflusso di ammalati, la prova della temperatura e relative restrizioni potrebbe essere più che sufficiente specie all'aperto per evitare nuovi contagi?

Che senso ha impedire ancora ai ragazzi un normale ritorno alle proprie attività sportive?

Non sarebbe semmai più opportuno imporre un protocollo di tutela verso le fasce di età più esposte (esempio i nonni) specie se sono presenti altre patologie? Si sta limitando la salutare attività fisica di milioni di ragazze e ragazzi in età risultate praticamente esenti da effetti seri da parte del virus!

Che senso ha bloccare i cosiddetti sport di contatto all'aria aperta quando a queste temperature il virus non sopravvive e basterebbe impedire a chi ha la febbre semmai di partecipare e se proprio inibire ancora per un po' l'uso degli spogliatoi comuni rimandando per le docce ciascuno a casa propria.

SENZA VOLERE ESSERE MALIZIOSI A TUTTI I COSTI NON è CHE SI STANNO CREANDO BACINI DI UTENZA PER IL VACCINO?

I ragazzi in vista della ripresa scolastica e i milioni di sportivi in vista della prossima stagione agonistica che andrebbero ad aggiungersi ai già desiginati anziani e operatori sanitari?

Anche perché non è chiaro come mai lo stato italiano finanzi con oltre 300 milioni di euro la fondazione di tale Bill Gates che, guarda caso, è uno dei principali azionisti di quasi tutte le aziende del pharma e del biotech che lavorano al vaccino...

Il tutto mentre grandi studiosi ci spiegano che per un virus mutante l'unica vera soluzione è la cura

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/covid-lhiv-non-avremo-mai-vaccino-1861905.html

Ma si sa la cura è una tantum e servirà solo a una minima parte della popolazione mentre col vaccino si punta all'universalità e alla ripetizione annuale...

Se ci sfugge qualcosa di questa conclusione che non vuole assolutamente essere complottista spiegatecelo!

Anche perché viceversa finiremo per prendere per buono questo studio tedesco:

https://lacrunadellago.net/2020/06/08/il-rapporto-dei-medici-tedeschi-nascosto-dai-mediail-covid-e-un-falso-allarme-globale/?fbclid=IwAR1XnpfdWBCLxCS3nR4kURxZquedjCZysA0lSSVHsEsYVNXlj8m7MRPUtE0

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso