Creato da e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/06/2012

C'est la Vie

Il bello, il brutto ... e il così così

 

« e la morale è...e luce è »

copio, incollo e...

Post n°413 pubblicato il 22 Febbraio 2015 da e_d_e_l_w_e_i_s_s
 

 


[Un ragazzino di 15 anni si aggirava in stato confusionale alla stazione di Santa Maria Novella
. Scomparso la mattina da Perugia, dove vive con i genitori che avevano già avvisato i carabinieri, era venuto a Firenze, ha detto, per vedere una persona conosciuta in chat su Facebook. Ha detto di avere pochi amici, e di passare tutte le notti davanti al computer. Non era neppure in grado di scrivere il suo nome sul modulo per l’identificazione. La diagnosi dei medici del Pronto Soccorso è : dipendenza da Internet.]
Da Repubblica. it: Firenze , 20 febbraio

Copiato, incollato e...

…qui fermo l’immagine: sull’uso della rete.
Che per molti aspetti  ci semplifica la vita  alla condizione però  che siamo noi a usare lei e non lei a comandare noi.



Ogni giorno in media gli italiani trascorrono 4,5 ore online,  e 2,5 ore sui social network.

Statisticamente 7 su 10 usa lo smartphone e, sempre statisticamente, 1 su 2 non arriva a fine mese.
Che vuol dire: se ho 1 torta e siamo in 2:  io me la mangio tutta, mediamente però  ne abbiamo mangiata mezza a testa.

Ieri sera mentre aspettavo le pizze da portare a casa contavo i minuti che impiegavano mani esperte a impastare, farcire, infornare  e le tavolate.

Una era di ragazzi età compresa tra i 16 e i 18 anni: pizze fumanti, coca cola, qualche birra e un numero imprecisato di smartphone.
I più mangiavano, parlavano, ridevano.
I cellulari erano lì in bella mostra.
I meno mangiavano scrivendo. Parlavano scattandosi selfie. Ridevano inoltrandoli.

Due di adulti. Nè giovani nè vecchi.
Parlavano poco, ridevano meno.
Un gioco di occhi che dalla pizza si spostavano velocemente sullo schermo mentre
il *dloon*del messaggio ritmava la masticazione.
Sorseggiavano messaggi che diventano come la bottiglia per l’alcolizzato: indispensabili.

Più in là una coppia: chattavano o giocavano in silenzio.
Hikikomori.
Sorridevano al cellulare quasi che i messaggi  che si susseguivano  fossero più divertenti  dello stare una di fronte all’altro.


































La rete fa compagnia, lo dicono in molti.

E in altrettanti dicono che la rete è una trappola.

Una trappola che illude, confonde, distoglie e distorce e  crea anche una disperata solitudine.


A voi è mai capitato che, per il piacere di stare connessi,  abbiate trascurato amicizie o affetti, accumulato ritardi nelle faccende, dimenticato impegni,
o semplicemente perso ore di sonno?



...sinceri siceri eh...!



 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60QuartoProvvisorioBugenhagenwoodenshipcruelangelstigreruggente0Meibimimariomancino.maliasnovemonellaccio19e_d_e_l_w_e_i_s_schiedididario66lalieno_2016Domesticat1960dolcesettembre.1
 

BIANCOLUNGO