Creato da e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/06/2012

C'est la Vie

Il bello, il brutto ... e il così così

 

« Chiedilo al web!Indipendentemente »

Luoghi comuni fuori luogo

Post n°927 pubblicato il 06 Marzo 2021 da e_d_e_l_w_e_i_s_s
 

E' uscito da pochi giorni


 
 



























di  Michela Murgia e edito da Einaudi.

128 pagine scorrevoli da leggere e che fanno riflettere per la semplicità del messaggio che lanciano: le frasi apparentemente innocue o i  luoghi comuni che serpeggiano nella nostra società.


<< Se si è donna si muore
 […] di parole ingiuste anche nella vita quotidiana, dove il pregiudizio che passa per il linguaggio uccide la nostra possibilità di essere pienamente noi stesse[…]
[…]
Succede quando fate un bel lavoro, ma vi chiedono prima se siete mamma.
[…]
Quando si mettono a spiegarvi qualcosa che sapete già perfettamente,
quando vi dicono di calmarvi, di farvi una risata, di scopare di più, di smetterla di spaventare gli uomini con le vostre opinioni, di sorridere piuttosto, e soprattutto di star zitta.>>



Frasi di per sé banali.
Luoghi comuni fuori luogo.


Voi, Signore, che passate di qui ricordate  una di queste frasi rivolta a voi?


Voi, Signori Uomini, con tutta l'onestà che potete, almeno una volta vi siete ritrovati a pronunciare  verso una donna , o anche solo a pensarlo, un luogo comune fra quelli riportati dalla Murgia?


E fra tutti quale ritenete il peggiore?



La scrittrice ha un'ambizione:
che tra dieci anni chiunque ,
trovando il libro su una bancarella,
possa pensare sorridendo che per fortuna queste frasi non le dice piú nessuno.

Ce la farà, ne sono certa.



La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Edelweiss12/trackback.php?msg=15389597

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
chiedididario66
chiedididario66 il 06/03/21 alle 16:17 via WEB
Fra il dire e pensare, c'è di mezzo il mare. Pensare, si può pensare di tutto. È agire quel che conta. Posso dire che siete razionali, non date una seconda possibilità. Per voi l'uomo ha torto a prescindere.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 06/03/21 alle 16:28 via WEB
Vero a metà che tra il dire e il pensare c'è di mezzo il mare. Si può non dire una frase per educazione, ma pensarla... e quindi casca l'asino, secondo me.
Perchè generalizzi, Dario? Io per esempio non sono razionale, do più possibilità e non sono convinta che l'uomo ha torto in quanto uomo...;) ciaooo
 
 
venere_privata.x
venere_privata.x il 06/03/21 alle 19:13 via WEB
Quando un uomo ti dice o ti fa capire, con altre parole, "stai zitta" non vedo quale seconda possibilità bisognerebbe dare :) In quel caso sì, l'uomo ha torto a prescindere.
 
monellaccio19
monellaccio19 il 06/03/21 alle 17:10 via WEB
Beh, conosco la Murgia e il suo infaticabile impegno per le donne. Siamo a percorrere, con i nostri post odierni, lo stesso cammino. Battaglie femminili tese a conquistare non solo la parità di genere legittima e necessaria, ma anche quel senso di genere unico e allineato tra uomini e donne. Dal fascio di fiori offerto a Sanremo alle donne, e per il quale le femministe ad oltranza e piuttosto esasperate, vogliono l'abolizione, ai pregiudizi e stereotipi ormai fuori da ogni contesto, come indica la Murgia. Non se ne può fare a meno e la battaglia sarà sempre più dura su tutto il fronte. Non ci resterà che adeguarci. Buona sera Elena.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 06/03/21 alle 17:24 via WEB
Mi fa piacere tu conosca Michela Murgia: io l'ho *conosciuta* attraverso il libro.
In tutta onestà io non credo che queste, come pure l'elargizione di fiori, siano battaglie femministe. Credo piuttosto che si giochi "a caccia agli stereotipi" rischiando che da ideale femminista diventi anti-femminista. Ciò non toglie che queste frasi siano di uno squallore infinito. Buona serata :)
 
thorn2021
thorn2021 il 06/03/21 alle 17:21 via WEB
La tentazione più forte è sicuramente quella di dire a una donna "stai zitta". Perché effettivamente le donne parlano troppo.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 06/03/21 alle 17:25 via WEB
Sicuro che le donne in generale parlino più degli uomini? Io no.
 
   
thorn2021
thorn2021 il 07/03/21 alle 09:12 via WEB
In linea di massimo, le donne sono più chacchieroni degli uomini, soprattutto quando c'è da pettegolare.
 
     
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 15:47 via WEB
Perché lanci un altro luogo comune parificandoti a certe donnine? Io penso che, indipendentemente da chi proviene, ogni luogo comune sia la palese rappresentazione di opinioni senza spessore.
 
carloreomeo0
carloreomeo0 il 06/03/21 alle 17:21 via WEB
Io credo che se riuscissimo a far crollare molti dei pregiudizi, zittire i luoghi comuni, gli stereotipi sulle donne, avremmo fatto un grande passo avanti per combattere la violenza sulle donne.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 06/03/21 alle 17:27 via WEB
Se intendi violenza verbale, sicuramente sono d'accordo. Stereotipi insulsi che denotano non tanto l'inferiorità delle donne quanto quella dell'uomo che fa proprie certe frasi di dubbia intelligenza e certo cattivo gusto.
 
   
carloreomeo0
carloreomeo0 il 07/03/21 alle 20:24 via WEB
Sì, la violenza verbale che a volte, troppe volte purtroppo è l'anticamera della violenza fisica. Quella violenza verbale che è sintomo di una mentalità ristretta in cui ristagnano troppi pregiudizi, in cui guizzano ancora antichi retaggi che volevano la donna sottomessa all'uomo, in quanto inferiore ad esso. Fino a quando non riusciremo a mettere a tacere quella violenza verbale, a zittire ogni uomo che ne sia portavoce e a inaridire ogni pensiero che ne sia la fonte, la discriminazione delle donne da parte di certi uomini non avrà mai fine.
 
     
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 10/03/21 alle 14:42 via WEB
Ansa, l'8marzo, riportava il discorso di Mattarella circa il rispetto verso le donne anche e soprattutto verbale e parlava di "Femminicidio fenomeno impressionante, scuote coscienza Paese". L'articolo sottostante riportava l'uccisione di Ilenia Fabbri.
Non sono del tutto convinta che la violenza verbale sfoci matematicamente in quella fisica. Sono però molto convinta che nessuna donna ( nessuna persona) debba mai accettare violenza verbale. A prescindere. Nella mia testa non è concepibile che una donna o una persona in genere, qualsiasi sia il suo ceto, la sua cultura, la sua condizione, possa sopportate , specie in famiglia, soprusi di qualsiasi natura.
 
venere_privata.x
venere_privata.x il 06/03/21 alle 19:05 via WEB
Purtroppo sono frasi che si sentono, anche da quei professionisti da cui non te lo aspetteresti. Eppure "la battuta" è dietro l'angolo, ed esce fuori all'improvviso. "Ma dai, stavo scherzando". Eccerto, come no.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 15:51 via WEB
Innanzitutto ti ringrazio per il tuo pensiero lasciato qui.
Provo a risponderti riassumendo.
Credo che nella dinamica del buon vivere una seconda possibilità, laddove non sia questione di vita o di morte, si possa dare a tutti .
Nello specifico, la seconda possibilità cui mi riferivo non era rivolta all'espressione *Stai zitta*.
Fremo restando che si tratta di frasi orrende, non credi che dando la giusta confidenza, mantenendo la giusta distanza e non mettendosi in condizione di farsi mancare di rispetto ne acquisteremmo anche noi donne?
Grazie ancora, ciao
 
   
venere_privata.x
venere_privata.x il 07/03/21 alle 16:55 via WEB
Beh, no... non lo credo. Diciamo che nella risposta che ho dato al commento sopra al mio - quello sulle seconde possibilità - posso aver dato luogo a fraintendimento solo per mantenere la logica del commento stesso. Ovvio che non sono solo gli uomini il soggetto principale, ma qualsiasi essere umano: laddove si scade in offese - dirette o indirette -, che certo non determinano una questione di vita o di morte, io non ritengo di dover dare seconde possibilità. Perché spesso anche dietro una battuta si cela una linea di pensiero, che magari non fa male a nessuno, ma di certo non aiuta a migliorare il mondo. Per quanto riguarda, invece, l'idea di "mettersi in condizione di non farsi mancare di rispetto" non vorrei generalizzare, per questo faccio un esempio concreto: ho una collega che stimo moltissimo, intelligente, intuitiva, seria e devota al suo lavoro e all'azienda. Eppure spesso i capi vorrebbero che stesse zitta. Quale sarebbe l'atteggiamento che dovrebbe assumere per non farsi mancare di rispetto? Stare zitta è l'opzione contemplata? Dire le cose in modo diverso per non urtare la sensibilità di qualcuno che si sente preso in causa? Non so, a volte mi sembra che si viva in una realtà parallela :)
 
     
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 17:07 via WEB
Non so che risponderti. Ti rispondo per me. Non ho capi, ma ho colleghi. Non sto zitta se devo parlare. Se il discorso non è necessario me ne resto in silenzio. Cerco di non urtare la sensibiltà altrui e di pormi per quello che sono e ti assicuro che nessuno urta la mia.
 
cassetta2
cassetta2 il 06/03/21 alle 19:47 via WEB
Sono irreprensibile: https://blog.libero.it/presidente/13018783.html
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 15:52 via WEB
Ahh ma già lo supponevo, che tu fossi irreprensibile, Cassetta!
Comunque, sì, convengo con te: nel luogo di lavoro un grazie o un apprezzamento professionale da un collega è gratificante.
 
Andrea.Contino1955
Andrea.Contino1955 il 06/03/21 alle 20:45 via WEB
La ripetitività è banale, infatti se risentite le solite stupide cose per migliaia di volte non imparerete certo nulla di nuovo. Una buona serata Elena....un sorriso!
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 15:53 via WEB
Andrea, quanto hai ragione! Ripetitività che si succedono da anni e anni, banali e che non portano a nulla.
A proposito... tu che hai seguito il Festival, che dici ci mettiamo nel calderone delle banalità ci mettiamo anche la Palombelli e il suo patetico monologo sulle donne? Io dico di sì...:) ciaooo
 
   
Andrea.Contino1955
Andrea.Contino1955 il 07/03/21 alle 22:23 via WEB
Ahahah.....ma certo mettiamo anche lei....una più una meno. Una buona serata....un sorriso!
 
woodenship
woodenship il 07/03/21 alle 01:33 via WEB
Personalmente, mi ci sono provato infinite volte ad intimare di stare zitta, di chiudere il becco, alla mia dolce squaw. Ma, l'unico risultato, è stato quello di accentuare una certa indignazione ed una animosità davvero incomprensibili.....eheheheh!!.......Un bacio scintillante di stelle.......W.......
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 15:54 via WEB
^____________^!!!Ullalà!
Maschilista e pure razzista!!!
Bell’amico che sei, ...W.. scherzo, ovviamente...ciaooooo
 
dolcesettembre.1
dolcesettembre.1 il 07/03/21 alle 09:19 via WEB
Da ragazza avevo il desiderio di fare il muratore come mio padre,che me lo sconsiglio'chiaramente perchè ero donna.Più pregiudizio di così...Un abbraccio Elena,buona Domenica.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 15:56 via WEB
Ti racconto un episodio, Dolce.
Gita scolastica di una delle mie figlie. Le autiste erano due donne.
Una mamma mi dice: * Elena, sono preoccupata: guidano due donne!*
Io sto zitta.
Lei rincara con: *Sei senza parole anche tu, vero?*
La guardo e rispondo: *Sì, sono senza parole perché tu e i tuoi pregiudizi mi avete spiazzata.*
Succedeva 6 anni fa.
Buonissima domenica :)
 
occhi_digatta
occhi_digatta il 07/03/21 alle 09:24 via WEB
Buongiorno Elena, credo che l'uomo in se per se per quanto possa valere il genere femminile, per scopi anche personali cerca sempre di zittirla e sminuirla, ora non so se sia un fatto generico ma accade. In tutti gli ambienti si verificano certe dimaniche, ma perchè? se amano poi odiano? Un abbraccio di sole
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 15:58 via WEB
Serenella, leggo con una sorta di dispiacere il tuo pensiero. Certamente, sapendoti persona molto equilibrata, avrai le tue ragioni per esprimere una simile considerazione.
A me, ad oggi, questo non è ancora accaduto. Al contrario: ho molto feeling con colleghi uomini e ti assicuro che mai ma mai neppure mezza volta mi sono sentita sminuita o zittita o messa in secondo piano.
Un abbraccio a te :)
 
diogene51
diogene51 il 07/03/21 alle 09:58 via WEB
Francamente sono immune da queste cose...a volte posso aver fatto qualche battuta, per esempio quando una volta mi capitò di essere tamponato da due signore (diverse) in uno stesso giorno. Comunque le trattai entrambe con gentilezza. Nella realtà so che le donne, mediamente, alla guida sono più sicure degli uomini. Ci sono altre cose da superare, purtroppo! Elena, un sorriso! Mi dimentico sempre che Libero non mi avvisa dei tuoi post...
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 16:01 via WEB
Dici bene, Renato: sono altre le cose da superare. Guarda i casini per le quote rosa: un insulto alle donne e al merito delle donne 'ste richieste al limite del "marocchineggiante".
Comunque, chiudendo il libro – che è piacevole- mi sono detta: "che carrellata di luoghi comuni! e spesso inutili." Che certo non hanno a che fare con l'emancipazione della donna, ma fanno esattamente il gioco opposto.
ps: L'ultima volta che sono stata tamponata ero ferma al semaforo. E’ arrivato un SUV con un notevole pezzo d'uomo giovane q.b. che si è dimenticato di frenare. Capita anche agli uomini... ;)
Buonissima domenica!
 
gianor1
gianor1 il 07/03/21 alle 11:31 via WEB
Mai...! Perchè la Donna è insita nella mia educazione familiare non come preminente ma distintiva. Cara, Amica, forse un giorno sentiremmo solo un luogo comune che riguarderà entrambi i generi. Ne sono certo. Gian
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 16:01 via WEB
:) tra me e te, Gian: non avevo dubbi, giuro...
Sarebbe un segno di civiltà per entrambi i generi: ne sono certa!
Serena domenica
 
virgola_df
virgola_df il 07/03/21 alle 12:21 via WEB
Le parole han peso solo se chi le pronuncia ne ha. Altrimenti son vento ...
Abbracci cari e buona domenica, ede cara.
virgola
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 16:02 via WEB
Ne sono convinta.
Un sorriso grande, Virgola
 
siamoliberidigirare
siamoliberidigirare il 07/03/21 alle 13:10 via WEB
He he... io do sempre l,ultima parola alla donna... sopratutto quando la vuole vinta a tutti i costi. ^__***. Cmq si, ci sono mentalità che non cambieranno mai, sia per l'uno che per l'altra.buona domenica a te e per i passanti che leggono.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 16:06 via WEB
:)Massì... diciamolo fuor dai denti 'sto luogo comune: l'ultima parola spetta a noi donne e se non ce l'abbiamo non ci zittiamo...^__**
Tornando a bomba: sì, sono mentalità. Squallide mentalità.
Mi scriveva in messaggeria un utente che ha scelto di non intervenire nel blog che se l'uomo, un certo tipo di uomo, insulta con frasi stereotipate, la donna, un certo tipo di donna, con offese tanto sciocche quanto ignoranti e con altrettanta tracotanza dice : " hai solo un neurone" .
Buona domenica a te :)
 
un_uomonormale0
un_uomonormale0 il 07/03/21 alle 17:19 via WEB
Non volermene Elena, e non me ne voglia la Murgia, ma non mi è mai stata simpatica. Tuttavia amo le donne. Pensa te Elena, se con la memoria tornassimo negli anni '50-'60 e avessimo elaborato un'inchiesta circa il ruolo della donna, avremmo assistito un picco che si sarebbe fermato a "casalinga" a "brava mamma col bimbo da fasciare". Oggi le cose; grazie a Dio sono cambiate per il gentil sesso. Notiamo con piacere che la prenza della donna irrompe con una certa forza nei ruoli di considerevole importanza, sia in politica come pure nel settore dell'economia, della politica e nella cultura. Di sovente si sente dire, nei quadri dirigenti che la donna abbia un certo stile che li differenzia dall'uomo nella fascia dirigenziale. Ebbene, la penso così. Con questo non voglio dire che le donne dirigono meglio degli uomini, dico solo che i due sessi hanno un loro proprio modo. Nell'uomo si fa strada l'idea dominante nel dirigere, la donna ha un modo diverso di dirigere. In primo luogo, per lei sono importanti le relazioni. La donna mette in primo piano l'ottimo funzionamento delle relazioni il che le assicura il raggiungimento del fine da raggiungere. In breve, per la donna si tratta di cultura d'impresa ( se così vogliamo dire ) nella quale il successo non viene raggiunto, ma è in crescita. La donna è più astuta e più sagace dell'uomo e in lei si libera la sua innata forza intuitiva a risolvere i problemi.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/03/21 alle 18:45 via WEB
E' impossibile tornare a quegli anni. Sono distanti anni luce da oggi sia per l'evoluzione della società sia del ruolo della donna che continua per scelta a fasciare il bimbo e a tirar la sfoglia ;)
Non so se la donna sia più astuta meno astuta però a me piace molto pensare che insieme uomo e donna concorrano, ciascuno per e con le proprie competenze e peculiarità, alla riuscita di un lavoro o alla risoluzione di un problema, per esempio.
Bei giorni, Peppe :) ciaooo
 
dominjusehellah
dominjusehellah il 07/03/21 alle 19:35 via WEB
Nessuno ha diritto di zittire un'altra persona con un "stai zitta! di autorità" Tutti hanno la possibilità ed il diritto di zittire l'altro argomentando in modo da impedire la possibilità di replica. Questo diritto si chiama autorevolezza Dom
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 10/03/21 alle 14:47 via WEB
E nessuna persona ha il dovere o la logica giustificazione di farsi zittirsi.
Decontestualizzando, a volte il limite fra autorevolezza e autorità sconfina ed è labile; tante volte si impedisce la possibilità di replica laddove sia infruttuoso il confronto semplicemente zittendosi. Grazie.
 
surfinia60
surfinia60 il 09/03/21 alle 19:34 via WEB
Mentirei se non ammettessi che se un uomo mi apre la portiera della macchina che non mi fa piacere. Però, al di là di questo singolo esempio, la discriminazione di genere, a tutti i livelli, mi fa stringere lo stomaco. Il fatto stesso che al governo ci siano le 'quote rosa' (immagino sia ancora così) o che si assumano donne per una certa percentuale perchè poverette hanno bisogno di avere voce, sono solo alcune delle cose che mi fanno davvero ribollire il sangue. E' mio pensiero, da sempre, che le persone valgano per ciò che creano di buono intorno a sé, non importa il genere. Auspico un futuro con più persone e meno generi, ma non so se farò in tempo a vederlo.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 10/03/21 alle 14:57 via WEB
:) Mentirei se ti dicessi che a me farebbe piacere: mi lascerebbe leggermente spiazzata. Certo, piacciono anche a me le gentilezze e le carinerie, ma sono probabilmente gesti che vanno oltre la portiera di un'auto.
Come a te, Surfinia, anche a me si stringe lo stomaco di fronte alla richiesta di quote rosa che fanno a botte con la meritocrazia ( che a me piace tanto, sai) ; ma mi fa ribollire il sangue leggere, per esempio, della pallavolista a cui verrà chiesto un danno perchè incinta e quindi non attiva sul campo.
Ecco, io penso che le donne, in genere, se ne facciano un baffo delle menate di mimose, di citazioni, di monologhi stereotipati e di belle parole e di lusinghe evanescenti: è ora di fatti e come donne, fosse solo perchè ci rispettiamo, dimostriamo che 50 anni di femminismo hanno insegnato qualcosa senza urla ma con grinta.
Un futuro che sarà prossimo, auspico :)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60carloreomeo0massi023eric.triganceDomesticat1960tirripitirrisimmer3dolcesettembre.1e_d_e_l_w_e_i_s_sdiogene51monellaccio19Akill.Low.Dawun_uomonormale0Bivaccare2
 

BIANCOLUNGO