Creato da EasyTouch il 05/09/2008

LA FATA IGNORANTE

Per chi ignora, le colline sono sempre in fiore.

 

 

« L'era del QualsiasiL'era del Qualsiasi »

L'era del Qualsiasi

Post n°1104 pubblicato il 07 Marzo 2017 da EasyTouch

(III)

Quel timore seguitava ad averlo lei e quando usciva si guardava bene dal proferire qualsiasi parola prima di essersi accertata di conoscere il proprio interlocutore. Mutando le regole del linguaggio, mutavano anche i problemi e gli ordini concettuali legati ad essi, per cui, quando era al lavoro diveniva una questione irrisolvibile riporre la carta igienica nel porta rotolo e quando era a casa, considerare un fatto semplice quello di utilizzare il porta rotolo diventava un vero e proprio cambio di paradigma. Così, le faccende più complicate e assurde, come “scrivere un testo in inglese con termini in tedesco e italiano, ma non troppo” erano diventate cose ordinarie e quasi facili, mentre decidere se fosse più bello un vestito rosso o uno blu era diventato un incarico difficilissimo. A sei co.co.co. di distanza, lei ormai era quasi riuscita ad applicare il codice del lavoro come facevano tutti gli altri anche fuori, e gli altri la stavano riconoscendo come una di loro, salvo ancora qualche momento di rigurgito di realtà di cui lei soffriva di nascosto, ormai quasi anche da se stessa. Uno di quei giorni, qualsiasi, dell’Era del Qualsiasi inoltrata, disse a tutti di dover andare ad evaporare, mentre invece andò a vomitare, per via di quei rigurgiti di realtà. Mentre era china sul water, si voltò verso la finestra aperta per respirare e si accorse che al bagno di fronte Giuseppe era chino sul water con la finestra semiaperta, come lei, e come lei si era voltato a respirare dopo l’affanno. I loro sguardi si incrociarono, Giuseppe inforcò immediatamente gli occhiali e si accertò della visione, mentre lei si affrettò a sistemarsi ed uscì. Quel giorno qualsiasi rischiava di diventare un giorno preciso, lo avevano capito entrambi, si attendeva solo di capire chi dei due avrebbe fatto la prima mossa, rischiosa, appunto. Fu il prode Giuseppe, che attese lei fuori, a fine turno. La rincorse per la strada per un bel pezzo e quando la raggiunse lei si voltò dicendogli: “Allora, mi sembrava di averti consegnato le sedie e le piattole”, volendo fargli intendere di non essere intenzionata a comprendere altro codice. “Smettila, lo sai meglio di me che se qui fuori ci sentono ci prendono per pazzi. Questa è la realtà, ti sei accorta che esiste?”. Lei lo guardò e senza voler dar adito a sospetti di aver capito qualcosa, si voltò per proseguire. Giuseppe le si affiancò e incalzò: “Non è possibile che tutti i giorni mentre vieni qui tu non ti accorga di quello che dice quel vecchio all’angolo della strada che ha perso tutto, non è possibile che non incappi nella questua della signora che un tempo teneva il b and b all’angolo. Li sentono tutti, e ogni giorno ci avvertono che si avvicina una fine”.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

AREA PERSONALE

 

PSSS

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

un_uomo_della_follaEasyTouchcassetta2daunfioregaronimonon.sono.iokymsyje_est_un_autretastoexploragianor1Narcysseazaryelazzurrotralecimaselondonreznor5
 

ULTIMI COMMENTI

Potrai sempre contare su di me. Se riuscirai a trovarmi.
Inviato da: cassetta2
il 12/03/2019 alle 10:27
 
Beh, te non so che gente Lei frequenti, ma gaber è davvero...
Inviato da: EasyTouch
il 07/01/2019 alle 22:04
 
eUReKA :)
Inviato da: azaryel
il 06/01/2019 alle 15:37
 
URKA
Inviato da: EasyTouch
il 06/01/2019 alle 13:39
 
Buon giorno, Se ho avuto l'incipit di scriverle,...
Inviato da: azaryel
il 05/01/2019 alle 14:28
 
 

SEMO IN

4 miao
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova