**TEST**

Italia delle banane

TUTTO CIO' ACCADE REALMENTE

Creato da one969 il 26/07/2007

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

RHIANNA

 

pelo per tutti (divertente)

 

CONTRO LA PEDOFILIA

Vi lancio una sfida! Nel mondo dei blog siamo numerosi ,pero', possiamo riuscirci a far girare un messaggio a tutti ed è  per una causa buonissima ANTIPEDOFILIA! Perche' episodi su tanti bambini siano solo un brutto ricordo per tutti. Daremo un segnale......CREDIAMOCI INSIEME!! Ricopiate sul vostro blog questo stralcio e vediamo quanti di noi riescono realmente a dar vita a questa campagna e,dopo averlo copiato aggiungete la vostra firma.....come dire  IO CI STO!!
Combattiamo insieme:
Goldrake
Actarus
Neruda74s
Antonio

missfiore

ladyviolet991

IL_RICORDO_DI_TE

Dony64.db

One969

 

 

Post n°8 pubblicato il 11 Ottobre 2007 da one969
La Vita è Fuori
Per anni ho continuato a chiamare il pc "elettrodomestico", sin da quando comprai il primo 286.
Quest'estate provo a cambiare la mia vita. Dove posso trovare stimoli diversi?
Penso alla chat, ne avevo solo sentito parlare, mi chiedo li troverò sicuramente qualcosa che fa per me.
Senza un obbiettivo, senza una meta, senza nessuna strategia mi tuffo nella community.
Creo il mio nick ed aspetto. Non accade nulla.
Penso:

"anche qui ti devi dare da fare". Inizio a visitare tutti i nick che mi

capitano, quelli di donne, non ho mai cercato altro,ed inizio ad

inviare messaggi.
Dalle risposte, dalle immagini, dalle descrizioni ecco viene fuori la strategia.
Senza

ombra di dubbio la vincente è una sola, a dir il vero facile per me, il

rispetto,la tenacia e l'educazione, inoltre tutti cercano la sincerità

darò anche quella, nei limiti del possibile ovviamente.
Ecco i primi

inviti, nello spazio amici, fatti e ricevuti. Mi dico sono amici anche

se virtuali amici sono. Quindi ogni volta che mi collego invio saluti,

ricordate l'educazione.
Qui mi accorgo che nel mondo virtuale non funziona come in quello reale.
Inizio a risolvere questo problema eliminando dallo spazio amici i "non amici", naturalmente previo avviso.
Succede

l'incredibile mi ritrovo la casella piena di messaggi di quegli amici

"non amici", con indirizzi msn ed anche nr. di telefono.
Come cavolo funziona mi chiedo per l'ennesima volta, bene imparo anche questo ed accumulo esperienza.
Come

succede nella vita reale seleziono le persone più affini, in realta

quelle che più mi stimolano, continuando a "coltivare" frasi dette,

esperienza ed opignoni.
Un giorno all'improvviso l'illuminazione,

quello che cercavo, tutte le risposte in una sola frase. Finalmente

capivo come funziona il mondo virtuale.
Una frase, solamente una frase che bene riassume e giustifica il senso della community virtuale.
Questa frase mi fa capire che tutto deve essere percepito per gioco, un consapevole gioco di parti, un gioco che se non fosse tale la vita quotidiana sarebbe aggravata da ulteriori pensieri.
Quei pensieri che tutti gli iscritti alla community cercano di dimenticare nel virtuale.
Quella frase è il titolo di questo post, che sintetizza una risposta molto più profonda alla persona che mi ha illuminato.
 
 
 

ATTIMI DI VITA- BIVIO -

Post n°7 pubblicato il 02 Ottobre 2007 da one969
Foto di one969


Nella vita sono stato sempre un'ottimo equuilibrista...........
ho saputo svincolarmi da tanti intrighi e situazioni.....
Ho sempre scelto la strada giusta.....
Quella più convenievole, anche in situazioni dove mettevo a repentaglio la mia vita e quella di altri.....
Queste decisioni richiedevano attimi e fredezza.....
Sempre ci sono riuscito.....

In un solo campo ho sbagliato......
perchè ci ho pensato, non un attimo, tanto....
L'AMORE......

 
 
 

    PORTIAMO LA PACE O DIFENDIAMO LA GUERRA

Post n°4 pubblicato il 22 Agosto 2007 da one969

 
 
 

ARGOMENTO

Post n°3 pubblicato il 27 Luglio 2007 da one969
Foto di one969

Di cosa poter parlare se non di......

 
 
 

Giustizia rapida, certezza della pena.

Post n°1 pubblicato il 26 Luglio 2007 da one969

Oggi giorno la maggior parte delle indagini di Polizia Giudiziaria, e non solo, utilizzano esclusivamente "l'arma" delle intercettazioni telefoniche.
Si ... è di una vera e propria arma che si tratta. Non ammazza nessuno, ma ferisce in modo profondo tutte quelle persone che scoprono di essere intercettate.
I nostri cari magistrati le usano come mezzo inquisitorio, quando non sono suffragate da prove certe o riscontri oggettivi, vengono chiamati gravi indizi di colpevolezza.
Ogni operatore di polizia adetto agli ascolti interpreta a proprio gusto o piacimento i significati delle parole, ricostruendo fatti e circostanze, come fossero dotati del sapere divino. Loro lo chiamano acume investigativo.
Inoltre i loro capi, super dotati di acume investigativo, riescono talune volte, per fortuna, a convingere i Magistrati che tutto sia vero.
Il magistrato P.M. convinge il suo caro amico G.I.P. (GIUDICE PER INDAGINI PRELIMINARI) si conoscono benissimo hanno gli uffici nello stesso stabile, la pausa caffè o il pranzo viene consumato sullo stesso tavolo. di cosa parleranno se non di lavoro. sicuramente non parlano di politica sono apolitici! sicuramente non parleranno di donne o uomini, sono persone formali! di calcio o sport vari, da superficiali! ......................................

mi andrebbe di cntinuare .......... concludo con una sola frase..........

         "La Giustizia non Esiste"

 

 
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Donna_done969simona.blueluna4eclissielsarossi24francesca.f1969lamusicadentropetalodilunabluemozioni_e_parolemonica370divin.thvidyastarJo.MarchEvaLaMelaEilSerpentesexydonna2009
 

Contatta l'autore

Nickname: one969
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 50
Prov: PE
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.