Creato da nataieri73 il 04/12/2006
“Io sto benissimo nel mondo, lo trovo meraviglioso, mi sento attrezzato alla vita, come un gatto. È la società borghese che non mi piace. È la degenerazione della vita del mondo. Hitler è stato il tipico prodotto della piccola borghesia. Anche Stalin è un prodotto piccolo-borghese.” (P.P.P., intervista a La Stampa, 12/07/1968)

proibito il dissenso?

Trieste, 8 denunciati per le contestazioni a Berlusconi
PROIBITO IL DISSENSO
di Margherita Hack
Fra breve succederà come sotto il fascismo: durante le visite di illustri personaggi, i dissidenti, opportunamente schedati dalle questure, erano ospiti per qualche giorno delle patrie galere.

Contestavano Berlusconi: 8 denunce
 

Pino Impastato, ucciso due volte

Alla mafia piace uccidere anche i simboli. Noi alziamo il dito medio come simbolo della nostra lotta, le nostre armi sono il disprezzo, il rifiuto, la denuncia. Mafia, arriverà il giorno in cui sarai inghiottita nel fuoco appiccato da te stessa con l'aiuto di qualche cittadino onesto, magistrato onesto, intellettuale onesto....muori maledetta mafia, una volta per tutte!!!

http://digilander.libero.it/WinstonMontag/immblo_file/querciapeppino.jpg 

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

Ultime visite al Blog

dome.oV1andantehank.buknataieri73emilytorn82diletta.castelliMascherat0lady.vietoltre_ilsognoconoscomaxranLUX_DIAPHANUMangeloo611motototopastoreavvfedele
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« La nuova era delle persecuzioniBambino solo »

UN SOGNO

Post n°7 pubblicato il 15 Dicembre 2006 da nataieri73
 

Un sogno

Un ricordo

Un desiderio

Muore quando il corpo muore

Se non c’è fratello

Se non c’è sorella

A cui lo hai raccontato

E quando o lui o lei

O entrambi

Muoiono

Il sogno

Il ricordo

Il desiderio

Muoiono definitivamente

A meno che

Non c’è un figlio

Una figlia

A cui lo hanno raccontato

E quando il figlio e la figlia

muoiono

Il desiderio

Il sogno

Il ricordo

Muoiono del tutto

A meno che non l’abbiano scritto in un libro

Oppure in un diario

O ancora non ne abbiano fatto poesia

Ma se quel libro

Quella poesia

Quel diario

Resta chiuso in un cassetto

In un armadio,

oppure come unica copia se ne sta semi nascosto

in una libreria

e sopraggiunga un incendio

cenere alla cenere

polvere alla polvere

a meno che una mano

non l’abbia preso prima

a meno che

il sogno non sia come un fantasma

che vaga per l’eternità

che conosciamo solo quando siamo morti

che non conosceremo mai.

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Femminaribelle/trackback.php?msg=2031099

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
alexisdg10
alexisdg10 il 15/12/06 alle 00:11 via WEB
Molto bello. Voglio sempre un sogno che possa tradurre in realtà. ;)
(Rispondi)
nataieri73
nataieri73 il 15/12/06 alle 00:19 via WEB
te lo auguro con tutto il cuore ( frase fatta ma che al momento ritengo sincera...) buonanotte
(Rispondi)
maxran
maxran il 15/12/06 alle 00:43 via WEB
Essendo un surrealista il sogno è fonte di vita per me. Se non potessi sognare non esisterei in questo mondo. Complimenti è molto bella, essendo che non ho figli, quando ho letto la parte della tua poesia inerente hai figli, mi è venuto una tristezza nel pensare di volere avere un figlio e amarlo tutti i giorni nel suo cammino di crescita. Io dico sento tante storie di persone che hanno figli ma dopo il divorzio questi figli non esistono più, come si fà...??? Il sogno è l'unico segreto della vita che ci conduce alla piena consapevolezza che noi umani siamo per fortuna IRRAZIONALI e tutto quello che si crea di materia, non è altro che ILLUSIONE!!! BACI MASSIMO
(Rispondi)
chiliandnutella
chiliandnutella il 15/12/06 alle 06:43 via WEB
Ho postato una lettera aperta a Babbo Natale... Una sorta di albero dei desideri per tutti gli amici e i blogger che sanno sorridere ... Ora tocca a te posizionare i tuoi sogni, le tue lamentele e bramosie, i tuoi ghiribizzi e le tue fantasie, le tue voglie ed aspirazioni... e mi/ti auguro che ogni desiderio sia esaudito...Ti aspetto. Un bacione nutelloso, Jenny
(Rispondi)
foglienere
foglienere il 15/12/06 alle 09:13 via WEB
Noi moriamo quando il nostro ricordo svanisce, quando il mondo si dimentica di noi. E con noi muoiono anche i nostri sogni e i nostri desideri. Molte sono le strade per non morire, io credo che quella di farci ricordare con gioia da più persone possibile, sia la più bella e difficile. Ciao, Scalda
(Rispondi)
Hineyin
Hineyin il 15/12/06 alle 13:27 via WEB
Che sia davvero così importante la ricerca dell'immortalità? O il tramandare qualcosa ai posteri? Ti consiglio di leggere "Immortalità" di Milan Kundera. Personalmente penso, spero di essere ricordata dalle persone a cui tengo.. ma non lo ricerco.. lo spero.... buona giornata!! :)
(Rispondi)
 
foglienere
foglienere il 17/12/06 alle 13:52 via WEB
Si racconta di un Re che voleva lasciare il suo nome a ricordo immortale dei posteri chiamò il miglior architetto dell'epoca. Gli ordinò un edificio imponente, il più bello che si fosse mai visto. L'architetto lo accontentò e costrui un monumento di cui non c'erano uguali. Il re chiese che venisse scritto il suo nome sull'architrave della facciate che rendesse eterno il suo nome. L'architetto fece incidere nella pietra il proprio nome, quindi fece stendere un sottile strato di malta su cui dipinse a grandi lettere il nome del re. Con la morte del re nessuno si curò più di ridipingere il nome del defunto e col passare del tempo anche la malta si sgretolò. Così dell'opera imponente resta immortale il nome dell'architetto mentre quello del re è ormai obliato dai secoli. Ciao, Scalda
(Rispondi)
 
 
nataieri73
nataieri73 il 18/12/06 alle 14:52 via WEB
Bellissima storia...grazie. Gli artisti sono immortali proprio per questo. Ogni volta che leggiamo una poesia di Lorca, Neruda, Tagore, ne rivendichiamo l'immortalità. Ogni volta che alziamo lo sguardo sul David di Donatello, su di un quadro di Klee piutosto che di Van Gogh accade lo stesso. E ancora succede con le grandi costruzioni, pensa alla sagrada familia, che ha reso immortale Gaudì. Però, detta tra noi, riguardo ai grandi architetti...mi fa un pò di tristezza pensare che tra un secolo si ricorderanno più di un Massimiliano Fuksas, di un Jean Nouvel o un Renzo Piano ...forse perchè oggi come mai l'architettura dovrebbe essere un'opera collettiva, senza la Superstar di turno che firma il grande progetto. L'arte vera ti manda sempre un messaggio da definire, non ti da certezze, ma ti aiuta, se vuoi, anche a diramare in mille direzioni il tuo sogno, il tuo ricordo, la tua Nostalghia.
(Rispondi)
WLeDonneNonTroie
WLeDonneNonTroie il 17/12/06 alle 01:30 via WEB
nulla muore se resta nel cuore di chi vive!!!!!!! e' bello donare parte dei nostri sogni o anche un nostro pensiero nella mani di una persona cara!!! il tuo blog e' davvero molto molto bello, mi hai scritto che hai difficolta' ad inserirlo lo inserisco io nei blog amici.. il mio e' http://blog.libero.it/laruotagira titolo parliamone a prestissimo un bacio Mari
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.