Un blog creato da lorifu il 31/12/2009

la memoria dispersa

un mondo di affetti perduto (ricordi, pensieri, riflessioni)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FELICITÀ

 
 
 
 
 
 
 

SULL'ONDA DEI RICORDI

 
 
 
 
 
 
 

I MIEI BLOG

LA MEMORIA DISPERSA

 

VITA E DINTORNI

GRAPPOLI DI EMOZIONI

 

IN PUNTA DI PENNA


 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Led_61lorifuVince198fla.consigliomargiomafilippoferrante2009misteropaganocarontipveugenia1820ITALIANOinATTESAsensejfgianor1carloreomeo0Desert.69
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 65
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 

siti web

 
 
 
 
 
 
 




 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

In solitudine

Post n°687 pubblicato il 10 Marzo 2021 da lorifu
 


dipinto - Ilya Glazunov 

 

Un po' più in là della tua solitudine, c'è la persona che ami."
(Dino Buzzati)

 

Talvolta la solitudine è solo una corazza, la paura di osare, di aprirsi.
Preferiamo rimanere ancorati alle nostre finte sicurezze per paura.
La paura ci frega e ci limita candidandoci all'infelicità.
Quante apparenti solitudini, solitudini indotte, apprese, autoinflitte.
Siamo così vulnerabili, fragili...non vogliamo soffrire...eppure la sofferenza è vita, noi siamo vivi perché proviamo dolore e il dolore fa parte della vita come la morte.
Perdere un amore, un amico è subire un lutto ma non morire.
È più facile morire vivendo quando trasciniamo i nostri giorni senza viverli.
Da un lutto ci si può riprendere, e l'elaborazione della perdita , il modo con cui reagiamo a quella che a volte pensiamo essere una ferita non rimarginabile, dà la misura della nostra forza, della nostra capacità d'amare.
Uscire dalla propria solitudine è riuscire a percepire la solitudine di altre anime come noi che aspettano soltanto di essere individuate.

 

 
 
 

Entro a volte nel tuo sonno

Post n°686 pubblicato il 09 Marzo 2021 da lorifu
 

Lauri Blank - art 

 

Ho scoperto per caso il libro di Sergio Claudio Perroni "Entro a volte nel tuo sonno" e non posso non proporvi un brano, uno a caso, un Madrigale, non solo bello per chi sa cosa intendo per bellezza, ma per la struttura stilistica, una prosa poetica.
Un libro composto da tanti camei, da gustare, uno alla volta, assaporando l'emozionalità che scaturisce da ogni parola.

Questo brano è rivolto soprattutto a noi donne, perché, chi non vorrebbe essere amata così?

Madrigale - Quando mi tieni


È tutto cielo quando ridi, è un intero mondo di cose alte che si chinano ad ascoltare, di nuvole in picchiata per guardarti da vicino, di cose con le ali che raccolgono quel suono e provano a cantarlo mentre volano, è tutto cielo quando mi dormi accanto, quando le tue dita sonnambule mi disegnano vertigini sulla pelle, e dalle labbra ti sfuggono comete di sospiri, sillabe vestite di vento, parole di nebbia, mentre gli occhi guizzano come lampi sotto le palpebre per tener dietro ai sogni, è tutto cielo quando mi tieni, quando mi stringi, quando sentirti addosso mi spalanca intorno un'enormità di azzurro, un firmamento
appena meno vasto del buio che mi aspetta al risveglio senza di te.

Sergio Claudio Perroni - da "Entro a volte nel tuo sonno"

 

 
 
 

Niente accade per caso

Post n°685 pubblicato il 09 Marzo 2021 da lorifu
 

Niente accade per caso

Niente accade per caso
nel bene e nel male.
Non chiederti perché
sia successo,
godi la felicità,
sperimenta il dolore,
liberamente...
non trattenere
l'una e l'altro
accoglili e basta,
la felicità perché
è inafferrabile,
il dolore perché
senza, la felicità
non avrebbe senso.

"Un'altra Luce"

 

 
 
 

Ricerca...

Post n°684 pubblicato il 27 Febbraio 2021 da lorifu
 

dipinto -Edward Hopper

 

 

Siamo qua, al lavoro, in strada, in viaggio, al bar, a teatro, con amici, familiari, a casa, al supermercato...Scriviamo, parliamo pensiamo, facciamo, diciamo, operiamo in maniera automatica rimandando sempre il contatto con la parte più profonda di noi.La temiamo, abbiamo paura di cosa potrebbe dirci, così meschini, accomodanti, schiavi, continuamente in bilico tra autenticità e ipocrisia, ritenendola spesso un'esigenza di vivibilità quando non di sopravvivenza. Vogliamo, non vogliamo, smorzati sul nascere di una sincerità che cozza contro muri di convenienze più o meno facili, pilotando e uniformando la nostra vita, una sequenza infinita di codici e regole che seguiamo nella finzione di noi stessi.Ma arriva il momento in cui ci troviamo faccia a faccia con gli inquilini scomodi che ci abitano, può essere un attimo, un'intuizione ma sentiamo il bisogno di scrollarci di dosso l'immagine che ci portiamo dietro costruita a misura del mondo, una recita infinita a cui viene a mancare improvvisamente il copione. In quell'attimo, nudi, scoperti, vulnerabili, o annaspiamo alla sua ricerca nel tentativo di riagguantarlo, e con esso sicurezze e terreni conosciuti, o ce ne liberiamo recuperando la nostra vera identità, ben sapendo che la libertà ha sempre un prezzo.

 
 
 

In attesa...

Post n°683 pubblicato il 23 Febbraio 2021 da lorifu
 

 

Non nego che la pandemia, azzerando certezze e progetti, mi ha cambiato. Se vado a cercare le ragioni del mutamento, non so trovarle in questo e/o quello. Certo è che sono i cambiati i pensieri, i ritmi, i comportamenti, persino le parole. Se una volta le emozioni traboccavano e riuscivo a esprimerle liberamente, ora sono frenata da una paura irrazionale, e il primitivo ottimismo si è trasformato nel timore di osare.
Ecco, il termine più adatto per definire questo strano momento è proprio la paura di osare, nel timore di dovermi pentire di un eccessivo ottimismo.
È come avere sotto i piedi un pavimento sconnesso che traballa dappertutto, non ha punti di solidità, neppure agli angoli. Le continue sollecitazioni alimentano lo stato ansioso e per cambiare, aspetti che qualcosa cambi. E mentre aspetto, rivedo l'immagine di me felice, riflessa in una vetrina, quando la vita sfrecciava come un' automobile in corsa.

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

BURANO 2020

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 

 


Tu credi di incontrare l’amore,

in realtà è l’amore che incontra te

nei modi più strani,

inaspettati, involontari, casuali.

A volte lo confondiamo col bene

e lo surroghiamo.

Spesso siamo convinti sia amore,

fingiamo sia amore,

e leghiamo noi stessi

a una indistruttibile catena

frutto dei nostri desideri mancati

dei nostri sogni sopiti

delle nostre abitudini

delle nostre paure

delle nostre comodità

delle nostre viltà

dei nostri calcoli

della nostra apatia

dei nostri falsi moralismi.

Ma quando arriva, se arriva,

lo riconosci,

come  “il sole all’improvviso”

sconvolgente, coinvolgente,

totalizzante, esclusivo,

fusione di corpo e anima

osmosi perfetta.

Se finisce,

un dolore muto, senza fine.

loretta