Caos Ordinato

Qualsiasi cosa che nasce dall'animo Umano qui trova spazio. Tutto ciò qui riportato è frutto d'immaginazione e quindi, ogni fatto o riferimento a persone è puramente casuale. Per iniziare la navigazione accedere alla home page e, per cortesia, non pubblicate argomenti, di politica, di gossip e/o nutrienti per le "capre" od ovini in genere. Un ringraziamento a tutti coloro che si soffermano a leggere con lo spirito adatto. Flavourfly

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: flavourfly
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 58
Prov: MN
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Hernando de ValleladoLa via del cielo - Capit... »

Michiko

Post n°456 pubblicato il 11 Aprile 2012 da flavourfly
 

Stavo attraversando, come ogni mattina, uno dei ponti che collegano le due sponde del fiume Kyobashi-gawa per recarmi al lavoro.

Sul fiume, sotto di me placido e rigoglioso, si riflettevano le immagini che testimoniavano della presenza umana, gli edifici, le biciclette degli operai che si recavano al lavoro, le madri con i loro piccoli.

Rapito dai miei pensieri e da quella vitalità avevo solo percepito un ronzio distante.

Volgendo gli occhi al cielo vidi solo un lontano bagliore argenteo.

Da settimane, ormai, quasi tutti i giorni aerei sorvolavano la città ma nessuna bomba era mai caduta solo, di tanto in tanto, precipitavano danzando dei volantini di propaganda.

Rallentai il passo, mi fermai ancora ad osservare il fiume, i pescatori sulla riva, le lente e silenziose barche poi, la vidi!

Michiko!

Lei era piccolina con i suoi occhi sottili, il viso gentile, dolce, sempre sorridente e il suo fragile corpo con quei piccoli seni ritti, e una bocca ancor quasi da bambina.

Lei mi vide ed abbassando lo sguardo si diresse verso di me.

Forse sapeva!

Da settimane ormai frequentavo a quell'ora quel ponte ma, non avevo mai avuto il coraggio di incontrarla con lo sguardo né, di fermarla.

Il cuore mi batteva a mille sapevo, sapevo che dovevo fare qualche cosa.

Le andai incontro deciso, che quella mattina, l'avrei fermata, le avrei parlato.

Mi fermai davanti a lei e i nostri occhi, per la prima volta, si incrociarono in uno sguardo che lasciavano capire tutto.

Restammo lì per qualche secondo a contemplarci, secondi che sembravano essere un'eternità.

Poi, un improvviso accecante bagliore vaporizzò il nostro breve, intenso, istante d'amore.

 

Hiroshima ore 08:16 del 6 agosto del 1945, una data, che avrebbe segnato il percorso dell'intera umanità.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Flavourfly/trackback.php?msg=11221668

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: flavourfly
Data di creazione: 08/06/2010