Creato da frankie.pa il 15/10/2010
Dico quello che penso e basta così!

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

frankie.parubens991sandroeroegabri.offroadcorgiancaramonlgucattivik1966ricciolaccilaura2010ladoro_i_faripsicologiaforensegiaspo64jawasafrikanobalbo5
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

ANGELO LIBERO (A Maria Assunta)

Post n°2 pubblicato il 13 Settembre 2011 da frankie.pa
 
Foto di frankie.pa

 

ANGELO LIBERO”      (A Maria Assunta)

 

 

Il respiro della vita

ti accolse stridendo

quel giorno, quando nascesti

ma forte, tenace, caparbia

era la tua voglia di esserci

nonostante tutto

per superare qualsiasi ostacolo

in questo mondo

così avaro del bene,

ma prodigo di tanto male.

Volevi soltanto l’amore

ma la disarmonia degli attimi

abitava il tuo cuore

dove a fiotti entrava il sole

sciogliendosi nei tuoi sorrisi

e poi di nuovo il buio

rabbrividiva nelle tue lacrime.

L’altalena delle emozioni

vibrava in te

come un canto mai sopito

dentro la paura

e ogni nuovo sogno…

e quanta speranza
dilagante nei tuoi occhi

e quanta stanchezza

graffiava la tua voce

che si alzava

a raccontare la vita.

La morsa della solitudine

a volte

stringeva i tuoi respiri,

poiché il dolore

a tratti era così intenso

che cercavi di difenderti

urlando agli altri e alla vita.

 

 

 

                

                                                                        

Con forza

cercavi di scuotere il tempo

nella libertà del vivere,

raggiungendo

non facili traguardi…

e sapevi perdonare

e donare il tuo tempo

anche a chi

ti negava il suo tempo

e gioivi di tutto

e di niente

guardando all’anima

delle piccole cose,

resistendo e avanzando

coraggiosa

nel tuo cammino,

finchè d’improvviso

si è spezzata la tua vita

e tutta la rabbia

e tutto il dolore

si sono dissolti quel giorno

davanti al sorriso

luminoso di Maria

che ti ha accolto         

come una Madre

tra le Sue braccia

e nel tepore del Suo Amore,

in quel respiro di luce                                        

dove vibra l’Universo

tu sei diventata

angelo libero

al cospetto di Dio.

 

 

Con affetto

la tua amica di sempre

Anna Quadracci

(5 settembre 2011)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Metteteci nelle camere a gas, allora!

Post n°1 pubblicato il 15 Ottobre 2010 da frankie.pa
 
Foto di frankie.pa

Vasanello, I ragazzi disabili e molto spesso con Handicap psichici che frequentano il Centro Handicap di Gallese (VT), causano un'amnesia nella mente degli amministratori sul problema trasporto .

Handicap Gate:  Quando ci si preoccupa solo se si va a destra o sinistra

Vorrei ricordare  il film di Steno "La Patata Bollente"  del 79 con Renato Pozzetto ( Il Gandhi) e Massimo Ranieri (nella parte di un Gay). Il Gandhy acceso operaio comunista con in corpo colori respirati nella fabbrica di vernici, difende la sua amicizia con il Gay (Ranieri) davanti ai suoi compagni di partito dicendo: - Ma se i fascisti non li vogliono, i comunisti non li vogliono, questi con chi devono andare ?

Mentre Il Gay(Ranieri) difende la sua natura con la famosa frase:"Metteteci nelle camere a gas, allora!".

Erano gli anni  Settanta e quello era il pensiero comune della morale comunista di quel periodo storico, e  un certo Pier Paolo Pasolini fu espulso dal partito comunista solo perché accusato di essere omosessuale.

 La riflessione che induce quel film,  la si dovrebbe fare nei nostri piccoli centri di provincia nei confronti dell'Handicap. In qualche modo nei nostri centri assumiamo quest’atteggiamento: ci avviciniamo a questi ragazzi speciali, col sorriso di pietà e chiediamo:- Come va?

Poi ci allontaniamo contenti perchè ci siamo scaricati la coscienza, perchè siamo stati gentili ed educati, e ci sentiamo sensibili, ma il problema rimane.

Il Trasporto nel lager Gallese Centro H non c'è!

 

Come è noto, un centro H è una struttura socio riabilitativa,  a cui il portatore di Handicap, accede tramite richiesta ad Asl e Territorio a valle del vaglio  dei servizi sociali sulla sua situazione. Le attività che ivi si conducono dovrebbero  essere progettate sulle esigenze socio riabilitative del disabile. Infatti la ASL per ognuno deve  presentare un progetto socio riabilitativo.

Ogni Asl ha un insieme di centri H per cui sulla base delle richieste del territorio è presentato e condiviso un piano di zona  triennale, coordinato da un comune capo fila, su VT5 opera il distretto di Nepi, su 9 comuni, dove esistono 3 centri H, nei comuni di Civita Castellana, Nepi, Gallese.

Ogni centro H, deve essere individuato sul territorio sulla base della disponibilità dei comuni, l’esigenze del territorio, ma il Centro H di Gallese nasce in maniera infelice già con le precedenti Amministrazioni. Viene scelto qui perché solo Gallese anni fa, diede disponibilità di costituirne uno nel suo comune.

Il luogo si trova a ridosso del comune, punto più diroccato del piccolo centro, gli stessi locali, nel pomeriggio,  sono adibiti a Ludoteca. Sul sito del comune di  Gallese il centro H non è neanche nominato, ma ci sono le foto della Ludoteca.

I ragazzi hanno a disposizione una cucina a norma, un corridoio, e a volte un'altra saletta.  I locali sono accessibili da un ascensore che non funziona mai e da una scala d’acciaio  che sembra una scala antincendio.

Parcheggiare lì davanti per 5 minuti per accompagnare un ragazzo è molto sfidante.  Ne sa qualcosa un nostro cittadino di Vasanello  che fino a poco tempo fa accompagnava il figlio a Gallese, poiché vista il pulmino che era a disposizione per il trasporto non era a norma per la disabilità del ragazzo.

Costui ha rinunciato al centro H di Gallese per il figlio, a favore della struttura di Villa Buon Respiro, dove si può fare anche equitazione,  e visto che il trasporto è garantito fino a  Centignano. Infatti vista l’inadeguatezza del Centro H fa la spola per Vignanello, piuttosto che per Gallese.

Va detto che, nonostante il Comune di Gallese abbia un solo utente che frequenta  il centro e che  viene accompagnato dalla famiglia,  si è sempre occupato anche del trasporto al centro, servendo 4 comuni:  Corchiano, Fabrica di Roma, Vignanello, Vasanello

Fino ad Agosto, il trasporto dei ragazzi era delegato alla Società Sportiva, che volontariamente  metteva a disposizione un pulmino, guidato da una persona che doveva essere pagata dal comune di Gallese, dietro la raccolta delle quote versate dagli altri 4 Comuni, la società è stata sciolta il pulmino non è più disponibile.

I  comuni debbono trovare un alternativa. Del resto in passato nessuno dei comuni  ha acquistato un pulman per il trasporto disabili, o proposto un servizio a proprio carico.  

La Soluzione alternativa è che i ragazzi siano accompagnati dai familiari. E’ inutile dire che  ci si trova nell’impossibilità di poterlo fare.

Il 1 Ottobre,  era stata pianificata  la riunione dei comuni,  dove è emerso il  disinteresse dei nostri amministratori nei confronti del Centro H. Come è noto non era presente nessun amministratore dei comuni interessati al trasporto verso il centro. 

Erano presenti solo i rappresentanti dei comuni di Nepi, Civita Castellana e Gallese, ove risiedono i centri H del distretto di Nepi.

Mancando gli interlocutori per esaminare eventuali proposte alternative come il Centro Anziani Vasanello, il distretto ha comunque ridefinito Gallese il comune del Centro H.     

Quindi non è cambiato nulla e al di là della dislocazione del centro rimane il problema del trasporto.

Quindi ogni comune deve organizzare il trasporto per proprio conto, a meno che si incontrino i comuni e condividano una soluzione,  cercando magari un fornitore (impresa o cooperativa)  con un Pulmino e autista, ricadendo in una soluzione simile a quella di prima.

Ci sarà un nuovo incontro tra i comuni e il distretto l’11 Novembre, per approvare il piano di Zona.

In quell’ambito magari questi amministratori che nelle foto sorridono sempre sarebbe bene che andassero!

La storia è abbastanza ingarbugliata e intanto il piatto piange:  i ragazzi, come  Peppe si  lamentano che a "scola" non ci si va!

Alle  persone che dicono di volere tanto bene a Peppe e a Emanuele Bonifazi che compare nelle foto del Centro, va detto che se nessuno mette d'accordo questi coglioni, e  li sprona a provvedere, il pulmino non partirà mai per un Centro H , Gallese o altro posto che la ASL indicherà per i ragazzi!

Qui i giorni passano, e i ragazzi sono a casa!

Mi è stato chiesto,  in maniera idiota, se avevo finito di scrivere  baggianate  sull’argomento, e se mi ero accorta che ora l’opposizione non commentava più visto che nell’occhio del ciclone c’era pure l’ex candidato del  PD alla presidenza provinciale.

Ahimè! le cose che dico sono molto documentate, e nessuno di questi signori si è scomodato a rispondere alle domande ufficiali (2 settembre: Prot. n. 004583 031X10 del Comune di Vasanello).

Lo sanno questi che ogni istituzione deve rispondere entro 30 giorni per legge? 

Questa è una vergogna, per qualsiasi amministratore!

 Naturalmente l'Amministrazione in carica  di Vasanello  dell’articolo di ieri sarà contenta visto  l'attacco finalmente a qualcuno di sinistra.  Bella la Bar Condicio, vero?

Va ricordato che di qualsiasi colore politico tu sia, nel momento che eserciti una carica devi dare un valore aggiunto e trovare una soluzione!

No, restare alla poltrona abbarbicato!

Questa signori è civiltà! Il diritto del disabile non appartiene al colore politico, ma alla persona!

Quindi,  se chi si è seduto sullo scranno del potere si sente diverso, si alzi e faccia qualcosa!

No che sta a guardare dicendo pure, e  io che c’entro?!  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso