Creato da tetsuronoci il 08/11/2007

Galaxy Express 999

"Prima che l'uomo comparisse sulla Terra, le stelle già risplendevano..."

AREA PERSONALE

 

LA GRANDE ABBUFFATA

CIAO PICCOLA
CI RITROVIAMO
ANCORA QUI
NELLA NOSTRA SOLITUDINE
CON IL CUORE SANGUINANTE
TU CON LA TUA CONFUSIONE
ED IO CON LE MIE CERTEZZE

I TUOI SOGNI INFRANTI
LA RABBIA DI UN AMORE
CHE NON VUOL MORIRE
LE MIE DELUSIONI
E LA STANCHEZZA DI VIVERE
UNA VITA ORMAI SENZA SENSO
CI RIPORTANO QUI
IN QUESTA STANZA

IO IN COMPAGNIA DEI MIEI FALLIMENTI
DEI MIEI ERRORI
CHE AFFONDONO IN UN BICCHIERE

E TU COI TUOI VENT'ANNI
DESIDEROSA DI RICOMINCIARE
DI RIPRENDERTI LA TUA RIVINCITA

EPPURE ENTRAMBI SAPPIAMO
CHE L'AMORE E' COME UN PRANZO DI NATALE
DOPO LA GRANDE ABBUFFATA
CI SI SENTE COSI' PIENI
DA NON VOLERNE PIU'

MA TU NON FERMARTI QUI
TU VA AVANTI
HAI ANCORA MOLTO DA ASSAPORARE
TI VERRA' ANCORA FAME
E PER MOLTO TEMPO NON TI SENTIRAI MAI SAZIA

IO ORMAI SONO ALLA FRUTTA
E LA MIA COMPAGNIA
NON SI ADDICE A UNA COME TE

CIAO PICCOLA
GODITI LA VITA
E NON FERMARTI MAI
ALLA GRANDE ABBUFFATA DI NATALE

gg

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 

STAZIONI E FERMATE

Citazioni nei Blog Amici: 6
 

 

« REGALI e non solo.......SORRY!!!! »

L'UOMOMOSCA

Post n°10 pubblicato il 06 Gennaio 2008 da tetsuronoci
 

Indubbiamente il mondo è pieno di gente strana.

Ero al corso di computer, e questo è già abbastanza strano se consideriamo che tre anni prima avevo abbandonato gli studi, ad un passo dalla laurea in ingegneria informatica per dedicarmi ad altro.
Ero lì in un’aula semi fatiscente insieme ad altri quattro sfigati caduti nella trappola dell’avvenente promotrice del corso.
La lezione volgeva al temine, ed io come al solito ero altrove con la testa. Mentre il tutor era intendo a far capire come funzionasse quell’ammasso di plastica e circuiti elettronici, io pensavo al grande BUKOWSKY. Si a Charles Bukowski.
Adesso è lecito chiedersi che cosa centra Bukowski con i computer? Centra , e come se centra!!
Infatti la mia mente era impegnata a ricordare in quale romanzo Charles Bukowski definiva i corsi di computer una rottura di coglioni, perché alla fine ti dicono che il computer non sa niente,si limita a fare quello che noi gli diciamo. Però la cosa che non ti dicono è  che quell’aggeggio infernale ti si può rivoltare contro, impazzisce, si imballa, ti perde file che tu puntualmente salvi, prende virus….
E non sbagliava di certo visto che il nostro tutor continuava a ripeterci che il computer è scemo.
E io continuavo a pensare la stessa cosa di lui, perché continuava a fare il cascamorto con Selma, l’unica ragazza del corso, senza accorgersi che era lesbica. (Non a caso ho detto che ero in compagnia di altri quattro sfigati).
Ma questa è un’altra storia.
Finalmente la lezione giunse al termine, e puntualmente mi accorsi di essere rimasto senza sigarette.
Mi affrettai a raggiungere la tabaccheria più vicina. Ci entrai. All’interno c’erano il tabaccaio e uno strano tipo che aveva acquistato dei sigari e un pacchetto di Pall Mall rosse.
“Me ne dà uno anche per me?” chiesi al tabaccaio mentre lo strano tipo usciva senza salutare.
“Ecco qua…” Disse il tabaccaio mettendo sul banco un altro pacchetto di Pall Mall rosse.
Lo ringraziai e misi una banconota da cinque euro sul banco.
“Ma guarda! Sono già passati venti giorni….” Disse lui nel darmi il resto.
“Prego?” replicai infilandomi gli spiccioli in tasca.
“L’ ha visto quel signore che è appena uscito? Bene! Ogni due o tre giorni viene qui e compra dei sigari. E fin qui è tutto ok! Ma ogni venti giorni viene da me e oltre ai sigari compra un pacchetto di sigarette.”
“Ecco un’altra vittima del computer” pensai.
“Non lo trova strano?!” continuò lui.
“Cosa?”dissi io.
“Il fatto che quel tipo fumi una sigaretta al giorno insieme ai sigari”.
“Sempre meglio di far la corte a una lesbica”
“Come?”
“Niente. Niente.” Dissi mentre guadagnavo l’uscita.
In realtà mi chiedevo chi tra i due era il più strano, il tabaccaio o il tipo che acquistava ogni venti giorni un pacchetto di sigarette. E poi, magari quelle sigarette non erano neppure per lui.
Una settimana dopo mi ritrovai puntualmente nell’aula semi fatiscente in compagnia di quattro sfigati e un tutor sempre più scemo.
Ero seduto accanto a Selma e mi divertivo a vedere il nostro tutor sciogliersi ogni qual volta Selma gli chiedesse qualcosa. Alla fine mi faceva quasi pena.
“Perché non gli dici la verità?” Gli bisbigliai in un orecchio.
“ E quale sarebbe la verità?”
“ Che sei lesbica.”
“ E tu perché non gli dici che sei stronzo?”.
Incassai il colpo e stetti zitto fino alla fine della lezione.
Nell’uscire dall’aula mi accorsi che ero nuovamente a corto di sigarette, e che nello stesso istante Selma se ne stava accendendo una.
“ Me ne offri una? - gli chiesi - Mi sa che sono rimasto a secco”.
E lei:”Non offro mai niente agli stronzi.”
Selma 2 – Gianni 0
Non era serata, prima di fare un altro autorete ,pensai che forse era meglio affrettarsi per raggiungere la solita tabaccheria. Almeno lì non avrei fatto la figura della stronzo.
Questa volta non cera nessuno, eccetto il tabaccaio.
“Salve. Pall Mall rosse per favore.” E misi la solita banconota da cinque sul banco.
“Ecco a lei signore”
“Grazie”risposi.
“Si ricorda quel tipo dell’altro giorno?”mi chiese dandomi il resto.
“Chi Mr pacchetto ogni venti giorni?”.
“Si. Proprio lui. Sa che ho scoperto che cosa fa con le sigarette?”
“Si. – gli risposi – Le fuma”.
“Ma che fa? Mi prende in giro?”
“No!!! Rispondo semplicemente alle sue domande.”
Salutai e me ne andai.
Non era proprio serata. Mi avevano dato per due volte dello stronzo e come se non bastasse me ne stavo li a tenere una conversazione con un tabaccaio impiccione come uno stronzo.
No. Non era proprio serata mi ci voleva qualcosa che mi tirasse su. Dovevo andare a trovare i ragazzi. Assolutamente.
I ragazzi suonavano, erano una band, e di tanto in tanto mi adottavano, nel senso che mi facevano suonare con loro. Io gli ero molto riconoscente, no perché mi facevano suonare ma perché mi permettevano di tenere la mia strumentazione nella loro sala prove ,in realtà era un buco dove a malapena si riusciva a starci ma a casa non avevo posto.
I ragazzi nel vedermi esclamarono “Ciao zio metal!! Qual buon vento?!”.
“Bhe!!! Avevo voglia di bere un bicchiere in compagnia e ho pensato a voi”. Dissi sistemando le birre che avevo comprato strada facendo sul mio amplificatore.
Roby, il più giovane dei tre stappo le birre e le passo.
“A CHI CI VUOLE MALE” brindammo e iniziammo a bere parlando del più e del meno.
Dopo aver esaurito le birre e la nostra conversazione indossai il basso e lo collegai all’amplificatore.
Sistemai i volumi e iniziai a riscaldarmi con un giro bluse.
Nico si sistemò dietro la batteria e inizio a portare il tempo, Roby non si lasciò scappare l’occasione e ci venne dietro con la chitarra mentre Tony cantava frasi senza senso.
Ormai eravamo su di giri e improvvisando tirammo su un bluse degno di Stevie Ray Vaughan.
Ma nulla è eterno.
Alla fine compiaciuto salutai i ragazzi e mi avviai verso la macchina.
Mi sentivo rinato, erano bastate poche note a tirarmi su.
Salii in macchina, infilai la chiave e misi in moto.
Prima di inserire la marcia mi accesi una sigaretta, chissà perché nel vedere il pacchetto mi balenò nella testa quel tipo strano dei sigari.
Ingranai la prima e iniziai a muovermi sia con l’auto che con la mente.
Cercavo di capire che cosa potesse fare quel tipo con le sigarette, magari si faceva una canna al giorno per evadere dal solito tram tram quotidiano, oppure le sigarette non erano per lui ma per la sua convivente...Le ipotesi erano molteplici ma chissà perché la mia fantasia né elaborò una assurda.

Il tipo in questione era un rappresentante intendo tutto il giorno a cercare nuovi clienti e strappare qualche contratto a chi lo era già. Cinque giorni su sette li trascorreva in macchina  e tra conversazioni al cellulare e strette di mano di tanto in tanto tra un cliente e l’altro si concedeva una pausa prendendo un caffè in qualche bar. Solitamente sceglieva dei bar che dietro il banco avessero del personale femminile, non perché fosse un guardone o un maniaco pervertito ma semplicemente perché raramente le barriste danno confidenza ai clienti occasionali evitava così domande tipo “Ma lei non è di qui ? sa è la prima volta che la vedo!” oppure “E’ qui per lavoro o è in vacanza?” e altre domande simili che due barristi su tre gli avrebbero rivolto infrangendo la tranquillità di quella pausa tanto attesa.
Il rituale era quasi sempre lo stesso: entrava nel locale salutando con un timido BUON GIORNO quasi bisbigliato, ordinava il suo caffè e nell’attesa buttava un’occhiata alle prime pagine del giornale. Quando la signora o signorina di turno lo avvertiva che il caffè era pronto si avvicinava al banco, versava mezza bustina di zucchero nella tazzina e mentre mescolava sorseggiava un po’ d’acqua e subito dopo si gustava il suo meritato caffè in santa pace. Pagava e guadagnando l’uscita salutava con un altrettanto timido arrivederci.
Se il caffè era stato di suo gradimento ci sarebbe ritornato, altrimenti avrebbe optato per un altro bar.
Durante i suoi spostamenti se il tragitto era molto lungo c’erano il suo sigaro e l’autoradio (sempre sintonizzata sulla stessa frequenza) a rendere più piacevole e meno monotono il suo viaggiare.
A fine giornata spediva via E-mail  i contratti e i nuovi contatti in azienda, controllava la posta, organizzava l’agenda per il giorno dopo, si infilava mezzo sigaro in bocca senza accederlo visto che sua moglie gli proibiva di fumarlo in casa, si slacciava la cravatta e staccava la spina.
Era pronto per la poltrona e il Tg delle venti.
Certo non era un granché ma sempre meglio delle prediche di sua moglie.
Già sua moglie, non l’ avrebbe sposato se avesse saputo come sarebbe andata a finire. Certo c’era sempre il divorzio, ma nonostante tutto lei lo amava ancora, e ricordava ancora le promesse fatte il giorno del matrimonio “…nella salute e nella malattia , nella buona e nella cattiva sorte….”
Così pur di salvare il matrimonio si era ridotta a farle da balia senza più pretendere nulla, dando un calcio alle sue ambizioni.
A lui tutto questo andava più che bene, si vedevano solo all’ora di cena dove a malapena scambiavano qualche parola poi lei sparecchiava e si ritirava in camera sua e lui dopo aver dato un’occhiata al giornale si recava nel suo studio prendeva carta e penna, sfilava una sigaretta dal pacchetto, si recava in bagno e iniziava quello che ormai era  il suo rito.
Si calava i calzoni.
Si sedeva sul water.
Si accendeva la sigaretta e iniziava a scrivere.
Scriveva di tutto: dalla discussione tra i due tipi ascoltata casualmente nel bar, commenti su notizie lette sul giornale o ascoltate in modo quasi furtivo alla radio durante i suoi spostamenti o semplicemente seduto in poltrona guardando il  Tg delle venti.
Lui scriveva…il tutto tra una boccata e l’altra alla sigaretta.
Scriveva … della sua vita, e di quella sognata che vorrebbe dare a sua moglie….
Del coraggio che gli mancava per dare una svolta a tutto e ricominciare a vivere accanto a lei…
Intanto la cenere cadeva nel water e lui scriveva assaporando il gusto del tabacco,aspirando il fumo con la bocca ed espirando col naso, in modo che gusto e olfatto si fondessero insieme trasmettendo al cervello non solo il sapore dolciastro del tabacco  ma anche l’odore aspro del fumo.
Un gusto minuziosamente dettagliato che solo un fumatore di sigari è in grado di apprezzare anche in una sigaretta.
Alla fine quando non c’era rimasto nient’altro che il filtro gettava la cicca nel water.
Si metteva in piedi. Si tirava su le braghe accartocciava il foglio sul quale aveva scritto e tirava lo sciacquone…
Seguiva con lo sguardo la cicca scomparire in quel vortice d’acqua, vi gettava via anche il foglio accartocciato ed esclamava: 
“Che vita di merda…ma la su brillano le stelle!!!”
E con la mente sgombra da qualsiasi pensiero se ne andava a letto.

Volsi lo sguardo al cielo.
Era coperto da uno spesso strato di nubi minacciose.
Di stelle…. Di stelle nemmeno l’ombra.
“Che vita…..

G.G. 

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/GalaxyExpress999/trackback.php?msg=3869063

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
ninaciminelli
ninaciminelli il 06/01/08 alle 11:19 via WEB
CHE BELLO QUESTO CHE HAI SCRITTO ci ritroviamo tutti in qualche modo ad essere come il tizio dei sigari ,ciao
 
semprepazza
semprepazza il 06/01/08 alle 21:23 via WEB
Ha ha ha ha ahahah!!!! Ma è bellissimo! Vicende di vita vissuta, pura fantasia o entrambe?
 
semprepazza
semprepazza il 08/01/08 alle 23:31 via WEB
Mi sono riletta qua e là le parti che mi divertono di più. Sono passata per un saluto. Buona serata!
 
semprepazza
semprepazza il 13/01/08 alle 13:29 via WEB
"Volsi lo sguardo al cielo. Era coperto da uno spesso strato di nubi minacciose. Di stelle…. Di stelle nemmeno l’ombra. “Che vita…" Esattamente come qui oggi. e non posso nemmeno prendere un treno di pendolari perchè è domenica.
 
 
tetsuronoci
tetsuronoci il 13/01/08 alle 20:31 via WEB
vedi il lato positivo della cosa. sono le giornate come queste che ti costringono a stare in casa il che per ua persona pigra è un invito a nozze, per una persona metereopatica è da suicidio, ma per chi vive fuori dal normale è il momento giusto per tirar fuori le ali, indossarle e iniziare a volare. certo non è come prendere un treno di pendolari, ma i risultati sono sorprendenti. ehi ci sei o sei già volata via? ciao e buna serata....
 
miaooo00
miaooo00 il 14/01/08 alle 09:40 via WEB
sto divorando il tuo blog nn è bello è di più......il racconto delle sigarette è penetrante, colpisce profondamente, profondamente descrittivo e ...........nn so più cosa scrivere mi piace molto il tuo modo di scrivere bravo.............da una gatta che ama
 
semprepazza
semprepazza il 15/01/08 alle 21:25 via WEB
Siamo tutti in attesa del prossimo post!
 
storie100per100
storie100per100 il 09/01/09 alle 19:05 via WEB
Bello, complimenti.
 
lady.anima
lady.anima il 11/01/09 alle 02:52 via WEB
Ciao...wao...Anch'io ho fatto un pochino di assenza...forzata dal blog...Ma è entusiasmante il tuo raccontare...mi sono venute le lacrime agli occhi dalle risa...E forsesiamo tutti un po' mosca...dovremmo solo apprezzarci di più...E po che dici...innamorarsi di un gay non è forse tanto meglio...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

COSI' 10 ANNI FA

ANCORA UN PASSO
E VARCHERO' LA PORTA
ANCORA UN PASSO
VERSO CASA
            LA NOSTRA?
SE COSì FOSSE
            SAREBBE STUPENDO
 ANCORA UN PASSO
E SARESTI MIA
ANCORA UN PASSO
PER ABBRACCIARTI
ACCAREZZARTI
BACIARTI
AMARTI
ANCORA UN PASSO
VERSO CASA
            LA MIA
ANCORA UN PASSO
CHE MI ALLONTANA
ANCORA UN PASSO
NELLA NOTTE
NELLA SOLITUDINE
          CHE MI ASPETTA OGNI VOLTA
          CHE MI LASCIO ALLE SPALLE LA TUA PORTA
L'ULTIMO BACIO
L'ULTIMO ABBRACCIO
L'ULTIMA CAREZZA
        
"BUONA NOTTE AMORE MIO"
"MI PENSERAI?"
         "TI PENSERO' "
 "MI SOGNERAI?"
         "TI SOGNERO' "
E POI? E POI TI PORTO DENTRO
DENTRO IL MIO CURE
ANCORA UN PASSO
E VARCHERO' LA SOGLIA
                 MA DALL'ALTRA PARTE
                 NON CI SEI TU
                 AD ASPETTARMI
 MI STRIGE IL CUORE
E QUASI SENTO LE TUE MANI
ATTORNO AL COLLO
LA TUA TESTA SUL MIO PETTO
TUTTO MI SEMBRA PIU' DOLCE
ANCHE L'ULTIMO PASSO 
VERSO LA MIA STANZA
               C' E' UN ABISSO
               CHE CI DIVIDE
MA CONTINUO A SENTIRE
LA TUA PRESENZA
MA NON TROVO LE TUE MANI
PRONTE A STRINGERE LE MIE
NON TROVO I TUOI OCCHI
CHE MI ENTRANO DENTRO
CHIUDO GLI OCHHI
E FINALMENTE TI VEDO
IL TU SORRISO
I TUOI SGUARDI
LE TUE MANI
IL TUO CORPO
TUTTO MI SMBRA REALE
            IL MIO CUORE S'INFIAMMA
            E IL TEPORE M'INVADE
            E  TI AMO
                 TI AMO
                  TI AMO
ANCORA UN PASSO
E LA NOTTE NON SARA' MAI ESISTITA
ANCORA UN PASSO
E IL TEMPO NON SARA' MAI TRASCORSO
ANCORA UN PASSO
VERSO TE CHE MI ASPETTI
SULLA TUA NAVE DI CRISTALLO
ANCORA UN PASSO
E SALPEREMO INSIEME
VERSO LA FELICITA'
ANCORA UN PASSO
VERSO L'AMORE ETERNO
ANCORA UN PASSO
ANCORA UNO
VERSO IL MIO AMORE

 



 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

tetsuronocipeocle1strong_passiongruppoakirasasacinemanpiaccabal_zacHarlock500Butturfly66BaRdaMu82psicologiaforenseWIDE_REDStayin_aliveunamamma1
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie MiLady!
Inviato da: tetsuronoci
il 26/12/2010 alle 19:51
 
Grazie Diana!
Inviato da: tetsuronoci
il 26/12/2010 alle 19:50
 
intendevo domenica...non ho fatto a tempo a salutare tutti...
Inviato da: Principessa.Smeralda
il 26/12/2010 alle 18:35
 
ciao carissimo sei gentilissimo a darmi gli auguri,...
Inviato da: Principessa.Smeralda
il 26/12/2010 alle 18:34
 
Ciao, ti lascio un saluto e i miei auguri per le feste...
Inviato da: semprepazza
il 20/12/2010 alle 20:17
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom