Creato da myeliana il 11/03/2010

Enigmatica

...

Image and video hosting by TinyPic

 

 

AREA PERSONALE

 

Se vuoi conoscere il tuo passato,

sapere che cosa ti ha causato,

allora osservati nel presente,

 che è l'effetto del passato.

Se vuoi conoscere il tuo futuro,

sapere che cosa ti porterà,

allora osservati nel presente,

che è la causa del futuro.

(Siddharta)

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Niccatoperforzapaoloconte20142014myelianasweepatlantide28sakulacambionuovavitamucedomeVentoDiPoesiaFatabluetteunamamma1xavier1962kokkalaZETAMAT
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

TAG

 

 

La grande finzione

Post n°17 pubblicato il 31 Ottobre 2011 da myeliana

" Amo quell'uomo perchè amo la mia libertà. 

Posso amare solo se la  mia libertà viene rispettata.

Se devo scendere a compromessi ,

e ottenere amore in cambio della mia libertà ,

quell'amore non è per me .

In quel caso è per comuni mortali ,

non per coloro che sanno .

In questo mondo quasi tutti credono di amare  ma ,

se guardi gli amanti, sono l'uno progioniero dell'altro .

Che strano amore è questo ,che crea prigioni?

Può l'amore divenire un legame ?

Ma è quasi sempre  così, perchè...

... l'amore non è mai esistito "


- Osho -

Image and video hosting by TinyPic

 
 
 

Infinita letizia della mente candida ...

Post n°16 pubblicato il 14 Febbraio 2011 da myeliana
 

 




"S.Valentino è una festa inventata

 

dai fabbricanti di cartoline d'auguri

 

per fare sentire di merda le persone"

 

- Joel Barish -  


( Eternal Sunshine of the Spotless Mind )

 

 


 

 
 
 

Due in uno

Post n°15 pubblicato il 11 Novembre 2010 da myeliana
 

 

 

 


"Da tempi remoti, quindi, è innato negli uomini il reciproco amore che li riconduce alle origini e che di due esseri cerca di farne uno solo risanando, così, l'umana natura."

Platone, Il Simposio  

 

E così sia .

Sembra  una  diàspora voluta.

Divisi, dispersi, condannati a ricercare 

forse per l'eternità,

la metà mancante..

ad adattarsi

se non è quella giusta o

 a desistere dall'inseguire 

chi  non esiste 

perchè da soli ,a quanto pare ,

non si è un UNO

ma un perfetto MEZZO...

Basterebbe sentirsi compiuti

anche da dimezzati...

Basterebbe non prestare attenzione

al delirio degli Dei ...



 

 
 
 

L'ospite passeggero

Post n°14 pubblicato il 20 Giugno 2010 da myeliana
 

Una sigaretta è il prototipo perfetto

 

del piacere perfetto:

 

è squisita e ci lascia insoddisfatti .

 

  Che cosa si può volere di più ?

 

-  Oscar Wilde  -

 

 

 

 

 

 

 
 
 

La via del guerriero

Post n°13 pubblicato il 16 Maggio 2010 da myeliana
 

 

 

Non ho mai pensato a vincere ...

ho solo capito che bisognava essere

sempre all’altezza della situazione.

 Questo è ciò che veramente  conta  

ed è imbarazzante quando non accade. 

 Se fossimo sempre all’altezza della situazione,

non ci sentiremmo mai a disagio.

 

 

 

 

 

   

 
 
 

Sete di libertà

Post n°12 pubblicato il 11 Aprile 2010 da myeliana
 

 

 

La imparai in seconda liceo e avevo appena 16 anni quando tradussi  dal greco in italiano ,quella mezza pagina dell’VIII libro della Politèia che potrei declamare a memoria …

 

 

“ Quando un popolo,

divorato dalla sete della libertà,

si trova ad avere a capo dei  coppieri

 che gliene versano quanta ne vuole,

fino ad ubriacarlo, accade allora che,

 se i governanti resistono alle richieste

dei sempre più esigenti sudditi,

sono dichiarati tiranni.

E avviene pure che

chi si dimostra disciplinato

nei confronti dei superiori

è definito un uomo senza carattere, servo;

che il padre impaurito

 finisce per trattare il figlio come suo pari,

e non è più rispettato,

che il maestro non osa rimproverare gli scolari

 e costoro si fanno beffe di  lui,

che i giovani pretendano  gli  stessi  diritti,

le stesse  considerazioni  dei  vecchi,

e questi, per non parer troppo severi,

danno ragione ai giovani.

In questo clima di libertà,

nel nome della medesima,

non vi è più riguardo per nessuno.

In mezzo a tale licenza

nasce e si sviluppa una mala pianta:

la tirannia.” 

 

PLATONE 427-348 a.c.

 

E’ una lezione difficile da applicare, perché ormai si è tesi all’affermazione personale utilizzando tutti  mezzi possibili ed immaginabili , perché impèra  la mancanza di rispetto verso il  prossimo che si cerca di travolgere  tramite offese e maldicenze,  perché oramai si tende a scegliere e frequentare i  mediocri per non sentirsi inadeguati , sostenuti  e rassicurati in questo atteggiamento dai mass media e dalle istituzioni, che abbassano il livello culturale dei loro interventi fino all’azzeramento del pensiero…

"O tempora, o mores .... "

 

 

 

 
 
 

Spleen

Post n°11 pubblicato il 29 Marzo 2010 da myeliana
 

Mi lascio stringere  dal  suo abbraccio,

avvolgere dalle sue carezze ...

e mentre penetra urlando dentro di me penso :

è solo vita ...

 

 

 
 
 

Forse...

Post n°10 pubblicato il 24 Marzo 2010 da myeliana
 

Forse certe donne

non sono fatte per essere domate.....

Forse hanno bisogno di restare libere 

finche non trovano qualcuno

di altrettanto selvaggio,

con cui correre...

                                                                                                           

                                                              

 
 
 

Gabbiani

Post n°9 pubblicato il 22 Marzo 2010 da myeliana
 
Tag: poesie

 

Non so dove i gabbiani abbiano il nido,

ove trovino pace.

Io son come loro,

in perpetuo volo.

La vita la sfioro com'essi l'acqua ad acciuffare il cibo.

E come forse anch'io come essi amo la quiete,

la gran quiete marina,

ma il mio destino è vivere

balenando in burrasca.

- Vincenzo Cardarelli -

 
 
 

Ti amo perchè ...

Post n°8 pubblicato il 18 Marzo 2010 da myeliana
 

 

 

Ti amo  perchè ci assomigliamo in tutto, carattere forte e cuore  immenso

 Ti amo per tutto quello che mi hai dato , perché  mi sei sempre accanto in ogni momento della mia vita insegnandomi ad essere fattiva, altruista , concreta.

 Ti amo perché  mai hai pensato a te , ma sempre agli altri e io mi sono sempre sentita al primo posto della classifica .

 Ti amo per tutte le risate che ci siamo fatte insieme , per  i nostri comici  "duetti".. io al pianoforte tu con il violino o con la chitarra .

 Ti  amo  anche  se spesso  sei stato  "eccessivo" e un po' invadente  precedendomi in ogni azione quotidiana  solo allo scopo di   proteggermi .

 Ti amo perché  quando ero triste ti ho sempre trovato, quando ero preoccupata hai saputo infondermi  calma e tranquillità , quando ero insonne sei sempre accorso, quando ero felice  hai gioito con me .

 Ti amo per la dolcezza infinita che sapevi trasmettere  nei bigliettini  che mi scrivevi  e  che conservo  tutti gelosamente.

 Ti amo perchè  il giorno piu importante della mia vita , io ero al tuo braccio...

 Ti amo per la rosa che hai messo tra le mani di Francesca  il giorno della mia prima Festa della mamma .

 Ti amo perché  SEI  tutt’ora  un punto di riferimento ,un uomo esemplare … irreale …

 Ti amo perchè. quando qualcuno parlava di me , i tuoi occhi si illuminavano e dicevi pieno di orgoglio : " è mia figlia !"

 Ti amo Papà... perchè il petto mi si gonfia di orgoglio quando qualcuno mi dice : "Sei identica a tuo padre!"

 

Mi manchi tanto …

 
 
 

Il senso della vita

Post n°6 pubblicato il 16 Marzo 2010 da myeliana
 

 

... uhm ...

... ora me lo chiedo ...

 

 
 
 

In me c’è qualcosa di rotto

Post n°4 pubblicato il 12 Marzo 2010 da myeliana
 
Tag: poesie

« In me c’è qualcosa di rotto.
Sono come l’orologio che si ferma
poco dopo averlo caricato,
come il piatto incrinato che non torna
nuovo se anche
lo incolli con cura.

In me c’è qualcosa di schiacciato.
Sono come il tubetto di dentifricio
quando nulla ne esce
se anche lo premi,
come la pallina da ping-pong ammaccata
che non può tenere più in gioco
nemmeno un buon giocatore.

Ci sono oggetti distrutti e schiacciati
dal principio, senza motivo, in me:
l’ombrello che non sta aperto, il violino
fuori uso e i sandali coi cinturini rotti,
il rubinetto intasato, il flauto
sfiatato, la lampada consumata.

Eppure non mi perdo di morale,
l’ira non mi trascina, né mi tormento
come una volta, anzi mi auguro
di potermi riempire
di quelle cose inutili,
restando distrutto e schiacciato,
in questo trovando il mio orgoglio.»

(Kikuo Takano)