Creato da ginomoschella il 20/11/2009

DelittiSenzaCastighi

Romanzo

 

 

« IL LICENZIAMENTO DI ZIO ...LE ANGOSCE DEL COMANDANTE »

IL MARITO DI ELEONORA

Post n°16 pubblicato il 13 Aprile 2010 da ginomoschella

I compagni di lavoro erano appena andati via che zio Piero sentì bussare alla porta. "Sono arrivati prima del previsto", pensò. 

“Aspettate, porci e schifosi sgherri che mi preparo e poi andremo via.”

Aveva finito di pronunciare a bassa voce queste parole, che sentì una voce.

“Zio Piero, zio Piero, sono io.”. Volò verso la porta, la aprì e fra le sue braccia cadde sfinito Antonio.

“Oh, mio caro, come mai, tu qui? Ti sapevo all’ospedale di Palermo, che cosa è successo?”

“Sono due mesi che mi lasciano marcire in quell’ospedale e non si decidono neanche a visitarmi, non ho resistito, ed inoltre nessuna notizia di mia moglie. L’altro ieri ho ricevuto una lettera da mia madre. C’è scritto che Eleonora è partita da due mesi e non è ancora tornata a casa; avevo ricevuto un biglietto, che mi diceva che sarebbe venuta da me e poi più nulla. Che cosa è successo zio Piero? Dov’è Eleonora? Dimmi zio Piero dov’è? Che cosa le è successo?”

“ Calmati Antonio, prima di tutto ringrazia il cielo per avermi trovato. Credo che  verranno, fra poco, con una scusa qualsiasi e mi porteranno al confino,  solo per alcuni mesi o, forse,  per anni. Chissà. Il regime che ci schiaccia è tale che a nulla valgono le leggi; sono loro la legge, se parli sei un traditore, se ti lamenti, un disfattista.”

“ Tutto quello che dici è vero e sacrosanto. Me lo hai ripetuto tante volte ed oggi   posso  confermarlo con certezza, perché l’ho sperimentato personalmente. Ma zio Piero, io voglio sapere dove si trova Eleonora.”

Tutta la notte passò tra un discorso e l’altro. E finalmente zio Piero decise che era venuto il momento di non nascondere più  la verità, perché a suo vedere sarebbe stato peggio. Dunque raccontò tutto. Antonio stanco, avvilito raggrinzito dal dolore si addormentò con il capo sopra le ginocchia di zio Piero. L'uomo rude del porto pianse. Era  la prima volta che dai suoi occhi  spuntavano le lacrime.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/GinoMoschella/trackback.php?msg=8690563

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
blu_dada
blu_dada il 17/04/10 alle 21:39 via WEB
La verità è indispensabile, a volte può essere dolorosa, ma è sempre meglio sapere, piuttosto che fare congetture.
Ciao Gino. :)
 
 
ginomoschella
ginomoschella il 23/04/10 alle 09:06 via WEB
è sempre meglio sapere ma quanto risulta difficile parlare all'animo altrui
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

ULTIME VISITE AL BLOG

IlGrandeSonnoanonimo.sabinomax_6_66caracolahelixale06pupi13sfalco58dgloccorre_talentopsicologiaforensecomesabbiastrong_passionDIAMANTE.ARCOBALENOunamamma1vincenzoschieppatiper_lettera
 

ULTIMI COMMENTI

......buona notte e buon inizio settimana un sorriso...
Inviato da: ginevra1154
il 26/09/2010 alle 23:46
 
Ohmamma! mi sa che devo iniziare dal primo post.
Inviato da: Io_Crisalide_Inversa
il 08/06/2010 alle 23:50
 
confidiamo
Inviato da: ginomoschella
il 19/05/2010 alle 16:38
 
Dunque... un romanzo a puntate? :-)
Inviato da: LuceNera0
il 18/05/2010 alle 15:18
 
quale pagina?
Inviato da: ginomoschella
il 11/05/2010 alle 00:37
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom