**TEST**

Cronache di Toki

Cinema Cinema Cinema.. e non solo

Creato da GiuseppeToki il 03/05/2009

"Sono cresciuto attraverso il cinema. Se mi sono interessato alla letteratura, alla musica è stato grazie al cinema" (Michael Powell)

 

Tag

 

Visitate il nostro sito di Home cinema!!!

Visita  www.homecinemainside.it 

 Vuoi vedere la lista dei Film?  E' su "TAG" ! Cliccaci

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

anmicupramarittimastrong_passionShanin84raffadvpamelaricchettivanni68GiuseppeTokicondelloantonino57mauriziolibri72IlMilaneseHitchcocktonono62helga2008beppetokilennon927
 

FACEBOOK

 
 

 

 

« Sms Review: pillole di cinemaSms Review : pillole di cinema »

Sms Review : pillole di cinema

Post n°17 pubblicato il 23 Novembre 2009 da GiuseppeToki
 

Nemico Pubblico (Michael Mann,2009)

Mann e' un regista strepitoso. Capace di non deludere quasi mai, di dirigere opere che come poche sono in grado di mettere in piedi storie di grandi uomini e di antieroi, dirigendo attori spremendoli al massimo e costruendoci il film perfetto vestendoli con maestria, autore di capolavori come Heat:la sfida e L'ultimo dei Mohicani. Il problema di questo film risiede proprio nell'assenza di questo "fattore M", nonostante come previsto la regia si attesti su livelli altissimi (il film e' tutto girato con camera a mano,applausi). La storia non cattura e risulta vuota, e nonostante le buone performance di un ingessato Jonny Deep e di un Christian Bale sempre piu' maltrattato in sede di doppiaggio (dategli una voce come si deve perdio!) manca la carica carismatica, la possenza scenica che persino Tom Cruise in Collaterall era riuscito ad ottenere grazie alla direzione del maestro. Da segnalare a mio avviso la prova di un Billy Cudup  sempre piu' maturo pero'. Nemico pubblico e' sostanzialmente un film scritto maluccio, ed e' un peccato perche' le carte in regola per l'ennesimo monumento al cinema noir c'erano tutte. Consigliato solo ai fan del regista che vogliono apprezzarne la sapiente mano accompagnata da una eccellente palcoscenico anni 30.

Voto : 6

.

L'uomo che fissa le capre (Grant Heslov, 2009)

Combattere la guerra con il Flower power? E' quello che Bill (Jeff Bridges) tenta di realizzare dopo aver subito morte e dolore a sufficienza in Vietnam. Bob Wilton (Ewan Mcgregor) e' un giornalista lasciato dalla moglie che tenta di risollevarsi con il suo piu' grande scoop e parte in Iraq, imbattendosi per caso in Lyn (George Clooney) un soldato "Jedi" e monaco guerriero uscito proprio dall'unita bellica alternativa guidata da Bill Django. Ispirato a meta' da una storia vera (incredibile) questa commedia demenziale prende per i fondelli quelle autorita' spesso trattate con eccessiva reverenza, divertendo e strappando numerosi sorrisi grazie al cast. Si perche' sorvolando sulla bravura e sulla simpatia del grande Bridges (Bill e' il personaggio migliore,come previsto) il team e' tutto in forma smagliante, compreso Kevin Spacey che entra in scena piu in la'. Tra deliri di onnipotenza, stacchi musicali hippie con balletti, dialoghi surreali, Lsd e citazioni illustri, il sorriso rimane stampato in volto per quasi tutta la durata del film. Certo, non mancano i momenti deboli e le battute non sono sempre il massimo dell'ispirazione, ma essendoci anche spazio per una piccola riflessione (cosa che il team di produzione ha di certo pensato) e' da promuovere senza riserve.

Voto : 7

 
 
 
Vai alla Home Page del blog