Cronache di Toki

Cinema Cinema Cinema.. e non solo

Creato da GiuseppeToki il 03/05/2009

"Sono cresciuto attraverso il cinema. Se mi sono interessato alla letteratura, alla musica è stato grazie al cinema" (Michael Powell)

 

Tag

 

Visitate il nostro sito di Home cinema!!!

Visita  www.homecinemainside.it 

 Vuoi vedere la lista dei Film?  E' su "TAG" ! Cliccaci

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

anmicupramarittimastrong_passionShanin84raffadvpamelaricchettivanni68GiuseppeTokicondelloantonino57mauriziolibri72IlMilaneseHitchcocktonono62helga2008beppetokilennon927
 

FACEBOOK

 
 

 

 

« Lo sfavillante e magico ...Review »

Review

Post n°61 pubblicato il 19 Dicembre 2010 da GiuseppeToki
 

La Bellezza Del Somaro (S.Castellitto, 2010)

Se questo film fosse un medicinale, nelle avvertenze dovrebbe figurare "puo' provocare emicrania" e non solo in senso negativo. Il nuovo lavoro di Castellitto e' una grottesca storia di decadenza familiare e comunicativa nella medio borghesia, scritto da Margaret Mazzantini. Schizofrenico, ritmato, con personaggi che urlano quasi sempre, infarcito di elementi spassosissimi e di poco incisivi sipari sentimentali. Metto subito in chiaro che non ho trovato questo film brutto, dato che la maggior parte della critica lo sta stroncando senza riserve. Il nocciolo della questione e' la presunta autorialita' del film, il tentativo del regista di trasportare il teatro  su schermo o di costruire una grande opera progressista in stile americano, che risulta fallito. I personaggi sono esagerati, surreali, e nonostante l'impegno nel tentare di riportare  vizi e illusioni riscontrabili nella realta', si finisce per creare un certo distacco empatico con il pubblico, che non sente minimamente il dramma. Scatta quindi la necessita' di concentrarsi sul lato comico della commedia, utilizzando il fraintendimento come soluzione, ed e' una scelta quantomai opportuna visto che  a mio avviso La bellezza del Somaro rischia di essere la commedia piu' divertente in mostra questo natale. I personaggi sono simpatici, tragicomici, isterici e imprevedibili, in particolar modo lo stesso Marcello (Castellitto) il suo amico eterno ragazzo Duccio (Marco giallini) un classico padre di famiglia del 2000, i pazienti fuori di testa della moglie psicologa Cornelia ed Ettore (Renato marchetti) o la giornalista  Delfina (Lidia vitale), una giornalista della sinistra piu' estrema possibile, che snocciola slogan comunisti d'altri tempi. Ho riso decisamente, come molta gente all'interno della sala, per questo motivo mi risulta difficile stroncarlo solo perche' privo di una precisa identita' come da molti sottolineato, anche perche' tra tanti riferimenti sociali poco credibili, qualcosa di buono si vede e succede quando si rimarca l'incapacita' di comunicare anche con le persone piu' vicine, la pigrizia nei confronti dei figli o la voglia di non crescere mai di una parte della generazione 70'. Non saprei se consigliarlo, ma sappiate che il trailer ne e' la perfetta fotografia, visionate, visionate.

Voto : 6.5

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: