**TEST**

Cronache di Toki

Cinema Cinema Cinema.. e non solo

Creato da GiuseppeToki il 03/05/2009

"Sono cresciuto attraverso il cinema. Se mi sono interessato alla letteratura, alla musica è stato grazie al cinema" (Michael Powell)

 

Tag

 

Visitate il nostro sito di Home cinema!!!

Visita  www.homecinemainside.it 

 Vuoi vedere la lista dei Film?  E' su "TAG" ! Cliccaci

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

anmicupramarittimastrong_passionShanin84raffadvpamelaricchettivanni68GiuseppeTokicondelloantonino57mauriziolibri72IlMilaneseHitchcocktonono62helga2008beppetokilennon927
 

FACEBOOK

 
 

 

 

« ReviewReview »

Review

Post n°78 pubblicato il 14 Marzo 2011 da GiuseppeToki
 

I Ragazzi Stanno Bene (Lisa Cholodenko, 2011)

La serie di film da oscar distribuiti in italia termina con questa commedia, che a dire il vero ha ricevuto 4 nomination senza portare a casa nessuna statuetta. Nomination a dire il vero eccessive, perchè I Ragazzi Stanno Bene, pur essendo indubbiamente interessante e ben recitato, non fa gridare al capolavoro. La storia è quella di una famiglia americana “alternativa” del nuovo millennio, composta da una coppia di lesbiche che vive con due figli, concepiti tramite una donazione di liquido seminale da parte di un uomo. La scossa al quieto vivere della famigliola è causata dalla richiesta da parte dei due figli di conoscere il misterioso padre naturale, un'avventuroso quarantenne scapolo donnaiolo (Mark Ruffalo), che condizionerà l'equilibrio dei quattro conviventi. Ritmo piacevole, soggetto originale e validi interpreti sono gli ingredienti riusciti del film, che poggiandosi sulla stabile base professionale di Julianne Moore ed Annette Bening, entrambe molto brave, riesce a non risultare mai banale o superficiale nonostante la presenza di situazioni che sfiorano il farsesco.  Seppur privo di momenti indimenticabili o particolarmente illuminanti, I Ragazzi Stanno Bene non viene meno ai suoi obiettivi, anche quando nelle fasi finali cerca di rimarcare i lati meno gradevoli di un nucleo familiare inconsueto e fragile con una dose di malinconia, laddove fino a poco prima si sorrideva con leggerezza. Consigliato per la bravura degli attori, per il ritmo più che discreto e per l'anticonvenzionalità della condizione che racconta.

Voto : 7

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: