Un blog creato da piersilvione il 06/03/2008

i colori del cuore

ti ringrazio per quest'attimo che mi concedi, perché fermandoti mi doni qualcosa di unico e di grande... e per questo dono, questo attimo, piccolo, ma infinito, ti auguro che la vita te lo renda in gioia.

 
 
 
 
 
 

FESTEGGIAMO IL 25 APRILE.



RICORDIAMO LA LIBERAZIONE DAL NAZIFASCISMO.
W LA LIBERTA'.
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 
 
 
 
 
 
 

FOLLOW YOU FOLLOW ME (GENESIS)



"La vita è come tu la rendi, l'amore può cambiarla con un bacio, l'amore ti può prendere per mano..."
(Life-Cat Stevens)
 
 
 
 
 
 
 

L'ATTENTATO A GIOVANNI PAOLO II



COME SI PUO' DIMENTICARE!
 
 
 
 
 
 
 

UN UOMO VENUTO DA LONTANO



UNA VITA PER LA PACE E L'AMORE FRATERNO!
 
 
 
 
 
 
 

"NON ABBIATE PAURA!"



UNA VITA NEL SEGNO DELL'AMORE.
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Poesia d'amore.

Post n°304 pubblicato il 11 Febbraio 2013 da piersilvione

Quando guardo il mare e le onde infrangersi sulla spiaggia... vedo te, amore.

Quando osservo le cime innevate e lo scorrere delle nubi... vedo te, tesoro.

Quando ammiro il paesaggio della campagna ed i cipressi che dipingono il cielo... vedo ancora te!

Oh cazzo, ma spostati, almeno una volta!

 
 
 

La maestra cattiva.

Post n°303 pubblicato il 11 Febbraio 2013 da piersilvione

"Mamma mamma la maestra è cattiva con me!"

 

"Ma perché dici così, amore mio?"

 

"Sì perché chiama tutti con il diminutivo, Piero-Pierino, Antonio-Tonino e invece a me no!"

 

"Non preoccuparti, un giorno te lo spiegherò, Pompeo."

 
 
 

A scuola.

Post n°302 pubblicato il 11 Febbraio 2013 da piersilvione

Pierino domanda al professore d'inglese:

"Cosa vuol dire 'I don't know'?"

E il professore:

"Non lo so."

Pierino: "Pazienza! Lo chiederò a qualcun altro!"

 
 
 

Festa di carnevale in Paradiso.

Post n°301 pubblicato il 11 Febbraio 2013 da piersilvione

 

San Pietro, per festeggiare il carnevale, manda gli apostoli sulla terra a cercare del materiale. Tornati in Paradiso:

"Andrea, tu che cosa hai portato?" "Ho portato del vino."

"E tu Giacomo?" "Io ho portato della birra."

"Tu Filippo?" "Whisky e Vodka."

"E tu Giovanni?" "Ho trovato sigarette di contrabbando."

"E tu Bartolomeo?" "12 pastiglie di viagra."

"Tommaso, cosa hai portato?" "Ho portato del fumo."

"Tu Matteo?" "Ho trovato della coca..."

"Giacomo, tu?" "Io ho portato un sacchetto di ecstasy."

"Tu Simone?" "Io ho trovato 12 ragazze ungheresi."

"Tu Mattia?" "Ho portato 12 viados."

"E tu Giuda, cosa hai portato?" "La polizia…"

"Sei sempre il solito, Giuda..."

 

 

 
 
 

Il voto utile.

Post n°300 pubblicato il 11 Febbraio 2013 da piersilvione

Un uomo, indeciso su quale partito votare, chiede aiuto ad un amico sindacalista: “Per chi voterai alle prossime elezioni? Il centrodestra o il centrosinistra?"

"Nessuno dei due." Risponde l'amico.

"Voterò il PdO, il Partito degli Omosessuali."

"E perché? Ti piace la loro linea politica?"

“No.” Risponde sconsolato il sindacalista. “Ma tanto non importa per chi voti: va sempre a finire che lo prendi in quel posto dai politici. A questo punto, preferisco che a farlo siano dei professionisti del settore…”

 
 
 

La pillola dell'amore.

Post n°299 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

Un tizio racconta ad un altro: “Hai sentito quante vittime sta facendo il Viagra?”

“Sì , specie tra i vecchietti… Pensa che all’ultimo non riuscivano più a chiudere la bara!”

 
 
 

Il ripensamento.

Post n°298 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

Il padre alla figlia:

"Allora hai poi deciso... Non ti sposi più..."

"Sì papà. Per 20 cm di salsiccia non vale la pena prendersi tutto il maiale!"

 
 
 

Sesso a tre.

Post n°297 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

 

Due amici s'incontrano al bar.

Il primo: “Ti piacerebbe fare sesso a tre?”

Il secondo: “Certo, è sempre stato il mio sogno!”

“Be' allora corri a casa… forse fai ancora in tempo!”

 

 
 
 

Il toro da monta.

Post n°296 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

Una coppia sta facendo una passeggiata in campagna, incontra un contadino a fianco di una staccionata diero la quale c’è un toro maestoso.

“Complimenti, che bel toro” dice il marito.

Il contadino risponde: “E pensi che fa almeno 4 o 5 monte al giorno!”

La moglie interviene: “4 o 5 volte al giorno! Hai sentito caro?”

Il marito chiede allora: “Ma sempre con la stessa vacca?”

Il contadino: “Ovvio che no: ogni volta con una diversa!”

“Hai sentito cara?”

 
 
 

La creazione... rivisitata.

Post n°295 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

Un giorno Dio creò l'uomo, ma vide che si annoiava, quindi da una sua costola plasmò la donna.

I due si guardarono, si piacerono ed incominciarono a copulare dalla mattina alla sera.

Dio li guardò e spiegò loro del frutto proibito e del serpente maledetto.

Dopo aver ascoltato loro continuarono a copulare indefessi.

Incominciarono ad avere fame, così si nutrirono dei frutti del giardino, fino a sazietà.

Si riposarono ed in sogno Dio riapparve loro per ricordare di non mangiare il frutto proibito e di non farsi lusingare dal serpente.

Al risveglio l'uomo domandò alla donna: "Dove eravamo rimasti?". E ricominciarono a copulare.

Dio li osservò e pensò tra sè e sè: "Li ho fatti diversi, ma complementari. E ciò è buono. Ma è possibile che pensino solo a fare sempre la stessa cosa? Eh sì, sono troppo diversi... ".

Così in una notte della creazione donò un sonno profondo ad entrambe le creature ed estrasse una costola dall'uomo ed una dalla donna, le plasmò e creò la checca.

 
 
 

La mano del marito.

Post n°294 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

Una bella signora si accorge che il marito dorme sempre con una mano appoggiata al muro, tanto che a lungo andare è comparsa l'impronta.

 

Un giorno chiama un vecchio imbianchino.

 

"Che cosa devo fare?" chiede lui.

 

"Prima mi pittura il salotto, poi... venga in camera da letto che le faccio vedere dove mette la mano mio marito..."

 

Al che lui: "Signora, lasci stare, sono troppo vecchio ormai. Mi basta un bicchiere di vino!".

 
 
 

L'infermiera procace.

Post n°293 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

Una giovane infermiera molto procace deve preparare un signore per l'intervento all'appendice.

Con guanti e rasoio s'agginge a depilare il basso ventre e la zona pubica del paziente.

Lui la osserva, mentre lei procede alla pulizia.

Lei con una mano prende il membro e lo discosta per non ferirlo.

Durante la rasatura il paziente le sussurra:

"Signorina, se vuole, lo può mollare. Non vede che sta già su da solo?"

 
 
 

L'acqua del canale.

Post n°292 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

 

Una signora di Venezia vede un negro nudo che esce dall'acqua di un canale:
"CHE BIGOLO!" esclama.
"È biggolo berghè è duddo bagnado!" si giustifica lui.

 

 
 
 

Al tòr (Il toro).

Post n°291 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

Una sgnàura, ancàura pitóst blóta, la dìs col só dutàur:

"Mi maré an é pió ch'al bèl tòr ch'l'éra una vólta: i éla una quàich cùra?"
"Sé ch'la ié: ch'la se spóiia!" l’arspànd al dutàur.
"Mé am spóii, mó al mèl al l'à mi maré".
"Infàti: a tacàn con l'aiustèri el corèn".
********************
********************
Una signora, ancora piuttosto belloccia, dice con il suo dottore:
"Mio marito non è più quel bel toro che era una volta: c'è qualche cura?"
"Sì che c'è: si spogli!" le risponde il dottore.
"Io mi spoglio, ma il male ce l'ha mio marito".
"Difatti: incominciamo col mettergli a posto le corna".

 
 
 

Al salùt (Il saluto).

Post n°290 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

Dimóndi àn fà, un umàz as presenté dal só padrànd ed cà, ch'l'éra un gran fasésta, e al livé só al bràz con la màn avérta:
"An savèva brìsa ch'a fóssi un fasésta ànca vó" al déss al padràn.
"E infàti l'é acsé, mó av v'lèva sàul dìr che in cà mi la mérda l'é bèle èlta acsé!".
++++++++++++++++++++
++++++++++++++++++++
Molti anni fa, un omone si presentò dal suo padrone di casa, che era un gran fascista, ed alzò su il braccio con la mano aperta:
"Non sapevo che foste un fascista anche voi" gli disse il padrone.
"Ed infatti è così, ma vi volevo solo dire che in casa mia la merda è già alta così!".

 

 
 
 

La strana tombola.

Post n°289 pubblicato il 10 Febbraio 2013 da piersilvione

Dù amìgh is tróven par la strè:

"Sèt? Ai ò truvè un ristorànt dùvv as màgna ch'l'é un fenómen e as pèga al giósst!".
"Dìt dabàn?".
"At al zùr e pò sèt, dàpp magnè i organézzen una spézie ed tómbola e quàll ch'al vénz al và só int la stànzia a guzèr!".
"Mó va là, té èt mai vént?".
"Mé nà, mó mi muiér l'à bèle vént trài vólt!".
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Due amici s'incontrano per strada:
"Sai? Ho trovato un ristorante dove si mangia bene e si paga il giusto!".
"Dici davvero?".
"Te lo giuro e poi sai, dopo mangiato organizzano una specie di tombola e chi vince va su nella stanza a 'copulare'!".
"Ma dai, tu hai mai vinto?".
"Io no, ma mia moglie ha già vinto tre volte!".

 
 
 

Se ne è andato... mentre veniva.

Post n°288 pubblicato il 08 Febbraio 2013 da piersilvione

Ebbene sì, un infarto l'ha stroncato a 52 anni, mentre espletava le sue funzioni in una camera d'albergo.

 

Lascia una moglie con figli.

 

Era un amico di un mio collega, un amico intimo, cui confidava certi particolari.

 

Da otto anni faceva uso della chimica, il viagra per intenderci, per avere prestazioni "durevoli" e durature.

 

Diceva che una pasticca, presa a stomaco vuoto, quando iniziava a manifestare il suo effetto portentoso di potenza virile, gli garantiva la costanza di prestazione per un'ora e mezzo.

 

Otto anni fa si era accorto di fare cilecca molto spesso, quando frequentava signore e signorine compiacenti in camere d'albergo.

 

Il vizietto di trovare soddisfazioni sessuali fuori dall'ambito familiare ce l'aveva da molto tempo.

 

A quanto pare la moglie non sapeva di questa sua attività extra coniugale.

 

Fatto sta che l'ultima volta gli è stata fatale.

 

Sembra che la sua compagna del momento non si sia accorta di nulla.

 

Anzi, in quel frangente, ha pensato al classico momento di riposo dopo aver raggiunto l'acme.

 

Un riposo molto piacevole che si protraeva da un po' di tempo con quell'effetto "durevole" ancora in atto.

 

Ora io mi domando, sicuramente andare al creatore, mentre si viene... sarà una delle morti migliori, ma come avranno fatto dopo a mascherare la vicenda per evitare lo sputtanamento di un marito fedifrago?

Soprattutto per i figli, imparare che il loro padre era un abitudinario... in quel campo... con altre signore, non penso sia il massimo.

 
 
 

Non so voi, ma...

Post n°287 pubblicato il 07 Febbraio 2013 da piersilvione

Io credo che

*

*

*

*

*

*

a lungo andare

*

*

*

*

*

*

*

diventi pericoloso!

*

*

*

*

*

Ecco il fatto.

*

*

*

*

*

Mi capita da un po' di sere

*

*

*

di uscire e di rientrare a casa

*

*

*

*

nella fascia oraria dalle 17:00 alle 20:00.

*

*

*

E mi scappa

*

*

*

*

di incrociare per strada,

*

*

*

per le vie del centro e della periferia di Bologna,

*

*

*

frotte di uomini scuri,

*

*

*

scuri in volto e nell'abbigliamento...

*

*

*

dal blu notte al nero fumo di Londra...

*

*

*

*

che attraversano la strada all'improvviso.

*

*

*

Ectoplasmi che vagano.

*

*

*

*

Così dal nulla,

*

*

*

appaiono come meteore,

*

*

all'improvviso,

davanti al tuo cofano

*

*

ed attraversano fulmineamente davanti a te la strada.

*

*

*

*

Questo viavai  di giovani,

*

*

che attraversano lontano dalle strisce pedonali

*

*

*

nell'oscurità,

*

*

*

*

mi fanno venire alla mente

*

*

gli appestati di manzoniana memoria,

*

*

che rifuggono dai comuni mortali sani

*

*

per non contaminarli.

*

*

*

Pare che una strana legge della fisica

*

*

*

provochi una subitanea attrazione degli umani

*

*

da una sponda all'altra della strada,

specie dopo la discesa dai bus

*

*

*

*

ed al contempo un'enorme forza di repulsione

*

*

*

venga sprigionata dalle strisce bianche

*

*

*

*

verso le scarpe degli avventori.

*

*

Questo strano effetto,

*

*

*

azzarderei di tipo psico-elettromagnetico,

*

*

*

*

si manifesta in pieno in quella fascia oraria,

*

*

di cui sono testimone.

*

*

*

*

*

Le "zebre" rimangono deserte,

*

*

così pure gli attraversamenti pedonali

regolati dal semaforo.

*

*

*

*

 

Il fenomeno è alquanto inquietante,

*

*

perché nell'andirivieni del traffico cittadino

*

*

*

*

l'incolumità di quelle persone

*

*

è messa a repentaglio.

*

*

*

*

Poi, se ci aggiungiamo

*

*

l'asfalto scuro,

il buio,

la scarsa illuminazione pubblica,

*

*

il vestiario scuro che fa pendant con tutto il resto

*

*

è ovvio che ogni tentativo di attraversare è a rischio

*

*

*

ed arrivare sani e salvi dall'altra parte

*

*

può farmi pensare

*

*

*

che nella vita

a volte non percepiamo

*

*

di essere dei miracolati!

*

*

*

BUON ATTRAVERSAMENTO A TUTTI,

MA SIATE PRUDENTI,

PASSATE SULLE STRISCE PEDONALI

O ATTRAVERSATE AL SEMAFORO,

SE POTETE,

MA SOPRATTUTTO

STATE CON GLI OCCHI APERTI...

ANCHE PER GLI ALTRI.

 
 
 

Il timer nel tv.

Post n°286 pubblicato il 27 Gennaio 2013 da piersilvione

È il secondo tv che si guasta in pochi mesi.

Il primo si guastò ad agosto, due mesi prima della scadenza della garanzia.

Con la chiusura per ferie del laboratorio di riparazione tv c'è voluto un mesetto per riaverlo funzionante.

Oggi è saltato suo fratello, quasi gemello. Stesso difetto. Solo che la garanzia è scaduta da un mese.

Domani vado al centro riparazioni e mi faccio fare un preventivo, perché se la riparazione costa troppo col cavolo che lo faccio riparare!

Mi sto convincendo sempre di più che dentro ai tv ci sia un timer. Un temporizzatore che... zac... due anni dopo l'acquisto, a garanzia scaduta, te lo fa saltare.

Io che non ho voluto fare l'estensione della garanzia ora pago!

Spero che la riparazione non abbia un costo esagerato perché ho già visto in giro dei tv di marca con un prezzo inferiore a quello che ho pagato io due anni fa!

E non posso permettermi di comprare un tv nuovo ogni due anni... 

Se solo scoprissi dov'è il timer nel tv... Non quello dell'autospegnimento, ma quello dell'autodistruzione.

 

POST SCRIPTUM

Era ovvio che doveva finire così.

Ieri sera, arrivato al centro riparazioni, ho consegnato il tv, esponendo il difetto.

La signora ha voluto accenderlo per capire meglio... e per fortuna!

Niente difetto. Siamo stati davanti al tv, almeno 10 minuti, mentre lei "pistolava" i canali con un suo telecomando. Al che mi ha detto: "se avesse fatto quel tipo di difetto, si sarebbe dovuto cambiare il pannello di comando. Costo €250! Il che non è conveniente." Hai capito? Non si fanno più le riparazioni artigianali di una volta! Si cambiano direttamente i pezzi (il pannello di comando, quindi una scheda elettronica!). E te lo credo bene che è antieconomico. Quel tv lo pagai poco più della metà del pannello!

Sono tornato a casa, nel traffico cittadino. Ho tenuto acceso il tv tutta la sera. Nessun problema. Ma io sono convinto che c'è un timer... Magari si è congelato, tenendo il tv in macchina, al freddo, dalla mattina fino a sera...

 
 
 

Al sulfanén (Il cerino).

Post n°285 pubblicato il 17 Gennaio 2013 da piersilvione

In vàtta a l'aeroplàn, ch'al vàula par tótta la nót vérs Bulàggna, ai é du busón:


"Dài! Vén qué ch'a fàn l'amàur!" Al dìs ón.
"Mo nà ch'is vàdden" ai arspànnd ch'l'èter.
"Mó chi é ch'stà a guardèr? T'an vàdd ch'i dórmen tótt?"
"It sicùr?"
"Soncamé, fà mò una próva".

Alàura al pió témmid als lìva in pì e al dìs fórt: "Nessuno ha un cerino, per piacere?" Inción arspànnd e acsé i tàchen e i vàn drétt tótta la nót.
A la matéina la ostèss la vàdd un umarén tótt méss mèl e a gli d'mànda:

"Non si sente bene?"
"Ch'la stàga bóna: l'é d'aiersìra ch'ai ò un mèl a la tèsta ch'al pèr ch'l'am scópia!"
"Ma non poteva chiedermi un'aspirina?"
"Un'aspiréina? An sàn mégga màt: la pànsa che aiersìra a un zuvnót, sàul parché l'à d'mandé un sulfanén, i àn cazè int al cùl tótta la nót!"
####################
####################
Sull'aeroplano, che vola per tutta la notte in direzione di Bologna, ci sono due omosessuali:
"Dai! Vieni qui che facciamo l'amore!" Dice uno.
"Ma no che ci vedono" gli risponde quell'altro.
"Ma chi vuoi che ci veda? Non vedi che dormono tutti?"
"Sei sicuro?"
"Certamente, fai una prova".
Allora il più timido si alza in piedi e dice ad alta voce: "Nessuno ha un cerino, per piacere?"
Nessuno risponde e così incominciano e continuano per tutta la notte.
La mattina l'hostess vede un tipo tutto messo male e gli domanda:
"Non si sente bene?"
"Stia buona. È da ieri sera che ho un mal di testa che sembra che mi scoppi!"
"Ma non poteva chiedermi un'aspirina?"
"Un'aspirina? Non sono mica matto: pensi che ieri sera a un giovanotto, solo perché ha chiesto un cerino, gliel'hanno messo nel sedere per tutta la notte!"

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

rutoradondolino61francy_62piersilvionelubopocara.calladonatellafiorentinisiste4katya_adavinivan.gavagnistella69aUNA.LADY.ITALIANApsicologiaforenseguardamiancora1999ciclonedgl14
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

IL CIELO (RENATO ZERO)



Il pallore del tuo volto, quella sera, mi colpì.
E' strano, di te, fino a quell'istante, nulla mi aveva così colpito.
Rimasi impressionato, non tanto del tuo stato, ma del mio... di quell'essermi accorto dell'espressione del tuo viso. Ora ho capito... era tanto l'amore che stavi per riversarmi sul mio cuore.
 
 
 
 
 
 
 

I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA (RENATO ZERO)



Il tuo sguardo di luna, il tuo sorriso d'argento e le tue labbra di fuoco... il tuo amore... Sensazioni ineguagliabili, come il tuo amore.
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

AMAMI AMORE MIO



"... e in un baleno il nostro amore sprizzerà fino a te. E non importa chi conosci al mondo. Ci sarà qualcuno che ti ama per ciò che sei. Realmente."
(Foreigner suite-Cat Stevens)