Blog
Un blog creato da Unione_Sud il 09/05/2007

C'ERA UNA VOLTA...

VIAGGIO NELLA MEMORIA STORICO-CULTURALE DEL MERIDIONE D'ITALIA

 
 

TAG

 

DOTT. MAURO CAIANO - FILM: NAPOLI CAPITALE

 

LI CHIAMARONO BRIGANTI...

 

L'ULTIMO BRIGANTE

Omaggio a Carmine Palatucci

 

BRIGANTE SE MORE

 

MAGGIO DEL MONUMENTI

Si promuove l'arte moderna

immagine

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariomancino.mjac.pictailor3savinopasquale1981ciccioazzurro1devilrclibertariamenterussofrancesco1965icthusmasscardilloduesicilie.lucerav.digiuliocmwlupusviviquartieresergio30050
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Gaeta contro i SavoiaAgli Eroi della Patria N... »

Napoli pulitissima (1832)

Post n°28 pubblicato il 15 Febbraio 2008 da Unione_Sud
 

Da un editto di Ferdinando II re delle Due Sicilie del 03/05/1832 emesso da "Gennaro Piscopo" Prefetto di Napoli, un ordinanza dove si obbligava la popolazione a raccogliere separatamente i rifiuti. Come si legge, le autorità si ponevano il problema della spazzatura, obbligando la popolazione alla raccolta differenziata, in particolare quella del vetro. Insomma, durante il periodo borbonico si faceva già un'importante riflessione sul problema dell’accumulo di immondizia, e come evitare di far confluire i rifiuti in un unica discarica. La notizia è resa nota dalla rivista Panorama del 07/02/2008 pag.115

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ILTORNESE/trackback.php?msg=4109274

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
onore_ai_briganti
onore_ai_briganti il 15/02/08 alle 23:25 via WEB
E' meraviglioso leggere ancora notizie così forti e sorprendenti sui nostri Re Borboni...! nonostante il brutto periodo che la nostra amata città sta vivendo io sono fiera di essere NAPOLETANA! Continuate ad amare la nostra terra e non dimenticate mai le nostre vere ed onoratissime radici! W il Re e viva Napoli!!! Comunque il tuo Blog è fantastico!!! T.A.H.
 
Unione_Sud
Unione_Sud il 17/02/08 alle 00:17 via WEB
Grazie per l'intervento "caro amico Brigante", ma non devi affatto ringraziarmi per il blog. Io non sono altro che un cantastorie, per alcuni un povero pazzo nello scrivere queste "bugie"... ma man mano la storia, la vera storia raffiora e sarà il momento di risollevare il capo. Un affettuoso saluto da Napoletano orgoglioso di essere meridionale.
 
GeppettoPinocchio
GeppettoPinocchio il 16/02/12 alle 18:37 via WEB
Se già dal 1832 si pensava alla selezione dei rifiuti prima di conferirli a discarica, <mi domando> ma in 150 di unità d'Italia che cosa abbiamo appreso ed applicato se il sindaco di Napoli De Magistris ancora raccoglie e conferisce all'estero invece di applicare quanto nel 1832 "Gennaro Piscopo" Prefetto di Napoli, emise una ordinanza dove si obbligava la popolazione a raccogliere separatamente i rifiuti. Bruno De M;artino dei Montegiordano
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

CONTATTI

unione_sud@libero.it

 

EPILOGO CON LINA SASTRI

 

DIFENDI IL TUO POPOLO, DIFENDI LA TUA TERRA, COMPRA PRODOTTI DEL SUD!

 

STATISTICHE

Prima dell'annessione, le monete degli stati italiani erano complessivamente di 668,4 milioni di lire; 443,2 erano solo del Regno delle Due Sicilie, il quale avevo due volte le monete di tutti gli altri stati italiani messi insieme. Dal testo "scienze delle finanze" di Francesco Saverio Nitti, Pierro 1903

 

PULIZIA ETNICA

5212 condanne a morte, 6564 arresti, 54 paesi distrutti. 1 milione di persone mancarono in soli 10 anni - per i meridionali è stata una pulizia etnica

 

LA RAPINA DEL SECOLO

L'Unità italiana fu una esigenza economica da parte del Piemonte, capaggiato dagli inglesi e servo della massoneria... questa rapina, fu chiamata: "Risorgimento".

 

I PRIMATI DAL 1734 AL 1860

 

SUA MAESTÀ FRANCESCO II

" La restituzione del mio non mi adesca; Quando si perde un trono, poco importa il patrimonio. Se l'abbia l'usurpatore o il restituisca, né quello mi strappa un lamento, né questo un sorriso. Povero sono, come oggi tanti altri migliori di me; stimo più la dignità che la ricchezza." 

 

AI DIFENSORI

 

I NOSTRI EROI

Dinnanzi al plotone di esecuzione italo-piemontese, i militari duosiciliani ballavano la tarantella, in segno di sfida!

 

DOCUMENTARIO 1

 

" Per liquidare i popoli si comincia con il privarli della memoria. Si distruggono i loro libri, la loro cultura, la loro storia. E qualcun altro scrive loro altri libri, li fornisce di un'altra cultura, inventa per loro un'altra storia. Dopo di che il popolo incomincia lentamente a dimenticare quello che è stato. E il mondo attorno a lui lo dimentica ancora più in fretta".                                      - Milan Kundera -