Immaginevolmente

Dimensioni parallele

 

"ESSENZA DI STELLA DANZANTE..."

 

immagine

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariomancino.mblue_gory_brier666menta_mentelorycasperladyjane1incantesinpa.olettacomandantekilnerazzurro4everovertypeking645ElisabettamamyflyanywhereEykeanima_on_line
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« ...Post-Pizza... pre-nanna »

VOLODIVENTO...

Post n°444 pubblicato il 19 Marzo 2010 da Eyke

Talvolta mi distraggo...

In realtà mi capita spesso. Si, diciamo continuamente. Non è che non stia attenta alla realtà, a quello che sto facendo... perchè mi accorgo quando sono centrata e quando no. Però la fuga è necessaria come il respiro. Si, perchè di fuga si tratta. Ed è strano, perchè non mi è facile comprendere da che cosa io debba fuggire... noia? Stanchezza? Bisogno di altro? E di che cosa (oh oh oh, da brava egocentrica qui in realtà potrei far partire un papiro che in lunghezza potrebbe far concorrenza alla Muraglia Cinese!)...

Non ho una rsposta chiara, ne ho solo un pezzo.
Ho bisogno del mio passato. Di tantissimi piccoli frammenti che mi svolazzano in testa tra i meandri dei miei ricordi. Pezzetti importanti e fondamentali. Forse se ne perdessi uno, all'apparenza insignificante, potrei darei i numeri, chissà.
Pezzetti di me bambina, di me nell'età del "chissà che caspita sono", degli affetti, dei dolori, della crescita...
amori rifiutati e sofferti, vomito, cuscino fradicio di lacrime notturne. Amici di crescita, musica, il primo gruppo, la cicca masticata e scambiata senza schifo, la birra verde, il tappeto su cui mi sdraiavo a fine serata, i baci in macchina, desiderati e sfuggiti, i baci sulla fronte da chi già mi dava amore disinteressato, alcol, alcol e alcol, tanto ma non troppo. La voce, alta, elastica, l'incidente, la sosta forzata, la presa per il culo, la fiducia bruciata ed il mio egoismo a palla.
Avrei voluto vedervi, però, al mio posto. Stare lì e scoprire che infondo non ero così importante come mi avevate promesso. La frase che avevo stampata in testa in quel periodo era: "fin che sorridi, vai bene a tutti. Se smetti, però, son cazzi..."
Errori vissuti, che rifarei, ancora e ancora e ancora.
Son qui anche per quelli infondo.
Frammenti di bimba, al mare, in spalla al nonno, tra le onde impetuose il suo sguardo sempre rassicurante. Occhi scuri caldi e presenti, che vedevano tutto. Anche dentro
mi vedevano. Con mio padre mi è andata un po' così (e va beh), ma con il nonno ho vinto alla lotteria!
Ma è tutto veloce, e vedo sprazzi di lago, di boschi, verde smeraldo, cielo allargato dal vento, stretta a quell'amico sulla moto, che mi portava a casa, ed era tardi, tardissimo. Mi piace sapere che c'è. Ha un senso. Ho bisogno di sensi. Voi no?
Mamma mamma e conflitti a ruota libera. La bambina che cresce, ribelle ma poco, diciamolo che ero fin troppo tranquilla. Però poi c'è stato lo scontro, e che caos, non capivo più niente stando aggrappata a niente davvero.

Ma Beppe, di Genova, mi disse che siamo un po tutti Volo di Vento... e che volendo, Volo divento... e ho capito, lì, nel bel mezzo di una vera pasta al pesto, che tutto è relativo. Tutto, tutto quanto, senza esclusione alcuna.
Ed allora ho iniziato a crederMI  un po' di più. A credere nel mio essere concreta, ma soprattutto nel mio SENTIRE tutto quello che mi circonda.

E lo so, adesso, che questo ammasso di frasi sembreranno folli, ma è così che il mio pensiero vola, ogni giorno, ogni momento. Salta, s'impenna e vola. Poi cade e tace, e riprende, al contrario... un caos interminabile.
Allora cerco l'EMOZIONE. E se la trovo, in una voce, in uno sguardo, in una nuvola o in un suono... se trovo quell'emozione, allora è certo che mi fermo.
E lì respiro e resto.
E vivo, proprio.

(Ruggine, mi manchi tanto. Avevi la potenza di una scossa elettrica con la delicatezza di una carezza. E io me la ricordo e ancora mi funziona, a pensarti. Ma ciò non toglie che mi manchi)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Immaginevolmente/trackback.php?msg=8579821

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: Eyke
Data di creazione: 06/07/2005
 

AREA PERSONALE

 

E GIRA NELLA TESTA IL TORMENTONE...

C'è un principio d'ironia
Nel tenere coccolati
I pensieri più segreti
...
(quante cose che non sai di me
quante cose devi meritare
quante cose da buttare
nel viaggio insieme)
...

 

 

ALTRI PAZZI INTENSI

ULTIMI COMMENTI

Ciao, come stai???
Inviato da: Valmontdgl
il 28/05/2011 alle 00:52
 
Bello...bello...bello... Lo.
Inviato da: lorycasper
il 31/10/2009 alle 10:29
 
Ah, di sicuro non ti libererai di me, B. Anche perché...
Inviato da: Anonimo
il 01/11/2008 alle 16:04
 
I bambini sanno fare le domande più imbarazzanti del mondo....
Inviato da: Anonimo
il 28/04/2008 alle 12:19
 
Ho sentito quella canzone e devo dire che sono davvero...
Inviato da: Bejita
il 12/04/2008 alle 21:08