Creato da francesca_494 il 05/04/2009

*Independent Lella*

L'essere indipendente prescinde dall'avere rapporti affettivi, sentimentali, amorosi. L'indipendenza nasce fondamentalmente dalla testa...dalle idee. Noi siamo con tutte e con nessuna. Libere di esprimerci culturalmente e socialmente, come riteniamo più consono. Abbattiamo le BARRIERE dell'ipocrisia, che si cela dietro falsi gruppi e associazioni, che predicano bene ma razzolano l'esatto contrario.

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 

 

Towanda! "La prima rivista lesbica italiana"

Post n°19 pubblicato il 09 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

"La prima rivista lesbica italiana". Così si definiva Towanda! quando cominciarono ad essere distribuite le prime copie. Non era proprio così, anche se forse le sue fondatrici, le stesse che animavano una delle poche associazioni lesbiche esistenti a Milano in quegli anni, non lo sapevano.
Era il 1994. E Towanda! qualcosa di veramente pionieristico ce l'aveva: era la prima rivista a tematica lesbica ad avere l'ufficialità della registrazione in Tribunale, la prima ad ambire a recensioni sulla stampa tradizionale, la prima ad essere distribuita in libreria.
Erano anni in cui il tema intorno al quale si costruiva l'esperienza editoriale era la visibilità.
Anni in cui le firme erano pseudonimi e le foto ritraevano le redattrici di spalle o con un sacchetto di carta in testa. Anni in cui a una rivista del genere si chiedeva di "mettere in rete" le lesbiche, essere cioè occasione di incontro, come dimostrava il largo spazio dedicato al dove-come-quando, agli appuntamenti, agli annunci personali, alle lettere, alla presentazione dei vari gruppi presenti in Italia.
Oggi una rete esiste già e funziona benissimo. E così, giunta al suo decimo anno di attività, con una nuova veste, nuovi obiettivi e nuovi contenuti, Towanda! si riaffaccia all'era di internet, dei cellulari, degli sms.
Non più quindi occasione di contatto, ma di confronto e di riflessione.
La struttura della rivista, che è oggi edita da "Il Dito e La Luna Edizioni", prevede una parte centrale monografica dedicata all'approfondimento di un tema: dalla politica alla sessualità, dall'arte alla religione, dalla storia alla scuola o ai PACS. Con l'obiettivo di ri-creare una rivista che sappia promuovere, diffondere, rendere condivisa la cultura e la politica lesbica, ma anche offrire spunti di dibattito, provocare reazioni, discussioni. Tra le lesbiche, e non solo. Towanda! cambia anche periodicità e distribuzione. Diventa trimestrale e, forte dell'esperienza di questi anni, della fitta rete di abbonamenti e della distribuzione capillare sul territorio nazionale, la rivista è ora reperibile, oltre che in libreria, anche in distribuzione gratuita nei più importanti locali del circuito GLBT.

http://www.towanda.it/

 
 
 

Asse MILANO - PESCARA by Night

Post n°18 pubblicato il 08 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

MILANO - PESCARA

...590 Km...di strada...di notte...di follia...

Milano è Gay Friendly.

Pescara è Gay Friendly.

La notte è sempre giovane quando ci si vuole divertire. C'è sempre tempo per ballare, ridere, urlare, giocare. C'è sempre tempo per scoprire, trovare...tempo per bere e sudare. I locali, sull'Asse Milano-Pescara, per vivere e godere momenti di ilare follia, sono numerosissimi. Con il tempo mi preoccuperò personalmente di parlare e consigliare tutti quelli che sono i migliori luoghi d'incontro gay/lesbo, di entrambe le Città.

Inizio questa sorta di guida con quattro locali...due per Città...due Lounge Bar...e, due Disco-Pub. Quattro magnifici luoghi d'incontro friendly.

 

- MILANO: Rha Bar, The Lounge Bar

Via Alzaia [Naviglio Grande] n° 150

www.rhabar.it

 

- PESCARA: Finchley Road

Via Del Circuito n° 45

http://www.2night.it/v2/pescara/locali/membri/13841,bar_finchley_road.html

 

- MILANO:  Black Hole

Viale Umbria n° 118 (Angolo Via Cena n° 1)

www.blackholemilano.com

 

- PESCARA: Phoenix Club Disco Pub

Via Caravaggio n° 109 

www.phoenixclub.it

 

 
 
 

PESCARA - "Jonathan - Diritti in movimento" - Associazione gay, lesbica, bisessuale, transessuale

Post n°17 pubblicato il 07 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

Nella città di Pescara opera da alcuni anni l'Associazione "Jonathan - Diritti in movimento" che intende affermare il fondamentale diritto all'emotività di tutti gli esseri umani, in particolare del popolo Gay, Lesbico, Bisessuale e Transessuale...quel pezzo di società a cui questo diritto basilare è negato.

Jonathan discute, parla e fa emergere idee e racconti, incontri e poesie, eventi e iniziative. Jonathan promuove cultura e, Pescara si trasforma: è di volta in volta un territorio libero e vivace, una città di mare, di scambi, una città in movimento oppure un ambito stretto dove il diritto all'emotività è limitato, una Pescara provinciale, periferica, di confine.
A Pescara e nella sua area metropolitana molti della comunità GLBT trovano luoghi di aggregazione, di riconoscimento e di socializzazione e questo è un fatto importante, un grosso passo avanti perché luoghi e forme d'incontro significano socialità e sviluppo di relazioni necessarie.
Ma per quanti la propria sessualità è ancora qualcosa da non mostrare, di cui vergognarsi? Per quanti esiste una doppia vita, qualcosa che sta al di fuori delle relazioni sociali e, a volte, anche dei rapporti di amicizia?
Jonathan conosce anche questa dimensione e, rispettando le scelte dei singoli, vuole uscirne.
Scopo di Jonathan è di fare in modo che  trovi piena e vera applicazione il principio sancito sin dai tempi della Rivoluzione Francese, che afferma:

"La libertà consiste nel poter fare tutto ciò che non nuoce ad altri: così, l'esercizio dei diritti naturali di ciascun uomo ha come limiti solo quelli che assicurano agli altri membri della società il godimento di questi stessi diritti"
[Dalla Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo e del Cittadino - 1789. Articolo IV]

La comunità GLBT conosce per lo più i limiti di quei diritti che si possono definire "intimi", e che non nuocciono ad alcuno.
Limiti ingiustificabili e quindi inaccettabili; limiti tracciati dal silenzio e dall'invisibilità, che pesano sui nostri corpi.
Jonathan
vuole rompere il silenzio e cancellare i confini del diritto all'emotività.
Il suo cammino comincia dalle riunioni settimanali, dalle conferenze, dalle proiezioni di film a tematica GLBT, dalle feste, dalla richiesta del Registro delle Unioni Civili, dai banchetti per la raccolta firme...
Ma Jonathan offre anche sostegno e aiuto per chi si trova in difficoltà, oppure per chi vuole solamente raccontarsi o confrontarsi.
Tutti noi abbiamo affetti e siamo capaci di amare, perciò la nostra sfera emotiva è importantissima. Ma i confini in cui siamo stretti e i limiti che ci legano il corpo, ci rendono incapaci di comunicare a chi ci circonda le nostre emozioni più profonde.
Jonathan è un'associazione, è una politica, ma è anche e soprattutto un percorso.
Cose da fare ce ne sono e non sarà facile farle. Ma vale la pena provare, perché un diritto conquistato da una sola persona, è un diritto di tutti. E, il mondo, ne ha davvero bisogno.
"Jonathan - Diritti in movimento"
Associazione gay, lesbica, bisessuale, transessuale
Via Palermo n. 41
65122 - Pescara

 
 
 

[05.04.2009] MILANO: RAID OMOFOBO, A SPRANGATE, CONTRO UN CIRCOLO DELL“ARCI

Post n°16 pubblicato il 07 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

Milano, 5 aprile 2009 - "Questa notte a Milano si è consumato l'ennesimo gesto di violenza contro il mondo omosessuale; un'incursione al circolo Arci Toilet Club di via Ludovico il Moro 171, noto alla comunità per le sue serate gay,lesbian,transgender friendly."

A denunciarlo, mediante un comunicato, è ArciLesbica. "Cinque giovani con la testa rasata, armati di cric, sono entrati nel locale in cerca del presidente gridando:"Fuori froci di merda". I responsabili del Toilet Club hanno chiesto agli aggressori di uscire, affinchè la clientela non corresse alcun pericolo, quando uno dei cinque ha aggredito a pugni Paolo Caldiroli, titolare del circolo Arci. L'intervento immediato della polizia ha scungiurato l'aggravarsi della situazione. Arcilesbica, esprimendo tutta la solidarietà a Paolo Caldiroli, è convinta che l'aggressione, accaduta la notte prima del vertice europeo di Forza Nuova in Milano, sia una coincidenza agghiacciante. Si legge nel comunicato:"A forza di legittimare, in nome di una malintesa libertà di opinione, le dichiarazioni omofobiche di signori in doppio petto o in abito talare, si arma la mano di facinorosi violenti, che mettono in pericolo la vita di persone pacifiche". Diversa la ricostruzione data dalla Questura di Milano. La Polizia spiega che l'intervento di una volante avvenuto alle 3 di questa mattina al Toilet Club, affiliato all'Arci, è stato dovuto a una rissa "per motivi di parcheggio". [VERGOGNA!] E' questo infatti che avrebbe spiegato il responsabile del circolo agli agenti intervenuti. L'uomo, preso a pugni dagli aggressori, ha poi chiesto l'intervento di un'autoambulanza. La volante ha poco dopo bloccato l'auto descritta dagli aggrediti, un'Alfa 147 blu priva della targa posteriore, in via Watt. Due degli occupanti, due ragazzi milanesi del 1973 e del 1981, che hanno dato in escandescenze e si sono messi a insultare gli agenti, sono stati fermati, portati in Questura e denunciati a piede libero per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Gli altri due, un altro milanese e un cittadino di origine albanese, sono stati solamente identificati. I quattro, malgrado avessero evidenti contusioni, che hanno ammesso essere state causate dalla rissa nel locale, dov'era tra l'altro in corso una festa privata con un centinaio di partecipanti, hanno rifiutato le cure mediche.

 
 
 

DONIAMO il nostro sangue per AIUTARE chi ha bisogno di noi, ora!

Post n°15 pubblicato il 06 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

Sede Regionale Lombardia :

- Sede di Bergamo

Presidente: Tiziano Gamba
Indirizzo: Via L. Da Vinci, 4 24123 Bergamo - BG
Tel.035/342222 - Fax.035/343248

- Sede di Brescia

Presidente: Giampietro Briola
Indirizzo: Piazzetta Avis, 1 25124 Brescia - BS
Tel.030/3514411 - Fax.030/3514490

- Sede di Como

Presidente: Sandro Scotti
Indirizzo: Via Fornace, 1 22100 Como - CO
Tel.031/301754 - Fax.031/303271

- Sede di Lecco

Presidente: Pierangela Maggi
Indirizzo: Viale Montegrappa, 8 23900 Lecco - LC
Tel.0341/282098 - Fax.0341/282098

- Sede di Milano

Presidente: Natale Casati
Indirizzo: Via Bonaparte, 2 - Centro Formentano 20051 Limbiate - MI
Tel.02/9967731 - Fax.02/9967733

- Sede di Pavia

Presidente: Stefano Marchesotti
Indirizzo: Viale Taramelli, 7 27100 Pavia - PV
Tel.0382/422377 - Fax.0382/043111

- Sede di Varese

Presidente: Sonia Marantelli
Indirizzo: Via Cairoli, 14 21100 Varese - VA
Tel.0332/235498 - Fax.0332/497877

Sede Regionale Abruzzo:

- Sede di Chieti

Presidente: Sergio Di Tizio
Indirizzo: Via Cavour, 34 66026 Ortona - CH
Tel.085/9062702 - Fax.085/9063301

- Sede di L'Aquila

Presidente: Guerrino Fosca
Indirizzo: Via Pietro Nenni, 5/A 67051 Avezzano - AQ
Tel.0863/416675 - Fax.0863/416675

- Sede di Pescara

Presidente: Mario Cerasoli
Indirizzo: Corso Vitt. Emanuele, 10 65100 Pescara - PE
Tel.085/4221129 - Fax.085/4229820

- Sede di Teramo

Presidente: Giulio Di Sante
Indirizzo: Via Risorgimento 64032 Atri - TE
Tel.085/9491326

Queste le sedi principali della Regione Lombardia e della Regione Abruzzo. Per qualsiasi altra informazione, consultate il sito web dell'AVIS o, chiedete direttamente a noi dello Staff di *Independent Lella*!!

IO HO GIA' DONATO! Fatelo anche voi!

 
 
 

LA SOLIDARIETA' DI NAPOLITANO, DEL PAPA E DELL'UE

Post n°14 pubblicato il 06 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

LUSSEMBURGO - "Su istruzione del governo ho anticipato alla Commissione Ue l'intenzione del governo italiano di chiedere l'intervento del fondo europeo di solidarietà per le catastrofi naturali" in seguito al terremoto in Abruzzo. Lo ha detto Ferdinando Nelli Feroci, rappresentante permanente d'Italia presso l'Ue, a margine dei lavori del Consiglio Interni e Giustizia, spiegando di averne dato notizia al vicepresidente della Commissione Ue Jacques Barrot, presente alla riunione. 
Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha intanto lasciato il capoluogo abruzzese per tornare a Roma dove questa sera presiederà un Consiglio dei ministri straordinario convocato proprio per l'emergenza Abruzzo.

NAPOLITANO, 'PROFONDAMENTE COLPITO'
ROMA - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, profondamente colpito dalle tragiche notizie relative al terremoto che ha colpito l'Abruzzo e le cui conseguenze sono ancora in via di doloroso accertamento, ha espresso al Presidente della Regione, al Sindaco de L'Aquila e alle altre autorità locali i suoi sentimenti di vicinanza e solidarietà.
Il presidente Napolitano, riporta una nota del Quirinale, si mantiene in stretto contatto con il sottosegretario Guido Bertolaso, Capo della Protezione Civile, che coordina tutte le azioni di soccorso e di assistenza volte a fronteggiare l'emergenza.
Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha annunciato di aver firmato lo stato di emergenza in seguito al terremoto che ha colpito l'Abruzzo. Il Consiglio dei Ministri è convocato in data odierna alle ore 19,00 a Palazzo Chigi.
Il terremoto che ha colpito oggi l'Abruzzo "é la peggiore tragedia di questo inizio di millennio".  L'evento, ha spiegato Bertolaso, "é paragonabile, se non superiore, al terremoto che ha colpito in passato l'Umbria e le Marche. Si tratta di una vicenda che mobiliterà il paese per diverse settimane".
Il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso è arrivato all'Aquila. Il sisma di questa notte in Abruzzo "non era prevedibile, anche se sappiamo che quella è una zona sismica e negli ultimi giorni ci sono state continue scosse.Ora purtroppo tanti 'pontefici' diranno che si poteva prevedere, ma non è cosi".  "Proprio la scorsa settimana - ha ricordato Bertolaso - la commissione grandi rischi si era riunita a l'Aquila, con i più importanti sismologi italiani. Li avevo mandati li - ha sottolineato - proprio per le continue scosse delle ultime settimane e la conclusione era stata che non si poteva prevedere quanto successo. Non potevamo evacuare una regione in base a quello sciame sismico".

OBAMA INVIA LE CONDOGLIANZE                                                                              Il presidente Barack Obama ha inviato le sue condoglianze alle famiglie italiane colpite dal terremoto.

 

PAPA: PREGO PER BIMBI MORTI, INCORAGGIO AIUTI
Il Papa esprime ''viva partecipazione al dolore delle care popolazioni'' colpite dal terremoto di stanotte, prega ''per le vittime e in particolare per i bambini'' e incoraggia sia i superstiti che ''quanti in vario modo si prodigano'' nei soccorsi. Benedetto XVI lo afferma in un telegramma all'arcivescovo dell'Aquila, Giuseppe Molinari.
''La drammatica notizia del violento terremoto che ha scosso il territorio di questa diocesi - scrive il segretario di Stato Tarcisio Bertone nel telegramma inviato a nome del Papa all'arcivescovo dell'Aquila - ha riempito di costernazione l'animo del sommo pontefice, il quale incarica vostra eccellenza di trasmettere l'espressione della sua viva partecipazione al dolore delle care popolazioni colpite dal tragico evento''.

 ''Nell'assicurare fervide preghiere per le vittime, in particolare i bambini, - prosegue il messaggio - sua santita' invoca dal Signore conforto per i loro familiari, e mentre rivolge una affettuosa parola di incoraggiamento ai superstiti e a quanti in vario modo si prodigano nelle operazioni di soccorso invia a tutti la speciale benedizione apostolica''.

TAJANI A BERLUSCONI: DA UE CONDOGLIANZE E AIUTI
Il vicepresidente della Commissione europea, Antonio Tajani, ha espresso questa mattina al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ''le condoglianze e il dolore'' della Commissione europea per la tragedia di questa notte che ha colpito la citta' dell'Aquila, la sua provincia, e l'intera regione Abruzzo. Lo ha detto all'ANSA lo stesso Tajani aggiungendo che la Commissione europea ha offerto ''la piu' ampia disponibilita' nei confronti dell'Italia per tutti gli interventi d'aiuto che possono essere necessari''.
Il vicepresidente della Commissione europea ha espresso anche la propria solidarieta' e quella della Commissione europea al ministro delle Infrastrutture e trasporti Altero Matteoli e al ministro dell'Interno Roberto Maroni. ''Gia' da questa notte - ha spiegato Tajani - il meccanismo comunitario di protezione civile si e' messo a disposizione della Protezione civile italiana che pero' al momento non ha bisogno di interventi esterni, anche perche' l'Italia ha uno dei migliori sistemi'' di intervento.

 ''A livello europeo - ha continuato - l'Italia, se lo riterra' opportuno, potra' rivolgersi al Fondo comunitario di solidarieta'''. Il vicepresidente della Commissione europea ha ricordato anche che ''questa mattina e' stato in contatto al Parlamento europeo con il capogruppo del Partito democratico Gianni Pittella e di Forza Italia Stefano Zappala' ai quali - ha detto - ho fornito tutte le informazioni del caso''.
 
 
 

Dove rivolgersi per offrire aiuto, sangue o cibo ai terremotati dell'Aquila

Post n°13 pubblicato il 06 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

ROMA - Appello dei Centri di servizio per il volontariato (Csv) di Pescara a tutti i volontari di Pescara e provincia, a contribuire nei limiti delle loro possibilità ad aiutare le popolazioni colpite dal terremoto. Le associazioni di volontariato o i singoli volontari interessati a mettersi a disposizione per l'emergenza terremoto che ha colpito l'Abruzzo possono contattare il Centro operativo della Protezione Civile presso la Prefettura di Pescara, telefonando allo 085 2057631.

Chiunque fosse invece interessato a donare sangue, può farlo recandosi o presso il Centro Trasfusionale dell'ospedale Santo Spirito di Pescara, via Fonte Romana n. 8 (ingresso pronto soccorso), o presso il centro raccolta sangue Avis Pescara, corso Vittorio Emanuele II n.10.

Chiunque voglia donare del cibo per le popolazioni colpite, infine, può portare i generi di prima necessità presso il Banco Alimentare dell'Abruzzo, in via Celestino V: il Banco Alimentare, mediante la sua rete di enti e associazioni convenzionati nell'Aquilano, ha già iniziato ad inviare i prodotti nelle zone colpite dal terremoto.

FATE...FACCIAMO TUTTO IL POSSIBILE!!!

 
 
 

NOTIZIA FA IL GIRO DEL MONDO E APRE I SITI ONLINE

Post n°12 pubblicato il 06 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

ROMA - Il terremoto in Abruzzo è in apertura sui siti online dei maggiori giornali e tv del mondo, con foto e video dei danni e dei soccorsi. Il britannico THE GUARDIAN apre con una video-notizia: un minuto e trentacinque secondi di immagini tratte dalle tv italiane sui danni causati dal terremoto. Sotto il titolo: "Almeno 27 morti nel terremoto che ha colpito l'Italia. Cinque bambini tra le vittime dopo una scossa di magnitudo 6.3, a 70 miglia a nord est di Roma".
THE INDEPENDENT titola: "Un potente terremoto ha colpito un'enorme area del centro Italia mentre i residenti dormivano, uccidendo almeno 27 persone e lasciandone migliaia senza casa". Un video apre anche il sito dello spagnolo EL PAIS: "Più di una ventina di morti per un forte terremoto in Italia. Almeno 27 morti hanno perso la vita, tra cui quattro bambini".
EL MUNDO titola in apertura: "Almeno 27 morti in un forte terremoto nel centro Italia". Il sito online del quotidiano spagnolo propone anche un approfondimento: "Un geologo avvertì del disastro e lo hanno accusato di allarmismo". Una galleria di foto in apertura sul francese LE MONDE con il titolo "Almeno 27 morti in un sisma in Italia" seguito dall'appello ai lettori che si trovano nel nostro Paese ad inviare testimonianze. "Un violento sisma colpisce il centro Italia" si legge su LE FIGARO che, oltre a un video, propone anche la testimonianza audio del proprio corrispondente a Roma: "Ho sentito due scosse".
In Germania, il FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG scrive: "Il numero delle vittime cresce ancora almeno 27 morti", mentre su DER SPIEGEL: "Catastrofe in Italia. Si scava a mani nude tra le macerie del terremoto". Sul NEW YORK TIMES si legge: "Almeno 27 morti in un terremoto in Italia. In migliaia senza casa". Notizia in apertura anche sul WALL STREET JOURNAL: "Un forte terremoto ha colpito l'Italia centrale uccidendo almeno 20 persone, distruggendo edifici e lasciando migliaia di persone senza casa". Anche i siti online delle tv internazionali dedicano tutte l'apertura al terremoto in Italia.
Su AL JAZEERA una foto dei soccorsi accompagna il titolo "Terremoto mortale colpisce l'Italia. Dozzine di persone uccise e migliaia di edifici crollati dopo una scossa di magnitudo 6.3". "Si temono molti morti in un devastante terremoto in Italia" scrive la CNN, mentre sulla BBC la notizia dal titolo "Potente terremoto uccide molte persone" è corredata da video, foto e approfondimenti sull'Italia e sui precedenti terremoti.

 
 
 

VIOLENTO SISMA ALL'AQUILA: OLTRE 50 MORTI. SI SCAVA TRA IL SILENZIO E I PIANTI

Post n°11 pubblicato il 06 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

Il terremoto, di magnitudo 5,8 Richter, ha colpito poco dopo le 3.30 l'Abruzzo, epicentro L'Aquila. L'ultimo bilancio reso noto dal ministro Maroni parla di 50 vittime, tra cui 5 bambini. Ma è un numero provvisorio, si continua a scavare tra le macerie. Molti i crolli, migliaia gli sfollati. Protezione civile: NON METTERSI IN VIAGGIO nella zona del sisma.

IMPORTANTE: OCCORRE SANGUE per i feriti del terremoto che, questa notte, ha colpito l'Abruzzo! RAGAZZI ANDATE A DONARE IL SANGUE!!!

Questo è il link per individuare la sede Avis più vicina a te: http://www.avis.it/usr_view.php/ID=1545

ABRUZZO: n° 803555 - PROTEZIONE CIVILE [Attivo 24 ore su 24]

 
 
 

Matrimoni, aumentano i tradimenti: il 7% sono relazioni omosessuali. Tu hai mai tradito?

Post n°10 pubblicato il 05 Aprile 2009 da francesca_494
Foto di francesca_494

I tradimenti, ovvero le relazioni extraconiugali, sono in continuo aumento. E' emerso dal Centro Studi dell'Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani, in collaborazione con Vincenzo Mastronardi, direttore della cattedra di psicopatologia forense presso la Facoltà medica dell'Università Sapienza di Roma, che ha rilasciato uno studio sul tema. Il 60% delle “corna” avviene in ambiente lavorativo, mentre nel 40% dei casi il “rimorchio” avviene in chat. Inoltre le donne stanno raggiungendo gli uomini, che per costume sarebbero i più infedeli, con il 45% dei casi contro il 55% maschili. Ma il dato che sta facendo di più discutere è il numero di tradimenti omosessuali, il 7%. "Negli ultimi anni - spiega il presidente nazionale Ami, l'avvocato Gian Ettore Gassani - sta emergendo un altro fenomeno, quello delle infedeltà omosessuali. Sempre più spesso, nelle procedure di separazione, si scopre che il marito o la moglie hanno relazioni extraconiugali con persone dello stesso sesso. E le reazioni dei coniugi che scoprono tali tradimenti omosessuali sono quasi sempre di sbigottimento, incredulità, delusione o 'vergogna'”.

E' solo di oggi l'ultimo caso della moglie scoperta lesbica dal marito. A tradirla una mail personale. Ma oltre il danno, la beffa. Infatti il marito è stato denunciato dalla donna per violazione della privacy, violazione della corrispondenza e diffamazione.
E' alcune settimane fa, invece, il caso balzato alla cronaca del ex marito obbligato da una sentenza della cassazione al mantenimento della moglie per averla tradita con l'aiutante del proprio negozio. L'AMI, dunque, pone l'accento sia sull'aumento generico dei tradimenti, sia sull'aspetto gay, quasi a significare (come spesso accade) che l'omosessualità vada spesso a braccetto con l'infedeltà.

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

boglia134pil_pablodago130daniefeLuisa_Colettiroberta750silvia325c.luciani1993ago.tabilioinfedele_1981pierdorigattiolgafanfrancescar85diablodelicadoFrancesco.Paris
 

ULTIMI COMMENTI

1)Questo č un sito per sole donne LESBICHE, ETEROSESSUALI,...
Inviato da: francesca_494
il 05/04/2009 alle 19:45
 
la fonte č...
Inviato da: cinesi_felici
il 05/04/2009 alle 19:27
 
Ciao! :-P
Inviato da: francesca_494
il 05/04/2009 alle 18:22
 
Ciao, ms
Inviato da: maresogno67
il 05/04/2009 alle 17:57
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom