Creato da iamnobody2011 il 04/06/2011

Nessuno RossoBlù

Le Prilline & altro...

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: iamnobody2011
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
EtÓ: 26
Prov: AN
 

CHI SONO?

Sono un semplice tifoso della Pieralisi Volley, la squadra di pallavolo femminile di Jesi, la mia città; quella che una volta era chiamata Monte Schiavo e giocava in serie A1. Altri tempi ma la passione per questi colori e per queste ragazze è rimasta la stessa. In questo scalcinato blog cerco di raccontare la mia passione per le "prilline" (così venivano chiamate ai tempi dell'A1) e le loro imprese. Perché il nome "Nessuno Rossoblù"? Perché una volta qualcuno disse che nessuno seguiva la Pieralisi. Non dimentico però, l'altra mia passione: la musica. Ogni tanto mi diverto a dire la mia su artisti, eventi e tutto quello che mi colpisce del mondo musicale. Buona lettura! by Nessuno

 

LA PIERALISI PAN 2019/20

2. Elena CARLETTI S 2003

3. Benedetta CECCONI L 1996

5. Francesca MORETTI L 1996

6. Alice GASPARRONI S 2001

7. Elena FORESI P 2000 

8. Martina BELVEDERESI C 2001

9. Erica PAOLUCCI S 2000

10. Talita MILLETTI C 2003

11. Giorgia ANGELINI P 1999

12. Caterina MIECCHI S 2001

13. Candida VISCITO S 1996

15. Alessia POMILI C 2000

16. Nicol GIOMBINI S 2000 

17. Sofia CARLETTI S 2002

18. Margherita MARCELLONI C 1993 (Cap)

All. Luciano SABBATINI

Vice All. Elisabetta BONCI

 

I MIEI LINK PREFERITI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

Messaggi del 02/03/2020

Ricerca di normalitÓ

Post n°1931 pubblicato il 02 Marzo 2020 da iamnobody2011
 

Luci spente, porta sprangata, anche il centro sociale lì davanti chiuso. L'unica forma di vita sabato pomeriggio nella zona attorno alla "Carbonari" era una signora che un po' annoiata, portava a spasso il suo cane. Un'atmosfera triste, quasi malinconica se penso che di solito quel posto, il sabato pomeriggio quando gioca la Pieralisi Pan è pieno di vita e movimento. Questo è uno degli effetti di questa emergenza Coronavirus, che ha fermato tutta la pallavolo - maschile e femminile, dalla serie A fino ai campionati giovanili - per una settimana; B2 e prilline comprese. 

apav - pieralisi In realtà Marcelloni & co non si sono fermate ma hanno continuato ad allenarsi al centro sportivo "Pieralisi" in via Ancona, per non perdere il ritmo e mantenere un po' di quella normalità che questa situazione ha ovviamente tolto a tutti. E' mancata solo la partita del sabato per rendere la settimana uguale a tante altre. Un vero peccato, perché la Pieralisi sembrava essere uscita dal tunnel imboccato a fine 2019 con il ko di Bologna. A Lucrezia si era rivista la squadra delle prime giornate, intensa, concentrata e pronta a lottare: "Se giochiamo così possiamo dire ancora la nostra per le posizioni di vertice!" avevo pensato mentre tornavo a casa. Non avevo fatto i conti con questa emergenza. 

La domanda che mi sto facendo è: e adesso cosa succederà? Come usciremo da questa situazione? Su un punto credo siamo tutti d'accordo: la pallavolo ha dato dimostrazione di grande compattezza, a differenza del calcio di serie A, con partite giocate ed altre rinviate. A parte questo, trovo difficile immaginare uno scenario. C'è chi dice che il campionato sarà definitivamente cancellato ma mi pare una previsione abbastanza catastrofica, c'è anche chi prevede lo svolgimento di tante partite a porte chiuse fino a quando l'emergenza non sarà rientrata. Si attendono nuove disposizioni e soprattutto, le date del turno rinviato.

Se mi devo basare sui documenti, il comunicato della Fipav del 26 febbraio parla chiaro: "Dal 2 marzo ripresa con la limitazione dello svolgimento a "porte chiuse" di tutti i campionati di ogni livello (Nazionali, Regionali, Territoriali) e delle attività di allenamento nelle regioni Liguria, Piemonte, Emilia Romagna, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino e Marche (queste ultime in quanto caratterizzate da sola ordinanza regionale); ad eccezione dei Comuni di Lombardia e Veneto interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio".

Guardando all'immediato, che per la Pieralisi vuol dire trasferta a Lugo di Romagna sabato prossimo, la regione Emilia-Romagna sul suo sito internet è molto dura: "Sono sospesi eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati" recita il comunicato del 1° marzo. Successivamente è meno severa: "Resta consentito lo svolgimento di tali eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse. Questa misura replica nella sostanza quella già prevista la settimana scorsa, a cui ora se ne aggiunge un'altra: ai tifosi residenti nella nostra regione, Lombardia e Veneto e delle province di Pesaro-Urbino e Savona è vietata la trasferta, ovvero la partecipazione ad eventi e competizioni sportive che si svolgono nelle restanti regioni e province". Se le cose stanno così, a Lugo si dovrebbe giocare a porte chiuse. Certo, non è molto bello per una partita di B2, non è la normalità che stiamo cercando tutti; magari può essere l'inizio di un percorso che ci porterà fuori da questo delirio. FORZA JESI! by Nessuno

 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUĎ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

IL CALENDARIO DELLE PRILLINE

NESSUNA PARTITA

IN PROGRAMMA 

 

NESSUNO ROSSOBL┘ ON FACEBOOK

Nessuno Rossoblù

 

 

 

 

Visita la mia pagina Facebook "Nessuno Rossoblu"!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

brownmariotickledvincenzosiracusaLalla3672iamnobody2011giuseppe.confortiiltomasserviceelleffemusicapoeta_semplicegiorgio662015studiovirtuedicolagirottiticiniabusclaudio.ravagli
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom