Creato da iamnobody2011 il 04/06/2011

Nessuno RossoBlù

Le Prilline & altro...

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: iamnobody2011
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
EtÓ: 26
Prov: AN
 

CHI SONO?

Sono un semplice tifoso della Pieralisi Volley, la squadra di pallavolo femminile di Jesi, la mia città; quella che una volta era chiamata Monte Schiavo e giocava in serie A1. Altri tempi ma la passione per questi colori e per queste ragazze è rimasta la stessa. In questo scalcinato blog cerco di raccontare la mia passione per le "prilline" (così venivano chiamate ai tempi dell'A1) e le loro imprese. Perché il nome "Nessuno Rossoblù"? Perché una volta qualcuno disse che nessuno seguiva la Pieralisi. Non dimentico però, l'altra mia passione: la musica. Ogni tanto mi diverto a dire la mia su artisti, eventi e tutto quello che mi colpisce del mondo musicale. Buona lettura! by Nessuno

 

LA PIERALISI PAN 2019/20

2. Elena CARLETTI S 2003

3. Benedetta CECCONI L 1996

5. Francesca MORETTI L 1996

6. Alice GASPARRONI S 2001

7. Elena FORESI P 2000 

8. Martina BELVEDERESI C 2001

9. Erica PAOLUCCI S 2000

10. Talita MILLETTI C 2003

11. Giorgia ANGELINI P 1999

12. Caterina MIECCHI S 2001

13. Candida VISCITO S 1996

15. Alessia POMILI C 2000

16. Nicol GIOMBINI S 2000 

17. Sofia CARLETTI S 2002

18. Margherita MARCELLONI C 1993 (Cap)

All. Luciano SABBATINI

Vice All. Elisabetta BONCI

 

I MIEI LINK PREFERITI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

Messaggi del 11/03/2020

Il teatrino della serie A

Post n°1934 pubblicato il 11 Marzo 2020 da iamnobody2011
 

C'è voluto alla fine l'intervento del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella serata di lunedì con l'annuncio del nuovo Decreto 10 marzo 2020, per mettere fine allo squallido e triste rimpallo di responsabilità tra i vertici dello sport - Federvolley, Lega Serie A Femminile ed il ministro dello Sport - incapaci di fermare lo spettacolo nonostante le gravi difficoltà che il paese sta attraversando a causa dell'emergenza Coronavirus. 

mauro fabrisSabato sera, anziché affollare le vie del centro come fatto da molta gente, in maniera assai incauta come mostrato da Quelli del Massaccio, sono rimasto a casa a guardare la tv. Ammetto che non c'ero più abituato a non uscire di casa il sabato sera. Ho approfittato per vedermi la diretta su Rai Sport di Conegliano-Brescia, una "sveltina" da un'ora scarsa nel deserto del PalaVerde, perché si giocava a porte chiuse. Stesso film al  PalaEur di Roma dove su Eurosport davano Virtus Roma-Dinamo Sassari di serie A1 di pallacanestro. Anche lì non c'era anima viva. 

Durante la telecronaca, il giornalista Rai Colantoni aveva annunciato la partenza di Caserta verso Bergamo per evitare la sconfitta a tavolino, "punizione" della Lega Volley Serie A Femminile. Cosa era successo? Venerdì 6 era arrivata la notizia del rifiuto di Caserta ad andare a giocare a Bergamo, uno dei centri del focolaio del virus. La gara si sarebbe disputata a porte chiuse ma ciò non bastava alle campane, che avevano già disertato il match in casa di Novara; stesso atteggiamento - a mio parere molto responsabile, se la società vuole tutelare le proprie tesserate - è stato quello del presidente dell'Olbia in A2, che non ha voluto viaggiare fino a Busto Arsizio. 

Domenica 8 però, era arrivato il Decreto 8 marzo 2020 del Presidente del Consiglio, che aveva limitato le competizioni sportive solo a porte chiuse. Il giorno stesso è arrivata puntuale la sospensione del turno di campionato, con il presidente Fabris (nella foto facebook.com/legavolleyfemminile) che ha addirittura attaccato il Governo, colpevole di non essere chiaro quando scrive i decreti. Molte squadre avevano già raggiunto la sede di gara, sicure di giocare senza pubblico; tutte hanno dovuto fare marcia indietro e tornarsene a casa, compresa Caserta. Infine, ecco il provvedimento del Coni, che nella giornata di lunedì ha sospeso fino al 3 aprile ogni competizione, anticipando il nuovo Decreto del 10 marzo 2020, che ha imposto le attuali misure molto restrittive. 

Tutto questo teatrino (come anche quello del calcio) ha messo in evidenza l'incapacità dei vertici della pallavolo di assumersi la responsabilità di fermare il campionato di serie A, Lega in testa. Il paragone con la serie B è davvero umiliante per il massimo torneo nazionale. La Fipav, che organizza la B, ha fermato tutto addirittura giovedì 5 marzo fino al 15, con tanto di messaggio video del presidente Cattaneo, che ha sottolineato l'importanza di tutelare la salute dei propri tesserati. In serie A intanto si continuava a discutere, litigare e spingere per mandare avanti lo show. L'ultima parola l'ha dovuta dire uno che probabilmente, a pallavolo neppure ci ha mai giocato, Giuseppe Conte: lui si è preso la responsabilità di dire basta. Speriamo per il momento. by Nessuno

 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUĎ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

IL CALENDARIO DELLE PRILLINE

NESSUNA PARTITA

IN PROGRAMMA 

 

NESSUNO ROSSOBL┘ ON FACEBOOK

Nessuno Rossoblù

 

 

 

 

Visita la mia pagina Facebook "Nessuno Rossoblu"!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariagiusti1958spalmierospesgobcateringserviceafvenetasetolem.clarizio47mgp2010Velista30calzelualdiiamnobody2011bolmarpogianniav71sebastiano.carnevaleimpdinisi
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom