Creato da ninograg1 il 16/01/2006

XXI secolo?

Vivere e sopravvivere nel nuovo medioevo italiano

Get the Radio DgVoice verticall no autoplay widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

STO LEGGENDO E RACCOMANDO

 

 

siti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ninograg1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 59
Prov: MS
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 197
 
 

SHINY STATS; TROLLS

DIRECTORY

 

TCPA;OIPA

 
Leggi a questo link

 

      aumenta page rank

 

MOTORI

 immagine Best blogs ranking

 

 

XML, PULIZIA

 Basta! Parlamento pulito  Feed XML offerto da BlogItalia.it  immagine immagine Iscriviti I heart FeedBurner 

 

LIST

  Blogarama - The Blog Directory Powered by FeedBurnerIscriviti a RSS aggiornamenti dal titolo: Powered by FeedBurnerSono membro della AM Blog directory

 

GREENPEACE & ARCOIRIS

immagine immagine BlogGoverno    Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini  

 

 

MATRIX 1

un mondo senza regole e senza confini 

Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/

Scudo della Rete

BlogNews

 

NESSUNO TOCCHI CAINO; PACS

immagine   immagine

 

VARIA GRAFICA

immagineDirectory dei blog italiani

 

BLOGITALIA

          BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Togliatti, Basso e Nenni...Germania, industria in c... »

Ma la politica economica serve davvero all’economia?

Post n°4453 pubblicato il 07 Giugno 2019 da ninograg1
 

Fonte: W.S.I. 2 Giugno 2019, di Luciano Martinoli

 

Partiamo dai fatti e oggi il fatto più rilevante e recente che possiamo analizzare sull’argomento, anche perchè iniziano ad esser noti gli effetti, è la politica dei tagli alle tasse voluti da Donald Trump.

Uno studio del Congressional Research Service, agenzia non partisan che lavora per il Congresso degli Stati Uniti, ha reso noto i risultati dei tagli del 2017 sull’economia americana del 2018.

In breve: l’economia statunitense l’anno scorso è sì cresciuta del 2,9% ma per la maggior parte a causa di fattori già in essere in precedenza. I lavoratori hanno ricevuto, dalle loro aziende, benefici marginali che ammontano a soli $28 a testa (molto meno degli 80 euro di renziana memoria). Inoltre l’incentivo al rimpatrio di $664 miliardi di capitali, concesso alle grandi corporation, ha scatenato un acquisto di azioni proprie per oltre $1.000 miliardi senza nessuna evidenza di aumenti di investimenti. Benefici ai lavoratori e maggiori investimenti erano gli obiettivi della manovra ma, come si vede dai numeri, tali obiettivi non sono stati raggiunti. Inoltre, per chi volesse giudicare in ogni caso positiva la crescita economica ottenuta, per assorbire il costo della manovra, realizzata con mancanza di incassi da parte dell’erario, la crescita sarebbe dovuta essere del 6,7% e non del 2,9% (chi volesse leggere il rapporto completo lo trova qui).

Dunque il presunto legame causale tra la politica e l’economia si è rivelato, ancora una volta, estremamente debole; così come pure la posizione “gerarchica” del sistema politico su quello economico (l’economia non “ubbidisce” alla politica). In altre parole ciò che la politica pensa di fare per l’economia, almeno in casi come questi, è di fatto solo un atto politico, e non un’azione di “governo” della prima, con effetti imprevedibili (spesso nulli o negativi) sull’economia stessa.

Facciamo un salto in Italia. Recentemente sono stato invitato alla presentazione di un libro sullo stato di salute del sistema economico italiano redatto da un illustre e rispettabile economista. Non faccio nomi per scongiurare il pericolo che le mie parole, le quali hanno l’obiettivo di generare un confronto costruttivo, possano essere invece interpretate, per mie incapacità espressive, come sterile critica, denigrazione o peggio.

L’esordio è stato dei più brillanti ed encomiabili e in netta contraddizione, basandosi su fatti numerici, rispetto allo strumentale ed endemico piagnisteo italico: avanzo primario positivo da 25 anni, leadership assoluta in numerose nicchie ad alto valore aggiunto, un debito privato quasi inesistente con una ricchezza degli italiani superiore al debito pubblico, considerando immobili e attività finanziarie.

Tutto questo grazie, come è stato giustamente rilevato, alla presenza di numerose aziende virtuose che hanno operato sui mercati globali per decenni, le famose multinazionali “tascabili”, e hanno dato il loro contributo alla ricchezza dello stato, con l’avanzo primario, e quello dei singoli, consentendo loro acquisto di immobili e accumulazione di denaro.
Successivamente si è passati a snocciolare le carenze della politica nostrana nei confronti dell’economia, incapace di comprenderla e, dunque, rappresentarla e stimolarla. Prima considerazione: oltre ad essere una ulteriore dimostrazione del legame molto “lasco” tra i due sistemi, visti i risultati forse, almeno finora, è stato meglio così!

Una politica incompetente ha fatto da stimolo positivo ad un’economia gagliarda, l’esatto contrario di quanto ci si aspettava, o almeno quello che si aspettano e raccontano i politici.

Mi si consenta, giunti a questo punto, alcune conclusioni sistemiche.

I sistemi politico ed economico, così come quello giuridico, scientifico, sanitario, educativo, ecc., sono sistemi sociali funzionali, ovvero ognuno assolve ad una specifica funzione. Sono autonomi e vedono gli altri sistemi come “ambiente” al quale si relazionano con “accoppiamento strutturale” e non in termini banali di input/output lineare. Questo vuol dire che una disposizione della politica per l’economia non verrà interpretata da questa come un “ordine” da eseguire nella sua interezza e completezza ma come una perturbazione alla quale l’economia risponderà secondo la propria struttura. Se la politica non conosce tale struttura, sempre cangiante e con operazioni che la ridefiniscono di continuo eseguite solo all’interno dell’economia stessa, gli interventi avranno effeti casuali e non causali; essi saranno inutili, dannosi, e solo raramente, e per caso, positivi.

Un’azienda, sopratutto quelle con un imprenditore in carne ed ossa ancora operante, non sempre decide, ad esempio, gli investimenti in base a supporti che gli vengono offerti di tanto in tanto, ma rispetto alle esigenze del mercato, dei suoi clienti. Se per caso i due momenti coincidono, offerta di benefici, in genere di stampo politico, ed esigenze per motivi di mercato (dunque economici e non politici), la cosa potrebbe anche funzionare se non ci si mettesse poi di mezzo la burocrazia, che è anch’essa un sistema sociale indipendente pure dalla politica, a rallentare e a rendere inefficace il tutto (come mi raccontava proprio recentemente un imprenditore di successo al sud, settore chimico trattamento acque, che invitato ad un bando per sostenere l’innovazione si è visto superare da progetti per “la lievitazione dei cornetti” e altre banalità scatendando la sua ira con conseguente comunicazione all’amministrazione, che lo aveva invitato, di non disturbarlo più).

Dunque se politica economica debba, e può, essere essa deve essere competente sull’economia ma non solo quella macro, anche quella dei singoli mercati che vuole stimolare, la strategia d’impresa di quelle virtuose, che i mercati li creano, e quelle meno virtuose, che i mercati li seguono, per incentivarle a fare meglio (o anche disincentivarle nelle loro attività per prevenire danni maggiori per la collettività). E sopratutto deve occuparsi in primis del buon funzionamento della macchina dello Stato in tutti i suoi aspetti, sopratutto quello fiscale e giuridico, che è la prima preoccupazione e richiesta di qualsiasi soggetto economico sano che ha consapevolezza che il suo successo dipende solo dai suoi clienti e non da altro.

Pochi e lontani i casi di interventi politici di successo sull’economia. Penso al piano Marshall dopo la seconda guerra mondiale, caso di studio per il forte legame tra le componenti politiche ed economiche dei vari paesi che ne hanno consentito il successo. Ma un primo passo per migliorare questa situazione è certamente considerare la separazione dei due sistemi e l’impegno che la politica, ma anche degli economisti che fanno politica e non economia, deve profondere per una maggiore e più dettagliata conoscenza dell’economia al fine di creare accoppiamenti strutturali virtuosi.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Karamazov/trackback.php?msg=14494592

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
jigendaisuke
jigendaisuke il 07/06/19 alle 23:21 via WEB
Analisi perfetta, che cozza con gli attuali politicaciucci, ma soprattutto con l'eccezionale potere dei burocrati e coi danni che una certa propaganda negativa sta facendo all'Italia
 
 
ninograg1
ninograg1 il 11/06/19 alle 08:22 via WEB
jigendaisuke il 07/06/19 alle 23:21 via WEB e con i dannoi alla fonte dei ns attuali guai, no? Con le politiche, anzi la mancanza di politiche, che a partire dal 1989 a oggi, NON, sono state fatte e di cui oggi vediamo le conseguenze ultime, no?
 
woodenship
woodenship il 08/06/19 alle 04:40 via WEB
Ma allora perchè questi rivoluzionari da operetta han vinto le elezioni? Stiamo tutti bene, però ci dipingono che stiamo male,quindi li votiamo che ci fanno stare male?....
 
 
ninograg1
ninograg1 il 11/06/19 alle 08:26 via WEB
woodenship il 08/06/19 alle 04:40 via WEB perchè i loro predecessori, politici (simili a signorotti medievali) di professione, si sono letteralmente venduti dimostrando di tenere più alle loro poltrone che al benessere degli amministrati...... naturalmente condividono la loro responsabilità con i loro elettori che ci hanno abbondantemente guadagnato sopra: che dire dei medici che lavorano negli ospedali e hanno studi in intramoenia e poi anche privati? Per chi votavano in massima parte?
 
   
woodenship
woodenship il 11/06/19 alle 17:53 via WEB
Trovo davvero ammirevole questa tua propensione a cercare di fare passare come nuova di pacca questa classe politica rappresentata dalla lega salviniana.Però ci deve essere pure un limite a questo tentativo:in fondo,in questi ultimi trent'anni, la lega ha governato per almeno una ventina d'anni. O erano nello spazio,in attesa che arrivasse l'alieno?
 
     
ninograg1
ninograg1 il 12/06/19 alle 22:07 via WEB
woodenship il 11/06/19 alle 17:53 via WEB qui abbiamo un problema: te mi attribuisci cose che non sono nelle mie corde... è vero che propendo ad allearmi, come pure sostenne davanti a una commissione d'ichiesta del Senato americano Z. Brezinsky a proposito delle alleanze spurie fra i campioni del mondo libero (o presunto tale) e i talebani, con il diavolo pur di fottere gli attuali ceti al potere ma è pur vero che per farlo devo oggettivamente ingoiare i leghisti del III° millennio: non mi fa alcun problema visto che vivo in una società a pensiero debole e fluttuante ma noto che non per tutti è la stessa cosa; qualcuno ancora si illude che: 1. le cose rimarranno così che 2. è ineluttabile il deficit eccessivo; 3. che non c'è alternativa a questa mafia chiamata europa... ecc. ecc. in realtà, e ce ne sono tutti i presupposti con mia grande gioia, la Lega e i 5 Stelle stanno dando il là a una, detto alla McLuhan, frattura sociale che potrebbe protare a un cambio epocale non nei prossimi anni ma sicuramente nella nuove generazioni: laddove si pensava a un unico mercato dove tutti, Stati compresi,sono parte di esso e sottostanno ai diktat dei signori del mercato (altro che mercato libero) si verrà a creare una riedizione del mercato durante la guerra fredda dove ci sono Stati da un lato e cittadini dall'altro e il mercato dove ci si approvvigiona è.. quello sotto casa. Mi spiace amico mio ma, come diceva Montanelli, pur essendo nato a sinistra preferisco turarmi il naso e votare per sti due anziché per quella la pasta riciclata dell'anno scorso!!!
 
elyrav
elyrav il 10/06/19 alle 08:02 via WEB
Mah la politica rovina tutto. Il consumismo rovina tutto. I soldi rovinano tutto.
 
 
ninograg1
ninograg1 il 11/06/19 alle 08:26 via WEB
elyrav il 10/06/19 alle 08:02 via WEB alternative?
 
   
elyrav
elyrav il 11/06/19 alle 08:57 via WEB
Eh mica tante ... o progresso o così ...
 
     
ninograg1
ninograg1 il 12/06/19 alle 21:48 via WEB
elyrav il 11/06/19 alle 08:57 via WEB sono già due.... ma ce ne sono anche altre se (ed è un grosso 'SE')gli italiani si svegliano!!!
 
maresogno67
maresogno67 il 10/06/19 alle 21:17 via WEB
aggiungerei: e noi siamo funzionali a qualcosa?
 
 
ninograg1
ninograg1 il 11/06/19 alle 08:27 via WEB
a essere bestie da recinto...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elyravjigendaisukeninograg1shadow_15124hfukrltwister007woodenshiplacey_munromaresogno67aren.13unsorrisopertedgl1nina.monamourinkoerenzeioosvaldotujanesoloperte_sd
 

ULTIMI COMMENTI

I MIEI BLOG AMICI

- The BoNny
- piazza alimonda
- considerazioni
- Giovani e politica
- vivazapatero
- montagneverdi...
- melodie dell'anima
- bruno14
- *Serendipity*
- Di tutto, di piu'
- Ali Rosse...
- La dea Artemide
- ora ci penso..
- solo per satira; ogni tanto guardo e nn c'era il tuo profilo....
- sterminatore1986
- ossevatorio politico
- blog dedicato ai fumetti: wow!
- neverinmyname
- SOLI CONTRO LA MAFIA
- Gira e Rigira
- Prodi vs SilvioB 3-0
- (RiGiTaN's)
- Job interview
- l'edicolante
- ricambio generazione
- BLOGPENSANTE
- Geopoliticando
- Frammenti di...
- EARTH VIRTU'
- Reticolistorici
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Lapiazzarossa
- Il mondo di Valendì
- Italia democratica
- piazza carlo giuliani
- In Equilibrio..
- PENSIERI IN LIBERTA
- MOSCONISMO
- GIORNALE WOLF
- ETICA & MEDIA
- siderurgika
- Il mondo per come va
- lecosistema...
- MONDO NOSTRUM
- IlMioFavolosoMondo
- *STAGIONI*
- LA VOCE DI KAYFA
- NO-global
- hunkapi
- Writer
- alba di nina ciminelli
- imbrogli i
- ippogrillo
- PENSIERO LIBERO
- Perle ai Porci
- ROBIN HOOD
- Un blog demo_cratico
- Aderisci al P.G.M.I.
- rinnegata
- RESPIRA PIANO
- Anima
- Cose non dette
- PersoneSpeciali
- diario di un canile
- Sassolininellascarpa
- disincanto.....
- Dolci note...!
- STAIRWAY- TO- HEAVEN
- vivere è bello
- bijoux
- mecbethe
- my goooddd....
- ...riflettendo.
- BOBO E ZARA
- la Stella di Perseo
- forever young
- ECCHIME
- Regno Intollerante
- io solo io
- MONICA
- coMizia
- Femminilita
- @Ascoltando il Mare@
- nel tempo...
- Non vinceranno!
- Doppio Gioco
- cigarettes & Coffee
- MOONCHILD
- Avanguardia
- Il Diavolo in Corpo
- Angolo Pensatoio
- Assenza di gravità
- cera una volta
- DI TUTTO E DI PIU
- ORMALIBERA
- FATAMATTA_2008
- TUTTOENIENTE
- ZELDA.57
- Triballadores
- club dei cartoni
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

NON LASCIAMOCISOLI & CHE

O siamo Capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, O DOBBIAMO lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza,perchè questo blocca il libero Sviluppo dell'intelligenza "
Ernesto Che Guevara
  

XXI secolo?

↑ Grab questo Headline Animator

 

IDEOGRAMMA DI PACE; EMERGENCY

GRILLO

  No TAV