Creato da ninograg1 il 16/01/2006

XXI secolo?

Vivere e sopravvivere nel nuovo medioevo italiano

Get the Radio DgVoice verticall no autoplay widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

STO LEGGENDO E RACCOMANDO

 

 

siti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ninograg1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 60
Prov: MS
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 197
 
 

SHINY STATS; TROLLS

DIRECTORY

 

TCPA;OIPA

 
Leggi a questo link

 

      aumenta page rank

 

MOTORI

 immagine Best blogs ranking

 

 

XML, PULIZIA

 Basta! Parlamento pulito  Feed XML offerto da BlogItalia.it  immagine immagine Iscriviti I heart FeedBurner 

 

LIST

  Blogarama - The Blog Directory Powered by FeedBurnerIscriviti a RSS aggiornamenti dal titolo: Powered by FeedBurnerSono membro della AM Blog directory

 

GREENPEACE & ARCOIRIS

immagine immagine BlogGoverno    Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini  

 

 

MATRIX 1

un mondo senza regole e senza confini 

Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/

Scudo della Rete

BlogNews

 

NESSUNO TOCCHI CAINO; PACS

immagine   immagine

 

VARIA GRAFICA

immagineDirectory dei blog italiani

 

BLOGITALIA

          BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Renzi non tiene sulle spine il premier, ma l’Italia intera: che voglia rottamarla?

Post n°4614 pubblicato il 10 Gennaio 2021 da ninograg1
 

Fonte: Il Fatto Quotidiano Roberto Marchesi

Fino a pochi anni fa (nel periodo “Obama” per intenderci) bastava dire 2% e tutti pensavano subito al tasso d’inflazione che tutte le maggiori economie globali ambivano raggiungere per poter dire di aver superato la crisi; adesso invece quella percentuale indica specificamente la quota di gradimento raggiunta nei sondaggi (in discesa) dal fenomeno più in vista della nostra zoppicante rappresentanza politica, cioè quel Matteo Renzi (così “battezzato” da Marco Travaglio per non partecipare alla propaganda gratuita che gli stanno facendo tutti).

Solo tre anni fa circa Renzi era ancora primo ministro e primo praticamente in tutto quello che girava attorno alla politica della nostra democrazia che lui, sempre persuasivo anche nelle più spericolate dichiarazioni, prometteva di rinnovare rottamando quello che, tutti pensavano, fossero i sovraccarichi accumulati dal berlusconismo nostrano. Invece abbiamo scoperto poi che quello che realmente voleva rottamare in buona misura non erano i rottami delle nostra politica indecente, ma proprio le nostre istituzioni, che a lui stavano proprio strette.

Non gli è nemmeno passato per la testa quel saggio proverbio che dice “Chi troppo vuole, nulla stringe!”. Ha preso due “sberle” del popolo e si è un po’ ridimensionato, ma appena gli si è presentata una nuova occasione, offertagli generosamente (senza saperlo) dal prodigo leghista omonimo, si è di nuovo ringalluzzito ed è partito subito alla riconquista del sacro scranno.

Il suo partito però (il Pd) ora gli andava stretto, e il nuovo segretario (Zingaretti) non riusciva proprio a capire che quegli sprovveduti a 5 stelle, Grillo a parte, se li potevano giocare come faceva il Mangiafuoco coi suoi burattini. Anzi (detto tra noi) lui sapeva come fare per metterseli nel sacco proprio tutti, quei “pelandroni” delle istituzioni (lui non li ha mai chiamati pelandroni, ma nei suoi discorsi ha spesso irriso tutti facendo capire che solo lui sarebbe in grado di guidare il paese, ed è la stessa cosa, nda) che, se avessero dato retta a lui, ora sarebbero la a prendere (probabilmente da lui) ordini precisi, altro che incensare, o protestare, quel signor “nessuno” che ora siede su una poltrona che gli dà un potere che lui non sa e non può gestire. Ma lui sa come fare per tenerlo sulle spine e impedirgli di “gasarsi” troppo!

Questo dev’essere certamente quello che pensa, anche se non lo dice mai, ma lo si capisce bene, perché lo sta facendo. Infatti lui è un vero maestro nel dire e fare il contrario di quello che dice, o viceversa. Questa “abilità” è spiegata benissimo nello splendido articolo di Daniela Ranieri: Calembour e retorica: lo sproloquio di Renzi. Purtroppo però l’onorevole 2%, benché assoluto “mattatore” in questo ruolo, non è isolato nell’uso di queste tecniche. E lo diceva già a chiare lettere persino Travaglio nel suo editoriale Panzanavirus di quasi un anno fa

Va beh, a tenere sulle spine “l’avvocato del popolo”, effettivamente, il senatore 2% ci riesce benissimo (lui però riesce a tenere sulle spine proprio tutta l’Italia, mica solo il premier!) ma quanto al “gasarsi” appena ne ha l’occasione mi sembra che sia assolutamente senza rivali.

Proprio ieri il direttore di questo giornale nel suo editoriale si chiedeva: Perché lo fa? e rispondeva puntualmente in ben 25 punti, arricchiti peraltro dall’insieme tragicomico di tutta questa brutta faccenda, che mette in gioco un intero paese proprio nel momento di sua maggiore sofferenza causata dai lutti e dai blocchi economici dovuti alla pandemia. Non sarà che dopo aver provato riforme che hanno quasi rottamato il Pd (ed aver rottamato se stesso), ora vorrà riprovarci col serio rischio di riuscire a rottamare l’Italia intera?

Ps. Proprio mentre stavo per concludere questo scritto è arrivata su tutti i canali tv la notizia dell’assalto al Palazzo del Congresso Usa di Washington da parte di centinaia (o migliaia) di facinorosi sobillati dalle continue incitazioni alla protesta di Trump, che continua a dichiarare pubblicamente di essere stato derubato di milioni di voti, senza però poterlo provare. E’ un fatto gravissimo. Uno sfregio intollerabile alla stessa Democrazia americana. E, benché la situazione italiana sul piano della democrazia sia molto diversa e lontana dalla gravità di quanto successo stanotte a Washington, l’allarme per i sistemi democratici deve suonare forte e ovunque.

 
 
 

... l'utima roma, si spera senza barbari...

Post n°4613 pubblicato il 07 Gennaio 2021 da ninograg1
 

le immagini le avete viste: il cuore dell'impero, romano, d'occidente preso d'assalto dai sostenitori di Trump/Caligola/Nerone.

Non credo che nei ricorsi della storia nè credo che la storia si ripeta ma comunque ci sono delle assonanze cui non  ci si può non richiamarsi. Sono immagini forti e ci sono feriti e mprti ma non sono altro che il segno, oltre che dei tempi, del sistema che crolla di cui Trump altro non è che l'esecutore ultimo. Non scrivo e non prevedo il futuro ma scommetto che questo traumatico passaggio non potrà non lasciare il segno e non può non essere letto se non come scontro fra due élite che hanno visioni diverse: forse una meno ipocrita del'altra ma la base comune non cambia ossia la gestione del potere della nazione più armata e violenta del pianeta... più degli stessi paesi non democratici stessi. La maschera è stata gettata: dietro il velo, questo è ormai, della democrazia c'è una guerra delle élite che, si spera, non si allarghi all'intero pianeta visti gli scricchiolii del centro occidentale.

Gli americani hanno la possibilità unica, e rara, di cambiare strada e ricostruire un paese sulle orme dei padri fondatori e non su wall street com'è stato finora e la lezione di Trump dovrebbe essere chiara: non si può lasciare un oligarca al potere impunemente e quindi ora si che possono ricostruire il paese..... se invece di rcomincia da dove hanno lasciato gli obama allora si che trump sarà fra 4 anni il leader spendibile per i repubblicani. Non è un caso che nelle colonie i media si affannano a condannare i fatti ma talsciano le cause e le cause non sono riconducibili agli attuli inquilini ma al sistema stesso così com'è venuto in divenire dalla fine della guerra fredda in poi non solo negli usa ma ovunque in occidente: un sistema mercantilistico basato sul profitto di pochi e sulle perdite dei molti che dovranno coprirle con le proprio tasche e i propri sacrifici.

C'è quasi da sperare che tutto si riduca ai fatti di Washington, vero? C'è quasi da sperare che Biden riesca a ricucire il tessuto che decenni di liberismo e di onnipotenza mlitare americana hanno lacerato e dilaniato per ridare fiducia non solo agli americani ma a tutti noi; non vorremmo scoprire  che quanto detto da Sartori sulla democrazia sia vero: parola svuotata di qualunque significato e significante per nascondere altro e quell'altro, in parte l'abbiamo visto in questi anni (impoverimento dei ceti medi, aumento dell povertà, ecc.) da un lato e ieri, con i moti di washington, dall'altro.

p.s.

e non dimetichiamoci dei tanti colpi di stato perpetrati dagli americani verso popoli altrettanto democratici come in cile, argentina ecc. ecc. per tacere da noi l'ingerenza negli anni di piombo e la conventio ad excludendum.. come sempre conoscere la storia è fondamentale!!!!!

il sistema americano non è un sistema ad elezione diretta del capo dello stato e quindi tecnicamente non è democratico ma a censo: ci si iscrive per vitare, ha più del liberale puro cosa non sempre assimilabile alla democrazia

 
 
 

Brexit, da gennaio 2021 si dovrà trovare il modo di gestire il futuro dell’Europa. Con o senza accordo

Post n°4612 pubblicato il 21 Dicembre 2020 da ninograg1
 

Fonte: Il Fatto Quotidiano Zonaeuro - 20 Dicembre 2020 Loretta Napoleoni

 

Fino all’ultimo momento non sapremo cosa succede con la Brexit, ed anche dopo il 31 dicembre non c’è nessuna certezza riguardo a come si svilupperanno i rapporti tra Regno Unito ed Europa Unita. Premesso che una nazione sovrana in quanto tale può cambiare idea su tutto – è infatti un suo diritto e a riprova c’è la stessa Brexit – qualsiasi accordo stipulato oggi e che in futuro verrà reputato dannoso per il Regno Unito o per la stessa Unione Europea potrà essere invalidato. Certo bisognerà fare i conti con le conseguenze di tali decisioni, e qui Brexit docet!

È così per tutti gli accordi internazionali. La storia ci insegna che le alleanze si formano e si sciolgono nel tempo. A volte questo succede di comune accordo, altre volte anche all’insaputa del partner. Il tira e molla infinito tra Londra e Bruxelles appare motivato da risentimenti personali più che da motivi politici: la prima non vuol dare a vedere che sta cedendo di fronte alle richieste dell’altra e Bruxelles vuole dare una lezione a Boris Johnson che serva da monito per chiunque pensi di seguire il suo esempio. Il risultato è pessimo dal momento che mette a nudo meschinità e piccolezze di entrambi.

L’Unione europea, che comanda un mercato di quasi mezzo miliardo di persone, potrebbe essere più magnanima e invece si ostina a trattare una nazione di poco più di 67 milioni di abitanti come una seria minaccia. Certo nel settore dei servizi finanziari Londra è sempre stata all’avanguardia, ma se è vero che il Regno Unito può rappresentare una minaccia per il mercato unico allora la teoria che l’unione fa la forza, che un mercato di quasi 500 milioni di persone è più forte di uno di 60 milioni crolla.

L’idea che Johnson trasformi Londra nella Singapore sul Tamigi e così facendo attiri i capitali europei oltre manica e che Bruxelles non possa fare nulla per evitarlo è anch’essa poco fondata. Esistono altri paradisi fiscali al mondo, anche in Europa, si pensi a Montecarlo, e l’Unione non ha stipulato con loro accordi ad hoc, ha fatto in modo che non la disturbino. Perché Londra dovrebbe far paura e Montecarlo no?

Tralasciamo la questione della pesca – l’industria ittica contribuisce per lo 0,1 per cento al Pil britannico – che naturalmente non può da sola impedire un accordo commerciale e contriamoci invece sui danni veri, quelli già esistenti. Dopo anni di negoziazioni né il Regno Unito e né l’Unione europea hanno prodotto, se non leggi, almeno procedure da seguire per quanto riguarda i movimenti di merci e di persone dal primo gennaio del 2021. A due settimane dall’uscita dall’Ue i due partner non hanno un protocollo per l’ingresso o l’uscita dal loro territorio. Con o senza accordo a gennaio avremo il caos alle frontiere e a rimetterci, almeno nel breve periodo sarà principalmente il Regno Unito.

La Gran Bretagna invia il 43 per cento delle sue esportazioni nell’Ue; Germania, Francia e Italia inviano tutte circa il 6 per cento delle loro esportazioni nel Regno Unito. La popolazione del Regno Unito è di quasi 67 milioni; quella dell’Ue è di 447 milioni. Anche senza il Regno Unito la l’Unione Europea ha un mercato unico di dimensioni paragonabili a quello degli Stati Uniti o della Cina.

Finché l’Unione europea manterrà la sua unità, i due blocchi, sebbene entrambi sovrani, non saranno mai uguali in termini di potere. Morale: vince l’Europa. Le dimensioni dei mercati, ecco ciò che dovrebbe contare in questi negoziati e quello che sicuramente conterà dopo il 31 dicembre. Questo è il motivo per cui la Gran Bretagna ha fatto una serie di dolorose concessioni negli ultimi quattro anni, in particolare accettando uno status separato per l’Irlanda del Nord, che vedrà i controlli doganali sulle merci che attraversano il Mare d’Irlanda, dividendo di fatto il Regno Unito.

A questo punto perché continuare a discutere? Il danno è fatto, e da gennaio 2021 con o senza accordo si dovrà trovare il modo di gestire il futuro dell’Europa.

 

 
 
 

Coronavirus, la disuguaglianza viaggia nella solita direzione ma ha invertito il verso

Post n°4611 pubblicato il 15 Dicembre 2020 da ninograg1
 

Fonte: Il Fatto Quotidiano Società - 15 Dicembre 2020 Renzo Rosso

Negli ultimi dieci anni, vari scenari hanno sensibilizzato il mondo sui rischi pandemici. Quello elaborato da Air Worldwide – società specializzata in modelli di catastrofi – stimava che una epidemia influenzale pericolosa come quella del 1918 avrebbe potuto produrre tra 21 e 33 milioni di vittime nel mondo. Una mortalità compresa tra 270 e 430 per centomila abitanti.

Si trattava di uno scenario affatto ragionevole, dove si teneva conto dei molti fattori di progresso che differenziano il mondo odierno da quello di cent’anni fa, giacché la mortalità della Spagnola viene stimata attorno a 2.500 per centomila, a scala globale. E i dati della John Hopkins University indicano come il mondo sia fortunatamente lontano da questo scenario, poiché le attuali vittime sono circa 1,6 milioni, circa 20 ogni centomila abitanti.

Il modello indicava anche i luoghi dove con maggiore probabilità si sarebbe accesa la miccia: Cina, India e Indocina; assieme ad alcuni spot africani, prossimi alle sorgenti del Nilo. E, al momento, la genesi sembra confermata.

La distribuzione geografica dell’impatto, tuttavia, sovverte completamente quanto atteso. A 13 mesi da inizio pandemia, lo scenario di Air-Worldwide prefigurava – per la Cina e la maggior parte dei paesi dell’Africa centrale e del Centro America – tra 50 e 100 vittime ogni centomila abitanti. Invece, il conto da pagare è stato, finora, dieci volte meno caro.

 

Non così per i paesi dell’occidente progredito dove – sullo stesso orizzonte temporale – si prevedevano meno di 25 vittime per centomila abitanti; e meno di 50 a fine pandemia. Che cosa accade, invece? Gli Stati Uniti, con 91 vittime per centomila abitanti, moltiplicano per quattro questo scenario, così come l’Italia, che ha superato quota 100 e, a meno di un anno dall’inizio del disastro, si avvicina a quota 110.

Al contrario, l’India resta a quota 11; i paesi africani, pur colpiti, mantengono una mortalità assai contenuta; e in estremo oriente – comunista e non – la mortalità rimane tuttora uno o due ordini di grandezza inferiore a quella occidentale. Scendendo di scala, il Belgio – faro dell’Unione Europea – traguarda quota 160.

Per spiegare il fenomeno, la metafora usata da due ricercatori della Banca Mondiale, Schellekens e Sourrouille, è abbastanza convincente. Come un missile a infrarossi – un’arma inesorabilmente guidata sull’obiettivo dal calore emesso dal bersaglio stesso – Covid-19 accelera verso i bersagli più vulnerabili della società affluente. Gli anziani.

La metafora varrebbe non solo per i soggetti più vulnerabili nel mondo ricco, giacché gli individui più vulnerabili nel resto del mondo non sono più immuni dei ricchi. Tuttavia, nonostante l’ampia diffusione del virus, la mortalità rimane altamente concentrata nei paesi ad alto reddito. I paesi poco sviluppati rappresentano circa l’85 percento della popolazione mondiale, ma piangono meno del 20 percento delle vittime della pandemia.

L’inesorabile bersaglio dell’Angelo Sterminatore – greve ma solenne allegoria di un comico genovese – si riproduce tal quale anche a scala regionale. La Lombardia, con le stesse dimensioni del Belgio, traguarda 240 vittime per centomila abitanti. Tra le aree metropolitane che contano, è quella più fragile: tre volte più letale della Grande Londra e dell’Ile de France parigina, il 30 per cento più dello Stato di New York. La Calabria, per contro, è ferma a 21 vittime ogni centomila abitanti, dieci volte di meno rispetto alla Lombardia: il Pil pro-capite è un terzo di quello lombardo, il reddito per abitante meno della metà di quello di un cittadino del Nord-Ovest, la sanità ostentatamente malmessa.

L’insolita disuguaglianza viaggia nella solita direzione, ma ha invertito il verso. Il mondo è soggetto a due diverse pandemie? L’eccessiva inclinazione dei modelli di scenario a riprodurre le peculiarità dei paesi ricchi non va d’accordo con la demografia. Le simulazioni di infettività e mortalità suggeriscono che la quota dei paesi in via di sviluppo potrebbe anche aumentare anche di un fattore tre (dal 20 a più del 60 percento). Fattori ambientali e specifici influenzeranno questi risultati ma è improbabile che li ribaltino. La qualità dei dati ha certamente un ruolo nello spiegare questa “eccessiva disuguaglianza” e, senza dubbio, la pandemia deve ancora fare tutto il suo corso attraverso le distribuzioni per età del mondo. Ma, più si va avanti, più l’apparente anomalia storica del disastro si conferma.

Forse è troppo presto per le spiegazioni. Fioccano le ipotesi di lavoro: ambiente, inquinamento, stile di vita, latitudine, assieme a proporzione di anziani, apporto calorico e diffusione del diabete. Ma sono soprattutto le impressioni epidermiche, senza fondamento scientifico, a occupare militarmente social e media. Dove, talvolta, si oltrepassa il confine dell’assurdo.

Nella trasmissione radiofonica serale di un canale privato a diffusione nazionale, l’illustre ospite ha recentemente sentenziato che “i meridionali resistono di più al coronavirus perché sono africani bianchi: è una questione genetica”.

Non ricordo chi sia, ma è stato presentato quale personaggio istituzionale in servizio permanente effettivo, non come tifoso di una frangia demenziale dell’ultra-tifo calcistico. A cui, forse per mancanza di tempo o per svista culturale, mancava solo l’accenno alle teorie lombrosiane.

A loro volta, i paesi ricchi si stanno accaparrando l’intera produzione di vaccino dei prossimi due anni. Come scrive il Sunday Times: “La maggior parte dei poveri del mondo affronterà il coronavirus senza un vaccino perché i paesi ricchi stanno accumulando dosi sufficienti per immunizzare le loro popolazioni tre volte”. Questa prepotenza basterà a invertire l’impatto dell’Angelo Sterminatore, del tutto improvviso e imprevedibile per le classi dirigenti dell’occidente e per la fazione più edonistica di quelle società?

 

 
 
 

Il Mes e la riforma che non serve a niente. Jaques Delors Centre: “Il fondo dev’essere completamente ripensato”

Post n°4610 pubblicato il 06 Dicembre 2020 da ninograg1
 

fonte: Il Fatto Quotidiano  | 26 Novembre 2020

 

Così com’è oggi il Meccanismo europeo di stabilità (Mes o Esm in inglese) non serve più a niente, o quasi. E’ una verità che l’emergenza Covid-19 ha reso evidente. Il problema è che la riforma che gli stati europei si apprestano a varare e che sta generando aspre tensioni politiche all’interno della maggioranza di governo, cambia poco le cose, anzi forse persino le peggiora. E’ una riforma che è stata pensata, ed era già pronta, prima dello scoppio della pandemia e che oggi risulta quindi vecchia ancora prima di vedere la luce. Il mondo è cambiato e lo ha fatto persino la farraginosa Unione europea. Ha creato il Recovery fund, strumento che, per la prima volta, prevede una parziale condivisione dell’onere del debito tra gli stati membri. Bruxelles ha testato, con successo, strumenti come il Sure (Support to mitigate unemployment risks in an emergency), per reperire sul mercato il denaro per finanziare misure a sostegno del lavoro, come la cassa integrazione, nei paesi membri. Un successo.

In entrambi i casi tutto passa attraverso la Commissione Ue e quindi, in qualche misura, sotto lo scrutinio del parlamento Europeo. Una differenza fondamentale rispetto al Mes che è un’entità giuridicamente esterna alla struttura dell’Unione, giustificando così la percezione dei paesi membri di avere a che fare un soggetto “terzo”. E’ questo assetto, più che i termini contrattuali con cui vengono erogati i prestiti, che implicitamente rimanda all’idea di condizionalità. Chi riceve i finanziamenti si trova, in ogni caso, debitore di un creditore che ha regole diverse e fuori da qualsiasi possibilità di scrutinio. Paradossale visto che a garantire la capacità del Mes di ripagare i prestiti che contrae sui mercati sono, alla fine, gli stessi stati europei.

Il piccolo Fmi all’europea – Non è un caso che sia così. Quando è stato creato nel 2012, per evitare il ripetersi di un crisi dei debiti sovrani, il Mes è stato concepito e voluto esattamente in questo modo. Se c’è da prestare soldi a qualcuno Germania e satelliti non si fidano né degli altri stati né della Commissione Ue. Meglio che ad aiutare chi è in crisi sia un piccolo “Fondo monetario internazionale all’europea” che non faccia sconti e che non li possa fare. Di fatto però il Mes non ha mai svolto questa funzione. E’ stato coinvolto nel sostegno finanziario a Spagna e soprattutto Grecia. A Madrid sono stati prestati 40 miliardi di euro, in cambio sono state pretese riforme, compresa quella del mercato del lavoro con licenziamenti più facili e maggiore flessibilità. Quello che è successo ad Atene è tristemente noto. Nessuno, naturalmente, ha un buon ricordo di questi interventi, nessuno ha mai più suonato al campanello del Mes. I suoi soldi sono diventati politicamente “tossici”. Il famigerato stigma riguarda al fine più il fondo in sé che gli stati che vi ricorrono. Durante la pandemia l’idea è stata quella di dirottare il denaro a disposizione del Mes per erogare prestiti destinati ad interventi tesi a migliorare i sistemi sanitari. Questi finanziamenti verrebbero erogati senza condizionalità, ossia non vengono chieste in cambio riforme o interventi di politica fiscale, e a tassi di interesse che, per alcuni paesi risultano vantaggiosi rispetto ai prestiti contratti direttamente sui mercati emettendo titoli di Stato. Per un paese come l’Italia il risparmio sarebbe tra i 200 e i 300 milioni di euro l’anno, su una spesa per interessi complessiva di circa 60 miliardi. Una convenienza troppo modesta per vincere i timori con cui, legittimamente, gli stati europei guardano al Mes.

Un fondo costruito sulla sfiducia – Così, le risorse di cui il Mes dispone rimangono lì, inutilizzate e quindi, fondamentalmente, sprecate. Nessuno ha fatto ricorso ai prestiti destinati all’emergenza sanitarie. Come nota il vicedirettore del Jacques Delors Centre, Lucas Guttenberg, il Mes si basa sulla sfiducia tra i paesi europei. Al contrario Recovery fund e Sure sull’approccio opposto. Così come è oggi il Mes, e come sarà dopo la riforma, può avere una qualche utilità solamente in situazioni davvero pessime. Quando il disastro finanziario è così vicino da indurre uno Stato a mettere da parte la sua legittima ritrosia a ricorrere all'”aiuto” del fondo. In pratica, scrive Guttenberg, il Mes verrebbe usato solo quando ormai è già troppo tardi. La soluzione? “Riportare a casa” il fondo, sotto il controllo della Commissione Ue e all’interno di una cornice giuridica Ue.

Una riforma priva di sostanza – Niente di tutto questo è previsto nella riforma che ci si avvia ad approvare. In sostanza le novità sono due. Il Mes potrà essere usato anche come fondo per le risoluzioni bancarie. In sostanza per salvare banche che stanno per fallire o, almeno, attutirne la caduta. E poi l’aspetto politicamente più delicato: il finanziamento agli Stati in difficoltà. L’erogazione dei soldi sarebbe preceduta da una analisi della sostenibilità del debito. In caso di esito negativo si potrebbe arrivare alla ristrutturazione del debito, in sostanza al default. Secondo i critici della riforma questa decisione finirebbe per essere attribuita al fondo, strappando il timone dalle mani dei singoli stati. Anche perché l’introduzione delle cosiddette Cac (clausole di azione collettive), che permettono un voto unico per tutti i creditori del paese e non più voti diversi per ogni tipo di titoli di Stato, agevolerebbe la procedura di ristrutturazione. Contestare la riforma adesso serve comunque a poco, gran parte delle novità erano già state votate, anche dall’Italia, ed entreranno in ogni caso in vigore. Il veto posto dall’Italia prima pandemia ha comportato solo un allungamento dei tempi.

@maurodelcorno

 

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

maresogno67elyravil_tempo_che_verrajigendaisukeninograg1ormaliberaITALIANOinATTESAzebmakeycassetta2QuartoProvvisoriodaunfiorealberto.gambinericherrypinkliffceangi2010
 

I MIEI BLOG AMICI

- The BoNny
- piazza alimonda
- considerazioni
- Giovani e politica
- vivazapatero
- montagneverdi...
- melodie dell'anima
- bruno14
- *Serendipity*
- Di tutto, di piu'
- Ali Rosse...
- La dea Artemide
- ora ci penso..
- solo per satira; ogni tanto guardo e nn c'era il tuo profilo....
- sterminatore1986
- ossevatorio politico
- blog dedicato ai fumetti: wow!
- neverinmyname
- SOLI CONTRO LA MAFIA
- Gira e Rigira
- Prodi vs SilvioB 3-0
- (RiGiTaN's)
- Job interview
- l'edicolante
- ricambio generazione
- BLOGPENSANTE
- Geopoliticando
- Frammenti di...
- EARTH VIRTU'
- Reticolistorici
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Lapiazzarossa
- Il mondo di Valendì
- Italia democratica
- piazza carlo giuliani
- In Equilibrio..
- PENSIERI IN LIBERTA
- MOSCONISMO
- GIORNALE WOLF
- ETICA & MEDIA
- siderurgika
- Il mondo per come va
- lecosistema...
- MONDO NOSTRUM
- IlMioFavolosoMondo
- *STAGIONI*
- LA VOCE DI KAYFA
- NO-global
- hunkapi
- Writer
- alba di nina ciminelli
- imbrogli i
- ippogrillo
- PENSIERO LIBERO
- Perle ai Porci
- ROBIN HOOD
- Un blog demo_cratico
- Aderisci al P.G.M.I.
- rinnegata
- RESPIRA PIANO
- Anima
- Cose non dette
- PersoneSpeciali
- diario di un canile
- Sassolininellascarpa
- disincanto.....
- Dolci note...!
- STAIRWAY- TO- HEAVEN
- vivere è bello
- bijoux
- mecbethe
- my goooddd....
- ...riflettendo.
- BOBO E ZARA
- la Stella di Perseo
- forever young
- ECCHIME
- Regno Intollerante
- io solo io
- MONICA
- coMizia
- Femminilita
- @Ascoltando il Mare@
- nel tempo...
- Non vinceranno!
- Doppio Gioco
- cigarettes & Coffee
- MOONCHILD
- Avanguardia
- Il Diavolo in Corpo
- Angolo Pensatoio
- Assenza di gravità
- cera una volta
- DI TUTTO E DI PIU
- ORMALIBERA
- FATAMATTA_2008
- TUTTOENIENTE
- ZELDA.57
- Triballadores
- club dei cartoni
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

NON LASCIAMOCISOLI & CHE

O siamo Capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, O DOBBIAMO lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza,perchè questo blocca il libero Sviluppo dell'intelligenza "
Ernesto Che Guevara
  

XXI secolo?

↑ Grab questo Headline Animator

 

IDEOGRAMMA DI PACE; EMERGENCY

GRILLO

  No TAV