Darass&Dalndan

narrativa&poesia_umorismo leggero

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« Faustinomeine liebe blumchen »

Faustino

Post n°32 pubblicato il 08 Maggio 2008 da polilitio
 

§

Faustino e la spina Era quasi l’ora del tramonto. Pareva che avessero rubato il Sole ... Aton degli Egizi, Phoebo dei Greci, Elio di Phaeton pilota del carro solare ed il suo emulo non guardavano in basso ... chissà perché ... Dietro una grossa nuvola indugiavano, prosopopee, impersonificazioni dell' Astro di cui si indovinava la rossa sagoma arancione ... un vasto alone amaranto, magenta ... Il cielo era stato sereno per quasi tutto il giorno, ma adesso nuvole enormi stavano ammassandosi a oriente, spinte da un forte scirocco umido e carico di sabbia del deserto. Si preparava un forte temporale. La città si preparava alla sera ed alle ore della notte. Sembrava una giornata ordinaria, d’una primavera tiepida e piena di rondini. La gente si era riversata nelle strade, prima ... per ascoltare un Giovane arrivato sul dorso di un'Asina elegante bianca e turchina ... con una dozzina di altri compagni ... ma adesso tornava alle attività consuete. Succedeva così quando c’era una esecuzione sulla collina sopra la Città ...

§§

 §

Un gruppo di persone, una donna giovane e qualche altro parente, forse, guardavano in su intorno al condannato.

Gemeva e aveva sete. Era legato e inchiodato a due pali di legno.

Ad un tratto alzò la testa. In quel dolore grande, in quel bruciore che contrassegna l e ore dopo un grande disinganno, in quel fastidio fisico per le frustate e l’umiliazione, una cosa più d’ogni altra lo torturava.

§§

§

Sulla fronte, che tante volte la mamma gli aveva accarezzato e che lui stesso aveva asciugato dal sudore, d’estate, sentiva qualcosa che più d’ogni altra lo pungeva.

Una corona di spine gli circondava i capelli lunghi e castani, ramati.

Una spina gli trafiggeva la fronte, accanto alla tempia destra.

E aveva sete.

§§

§

Tanta sete, e chissà perché.

A volte si ha sete e fame solo perché si aspetta che qualcuno venga a darci qualcosa.

A parlarci. Chinò il capo.

Aspettava una fine che aveva previsto.

Il suo lavoro stava per culminare.

§

Quando, mentre guardava in basso i soldati giocare a dadi e qualcun altro disperarsi per lui, vide con la parte superiore dell’occhio qualcosa muoversi sopra la fronte.

Un passero si era fermato leggerissimo sopra la corona di spine. Sorrise, il dannato.

§

Ad un tratto il volatile afferrò con il becco la spina che tormentava più d’ogni altra cosa il giovane l egato alla croce e cominciò a tirare, finché il legno si staccò dalla pelle ed una goccia di sangue gli colorò il petto…

“Faustino … ti chiami Faustino …”

“Si…”

... cinguettò il passerotto …

“Da oggi sarai un pettirosso, in ricordo di me…”

§

“Si… ma ci rivedremo …”

“Certo … tu potrai vedermi sempre, Fausto …”

§§

§

In quel momento il giovane non si sentì più abbandonato da nessuno e si riconciliò con il Padre. Gridò.

Scoppiò un tuono, preceduto da un bagliore e la donna sotto la croce gridò il suo nome …

§§

§

Poi si sentì il frullare delle ali del pettirosso che accompagnava il giovane nel Suo Regno.

§

_________________

* * ... non guerra vogliamo ma Pace ... noi siamo i Bronzi di Rjace ... le foglie del nespolo GldJ Sintagma Argos

http://blog.libero.it/Kwandargos/ 

* rocco55

Ippo Noob Registrato: 27/03/08 18:15 Messaggi: 23 Inviato: Sab Mag 03, 2008 22:07 Oggetto: -------------------------------------------------------------------------------- Bella delicata e fantasiosa , un pò ammiccante ; originale , chiara nelle immagini , intensa nell'espressioni. grazie! per l'impegno profuso rocco55 

eskaton Ippo Noob Registrato: 01/03/08 21:49 Messaggi: 52 Inviato: Gio Mag 08, 2008 9:10 Oggetto:

Risposta a Rocco

---------------------

* ** Caelm stellatum novembre

Così nelle notti d’inverno

s’alza il gigantesco Orione

verso le Pleiadi

(i germani migrano a Novembre)

tu Betelgeuse Alpha di Orione

Splendi lucidissima

(l’anatra guida la freccia pennuta)

tu, Antares, tu che sorridi lontana (scamperemo ai massacri dell’estate)

tu, soave Deneb, Alpha del Cigno

viaggi oltre la luce di seicento anni

(non cade più nel barattolo dello zucchero)

più vicine la lucente Altair e la fulgida Vega

(ci vediamo alla Madonna del Fuoco)

e tu piccolo Sole così abbagliante e vicino adesso lasci vedere assente australe

le Grandi Sorelle lontane ** *

_________________ * *

... non guerra vogliamo ma Pace ... noi siamo i Bronzi di Rjace ... le foglie del nespolo GldJ Sintagma Argos

http://blog.libero.it/Kwandargos/

&

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Kwandargos/trackback.php?msg=4652727

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: polilitio
Data di creazione: 12/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cra12cuore.802desap.libfernanda.orfeielucchese2011polilitioiunco1900vaudreytitilinawColombina2002giusipi2007genndiacovoBovajanod_RSAnimeMagiche
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom